La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’ape tra racconto e realtà Unità formativa per la letto-scrittura e per l’educazione alla cittadinanza attiva nella classe prima della scuola Primaria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’ape tra racconto e realtà Unità formativa per la letto-scrittura e per l’educazione alla cittadinanza attiva nella classe prima della scuola Primaria."— Transcript della presentazione:

1

2 L’ape tra racconto e realtà Unità formativa per la letto-scrittura e per l’educazione alla cittadinanza attiva nella classe prima della scuola Primaria

3 INGREDIENTI Storia di sfondo: L’ape Tea. Viaggio alla scoperta di sé e degli altri Uscita: Visita all’apiario Sviluppo dell’unità formativa: n° 2 macrosequenze di azioni Laboratori: N° 3 Schede operative: N° 5 Verifiche: N° 1

4 Descrizione dell'attività Titolo L’ape tra racconto e realtà Argomento L’Ape diventa il mediatore per l’apprendimento della lettura e della scrittura delle prime parole: si parte dall’esperienza diretta con un’uscita sul territorio “in visita all’apiario” e dall’ascolto di un racconto fantastico che ha come protagonista un’ape Obiettivi formativi Apprendere dal mondo delle api comportamenti sociali positivi: l’amicizia e l’impegno nell’assolvimento degli incarichi.

5 Descrizione dell'attività Il contesto Gruppo classe formato da 15 alunni della classe prima, 10 femmine e 5 maschi, due bambine non hanno frequentato la Scuola dell’Infanzia, un bambino presenta difficoltà attentive, comportamentali e di relazionalità con i compagni. Ideazione L’unità formativa dal titolo “L’ape tra racconto e realtà” nasce dall’esigenza di creare una situazione di apprendimento e relazionalità in un clima sereno, familiare e stimolante.

6 Descrizione dell'attività Il setting tecnologico dell'aula LIM, notebook, videoproiettore, videocamera, fotocamera, un notebook per ogni alunno. Funzione della tecnologia Di supporto, nella quotidianità, alle attività della classe per l’apprendimento della letto-scrittura, per documentare le varie esperienze, quindi poterle rivivere attraverso la visione di filmati e fotografie e l’ascolto di registrazioni. La tecnologia della LIM facilita la presentazione di figure, parole e successione di eventi.

7 Sequenza UNO Il primo giorno di scuola Bambini e genitori vengono accolti nel porticato della scuola, davanti all’ingresso principale, per un benvenuto speciale: ad ogni bambino viene consegnata l’ape che porta tra le zampine il proprio nome e che ha un posto riservato nell’alveare preparato dalle insegnanti in classe.

8 UN BENVENUTO SPECIALE AGLIALUNNI DELLA CLASSE PRIMA

9

10

11 OGNI BAMBINO, DOPO AVER POSIZIONATO L’APE IN UNA CELLA DELL’ALVEARE, ALLA LIM SCRIVE IL PROPRIO NOME. MATILDE

12 SEQUENZA 2 L’ape Tea e i suoi amici Nel prato di Millefiori, ronzava beata l’ape Tea. Tea aveva il corpo tutto ricoperto di allegre righe rosse e gialle e sulla sua testa sbucavano due antenne nere come stringhe di liquirizia. Quando volava, gli abitanti del prato subito la riconoscevano, ma, ahimè, dovevano stare attenti a spostarsi, ora di qua, ora di là, perché Tea era così veloce che non faceva mai in tempo a rallentare e, ogni volta, atterrava in picchiata addosso a qualcuno. Come quella volta che capitò su Nerone, calabrone musone, che si rovesciò a zampe per aria, tanto che ci vollero dieci formiche e tre cavallette per raddrizzarlo: Nerone ebbe il mal di schiena per una settimana! Che dire poi di quella volta che finì come una freccia addosso a Mina, la farfalla perfettina, che esclamò: – Oh, povere le mie ali appena uscite dalla sartoria! Nonostante ciò, tutti gli abitanti del prato Millefiori volevano bene a Tea perché lei era davvero buffa e giocherellona, sorrideva sempre e non era mai triste. Tea era anche una golosona perché non succhiava il nettare dei fiori ma preferiva il succo delle more e ogni volta che le trovava ne beveva a volontà, tanto che la sua pancia si gonfiava come un palloncino e lei non riusciva più a volare. Un giorno, per gioco fece assaggiare quei frutti al suo migliore amico, il bruco Leo; pazzo di gioia dopo aver gustato il delizioso succo, Leo iniziò a ballare la tarantella in coppia con Lia, la lumaca. Tea chiamò gli altri animaletti del prato e tutti si riunirono in cerchio battendo il ritmo in un allegro girotondo. Anche la formica Nina, sempre occupata a raccogliere semini e a portarli nella sua tana, non poté resistere a quella danza e incominciò a ballare dondolandosi sulla foglia di una margherita. Tea, guardando quella festa nel prato, pensò: – Che bello, avere tanti amici attorno a me!  Lettura dell’insegnante  Gli alunni ascoltano

13  L’APE TEA SI È PRESENTATA ADESSO TOCCA A TE  COMPLETA CON GIALLO ROSSO NERO

14 OGNI BAMBINO REGISTRA LA PROPRIA PRESENTAZIONE ISTRUZIONI PER L’USO  INSERISCI  AUDIO  REGISTRA AUDIO  CLICCARE SUL PULSANTINO ROSSO  A FINE REGISTRAZIONE CLICCARE SUL PULSANTINO BLU  CONFERMARE SU OK

15  TRASCINA GLI AMICI DI TEA SUL PRATO  RICORDI IL LORO NOME?

16  FA’ UN DISEGNO SULLA TUA VISITA ALL’APIARIO

17  RACCONTA OSSERVANDO LE FOTO

18 APE A P E  SCRIVI TANTE VOLTE LA PAROLA APE  VERBALIZZA L’IMMAGINE CON UNA FRASE

19 TEA T E A  SCRIVI TANTE VOLTE LA PAROLA TEA  VERBALIZZA L’IMMAGINE CON UNA FRASE

20 L E O  SCRIVI TANTE VOLTE LA PAROLA LEO  VERBALIZZA L’IMMAGINE CON UNA FRASE LEO


Scaricare ppt "L’ape tra racconto e realtà Unità formativa per la letto-scrittura e per l’educazione alla cittadinanza attiva nella classe prima della scuola Primaria."

Presentazioni simili


Annunci Google