La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DRINKADRIA NETWORKING FOR DRINKING WATER SUPPLY IN ADRIATIC REGION TRIESTE, 19 giugno 2014 Stefano Piselli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DRINKADRIA NETWORKING FOR DRINKING WATER SUPPLY IN ADRIATIC REGION TRIESTE, 19 giugno 2014 Stefano Piselli."— Transcript della presentazione:

1 DRINKADRIA NETWORKING FOR DRINKING WATER SUPPLY IN ADRIATIC REGION TRIESTE, 19 giugno 2014 Stefano Piselli

2 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli Perché Drinkadria e Hydrokarst? Oggi appare scontata l’operazione di aprire un rubinetto e trovare un’acqua di ottima qualità ed in quantità illimitata Problemi in Italia legati alla presenza di inquinanti (solventi clorurati, Cr, As…) o scarsità d’acqua (siccità) Quale soluzione? Conoscenza del sistema e prevenzione!

3 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli Un po’ di storia…il problema quantita’!  Primi approvvigionamenti – acquedotti romani  Fonte Oppia della Val Rosandra (circa 34 a.C.)  San Giovanni di Guardiella e valle di Rozzol  1750: Maria Teresa d’Austria - Ricostruzione antico acquedotto di S. Giovanni di Guardiella (200 mc/giorno)  1850: Introduzione delle macchine a vapore - Sorgenti di Aurisina  1929: costruito l’acquedotto Giovanni Randaccio, utilizzando le sorgenti del Sardos

4 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli

5 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli 1970: utilizzo acque del Timavo 1984: sorgenti di Sablici e di Moschenizze 1994: messo in servizio dell’acquedotto dell’Isonzo - da allora alimenta per circa l’80% l’acquedotto triestino Acque di qualità differenti!

6 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli

7

8 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli Caratterizzazione delle acque Carsiche  Inizi 1900: Timeus - traccianti chimici versati nel Vipacco, vennero ritrovati nei laghi Pietrarossa e Doberdò e, successivamente, nelle risorgive del Timavo Gemiti (1994): le caratteristiche chimico-fisiche delle acque del Carso comprese tra il fiume Isonzo ed il Timavo sono abbastanza simili, con una circolazione che da nord si dirige verso sud-est A three-way principal factor analysis for assessing the time variability of freshwaters related to a municipal water supply – Chemometrics and Int. Lab. Systems 62 (2002) – Barbieri, Adami, Piselli, Gemiti, Reisenhofer

9 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli Criticità delle acque delle risorgive carsiche: VULNERABILITA’ Timavo: non ancora noti con precisione estensione e percorso Nel passato due episodi di sversamento da idrocarburi Fino agli anni ‘90 condizioni non buone delle acque del Timavo: elevato contenuto di sostanza organiche e di potassio con difficoltà nel trattamento delle acque Rischio inquinamento sorgenti Sablici e MN per la vicinanza dell’autostrada e della ferrovia

10 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli

11 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli ACQUE DI FALDA E DI RISORGIVA Acque carsiche:  minore protezione  non utilizzabili direttamente - filtrazione su filtri a sabbia e disinfezione Acque sotterranee:  maggiore purezza  migliore qualità  più protette da contaminazione: azione filtrante naturale

12 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli

13 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli

14 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli Conoscenza dell’acquifero! In corrispondenza della Linea Nord, fino a -140 m, alimentazione quasi esclusiva dalle perdite di subalveo dell’Isonzo I tempi di permanenza nel sottosuolo aumentano con la profondità: inferiori all’anno nella falda freatica e maggiori di 10 anni per le falde più profonde A maggiori profondità acque più mineralizzate con bacino di alimentazione con quota di m In corrispondenza della Linea Sud circolazione idrica più complessa con presenza di acque provenienti dalla destra Isonzo

15 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli

16 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli  2010: conclusione delle opere del IX Lotto Acquedotto dell’Isonzo relative agli allestimenti impiantistici delle nuove stazioni di sollevamento del Pozzo 16  2011: distribuzione di acqua potabile per la città di Monfalcone  2011: installazione di nuovi strumenti di misura per il monitoraggio in continuo delle acque superficiali Sardos e Timavo

17 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli Progetti di ricerca: riserve idriche in comune tra Italia e Slovenia Per lo studio delle acque carsiche: PROGETTO HYDROKARST “L’acquifero del Carso quale risorsa idrica strategica transfrontaliera” Per lo studio delle acque isontine: PROGETTO DRINKADRIA “Networking for Drinking Water Supply in Adriatic Region”

18 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli PROGETTO DRINKADRIA Obiettivi dello studio sulle acque isontine Conferma alta qualità acque nelle diverse falde artesiane Elaborazione statistica dell’andamento storico dei livelli delle falde e possibili scenari futuri Correlazioni ricarica falde con mutamenti climatici e precipitazioni Vulnerabilità delle falde e localizzazione siti critici Conferma dei tempi di permanenza delle acque nel sottosuolo (datazione 14 C) Verifica assenza gas radon nelle acque profonde

19 La gestione degli acquiferi Trieste – dott. Stefano Piselli


Scaricare ppt "DRINKADRIA NETWORKING FOR DRINKING WATER SUPPLY IN ADRIATIC REGION TRIESTE, 19 giugno 2014 Stefano Piselli."

Presentazioni simili


Annunci Google