La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Don Arnaldo Scaglioni. Eucarestia in Luca  Quanti banchetti e nozze Gesù è stato presente  Cosa vuol dimostrare ! ■ Dio non ha nulla contro l’uomo ■

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Don Arnaldo Scaglioni. Eucarestia in Luca  Quanti banchetti e nozze Gesù è stato presente  Cosa vuol dimostrare ! ■ Dio non ha nulla contro l’uomo ■"— Transcript della presentazione:

1 Don Arnaldo Scaglioni

2 Eucarestia in Luca  Quanti banchetti e nozze Gesù è stato presente  Cosa vuol dimostrare ! ■ Dio non ha nulla contro l’uomo ■ È Misericordioso ■ Rimette i peccati ■ Vorrebbe diventare una cosa sola con tutti

3 Eucarestia in Luca  Ci fa capire chi siamo noi ■ Il banchetto elimina l’estraneità ■ La relazione sta al centro ◊ Il banchetto eucaristico vuole metterci in relazione con quegli uomini che non abbiamo scelto noi ■ Non siamo noi a sceglierci fratelli e sorelle ◊ siamo semplicemente in comunione con loro

4 Eucarestia in Luca  Nel Vangelo di Luca abbiamo di fronte una ricchissima tipologia di persone che mangiano con Gesù ■ un Pubblicano / Levi ■ un Fariseo / Simone e la Peccatrice ■ Sorelle / Marta e Maria ■ un Fariseo / di Sabato ■ “due Fratelli” / Figliol prodigo ■ un Pubblicano / Zaccheo ■ Discepoli / l’ultima cena ■ Emmaus /

5 L c Vocazione di Levi [27] Dopo ciò egli uscì e vide un pubblicano di nome Levi seduto al banco delle imposte, e gli disse: Seguimi!". [28] Egli, lasciando tutto, si alzò e lo seguì. [29] Poi Levi gli preparò un grande banchetto nella sua casa. C'era una folla di pubblicani e d'altra gente seduta con loro a tavola. [30] I farisei e i loro scribi mormoravano e dicevano ai suoi discepoli: "Perché mangiate e bevete con i pubblicani e i peccatori?". [31] Gesù rispose: "Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; [32] io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori a convertirsi".

6 L c Il primo banchetto è con un pubblicano (La vocazione di Levi)  Motivazione ■ “Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati”

7 L c  L’Eucarestia non è una ricompensa per chi è santo e senza peccato ■ è mezzo di salvezza per i malati ■ è cambiamento (Levi – Matteo) x il pane e il Vino x i partecipanti

8 L c  Dalla parte di Levi ■ è ringraziamento per la chiamata ■ è segno della seguela “ha abbandonato tutto” ■ è gioia e festa

9 L c Nella casa di Simone [36] Uno dei farisei lo invitò a mangiare da lui. Egli entrò nella casa del fariseo e si mise a tavola. [37] Ed ecco una donna, una peccatrice di quella città, saputo che si trovava nella casa del fariseo, venne con un vasetto di olio profumato; [38] e fermatasi dietro si rannicchiò piangendo ai piedi di lui e cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di olio profumato. [39] A quella vista il fariseo che l'aveva invitato pensò tra sé. "Se costui fosse un profeta, saprebbe chi e che specie di donna è colei che lo tocca: è una peccatrice".

10 L c [40] Gesù allora gli disse: "Simone, ho una cosa da dirti". Ed egli: "Maestro, dì pure". [41] "Un creditore aveva due debitori: l'uno gli doveva cinquecento denari, l'altro cinquanta. [42] Non avendo essi da restituire, condonò il debito a tutti e due. Chi dunque di loro lo amerà di più?". [43] Simone rispose: "Suppongo quello a cui ha condonato di più". Gli disse Gesù: "Hai giudicato bene". [44] E volgendosi verso la donna, disse a Simone: "Vedi questa donna? Sono entrato nella tua casa e tu non m'hai dato l'acqua per i piedi; lei invece mi ha bagnato i piedi con le lacrime e li ha asciugati con i suoi capelli.

