La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Obiettivi Specifici Sviluppare la consapevolezza delle proprie crescenti responsabilità nelle scelte alimentari Saper analizzare il proprio vissuto alimentare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Obiettivi Specifici Sviluppare la consapevolezza delle proprie crescenti responsabilità nelle scelte alimentari Saper analizzare il proprio vissuto alimentare."— Transcript della presentazione:

1

2 Obiettivi Specifici Sviluppare la consapevolezza delle proprie crescenti responsabilità nelle scelte alimentari Saper analizzare il proprio vissuto alimentare Saper individuare i motivi per cui cambiare gli atteggiamenti e i comportamenti alimentari scorretti e dannosi;

3

4

5 Noooo! Non sempre!!!!!

6 Colazione: pane e nutella Pranzo: pasta, carne, insalata, mela Merenda: gelato Cena: pollo, carote, pane E non esagerate con la quantità di cibo

7 COLAZIONE 1 tazza di latte 200 ml (Parz. Scremato) 1 fette biscottata nutella 1 bicchiere di spremuta d’arancia TOTALE CALORIE CONSUMATE Calorie 98 cal. 30 cal. 159 cal. 34 cal. 321 cal..

8 PRANZO piatto di pasta 100 g al pomodoro carne impanata insalata pane 80 g 1 mela TOTALE CALORIE CONSUMATE MERENDA gelato al limone fragola TOTALE CALORIE CONSUMATE CENA pollo ai ferri 80 g carote 160 g pane integrale 50 g TOTALE CALORIE CONSUMATE CALORIE CONSUMATE OGGI CALORIE 175 cal. 12 cal. 236 cal. 217 cal. 214 cal. 45 cal. 899 cal. 132 cal. 192 cal. 324 cal. 140 cal. 53 cal. 121 cal. 794 cal cal.

9 E’ una dichiarazione facoltativa prevista dal decreto legge n. 77/1993 e riguarda il valore energetico dell’alimento L’etichetta è obbligatoria quando il prodotto è dietetico, multivitaminico,… L’etichetta è uno strumento di sicurezza e trasparenza verso il consumatore E’ l’indicatore nutrizionale e deve essere sempre relativa a 100 g di prodotto Etichetta Nutrizionale

10 Correre

11 Camminare appena possibile Praticare uno sport Fare esercizi ginnici

12

13 Bulimia : mangiare tanto e poi provocarsi il vomito o usare lassativi per dimagrire Anoressia : mangiare poco per paura di ingrassare Obesità : mangiare troppo e male

14 DISTURBI ALIMENTARI PSICOGENI ANORESSIA NERVOSA: Rifiuto ad assumere cibo Si riduce o interrompe la propria alimentazione e si scende sotto l’85% del peso forma per la propria ETA’ BULIMIA NERVOSA Si ingerisce una quantità eccessiva di cibo in un arco di tempo molto ristretto e solitamente di nascosto. Segue: senso di colpa, vomito provocato e assunzione di lassativi. Il ciclo continua a ripetersi

15 30% dei giovani è in sovrappeso 10 % di questi è obeso Condotta alimentare sregolata - stile di vita sedentario - familiarità (fattori ereditari) - patologie Dieta equilibrata – attività fisica costante – cure mediche

16 GLI ADOLESCENTI HANNO: voglia di indipendenza bisogno di protezione apertura verso gli altri proiezione verso se stesso desiderio di andare contro le regole necessità di avere modelli di riferimento

17 Hanno percio’ un rapporto particolare con il cibo Mangiano quello che vogliono, dove vogliono, troppo o troppo poco.

18 Dieta: “modo di vivere”. Dietetica: scienza dell’alimentazione che si occupa di analizzare gli effetti degli alimenti sui processi metabolici. Nutrizione: scienza che studia il rapporto tra alimenti e salute. Principi nutritivi: micronutrienti e macronutrienti derivati dai processi digestivi e respiratori.

19 Mangiare sano e muoversi per vivere al meglio la VITA!!!

20


Scaricare ppt "Obiettivi Specifici Sviluppare la consapevolezza delle proprie crescenti responsabilità nelle scelte alimentari Saper analizzare il proprio vissuto alimentare."

Presentazioni simili


Annunci Google