La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LIBRIAMOCI Giornate di letture nelle scuole LETTORI NON SI NASCE, SI DIVENTA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LIBRIAMOCI Giornate di letture nelle scuole LETTORI NON SI NASCE, SI DIVENTA."— Transcript della presentazione:

1 LIBRIAMOCI Giornate di letture nelle scuole LETTORI NON SI NASCE, SI DIVENTA

2 In questi anni di scuola media noi della classe terza B abbiamo partecipato, con la nostra insegnante, al progetto LEGGERE… PER PIACERE progetto che ha, come fine ultimo, quello di fare apprezzare la lettura non solo come dovere ai fini dello studio, ma anche come piacere, come momento di svago non secondo alla playstation o ad altre tecnologie che utilizziamo. Scopo di questa giornata è quello di cercare di trasmettere anche a voi questo piacere, di aiutarvi ad apprezzare la lettura.

3 In prima: Visita alla Biblioteca comunale di Nogara

4 In seconda: i libri che noi e i nostri compagni della A abbiamo letto nel corso dell’anno scolastico

5 Io, VIRGINIA, ho scelto Ho scelto questo libro perché, oltre al fatto che tra quelli che ho letto è stato quello che mi ha colpito di più, è anche un libro che, secondo me, fa riflettere molto. Ci fa capire che la vita in Africa è molto diversa attraverso l’esperienza di Alexandria, che è molto viziata e sempre abituata a trovare tutto pronto. Quando arriva le sembra di essere arrivata all’inferno ma poi si affeziona alle persone che incontra là e secondo me è un bell’esempio da prendere in considerazione.

6 L’AUTORE Eric Walters è nato in Canadà nel Lavorava come insegnante e per invogliare i suoi alunni a leggere cominciò a scrivere, da quel momento scrisse parecchi libri, circa una settantina. I suoi romanzi ebbero molto successo tra i ragazzi, furono tradotti in lingue diverse e ricevette molti riconoscimenti e premi, uno anche dall’UNESCO. Alexandria è una ragazza ricca e viziata: è abituata a vestirsi con abiti firmati e accessori all’ultima moda. Un giorno viene sorpresa a rubare in un negozio, proprio lei cui manca nulla, poi si troverà davanti ad un giudice e dovrà scontare una pena visto che non è la prima volta che viene sorpresa a rubare.Deve scegliere tra il carcere minorile e tre settimane in Africa ad aiutare un’associazione umanitaria. Alexandria ovviamente sceglierà di partire per l’Africa. Fin dal primo impatto si rivela una terra difficile e inospitale, soprattutto perché dovrà imparare a stare senza cellulare e senza i suoi vestiti e accessori alla moda. Poi però si troverà davanti il sorriso di un bambino e farà amicizia con una ragazza africana che le farà aprire gli occhi su quel mondo completamente diverso dal suo. IL LIBRO

7 Io, FILIPPO, ho scelto Ho scelto di presentare questo libro visto che sono un amante del calcio ma soprattutto perché leggendo il riassunto della trama in biblioteca mi ha subito incuriosito e coinvolto. Giacinto Facchetti (Treviglio, 18 luglio 1942 – Milano, 4 settembre 2006) è stato un calciatore e dirigente sportivo italiano. Campione europeo nel 1968 e vice-campione mondiale nel 1970 con la Nazionale italiana, non ha mai commesso scorrettezze e legò il suo nome a quello dell'Inter, della quale fu giocatore dal 1960 al 1978, collezionando in totale 634 presenze e 75 reti, e presidente dal gennaio 2004 al settembre 2006.