11 L c [45] Tu non mi hai dato un bacio, lei invece da quando sono entrato non ha cessato di baciarmi i piedi. [46] Tu non mi hai cosparso il capo di olio profumato, ma lei mi ha cosparso di profumo i piedi. [47] Per questo ti dico: le sono perdonati i suoi molti peccati, poiché ha molto amato. Invece quello a cui si perdona poco, ama poco". [48] Poi disse a lei: "Ti sono perdonati i tuoi peccati". [49] Allora i commensali cominciarono a dire tra sé: "Chi è quest'uomo che perdona anche i peccati?". [50] Ma egli disse alla donna: "La tua fede ti ha salvata; và in pace!".

12 L c Il secondo banchetto è nella casa di Simone il Fariseo  Simone ■ è un credente ■ un praticante ■ un devoto  Gesù sceglie accoglie la peccatrice( capelli disciolti) ■ Parla con lei “l’acqua” ■ la lode “il bacio” ■ la perdona “il profumo”

13 L c  L’eucarestia ■ è aperta a tutti devoti e peccatori ■ è il luogo in cui peccatori e i devoti sperimentano in eguale misura la bontà di Dio  In noi stesso c’è il peccatore e il fariseo  In noi celebriamo la misericordia di Dio

14 L c Marta e Maria [38] Mentre erano in cammino, entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo accolse nella sua casa. [39] Essa aveva una sorella, di nome Maria, la quale, sedutasi ai piedi di Gesù, ascoltava la sua parola; [40] Marta invece era tutta presa dai molti servizi. Pertanto, fattasi avanti, disse: "Signore, non ti curi che mia sorella mi ha lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti". [41] Ma Gesù le rispose: "Marta, Marta, tu ti preoccupi e ti agiti per molte cose, [42] ma una sola è la cosa di cui c'è bisogno. Maria si è scelta la parte migliore, che non le sarà tolta".

15 L c Il terzo banchetto Marta e Maria  Non basta l’accoglienza fare del bene agli altri ■ il rischio della Chiesa, – una Società per azioni – Solidarietà fine a se stessa  L’eucarestia ci invita a fare del bene a se stessi

16 L c  Siamo invitati a ■ Contemplare ■ Ascoltare ◊ Diventare una cosa sola con Gesù  L’eucarestia approfondisce questo diventare una cosa sola con Gesù  Non solo ascolto Gesù ■ lo mangio ■ mi fondo con Lui

17 L c A casa di un Fariseo [1] Un sabato era entrato in casa di uno dei capi dei farisei per pranzare e la gente stava ad osservarlo. [2] Davanti a lui stava un idropico. [3] Rivolgendosi ai dottori della legge e ai farisei, Gesù disse: "È lecito o no curare di sabato?". [4] Ma essi tacquero. Egli lo prese per mano, lo guarì e lo congedò. [5] Poi disse: "Chi di voi, se un asino o un bue gli cade nel pozzo, non lo tirerà subito fuori in giorno di sabato?". [6] E non potevano rispondere nulla a queste parole. [7] Osservando poi come gli invitati sceglievano i primi posti, disse loro una parabola: [8] "Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più ragguardevole di te [9] e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: Cedigli il posto! Allora dovrai con vergogna occupare l'ultimo posto.

18 L c [10] Invece quando sei invitato, và a metterti all'ultimo posto, perché venendo colui che ti ha invitato ti dica: Amico, passa più avanti. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. [11] Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato". [12] Disse poi a colui che l'aveva invitato: "Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici, né i tuoi fratelli, né i tuoi parenti, né i ricchi vicini, perché anch'essi non ti invitino a loro volta e tu abbia il contraccambio. [13] Al contrario, quando dài un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; [14] e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti".

19 L c [15] Uno dei commensali, avendo udito ciò, gli disse: "Beato chi mangerà il pane nel regno di Dio!". [16] Gesù rispose: "Un uomo diede una grande cena e fece molti inviti. [17] All'ora della cena, mandò il suo servo a dire agli invitati: Venite, è pronto. [18] Ma tutti, all'unanimità, cominciarono a scusarsi. Il primo disse: Ho comprato un campo e devo andare a vederlo; ti prego, considerami giustificato. [19] Un altro disse: Ho comprato cinque paia di buoi e vado a provarli; ti prego, considerami giustificato. [20] Un altro disse: Ho preso moglie e perciò non posso venire.

