La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PERSONA E INDIVIDUO Il concetto di bene comune oggi LUMSA Prof.: Gianni Fusco.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PERSONA E INDIVIDUO Il concetto di bene comune oggi LUMSA Prof.: Gianni Fusco."— Transcript della presentazione:

1 PERSONA E INDIVIDUO Il concetto di bene comune oggi LUMSA Prof.: Gianni Fusco

2 LA PERSONA Persona è un termine chiave nell’antropologia culturale e nella psicologia, nella giurisprudenza e nella sociologia, nella filosofia e nella teologia. Se per assurdo abolissimo persona insieme a tutti i concetti che nel corso dei secoli gli sono stati connessi… ci proibiremmo di comprendere la stessa logica profonda della storia dell’occidente. A. Milano

3 LA PERSONA Origine del termine In Grecia Pròsopon  Quello che viene visto da fuori  Il volto - la faccia – il viso dell’uomo  Solo una parte dell’essere umano, non ancora la totalità  Maschera – il volto che l’attore via via impersonificava - Personaggio Uso teatrale

4 LA PERSONA Origine del termine Nella Bibbia Pròsopon  Ciò che si vede esternamente di una cosa, di un uomo, di JHWH stesso In ambito Latino Persona  Individualità umana da contrapporre a natura singolarità individualità umanità natura umana

5 LA PERSONA Origine del termine In ambito Teologico  Sia Pròsopon che Persona vengono utilizzati nella dottrina trinitaria per indicare le tre persone in Dio (Padre – Figlio – Spirito)  Anche nelle distinzioni cristologiche sulla natura umana e divina di Gesù Greco Latino Nascono le prime controversie

6 LA PERSONA Origine del termine In ambito Teologico  è l’individuo particolare  colui che è colto nel personaggio  possiede segni distintivi ed una personalità riconoscibile (morale e civile)  appartiene ad una classe sociale  è soggetto di diritti e doveri  può godere di obblighi o essere sottomesso a degli obblighi Greco Latino In generale:

7 LA PERSONA Origine del termine In ambito Teologico  La natura è intesa come parte intrinseca  È intesa come sostanza  Non come accidente La svolta: Severino Boezio “ sostanza individuale di natura razionale ” Individua substantia rationalis naturae

8 LA PERSONA Origine del termine In ambito Teologico  Capacità di esistere autonomamente e non in altro soggetto Punti fermi LA SOSTANZIALITA’  In riferimento al principio dell’attività razionale, che è l’anima spirituale LA RAZIONALITA’  Intesa come irripetibilità L’INDIVIDUALITA’

9 LA PERSONA Origine del termine Nella tradizione cristiana classica  I termini Persona e Personalità vengono a coincidere  Al massimo Personalità potrà esprimere il principio trascendentale della Persona Sintesi:

10 In ambito moderno LA PERSONA Origine del termine Nascono le moderne scienze umane Le scienze umane nascono nel ‘700. Il loro motivo d’origine è: dobbiamo applicare alle attività dell’uomo regole e metodologie scientifiche, sull’esempio di quanto si è fatto – o si fa – per le scienze fisiche. Ancora oggi quell’ambiguo ideale scientifico incanta. Incanta quel guizzo geometrico e musicale. E proprio perché il ‘700 si è arreso a uno strano abbaglio, le scienze umane, in quanto resistano, mantengono un lato settecentesco: un’ossessione luminosa ed arcaica. E in verità le epoche sono ormai obsolete, ed è come se fossimo più avanti di noi, come se le nostre azioni non fossero più azioni dell’uomo. E’ solo da sperare che ciò che verrà sarà più in alto di noi. (M. CACCIARI)

11 LA PERSONA Origine del termine In ambito moderno  Personalità come sinonimo di Persona  Personalità come attuazione della Persona (individualità empirica) Scienze psicologiche Nascono le moderne scienze umane La Personalità costituisce la fisionomia psichica, biologica e sociale della Persona… La manifestazione della Persona nella originalità e irripetibilità delle sue caratteristiche psicologiche, biologiche, sociali, intellettuali, morali, spirituali…

12 LA PERSONA Origine del termine In ambito moderno  Impegno sociale  Interiorizzazione (intesa come approfondimento della conoscenza di sé)  Scoperta della propria vocazione trascendente  Progettualità La via pedagogica La Persona non è intesa STATICAMENTE ma DINAMICAMENTE come un continuo realizzarsi

13 LA PERSONA Origine del termine In ambito moderno La via dialogica Si sottolinea in particolare la connaturale apertura verso-fuori (nel superamento di sé)  APERTURA VERSO SE STESSA (interiorità, autoriflessione…)  APERTURA VERSO GLI ALTRI (reciprocità, intersoggettività)  APERTURA VERSO LE COSE (all’Essere in assoluto)  APERTURA VERSO L’ASSOLUTO (verso la trascendenza)

14 LA PERSONA Origine del termine In ambito moderno La via dialogica Superamento delle categorie classiche di:  SOSTANZA  SUSSISTENTE  NATURA RAZIONALE  IRRIPETIBILITA’ – INDIVIDUALITA’ Introduzione di categorie ricavabili dalla stessa esperienza umana  RECIPROCITA’  PROSSIMITA’  STORICITA’  CORPOREITA’  IMPEGNO  AZIONE  PRESENZA  VOCAZIONE RELAZIONE

15 LA PERSONA Fondamento ontologico PERSONA COME REALTA’ STRUTTURALMENTE RELAZIONALE La relazionalità come costitutivo e fondamento della persona umana COSTITUTIVO nel senso che è intrinseco all’ESSERE stesso della Persona RELAZIONE = COMUNIONE = AMORE ESSERE = AMORE