8 L’AUTORE Roberto Perrone, nato a Rapallo il 14 Marzo del 1957, è un giornalista e scrittore italiano. Ha tre figli e vive a Milano dove si è trasferito nel 1981 quando viene assunto al Giornale. Dal 1989 lavora alla redazione sportiva del Corriere della Sera dove si occupa di calcio, tennis, nuoto. Per il Corriere ha seguito tutti i più importanti avvenimenti sportivi dell'ultimo decennio. Roberto Perrone è autore di romanzi, racconti, opere per ragazzi e libri di ricette per tifosi di calcio. IL LIBRO Arturo Carlos Digao, in arte Diguinho è un giovane talento brasiliano, arrivato in Italia grazie a Don Batti che vide subito in lui qualcosa di speciale. Sin dalla prima partita, il ragazzo mette in mostra le sue straordinarie qualità. Purtroppo il suo rendimento precipita all'improvviso. Il più delle volte non finisce sulle prime pagine dei giornali per i suoi gol, ma per le sue uscite in discoteca. Per fortuna di Diguinho i suoi più grandi fan, Nino "Foglia Morta" e Pierpaolo "Due Cognomi" sono decisi ad aiutare il loro calciatore preferito a tornare in forma. E quando quei due si mettono in testa qualcosa non si sa mai cosa può accadere. Secondo voi Nino e Pierpaolo riusciranno a far tornare Diguinho un campione? La scelta di scoprirlo o meno spetta a voi!

9 Io, GIANMARCO, ho scelto Ho scelto di presentare questo libro perché è un bellissimo romanzo fantasy avvincente e intrigante che va oltre la solita storia macabra o horror… ti fa conoscere i valori della vita e ti lascia in sospeso per tutto il tempo che lo leggi. Secondo me merita tanto… ma poi sta a voi decidere di leggere questo fantastico libro.

10 L’AUTORE: Neil Richard MacKinnon Gaiman, è scrittore, fumettista, giornalista, sceneggiatore televisivo e radiofonico britannico nato il 10 novembre del 1960 a Portchester, (in Inghilterra) da una famiglia ebraica di origini polacche ed est- europee. Comincia la sua carriera come giornalista. Gaiman ha scritto romanzi, sceneggiature televisive, favole e storie per l'infanzia, drammi radiofonici e testi per canzoni. Nella sua carriera ha vinto diversi premi. Ebbe l'idea della storia del libro ‘’Il figlio del cimitero’’ nel 1985, dopo aver visto suo figlio di due anni Mike "andare in triciclo per un cimitero". Infatti la loro famiglia abitava proprio di fronte ad un cimitero. Ricordando come sembrasse suo figlio in quel posto, pensò che "si potesse scrivere qualcosa di molto simile al Libro della giungla ed ambientarlo in un cimitero” IL LIBRO Ogni mattino Nobody Owens, chiamato Bod, fa colazione con le buone cose che procura Silas, il suo tutore e che prepara la signora Owens. Poi va a scuola e partecipa alle lezioni della signorina Lupescu. Poi passa i pomeriggi con Liza, la sua compagna di giochi. Cosa c’è di strano vi chiederete!

11 Bod sarebbe un ragazzino come tutti… se non fosse che: Silas è un essere né vivo né morto, l’unico che può uscire dal cimitero e procurare il cibo al ragazzino. La signora Owens è il fantama di una donna morta secoli fa. La signorina Lupescu è un licantropo russo dai canini affilati. E Liza è una giovane strega sepolta in un territorio sconsacrato. Nobody Owens era ancora in fasce quando è scampato all’assassino che ha ucciso la sua famiglia, gattonando fino al vecchio cimitero in cima alla collina, dove i defunti del luogo l’hanno accolto, adottato e educato per proteggerlo dai suoi assassini. Da allora Bod, grazie a un dono della Signora sul cavallo grigio, sa parlare con gli spiriti. Lì nel cimitero è in salvo. Ma la tentazione di superare il cancello e conoscere il mondo è forte! Un mondo nel quale scoprirà l’amicizia dei suoi simili ma anche un signore con un coltello che attende da quattordici anni...

12 Io, VERONICA, ho scelto Ho scelto questo libro perché è molto coinvolgente, ti fa capire che bisogna guardare oltre le apparenze. Mattia e Angela per esempio pensavano che i rom puzzassero, e che mandassero i loro bambini a chiedere l'elemosina per le strade solo perché i genitori erano pigri e non avevano la voglia di lavorare. Ma invece non era cosi. A me piace la personalità di Mattia, ha guardato oltre le apparenze e ha fatto pure amicizia con Nazifa Bebè. L'unione fa la forza, piano piano hanno portato alla luce questi strani legami. Questi ragazzi hanno sete di verità, hanno voglia di conoscere e di sapere, cosa che io spesso non ho. Questo libro è stato ispiratore per me.

