La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Index per l’Inclusione Prof. Giancarlo Gula. Che cos’è? È uno strumento che raccoglie materiali e metodologie che consentono ad alunni, docenti, genitori.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Index per l’Inclusione Prof. Giancarlo Gula. Che cos’è? È uno strumento che raccoglie materiali e metodologie che consentono ad alunni, docenti, genitori."— Transcript della presentazione:

1 Index per l’Inclusione Prof. Giancarlo Gula

2 Che cos’è? È uno strumento che raccoglie materiali e metodologie che consentono ad alunni, docenti, genitori e dirigenti di valutare l’inclusione nella propria comunità scolastica e di progettare azioni che la rendano un ambiente sempre più inclusivo Nasce nel 2001 in Inghilterra, dalla ricerca condotta da Tony Booth e Mel Ainscow Dal 2008 esiste una versione italiana dell’Index, che nel frattempo è stata tradotta in oltre 30 lingue in tutto il mondo

3 I contenuti dell’Index L’Index si compone di quattro elementi: 1. Concetti chiave Per favorire la riflessione sullo sviluppo inclusivo della scuola. 2. Cornice di analisi/quadro di riferimento: dimensioni e sezioni Per organizzare l’approccio alla valutazione e allo sviluppo della scuola. 3. Materiali di analisi: indicatori e domande Per permettere un’analisi dettagliata di tutti gli aspetti della scuola, e aiutare a identificare e realizzare le priorità per il cambiamento. 4. Un processo inclusivo Per assicurare che i processi di analisi, progettazione e realizzazione dei progetti siano a loro volta inclusivi.

4 1. I concetti chiave I concetti chiave dell’Index sono: - inclusione - ostacoli all’apprendimento e alla partecipazione - risorse per sostenere l’apprendimento e la partecipazione - sostegno alla diversità I concetti chiave strutturano un linguaggio comune per discutere del potenziamento delle strategie educative inclusive.

5 2. Cornice di analisi/quadro di riferimento I concetti di inclusione ed esclusione vengono esplorati lungo tre dimensioni interconnesse che riguardano il miglioramento della scuola: - creare culture inclusive - produrre politiche inclusive -sviluppare pratiche inclusive Ciascuna dimensione è suddivisa in due sezioni per focalizzare ulteriormente l’attenzione su ciò che occorre fare per accrescere l’apprendimento e la partecipazione.

6 Dimensione A: creare culture inclusive Sezione A.1 Costruire comunità Sezione A.2 Affermare valore inclusivi Questa dimensione crea una comunità sicura, accogliente, cooperativa e stimolante in cui la valorizzazione di ciascuno diventa il punto di partenza per ottimizzare i valori di tutti, diffondendo valori inclusivi condivisi e trasmessi a tutto il corpo insegnante, agli alunni, ai membri del Consiglio di Istituto, al Dirigente, alle famiglie. I principi e i valori, nelle culture inclusive della scuola, orientano le decisioni sulle politiche educative e gestionali e sulle pratiche quotidiane della classe, in modo che lo sviluppo della scuola divenga un processo continuo.

7 Dimensione B: produrre politiche inclusive Sezione B.1 Sviluppare la scuola per tutti Sezione B.2 Organizzare il sostegno alla diversità Questa dimensione assicura che i valori inclusivi permeino tutta la progettazione scolastica. Le politiche inclusive incoraggiano la partecipazione degli alunni e del gruppo insegnante fin dal primo ingresso nella scuola, forniscono aiuto a tutti gli alunni della comunità locale e riducono le spinte all’esclusione. Ogni decisone indica chiare strategie per il cambiamento. Viene considerato sostegno ogni attività in grado di accrescere la capacità della scuola nel rispondere alla diversità degli alunni e tutte le forme di sostegno vengono sviluppate secondo principi inclusivi e in modo coordinato all’interno di un quadro unitario.

8 Dimensione C: Sviluppare pratiche inclusive Sezione C.1 Coordinare l’apprendimento Sezione C.2 Mobilitare risorse Questa dimensione promuove pratiche scolastiche che riflettono le culture e le pratiche inclusive. Le attività formative vengono progettate in modo da rispondere alla diversità degli alunni e gli alunni sono incoraggiati a essere attivamente coinvolti in ogni aspetto della loro educazione, valorizzando le loro conoscenze ed esperienze fuori della scuola. Il personale individua nella collaborazione con i colleghi, gli alunni, le famiglie e la comunità locale, le risorse materiali e umane per il sostegno all’apprendimento e alla partecipazione.

9 3. Materiale di analisi: indicatori e domande - Ogni sezione contiene da cinque a undici indicatori, che definiscono un obiettivo a cui mirare e che vanno confrontati con le pratiche abitualmente in uso nella scuola, in modo da individuare le priorità per il cambiamento. - Il significato di ogni indicatore è chiarito da una serie di domande.

10 4. Un processo inclusivo Lo stesso processo di sviluppo con l’Index può contribuire alla promozione dell’inclusione, poiché implica un’autovalutazione dettagliata e cooperativa che si appoggia sulle esperienze di tutte le persone coinvolte nell’attività scolastica. Non si tratta di valutare le competenze individuali, ma piuttosto di trovare le modalità per sostenere la scuola e il miglioramento professionale.

11 Le fasi di lavoro Fase 1: costituzione di un gruppo di coordinamento, l’Index team, che progetta metodologie, strumenti e tempistica per la realizzazione del ciclo di autovalutazione e automiglioramento in maniera democratica e condivisa Fase 2: analisi della scuola. Alunni, genitori, docenti compilano i questionari predisposti dall’Index team esprimendo il loro punto di vista. Il risultato sarà un quadro complessivo di punti di forza e criticità della scuola in fatto di inclusione

12 Fase 3: produzione di un progetto inclusivo. Prende avvio il processo di automiglioramento: il collegio docenti, guidato dall’Index team, progetta priorità e strategie di cambiamento della scuola, tenendo conto dei risultati dell’autovalutazione Fase 4: realizzazione delle priorità. Le strategie progettate vengono messe in pratica e vengono documentate Fase 5: revisione del processo. Si valuta l’efficacia delle strategie progettate

13

14 I tempi di realizzazione I tempi di applicazione dell’intero processo dell’Index sono 2 anni per un buon avvio dei lavori e la realizzazione del primo ciclo di autovalutazione e automiglioramento.

15 Circolare ministeriale n. 8 del 6/3/13 sui BES e l’Index per l’inclusione L’Index è potenzialmente uno dei principali strumenti di lavoro del GLI Rivela, monitora e valuta il grado di inclusività della scuola Costruisce un buon Piano Annuale per l’Inclusione Fornisce questionari adattabili alle specifiche realtà scolastiche Non propone schede da compilare ma una metodologia attraverso cui si può coinvolgere tutto il collegio docenti, in maniera partecipata e costruttiva, al fine di una maggiore corresponsabilizzazione e partecipazione dell’intera comunità educante


Scaricare ppt "Index per l’Inclusione Prof. Giancarlo Gula. Che cos’è? È uno strumento che raccoglie materiali e metodologie che consentono ad alunni, docenti, genitori."

Presentazioni simili


Annunci Google