16 LA PERSONA Fondamento ontologico ESSERE E AMARE E’ a partire da questa associazione dinamica che si può delineare un’etica delle virtù sociali VIRTU’ VALORE ESSERE AMARE habitus BENE spontaneità arbitrio Realizzazione dell’essere di persona

17 LA PERSONA Fondamento ontologico “Secondo l’esperienza interiore, la persona ci appare come una presenza volta al mondo e alle altre persone (…) Le altre persone non la limitano, ma anzi le permettono di essere e di svilupparsi; essa non esiste se non in quanto diretta verso gli altri, non si conosce che attraverso gli altri, si ritrova soltanto negli altri. La prima esperienza della persona è l’esperienza della seconda persona: il “tu”, e quindi il “noi”, viene prima dell’”io”, o per lo meno l’accompagna. (…) Quando la comunicazione si allenta o si corrompe, io perdo profondamente me stesso: ogni follia è uno scacco al rapporto con gli altri: l’alter (altro) diventa alienus (estraneo, avversario) ed io, a mia volta, divento estraneo a me stesso, alienato. Si potrebbe quasi dire che io esisto soltanto nella misura in cui esisto per gli altri e, al limite, che essere significa amare.” E. Mounier

18 LA PERSONA Fondamento ontologico ESSERE = CO-ESSERE Io sono perché tu sei Io sono perché noi siamo Io sono l’amore che mi fa essere PERSONA IOTU NOI L’ALTRO

19 LA PERSONA Fondamento ontologico L’isolamento è il male ontologico dell’uomo “Che cos’è l’inferno? Io penso sia la sofferenza di non poter più amare” Dostoievskij I fratelli Karamazov “L’uomo diventerebbe pazzo, se non riuscisse a rompere l’isolamento, a unirsi agli altri uomini, al mondo esterno. Il senso di isolamento provoca l’ansia; anzi è all’origine di ogni ansia. Essere soli significa essere indifesi, incapaci di penetrare attivamente nel mondo che ci circonda; significa che il mondo può accerchiarci senza che abbiamo la possibilità di reagire” Eric Fromm L’arte d’amare

20 LA PERSONA Fondamento teologico ESSERE = VOCAZIONE = CON-VOCAZIONE ADAMO ABRAMO MOSE’ ……  “L’uomo per sua intima natura è un essere sociale, e senza i rapporti con gli altri non può vivere” (GS, 23)  Piacque a Dio di santificare e salvare gli uomini non individualmente e senza alcun legame fra loro, ma volle costituire di loro un popolo (LG, 9) L’ECCLESIALITA’

21 ADAMO  “non è bene che l’uomo sia solo” “il Signore Dio plasmò dal suolo ogni sorta di bestie selvatiche…” Non è l’abbondanza che appaga l’uomo. Né il possesso dei beni e i mezzi per raggiungerli “Carne della mia carne e osso delle mie ossa” Ora l’uomo è finalmente se stesso La via dell’AVERELa via dell’ESSERE LA PERSONA Fondamento teologico

22 ABRAMO  “Vattene dal tuo paese e dalla tua casa” Sradicamento da sé e dai suoi Una nuova dimensione  “Farò di te un grande popolo” LA PERSONA Fondamento teologico

23 Allora [...] un dottore della legge, lo interrogò per metterlo alla prova: "Maestro, qual è il più grande comandamento della legge? ". Gli rispose: " Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il più grande e il primo dei comandamenti. E il secondo è simile al primo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti". DAA Non fare all’altro quello che non vuoi sia fatto a te stesso Fai all’altro quello che desideri sia fatto a te stesso Dimensione individualeDimensione personale LA PERSONA Fondamento teologico

24 “Dio è amore; chi sta nell’amore dimora in Dio e Dio dimora in lui” (1 Gv 4, 16) LA PERSONA Fondamento teologico ESSERE = CO-ESSERE CO-ESSERE = AMORE DIO = AMORE “…facciamo l’uomo a nostra immagine” UOMO = AMORE PERSONA

25 Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sono come un bronzo che risuona o un cembalo che tintinna. E se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza, e possedessi la pienezza della fede così da trasportare le montagne, ma non avessi la carità, non sono nulla. … Queste dunque le tre cose che rimangono: la fede, la speranza e la carità; ma di tutte più grande è la carità! San Paolo LA PERSONA Fondamento etico ESSERE E’ AMARE

26 LA PERSONA Fondamento etico E’ sul piano etico che si compie il passaggio INDIVIDUOPERSONA individualitàintersoggettività IONOI L’uomo vive il CO-ESSERE come DOVER-ESSERE di amore NECESSITA’AZIONE aprirsi, disporsi, adoperarsi incontrare, comunicare, con-dividere

27 LA PERSONA Fondamento etico AMARE ESSERE PER ESSERE CON Amare è donare Amare è ricevere donarsi Modalità dell’ESSERE non dell’AVERE accogliere AMANDO, PIU’ CHE RICEVERE DALL’ALTRO, IO RICEVO L’ALTRO: LO ACCOLGO

28 LA PERSONA Fondamento etico SENZA AMORE UN UOMO O UNA SOCIETA’ POSSONO FUNZIONARE, MA NON ESISTERE (R. Garaudy) BENE COMUNE?  E’ lo scopo stesso dell’esistere  E’ la percezione che l’ALTRO (Dio, uomo, mondo) non è un oggetto, un chiunque senza volto, un elemento individuale indistinto, un concorrente o rivale, ma è presenza, il tu della com-presenza, della com-unione  E’ il terreno su cui si gioca la mia trasfigurazione da INDIVIDUO a PERSONA


Scaricare ppt "PERSONA E INDIVIDUO Il concetto di bene comune oggi LUMSA Prof.: Gianni Fusco."

Presentazioni simili


Annunci Google