20 L c [21] Al suo ritorno il servo riferì tutto questo al padrone. Allora il padrone di casa, irritato, disse al servo: Esci subito per le piazze e per le vie della città e conduci qui poveri, storpi, ciechi e zoppi. [22] Il servo disse: Signore, è stato fatto come hai ordinato, ma c'è ancora posto. [23] Il padrone allora disse al servo: Esci per le strade e lungo le siepi, spingili a entrare, perché la mia casa si riempia. [24] Perché vi dico: Nessuno di quegli uomini che erano stati invitati assaggerà la mia cena".

21 L c Il quarto banchetto (ancora un Fariseo) di Sabato  Abbiamo di fronte una guarigione Idrofisia = leucemia Gesù restituisce l’integrità del corpo (lo toccò)  L’eucarestia è ■ Guarigione ■ Medicina per i malati

22 L c  C’è una seconda malattia la corsa ai primi posti  C’è pure un peccato grave contro l’eucarestia, gli assenti ■ Troppo occupati ■ Troppo preoccupati  Comprendiamo l’Eucarestia solo quando ammettiamo la nostra fragilità ciò che è ■ povero e zoppo, ■ cieco e storpio

23 L c  Ritorna la salute ■ se abbandoniamo il mondo esteriore ■ e ritorniamo alla interiorità  Dobbiamo portare ■ le nostre debolezze ■ tutto ciò che è disprezzato, storpiato perché possa immergersi nella vita divina

24 L c Due fratelli [1] Si avvicinavano a lui tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. [2] I farisei e gli scribi mormoravano: "Costui riceve i peccatori e mangia con loro". [3] Allora egli disse loro questa parabola: [4] "Chi di voi se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va dietro a quella perduta, finché non la ritrova? [5] Ritrovatala, se la mette in spalla tutto contento, [6] va a casa, chiama gli amici e i vicini dicendo: Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora che era perduta. [7] Così, vi dico, ci sarà più gioia in cielo per un peccatore convertito, che per novantanove giusti che non hanno bisogno di conversione.

25 L c [8] O quale donna, se ha dieci dramme e ne perde una, non accende la lucerna e spazza la casa e cerca attentamente finché non la ritrova? [9] E dopo averla trovata, chiama le amiche e le vicine, dicendo: Rallegratevi con me, perché ho ritrovato la dramma che avevo perduta. [10] Così, vi dico, c'è gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte".

26 L c [11] Disse ancora: "Un uomo aveva due figli. [12] Il più giovane disse al padre: Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta. E il padre divise tra loro le sostanze. [13] Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto. [14] Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. [15] Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. [16] Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava. [17] Allora rientrò in se stesso e disse: Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame!.

27 L c [18] Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; [19] non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni. [20] Partì e si incamminò verso suo padre. Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. [21] Il figlio gli disse: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. [22] Ma il padre disse ai servi: Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. [23] Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, [24] perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato. E cominciarono a far festa.

28 L c [25] Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; [26] chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò. [27] Il servo gli rispose: È tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo. [28] Egli si arrabbiò, e non voleva entrare. Il padre allora uscì a pregarlo. [29] Ma lui rispose a suo padre: Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. [30] Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso. [31] Gli rispose il padre: Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; [32] ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".

29 L c Il quinto banchetto i due fratelli  Mormorazioni: “costui riceve i peccatori e mangia con loro” Lc.15,2  Si giustifica con tre parabole sono tre immagini dell’eucarestia 1. La pecorella smarrita è la nostra libertà perduta cfr Gregorio di Nissa Nell’eucarestia Gesù ■ ci ritrova ■ ci carica sulle spalle ■ ci porta a casa

30 L c La dramma perduta una dramma –  il mondo interiore 3.Il Figliol prodigo ■ È festa se si ricompone la fraternità ■ In noi c’è  Uno che sperpera  Uno che non fa festa ■ L’eucarestia ci invita a  Chiedere perdono  Dare perdono

31 L c Zaccheo [1] Entrato in Gerico, attraversava la città. [2] Ed ecco un uomo di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco, [3] cercava di vedere quale fosse Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, poiché era piccolo di statura. [4] Allora corse avanti e, per poterlo vedere, salì su un sicomoro, poiché doveva passare di là. [5] Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: "Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua". [6] In fretta scese e lo accolse pieno di gioia. [7] Vedendo ciò, tutti mormoravano: "È andato ad alloggiare da un peccatore!".

