La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Sviluppo di nuove competenze in EUROPROGETTAZIONE per l’utilizzo strategico dei finanziamenti europei Seminario “EUROPROGETTAZIONE”, Novembre 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Sviluppo di nuove competenze in EUROPROGETTAZIONE per l’utilizzo strategico dei finanziamenti europei Seminario “EUROPROGETTAZIONE”, Novembre 2009."— Transcript della presentazione:

1

2 1 Sviluppo di nuove competenze in EUROPROGETTAZIONE per l’utilizzo strategico dei finanziamenti europei Seminario “EUROPROGETTAZIONE”, Novembre 2009

3 2 PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei. Parte I, corso di introduzione Novembre OBIETTIVI di LISBONA AUMENTARE MOBILITA’ E SCAMBI MIGLIORARE L’APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE ASSICURARE A TUTTI L’ACCESSO ALLE TECNOLOGIE INFORMATICHE AUMENTARE IL RECLUTAMENTO IN STUDI SCIENTIFICI E TECNICI SVILUPPARE LO SPIRITO D’IMPRESA CREARE UN PONTE TRA APPRENDIMENTO FORMALE, INFORMALE E NON-FORMALE MIGLIORARE L’ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE DI DOCENTI E FORMATORI PRINCIPI COMUNI PER CONVALIDARE L’APPRENDIMENTO NON- FORMALE E INFORMALEPRINCIPI COMUNI PER CONVALIDARE L’APPRENDIMENTO NON- FORMALE E INFORMALE PRINCIPI COMUNI DI CERTIFICAZIONE DELLE QUALIFICHEPRINCIPI COMUNI DI CERTIFICAZIONE DELLE QUALIFICHE PRINCIPI COMUNI PER IL TRASFERIMENTO DEI CREDITI PER L’ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALEPRINCIPI COMUNI PER IL TRASFERIMENTO DEI CREDITI PER L’ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE Nel consiglio Europeo di Lisbona del 23 e 24 Marzo 2000 l’ Unione europea si è prefissata di diventare l’ economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale Per favorire la crescita e l’ occupazione diventano priorità fondamentali : l’ ISTRUZIONE e la FORMAZIONE RAFFORZARE la COOPERAZIONE

4 3 PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei Parte I, corso di introduzione Novembre PANORAMA dei PROGRAMMI COMUNITARI 2007 / 2013 della cultura, dei media, della gioventù, della ricerca e dello sviluppo, dell' occupazione, del riconoscimento delle qualifiche, dell'impresa, dell'ambiente, delle TIC con il programma statistico comunitario. PRINCIPALI AREE DI ATTENZIONE DEI PROGRAMMI COMUNITARI

5 4 - PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei Parte I, corso di introduzione Novembre 2009 SUBHEADING 1A: COMPETITIVENESS FOR GROWTH AND EMPLOYMENT durataBudget € ML 7th Research Framework Programme2007/ Trans-European Networks - TEN Transport2007/ Trans-European Networks - TEN Energy2007/ Galileo2007/ Lifelong Learning Programme2007/ e Content Plus2005/ HEADING 2: PRESERVATION AND MANAGEMENT OF NATURAL RESOURCES durataBudget € ML Life+2007/ Rural Development2007/ PANORAMA dei PROGRAMMI COMUNITARI 2007 / 2013

6 5 - PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei Parte I, corso di introduzione Novembre 2009 CITIZENSHIPdurata Budget € ML Culture / Youth in action ( 5 sotto-programmi ) * 2007/ Media / Citizen CITTADINI ATTIVI per l’ EUROPA (4 sotto-programmi )2007/ Nb :alla data di questa presentazione, Gennaio 2007, alcuni programmi in elenco sono nella fase di approvazione, pertanto l’ importo del budget può essere soggetto a variazione 2PANORAMA dei PROGRAMMI COMUNITARI 2007 / 2013

7 6 PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei Parte I, corso di introduzione Novembre 2009 SOTTO-PROGRAMMI NB : Il soggetto destinatario non può avvalersi di “doppio finanziamento “ proveniente da più PROGRAMMI per svolgere la medesima attività PROGRAMMA LIFELONG LEARNING PROGRAMME COMENIUS LEONARDO da VINCI ERASMUS GRUNDTVIG TRASVERSALE JEAN MONNET 2PANORAMA dei PROGRAMMI COMUNITARI 2007 / 2013

