La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lo sport a Roma Introduzione La cultura sportiva Romana esaltava la competizione fisica. Le competizioni sportive venivano indicate col termine ludi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lo sport a Roma Introduzione La cultura sportiva Romana esaltava la competizione fisica. Le competizioni sportive venivano indicate col termine ludi."— Transcript della presentazione:

1

2 Lo sport a Roma

3 Introduzione La cultura sportiva Romana esaltava la competizione fisica. Le competizioni sportive venivano indicate col termine ludi ed erano inizialmente inserite a contorno di celebrazioni religiose. A Roma i giochi praticati comprendevano anche le specialità olimpiche greche, tra queste, il pubblico romano preferiva però le discipline più violente tipo il pugilato e la lotta. La violenza predominante nelle competizioni sportive dell antica Roma si riscontra in seguito nel popolare successo che ebbero i combattimenti tra i gladiatori. Da qui si può intuire il perché in molte città dellimpero vennero costruiti grandi anfiteatri, per ospitare il sempre più numeroso pubblico, il più famoso di tutti il Colosseo.

4 Sport romano e greco: differenze Sport Romano 1.Solo inizialmente lo sport era inserito a contorno di manifestazioni religiose 2.Lo sport esaltava la competizione e lostilità 3.Lo sport rappresentava un grande mezzo di propaganda 4.Lo sport era anche considerato allenante per il combattimento 5.I romani preferivano gli sport pesanti e violenti. Sport Greco 1.Lo sport ha sempre mantenuto l aspetto religioso di consacrazione agli dei 2.Durante le Olimpiadi veniva indetta la tregua olimpica e si evitavano ostilità tra i partecipanti 3.Lo sport non è mai stato utilizzato dalla politica come mezzo di propaganda 4.Lo sport non è mai stato considerato come un allenamento al combattimento 5.I Greci preferivano gli sport leggeri

5 Corsa Si correva la distanza di uno stadio (circa 600 piedi) o un doppio stadio. Si correva anche la corsa con armature. Gli atleti correvano nudi o con pantaloncini.

6 Lancio del disco Specialità praticata anche da egizi e greci. Il disco poteva avere peso e dimensione variabile, spesso con un foro nel mezzo per facilitare la presa.

7 CERTAMINA QUINQUIERTUM Il pentatlon romano, univa 5 sport: la corsa, il salto, il lancio del disco, la lotta, il pugilato

8 SPORT VIOLENTI

9 Pugilato Sport tramandato dai Re Etruschi se ne attesta la presenza sin dal VII secoloPotevano scontrarsi anche pugili di peso differente. Non cerano round o momenti di pausa. In generale rispetto al pugilato praticato in Grecia era molto meno regolamentato. I pugili combattevano a mani nude, o stringendo pezzi di pietra o metallo o racchiudendo la mano in cesti che rendevano ancora più letale il colpo.

10 Pancrazio Sport già praticato dai greci. Combattimento nel quale è consentito qualsiasi colpo eccetto le dita negli occhi e nelle orecchie e che terminava solo nel momento in cui un lottatore si dichiarava vinto o crollava a terra.

11 Lotta Si disputavano incontri sia in piedi (obiettivo schienare lavversario) che per terra (molto violento). Considerata unattività propedeutica alla guerra in quanto sviluppa i riflessi.

12 ARPASTRO Lantenato del calcio. Gioco ad alto tasso di violenza spesso nascevano risse e tafferugli nel tentativo di ottenere il possesso della palla. Praticato in apposite aree nelle terme o per le strade. Bisognava portare la palla al di là di una meta

13 LUDUS TROIANUS Simulazione di un combattimento, attività riservata ai giovani patrizi con il duplice obiettivo di celebrare ed esaltare la stirpe romana e di allenare i giovani alle armi.

14 Lo sport nella letteratura

15 Il mito di Atalanta Cresciuta sul monte Partenione fu aiutata dalla dea Artemide che le mandò un' orsa, perché la allattasse. Si dedicò alla caccia nei boschi e riportò premi nella corsa e persino nella lotta. Non voleva sposarsi sia per fedeltà ad Artemide, sia perché un oracolo le aveva rivelato che se si fosse sposata sarebbe stata trasformata in un animale. Così annunciò che avrebbe sposato solo luomo capace di vincerla nella corsa; se fosse stata lei a vincere, avrebbe ucciso il pretendente. Molti giovani avevano trovato così la morte. Finché si presentò un nuovo pretendente, Ippomene, che riuscì a vincerla con laiuto di Afrodite. La gioia fu tale che il giovane dimenticò di ringraziare la dea che lo aveva aiutato e così causò lo sdegno della dea che abbandonò al loro destino la coppia, la quale per aver profanato il tempio della dea Cibele furono da ella mutati uno in leone e laltra in leonessa. Atalanta ebbe un figlio, Partenopeo, il quale partecipò alla prima spedizione contro Tebe.