32 L c [8] Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: "Ecco, Signore, io do la metà dei miei beni ai poveri; e se ho frodato qualcuno, restituisco quattro volte tanto". [9] Gesù gli rispose: "Oggi la salvezza è entrata in questa casa, perché anch'egli è figlio di Abramo; [10] il Figlio dell'uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto".

33 L c Il sesto banchetto a Gerico ancora un pubblicano Zaccheo  “Oggi la salvezza è entrata in questa casa”  Due particolari: ■ basso di statura ( denaro ) ■ Sicomoro ( l’albero delle colpe )

34 L c L’ultima cena [14] Quando fu l'ora, prese posto a tavola e gli apostoli con lui, [15] e disse: "Ho desiderato ardentemente di mangiare questa Pasqua con voi, prima della mia passione, [16] poiché vi dico: non la mangerò più, finché essa non si compia nel regno di Dio". [17] E preso un calice, rese grazie e disse: "Prendetelo e distribuitelo tra voi, [18] poiché vi dico: da questo momento non berrò più del frutto della vite, finché non venga il regno di Dio". [19] Poi, preso un pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: "Questo è il mio corpo che è dato per voi; fate questo in memoria di me". [20] Allo stesso modo dopo aver cenato, prese il calice dicendo: "Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue, che viene versato per voi".

35 L c Il settimo banchetto  L’ultima cena Gesù si dona senza condizioni  “Questo è il mio corpo questo è il mio sangue”

36 L c Emmaus … [28] Quando furon vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. [29] Ma essi insistettero: "Resta con noi perché si fa sera e il giorno già volge al declino". Egli entrò per rimanere con loro. [30] Quando fu a tavola con loro, prese il pane, disse la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. [31] Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma lui sparì dalla loro vista. [32] Ed essi si dissero l'un l'altro: "Non ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi lungo il cammino, quando ci spiegava le Scritture?". [33] E partirono senz'indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, [34] i quali dicevano: "Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone". …

37 L c L’ottavo banchetto / Emmaus  “Resta con noi Signore perché si fa sera”  “Allo spezzar del pane lo riconobbero”

38 sintesisintesi L’Eucarestia … ■ è mezzo di salvezza per i malati ■ è cambiamento ■ è ringraziamento per la chiamata ■ è segno della sequela ■ è gioia e festa ■ è aperta a tutti devoti e peccatori ■ è il luogo in cui peccatori e i devoti sperimentano in eguale misura la bontà di Dio ■ è Guarigione ■ è Medicina per i malati ■ ci invita a fare del bene a se stessi ■ ascolto Gesù ■ lo mangio ■ mi fondo con Lui ■ approfondisce questo diventare una cosa sola con Gesù

39 sintesisintesi  Comprendiamo l’Eucarestia ■ solo quando ammettiamo la nostra fragilità  Ritorna la salute, se: ■ abbandoniamo il mondo esteriore ■ ritorniamo alla interiorità ■ portiamo ◊ le nostre debolezze ◊ tutto ciò che è disprezzato, storpiato  “Danger” ■ la corsa ai primi posti ■ gli assenti ◊ perché troppo occupati ◊ perché troppo preoccupati

40 tre immagini dell’eucarestia La pecorella smarrita / la nostra libertà perduta ■ Gesù ci ritrova ◊ ci carica sulle spalle ◊ ci porta a casa La dramma perduta / il mondo interiore “Ritrovato” Il Figliol prodigo / “La vera Festa” ■ È festa se si ricompone la fraternità ■ In noi c’è ◊ Uno che sperpera ◊ Uno che non fa festa ■ L’eucarestia ci invita a ◊ Chiedere perdono ◊ Dare perdono


Scaricare ppt "Don Arnaldo Scaglioni. Eucarestia in Luca  Quanti banchetti e nozze Gesù è stato presente  Cosa vuol dimostrare ! ■ Dio non ha nulla contro l’uomo ■"

Presentazioni simili


Annunci Google