13 L’AUTORE Alberto Melis nato a Cagliari il 10 settembre 1957 è un giornalista e scrittore italiano, autore soprattutto di romanzi per ragazzi. Melis è insegnante elementare dal 1983 e collaboratore fisso del quotidiano L'Unione Sarda. Si occupa in particolare di storia e cultura ebraica e di letteratura per ragazzi. Alcuni dei suoi libri per ragazzi vengono tradotti in Germania, Francia, Spagna, Portogallo, Grecia, Israele e Polonia. “Il ricordo che non avevo” ha vinto il Premio Castello, importante premio di letteratura per ragazzi organizzato dal comune di Sanguinetto. IL LIBRO Mattia scopre, attraverso il telegiornale, una cosa molto strana sul nonno Gabriel. Alcuni ragazzi, hanno lanciato bottiglie incendiarie contro le baracche di un campo rom. Il nonno di Mattia è rimasto vittima dell'incendio provocato dai teppisti. Il nonno Gabriel ha salvato un bimbo di 6 anni di nome Kimo. Mattia ne vuole sapere di più, cosa faceva il nonno al campo rom? Perché era andato lì? Al suo fianco ci sono Angela e Nazifa Bebè, sorella di Kimo e sua compagna di scuola. Passo dopo passo Mattia scoprirà il passato del nonno, un passato di cui lui non ha mai parlato.

14 Io, ALESSANDRO, ho scelto Ho scelto questo libro molto coinvolgente, ricco di colpi di scena. L'autore si è divertito a giocare con personaggi e libri per suggerirne la lettura a noi ragazzi. Infatti ho trovato grandioso questo libro perché mi ha permesso, all’interno dello stesso racconto, di conoscere personaggi di importanti romanzi.

15 L’AUTORE Guido Sgardoli è nato nel 1965 a San Donà di Piave, in provincia di Venezia. Vive a Treviso. Ha sempre amato due cose: gli animali e leggere e così è diventato veterinario e nello stesso tempo scrive libri. Nel 2004 pubblica il suo primo romanzo per ragazzi aggiudicandosi, dopo qualche anno il "Premio Andersen". In questo modo è passato dallo stato di veterinario con l'hobby della scrittura a scrittore per ragazzi che ama gli animali. IL LIBRO Sherlock Holmes è misteriosamente scomparso, in prossimità di pericolose cascate in Svizzera, lo si crede morto ma non è stato trovato il suo corpo. David Pip e Calum Traddles sono due orfani costretti a vivere in un orrido orfanotrofio, maltrattati dalla terribile direttrice che tratta male tutti i ragazzi. David è molto intelligente, a lui non sfugge niente, fa del metodo deduttivo la chiave di soluzione di ogni problema. Per questo motivo è da sempre convinto di essere il figlio segreto di Sherlock Holmes. Ecco perché i due ragazzi fuggono dal collegio, per ritrovare l'investigatore e svelare il mistero della sua scomparsa. Nel loro viaggio per l'Europa incontreranno oltre al fedele compagno di Scherlock Holmes Watson, molti personaggi provenienti da testi letterari e celebri romanzi come: I tre uomini in barca di Jerome K. Jerome, Hercule Poirot, Dracula, Frankenstein, Mister Hide, Heidi e Peter, ecc. Alla fine si saprà cosa veramente è accaduto.

16 Io, GIANMARCO, ho scelto Ho scelto questo libro perché lo trovo molto bello, divertente (è uno dei pochi libri della biblioteca che ho trovato interessante) ed è scritto molto bene. Sono sicuro che piacerà a molti!

