La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Presentazione powerpoint: J. Jill Rito ottobre 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Presentazione powerpoint: J. Jill Rito ottobre 2010."— Transcript della presentazione:

1 Presentazione powerpoint: J. Jill Rito ottobre 2010

2  E’ nata a Chiaravalle, Marche, Italia nel 1870  Ha studiato prima ingegneria, poi medicina  Si e’ interessata a metodi di educare i bambini con difficolta’d’apprendimento.  Nel 1896 e’ diventata la prima donna in Italia, a laurearsi in medicina

3  Ha lavorato con bambini svantaggiati in un quartiere povero di Roma  Ha organizzato dei centri per bambini di genitori della classe operaia  E’ riuscita a stimolare i bambini “disabili e svantaggiati” di 3,4,5 anni a leggere e scrivere  Credeva nel rispetto per tutti i bambini con un ambiente adatto, spazio adequato per concentrazione e scelta

4  Indipendenza  Osservazione  Seguire il bambino  Correggere il bambino  Preparare l’ambiente  Lasciare che la mente assorba

5  lavorare per almeno tre ore al giorno senza interruzione  imparare da altri bambini del suo gruppo  essere in contatto con l’ambiente; usare i propri sensi  imparare ad essere consapevole degli altri

6  Essere cooperativa invece di competitiva  Nutrire la curiosita’; creare la gioia e la compassione verso gli altri  Dare equilibrio ad un premio intrinsico nella padronanza della materia;  Superare gli ostacoli e trovare le risposte da se, dovrebbero essere considerati tanto importanti quanto i voti o le minacce di fallimento.

7  Esplorare  Muoversi  Condividere con un gruppo  Essere indipendente  Fare decisioni  Creare ordine  Sviluppare autocontrollo  Astrarre idee dall’esperienza  Sviluppare la fantasia  Lavorare seriamente  Ripetere  Concentrarsi  Perfezionare

8  Introduzione ad un concetto; una lettura, una lezione…  Sviluppo della comprensione intorno al concetto; creazione, sperimentazione, lavoro  “SAPERE” – possesso della comprensione dimostrato, superando un esame, insegnando ad altri, o esprimendosi facilmente

9  L’insegnante deve preparare e adattare l’ambiente per condurre il bambino all’apprendimento

10

11 -movimenti controllati -rispetto per l’ambiente -la necessita’ del silenzio e il controllo del movimento -a curarsi di se e - dell’ambiente -strategie per risolvere i problemi -cortesia fra individui -comunicazione senza violenza g/pdf/montessori_curriculum.pdf Dall’inizio, il bambino impara :

12 Gli studenti della classe di Psicologia del Bambino preparano una lezione da implementare quando arriveranno i bambini nel secondo semestre di scuola. Attualmente hanno progettato la lezione insieme.

13

14

15 Dopo l’arrivo dei bambini a gennaio per la scuola asilo nido, questa lezione nel metodo Montessori sara’ implementata dai nostri studenti per i bambini.

16

17 “Ho visto che il bambino, lasciato libero di lavorare, impara, diventa colto, assorbe conoscenze, e fa esperienze personali, che acquistate in questo modo, si fissano nel suo spirito, e come semi piantate in un terreno fecondo, non tarderanno a germogliare, a fare frutto.” (Maria Montessori, San Remo, 1949)

18

19 I believe the children are our future. Teach them well and let them lead the way. Show them all the beauty they possess inside. Give them a sense of pride to make it easier… The Greatest Love of All Songwriters: Creed & Masser

20 CW312MI.html ami.org/ aria.html ethod.html od.html lflm/montessori2.html ami.org/montessori/mario.htm


Scaricare ppt "Presentazione powerpoint: J. Jill Rito ottobre 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google