8 7 PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei Parte I, corso di introduzione Novembre 2009 I SOGGETTI DESTINATARI (chi può accedere) Gli OBIETTIVI ( specifici – operativi ) Le AZIONI ( finanziabili ) Le PROCEDURE NB : Il soggetto destinatario non può avvalersi di “doppio finanziamento “ proveniente da più PROGRAMMI per svolgere la medesima attività Le PRIORITA’ ANNUALI vengono indicate a livello centrale e da ogni singolo paese Ogni SOTTO-PROGRAMMA definisce in dettaglio 2PANORAMA dei PROGRAMMI COMUNITARI 2007 / 2013

9 8 PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei Parte I, corso di introduzione Novembre 2009 Le PROCEDURE, per ogni tipologia di BANDO (CALL) definiscono : chi può partecipare e rispondere alla CALL a chi presentare le proposte ( PROPOSAL ) di progetto chi seleziona i progetti beneficiari del finanziamento ( Agenzia Nazionale o Commissione ) chi eroga il finanziamento chi valuta l’ attuazione e la conclusione dei progetti chi verifica la rendicontazione finanziaria NB : Il soggetto destinatario non può avvalersi di “doppio finanziamento “ proveniente da più PROGRAMMI per svolgere la medesima attività 2PANORAMA dei PROGRAMMI COMUNITARI 2007 / 2013

10 9 PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei Parte I, corso di introduzione Novembre 2009 La DECISIONE del PARLAMENTO EUROPEO e del CONSIGLIO N. 1720/2006/CE pubblicata sulla G.U.dell’ Unione Europea Il 24 Novembre 2006 L 327 istituisce un PROGRAMMA d’ azione nell’ ambito dell’ APPRENDIMENTO PERMANENTE (LLP) articolato in sotto-programmi settoriali COMENIUS - LEONARDO da VINCI - GRUNDTVIG - ERASMUS – TRASVERSALE – Jean MONNET 3LIFELONG LEARNING PROGRAMME PROGRAMMA di APPRENDIMENTO PERMANENTE

11 10 PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei / A.A. Parte I, corso di introduzione Novembre LIFELONG LEARNING PROGRAMME PROGRAMMA di APPRENDIMENTO PERMANENTE OBIETTIVO GENERALE L'obiettivo generale del PROGRAMMA di APPRENDIMENTO PERMANENTE è contribuire, attraverso l‘ apprendimento permanente, allo sviluppo della Comunità quale società avanzata basata sulla conoscenza, con uno sviluppo economico sostenibile, nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, garantendo nel contempo una valida tutela dell'ambiente per le generazioni future. L'obiettivo del programma è quello di promuovere all'interno della Comunità gli scambi, la cooperazione e la mobilità tra i sistemi di istruzione e formazione in modo che essi diventino un punto di riferimento di qualità a livello mondiale.

12 11 PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei Parte I, corso di introduzione Novembre LIFELONG LEARNING PROGRAMME PROGRAMMA di APPRENDIMENTO PERMANENTE

13 12 LIVELLOTIPOLOGIADIFFICOLTA’VANTAGGIREQUISITI 1°Attività web based Es. : Spring day e-twinning net-days etc …. basse Coinvolgimento diffuso di studenti / docenti. Ricadute elevate per l’ apprendimento cooperativo in dimensione UE Conoscenze di base necessarie per utilizzo dei media per attività online ( sincrone e asincrone ) es. skype audio/video chat – forum- communities Disponibilità di accesso alla rete 2°Partecipazioni a progetti in qualità di PARTNER Partecipazione a progetti organizzati da terze istituzioni o autogestiti ( es. Regione, EELL, organismi no profit, etc..) medie / basse Coinvolgimento selettivo studenti e docenti Medie capacità di progettazione e di rendicontazione, Medie capacità di relazionarsi con i partner UE 3°Partecipazioni a progetti in qualità di PARTNER procedura incentrata sulla COMMISSIONE Partecipazione a progetti in qualità di COORDINATORE con procedura di 2° grado incentrata su N.A. AGENZIA N. medie / elevateCoinvolgimento selettivo studenti e docenti Rapporto diretto con la N.A. AGENZIA NAZIONALE Buone capacità di relazionarsi con i partner UE Buone capacità di relazionarsi con i partner UE e discrete conoscenze delle procedure di rendicontazione 4° Partecipazioni a progetti in qualità di COORDINATORE procedura incentrata sulla COMMISSIONE elevateRapporto diretto con la COMMISIONE Ottime conoscenze degli ordinamenti dei paesi UE Consolidate capacità di relazionarsi con i Partner e la Commissione Elevate capacità di progettazione e rendicontazione e cofinanziamento PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei Parte I, corso di introduzione Novembre IL RUOLO DELL’ ISTITUZIONE SCOLASTICA NA 1 NA 2 NA 1 EA NA 2