17 L’AUTORE Roberto Perrone è un giornalista e scrittore italiano nato a Rapallo il 14 marzo Nel 1981 viene assunto al Giornale e si trasferisce a Milano. Dal 1989 lavora alla redazione sportiva del Corriere della Sera dove si occupa di calcio, tennis, nuoto. Per il Corriere ha seguito tutti i più importanti avvenimenti sportivi dell'ultimo decennio: le Olimpiadi, i Mondiali di calcio, i grandi tornei di tennis. E’ autore di romanzi, racconti, opere per ragazzi e libri di ricette per tifosi di calcio. IL LIBRO Pierpaolo Aldrighi-Ferretti, tredici anni, rampollo un po' sovrappeso della Milano bene, viene spedito a giocare a calcio per dimagrire e farsi nuovi amici. Il bordo campo della Filippo Matrone F.C., società con un passato illustre, si rivela gremito di genitori ambiziosi che vedono nei loro figli potenziali campioni. Ma a Pierpaolo non importa: scopre di essere un giocatore accettabile, capisce che cosa vuol dire lavorare in squadra e, soprattutto, fa amicizia con Nino detto Foglia Morta, ragazzino di periferia, l'unico in squadra a possedere un vero talento...

18 Io, CHIARA, ho scelto Ho scelto questo libro perché ha un linguaggio scorrevole e si legge con scioltezza. La storia è divertente ma allo stesso tempo ti fa venir voglia di arrivare all'ultima pagina per scoprire che fine faranno i bambini che verranno ''squalificati'', chi resterà in possesso della fabbrica e cosa ne farà.

19 L’AUTORE Roald Dahl è nato in Inghiltera nel 1916 e qui è morto nel 1990.E ’ stato uno scrittore e aviatore britannico conosciuto soprattutto per i suoi romanzi per l'infanzia, come ad esempio questo. I genitori di Dahl erano norvegesi ma si sono ''trasferiti'' in Inghilterra per motivi economici. Alla morte del padre, la madre di Dahl decide di restare a vivere in Inghilterra perché il marito desiderava che i figli frequentassero scuole inglesi. L'infanzia è segnata dalla severità e dall'educazione data nei collegi frequentati, ma anche dalla gioia della famiglia ed è raccontata dall'autore stesso nel libro Boy. IL LIBRO Racconta di un bambino, Charlie, che, grazie a un biglietto d'oro trovato in una tavoletta di cioccolato Wonka, visita la fabbrica di cioccolato. ''Chi troverà uno dei cinque biglietti d'oro nelle tavolette di cioccolato riceverà una provvista di dolciumi bastante per tutto il resto della sua vita e potrà visitare l'interno della fabbrica, mentre solo un fortunato tra i cinque ne diventerà il padrone'' diceva l'avviso mandato per tutto il mondo dalla fabbrica Wonka. I primi vincitori furono: Agustus Gloop, poi ci furono Veruca Salt, Violetta Beauregarde e Mike Tivù. L'ultimo biglietto lo trovò, ovviamente, Charlie. Il giorno della visita arrivò... Chi sarà il futuro possessore della Fabbrica Wonka?

20 Io, MATTEO, ho scelto Ho scelto questo libro perché è molto bello, è del mio genere preferito ed è un libro pieno d'azione e avventura, un libro che consiglierei a tutti. Anche se il fantasy non è il vostro genere preferito ve lo consiglio vivamente e poi, a mio parere, è una delle migliori storie fantasy mai scritte.

21 L’AUTORE John Ronald Reuel Tolkien è nato a Bloemfontein, in Sudafrica il 3 gennaio 1892 è stato uno scrittore, filologo, glottoteta (colui che inventa fonetica, grammatica e vocaboli di una nuova lingua) e linguista britannico. Il suo nome è spesso abbreviato in J. R. R. Tolkien. Importante studioso della lingua anglosassone, è l'autore de Il Signore degli Anelli e di altre celebri opere riconosciute come pietre miliari del genere fantasy, quali Lo Hobbit e Il Silmarillion. IL LIBRO Lo Hobbit, sottotitolo “La riconquista del tesoro”, pubblicato per la prima volta nel 1937, è un libro di genere fantasy che parla dell’avventura di uno Hobbit: Bilbo Baggins e della compagnia dei tredici nani di Thorin Scudo di quercia che devono riconquistare la loro montagna (la montagna solitaria) che è protetta da un feroce drago sputa fuoco, il terribile Smaug. Ma Bilbo e i suoi compagni tra cui uno dei cinque stregoni, Gandalf il grigio, non ebbero la vita facile perché comunque durante il viaggio trovarono molti ostacoli.