16 Clelia: un eroe di straordinaria audacia, se si considera che è una donna. Un esempio femminile di grande prestanza fisica è Clelia. Nel 507 a.C. la giovane Clelia viene consegnata a Porsenna, lucumone etrusco, quale garanzia della pace appena conclusa. Clelia organizza la fuga per sé e per alcune compagne, ma il ponte Sublicio era ancora inutilizzabile. Le ragazze allora attraversarono il Tevere sotto il tiro delle frecce nemiche e raggiungono la riva romana del fiume. Clelia, dimostrate le notevoli abilità da nuotatrice, affronta poi con determinazione le vicende successive

17 Lo sport come intrattenimento e mezzo di propaganda

18 Panem et Circenses! La frase del poeta satirico Giovenale sintetizza alla perfezione quanto fosse facile per il potere politico soggiogare il popolo utilizzando distribuzioni di cibo e lorganizzazione di giochi. Difatti i ludi erano un ottimo diversivo e lo distraevano dai problemi quotidiani. Soprattutto durante lImpero di Augusto, Caligola,Nerone e Domiziano i ludi ebbero grande importanza per accrescere la popolarità degli imperatori stessi.

19 I Ludi I Ludi rappresentavano un aspetto molto signifiativo della civiltà romana ed incisero profondamente nella vita sociale e religiosa latina. Nel corso dei Ludi venivano organizzate gare sportive, nonché piccole rappresentazioni teatrali (ludi scaenici). Questi erano connessi alle solennità religiose soprattutto alle origini della storia di Roma. Questo aspetto andò attenuandosi nel tempo, mentre diventava preponderante il ruolo politico dei ludi che diventavano uno strumento demagogico di propaganda

20 I MUNERA: I COMBATTIMENTI FRA GLADIATORI Anch essi trassero origine da riti funebri, il combattimento fu introdotto per affiancare allesigenza religiosa quella del divertimento e dello svago. La passione della folla per gli incontri di gladiatori era talmente permeante che non poteva non essere sfruttata dagli uomini politici più arrivisti. fino al 404 d.C. quando, in seguito alle pressioni dei cristiani, limperatore Onorio abolì questi spettacoli inaccettabili per la nuova morale.

21 Le venationes Consistevano nello scontro fra gladiatori e belve feroci; in alcuni casi le bestie venivano addestrate per rendere meno impari il combattimento, molto spesso però si trattava di mere esecuzioni capitali e i condannati erano costretti ad affrontare le bestie solo con le proprie mani.

22 Naumachie Le naumachie erano simulazioni di battaglie navali dove tuttavia molti uomini restavano uccisi, organizzate per la prima volta da Cesare, rimasero celebri quelle di Augusto e Claudio, tuttavia, dati gli elevati costi che comportava la loro organizzazione, rimasero un evento eccezionale.

23 Il circo e le corse con i carri A Roma gli aurighi erano ancora più famosi del gladiatori, in quanto i cittadini potevano anche scommettere. Data la complessa e vasta organizzazione delle corse, si crearono delle scuderie o factiones, ognuna caratterizzata da un colore. Ciò spinse gli spettatori a fare delle scelte e a trasformarsi in tifosi talvolta indisciplinati. Le factiones, strutturate in modo gerarchico, assunsero col tempo la caratteristica di veri e propri partiti, diventando delle organizzazioni private, la cui passione agonistica ed equestre spesso si trasformava anche in ambizione politica.

24 Arena & Quando si svolgevano i ludi la città tendeva a rimanere deserta tanto che venivano schierate pattuglie di soldati allo scopo di evitare furti e rapine. I ludi circensi rappresentavano anche unoccasione per dibattiti pubblici, arringhe, proteste e manifestazioni. Sebbene gli imperatori in alcune occasioni avessero subito il volere della folla molto più spesso furono loro stessi, a pilotare abilmente il pubblico a fini propagandistici. Quando al circo o nelle arene entravano alte cariche, senatori, personaggi politici e confidenti, il pubblico li accoglieva con applausi e grida di giubilo o di disprezzo, consentendo allimperatore di comprendere quale era la loro popolarità. Potere

25 Riflessione: Politica e Sport In conclusione è sorprendente notare quanti siano gli elementi di continuità presenti nel rapporto intrinseco fra la politica e i munera e le corse con i carri nellantica Roma e fra la politica e lo sport moderno nellultimo secolo. Le dinamiche fra imperatore e popolo, seppur con maschere differenti, emergono in maniera evidente in quei regimi autoritari e totalitari che usavano e usano lo sport per fini propagandistici ma sono visibili, anche se in modo più sottile, ogni domenica nei nostri stadi di calcio.

26 Realizzato da: Alessandro Lucia Federico Gattaceca Federico Spedicato Giulio Sereno Niccolò Amelii


Scaricare ppt "Lo sport a Roma Introduzione La cultura sportiva Romana esaltava la competizione fisica. Le competizioni sportive venivano indicate col termine ludi."

Presentazioni simili


Annunci Google