14 13 GRUNDTVIG LEONARDO PROGRAMMA LLP PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei. Parte I, corso di introduzione Novembre 2009 Obiettivi ( generali e specifici ) sotto-programma COMENIUS PRIORITA’ 2007 ( COMENIUS ) IDEA PROGETTUALE (es.Area di progetto- progetti POF- etc..) ? obiettivi specifici obiettivi operativi azioni ( finanziabili ) 6COME “NASCE” UN PROGETTO EUROPEO ?

15 14 PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei. Parte I, corso di introduzione Novembre COME “NASCE” UN PROGETTO EUROPEO ? ANALISI dei BISOGNI – POF Definizione generale dell’ IDEA PROGETTUALE RICERCA e ANALISI del Programma comunitario più idoneo OBIETTIVI / PRIORITA’ VERIFICA se l’ idea progettuale è già stata sviluppata nei programmi comunitari VERIFICA se l’ IDEA PROGETTUALE di massima è sostenibile con ” le “risorse” organizzative e logistiche dell’ istituto ? DOCENTI IST. RICERCA in RETE Dir.Scol. / DSGA

16 15 PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei Parte I, corso di introduzione Gennaio COME PARTECIPARE AD UN PROGRAMMA EUROPEO ? ( procedure, bando, selezione ) Parte I, corso di introduzione Novembre 2009 Rimanere “ sintonizzati” sulle CALL OBIETTIVI / PRIORITA’ con gli obiettivi e le attività del POF Compatibilità del SOTTO-PROGRAMMA / obiettivi e azioni Compatibilità con le risorse dell’ istituzione scolastica Scelta del ruolo dell’ istituzione scolastica : NO SI Attendere una nuova CALL NO Coinvolgere una RETE di scuole PARTNER COORDINATORE del PROGETTO IDEA PROGETTUALE

17 16 PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei Parte I, corso di introduzione Novembre COME PARTECIPARE AD UN PROGRAMMA EUROPEO ? ( procedure, bando, selezione ) APPROFONDIMENTO dell’ IDEA PROGETTUALE PARTNER UE PRESENTAZIONE del PROGETTO RICERCA di PARTNER U.E. MIGLIORAMENTO dell’ IDEA PROGETTUALE CONGIUNTAMENTE ai PARTNER U.E. SCRITTURA pre-PROPOSTA o PROPOSTA DEFINITIVA del PROGETTO raccolta della documentazione, adempimenti formali. ATTIVITA’ di COOPERAZIONE UE

18 17 8SUGGERIMENTI e CONSIGLI “SINTONIA” con gli OBIETTIVI e le AZIONI le PRIORITA’ del PROGRAMMA / SOTTO PROGRAMMA. Previsione e gestione precisa e puntuale di tutte le fasi del progetto ( inclusa la progettazione e la rendicontazione finanziaria ) IDEA PROGETTUALE Qualità delle “ ALLEANZE” e del Partenariato PROGETTI EUROPEI / Utilizzo strategico dei finanziamenti europei Parte I, corso di introduzione Novembre 2009


Scaricare ppt "1 Sviluppo di nuove competenze in EUROPROGETTAZIONE per l’utilizzo strategico dei finanziamenti europei Seminario “EUROPROGETTAZIONE”, Novembre 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google