22 Io, ANNA, ho scelto Ho scelto questo libro perché secondo me è bello e coinvolgente, soprattutto per coloro cui piace la danza. Amo la danza: quando ballo mi sento più libera e per questo mi riconosco un po’ in Robin che utilizza la danza per dimenticare i suoi problemi, anche se per fortuna io non ho una vita movimentata come la sua. Se volete conoscere Robin e Guido con tutto il loro mondo di sogni, problemi e desideri, se volete scoprire la danza come un modo di crescere vi invito a leggerlo.

23 L’AUTORE Paola Zannoner è nata nel 1961 e vive a Firenze. Prima di diventare scrittrice ha fatto molti mestieri come l’animatrice, la bibliotecaria, la giornalista, la redattrice editoriale. Ancora adesso tiene corsi e laboratori sulla lettura e le sue storie nascono spesso durante i viaggi per l’Italia. La sua produzione narrativa è consistente, diretta specialmente ai giovanissimi, e spazia nei diversi generi e temi. Ha anche pubblicato saggi, racconti, romanzi per adulti. Ha vinto molti premi tra cui quello di Miglior libro del 2000 per “Il vento di Santiago”, premio assegnato attraverso un sondaggio della rivista Liber. Anche “Dance”, il libro che ho scelto, ha ricevuto un premio. IL LIBRO La storia ci porta nel mondo di Robin, una tredicenne che vive con il padre ed il nonno. Robin è una ragazza ribelle, che si veste secondo i canoni Hip Pop e assomiglia più ad un maschiaccio che ad una ragazza. Non ha amicizie, se non tre ragazzi con i quali condivide, per strada, il piacere del ballo. Non ha neanche progetti. Tutto questo fino a quando il nonno non la porta ad una scuola di danza. E’ qui che, finalmente, sente di vivere la propria dimensione, di poter immaginare, sognare, esprimersi.

24 Ed è sempre qui che conosce Guido, un ragazzo che frequenta il corso di danza classica e che cerca come lei un’identità ricerca che è resa difficile da una madre invasiva che riversa su di lui le sue frustrazioni per non essere riuscita a diventare ballerina a sua volta. Tra i due nasce un’amicizia che è soprattutto condivisione. Parallelamente al loro cammino di crescita, c’è quello della madre di Robin, volontaria internazionale. Lei è americana ed era venuta in Italia giovanissima per sfuggire al disagio per una famiglia allargata che non le dava affetto. Nel nostro Paese aveva conosciuto Massimo e insieme avevano avuto Robin, ma poi lei si era sentita incapace di affrontare la responsabilità di essere madre.

25 Io, FABIO, ho scelto Ho scelto questo libro perché a me è piaciuto molto, quando l’ho letto mi è sembrato di essere il protagonista della storia, e, dopo aver letto le prime pagine, non riuscivo a fermarmi, continuavo a leggere per scoprire come finisse la storia. Vi invito a leggerlo e spero vi piaccia.

26 L’AUTORE Erik l’Homme è nato a Grenoble nel Con una laurea in storia in tasca, è partito alla conquista di paesi lontani, sulle tracce degli eroi delle sue letture. Questi viaggi lo hanno portato dalle montagne dell’ Asia centrale, sulle tracce dell’Uomo Selvaggio, fino alle Filippine,alla ricerca di un tesoro favoloso. Oggi dirige la rivista “Jeunes pour la Nature” e ha ricevuto il “Prix Jeunesse” nel festival internazionale della geografia del IL LIBRO Guillemot, tredicenne Apprendista Stregone iniziato alla magia dal Maestro Quadehar, è appena tornato da uno straordinario viaggio nel Mondo Incerto. Ma la vita tranquilla dura poco. Gli stregoni, infatti, hanno organizzato una spedizione contro l’Ombra, demoniaca creatura che minaccia la Terra d’Yskar, e, per ragioni di sicurezza, rinchiudono Guillemot nel monastero di Gifdu. Dopo una sfida a colpi di magia con il Signore di Sha,entrato clandestinamente nel monastero, Guillemot ritorna a casa. Ma l’avventura non è ancora finita: con i suoi amici viene rapito dai terribili Korriganche lo trascinano sottoterra.


Scaricare ppt "LIBRIAMOCI Giornate di letture nelle scuole LETTORI NON SI NASCE, SI DIVENTA."

Presentazioni simili


Annunci Google