La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

21-22 novembre 2014 Convegno ANZIANI: DIGNITA’, RISPETTO, DIRITTI I cardini della cura Integrazione di modelli nell’assitenza all’anziano: Human Caring.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "21-22 novembre 2014 Convegno ANZIANI: DIGNITA’, RISPETTO, DIRITTI I cardini della cura Integrazione di modelli nell’assitenza all’anziano: Human Caring."— Transcript della presentazione:

1 21-22 novembre 2014 Convegno ANZIANI: DIGNITA’, RISPETTO, DIRITTI I cardini della cura Integrazione di modelli nell’assitenza all’anziano: Human Caring e Cronic Care Model Dr. Walter Pellegrini Dr. Piercarlo Brunetti IPASVI CUNEO

2  Promuovere la sua salute  Valorizzare le sue capacità residue  Onorare le sue preferenze anche quando egli non è in grado di difenderle in prima persona  Misurare la proporzionalità di ogni trattamento assistenziale in merito ad efficacia e appropriatezza. "Assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si realizza attraverso interventi specifici, autonomi e complementari di natura intellettuale, tecnico scientifica, gestionale, relazionale ed educativa" (art. 2 CD Infermiere 2009) Verso la persona anziana

3 L’infermieristica e le sue radici etiche e valoriali  Gesto di cura infermieristico come luogo di senso per chi lo effettua e per chi lo riceve; quando a ricevere tale gesto di cura è una persona fragile come l’anziano non è solo semplice strumento ma un linguaggio nel suo profondo significato ontologico ed epistemologico

4 Infermiere Prevenzione Cura Riabilitazione Radici dell’infermieristica Evoluzione della professione La scienza del caring Gesto di cura infermieristico Familiari e Volontari professionisti Assistito

5 Human Caring  Modello fondato su un paradigma etico finalizzato al prendersi cura della persona nella sua interezza e complessità, molto vicino alla visione steiniana Portare senso e significato al «fare quotidiano» BENESSERE DELL’OPERATORE BENESSERE DELLA PERSONA

6 Dr.ssa Jean Watson  Lo Human Caring è una filosofia dell’assistenza che si fonda sulla centralità della persona e che, pur nascendo in ambito infermieristico, si apre a tutte le professioni di aiuto alla persona.

7 I  Il cuore della teoria del Modello Human Caring sono i dieci carative factor. I carative factor (care-active: prendersi cura) sono quei fattori che gli infermieri utilizzano nel prendersi cura della salute di un paziente. Questi fattori sono sviluppati dalla filosofia umanistica che è il nucleo centrale del prendersi cura di un altro essere umano e che pone le sue fondamenta su una base scientifica con un forte riconoscimento delle forze esistenziali fenomenologiche. Caring moment caring consciousness

8 PERSONA “C’è un dolore della carne e un dolore dell’anima” Luigina Mortari Valorizzazione non solo delle competenze cliniche ma anche e soprattutto di quelle di caring definite da Benner come “attività complesse che richiedono pensiero, sentimento e azione”

9 CARING AND LOVE

10 DAI CARATIVE FACTOR AI PROCESSI CARITAS Dal carative factor: sistema di valori umanistico-altruistico, al processo caritas: coltivare la pratica della gentilezza amorevole. Dal carative factor: instillare fede e speranza, al processo caritas : essere autenticamente presente, abilitare, sostenere, onorare la fede, la speranza, il sistema di credenza profonda e la vita del mondo interiore di sé/dell’altro. Dal carative factor: coltivare la sensibilità verso se stessi e gli altri, al processo caritas: coltivare le proprie pratiche spirituali e l’io-transpersonale, andando oltre l’io-Ego. Dal carative factor: sviluppare un rapporto di aiuto-fiducia, al processo caritas: sviluppare e sostenere un rapporto di aiuto-fiducia assistenziale. Dal carative factor: promozione e accettazione della manifestazione di sentimenti positivi e negativi, al processo caritas: essere presenti e sostenere l’espressione di sentimenti positivi e negativi. Dal carative factor: uso sistematico del metodo scientifico del problem solving per la presa di decisioni, al processo caritas: uso creativo di sé e di tutti i modi di conoscere come parte del processo di assistenza; impegnarsi nell’arte dell’assistenza inermieristica caritas. Riconsiderare la pratica basata su prove di efficacia. Una prospettiva filosofica per la scienza assistenziale: i processi caritas. La documentazione assistenziale. Dal carative factor: promuovere l’insegnamento e l’apprendimento interpersonale, al processo caritas: coinvolgersi in un’esperienza genuina di insegnamento-apprendimento che presti attenzione all’unità dell’essere e al significato soggettivo, cercando di rimanere entro il sistema di riferimento dell’altro. Dal carative factor: intervenire sull’ambiente in modo che sostenga, protegga e/o corregga dal punto di vista mentale, fisico, sociale e spirituale, al processo caritas: creare un ambiente che guarisca a tutti i livelli: confort, sicurezza, privacy, dignità umana, ambienti puliti ed estetici, livelli ampliati di concettualizzazioni sull’ambiente. Ciò che risiede nei nostri cuori è importante per creare un ambiente di caritas, il modello di campo ambientale della caritas. Dal carative factor: aiutare nel soddisfacimento dei bisogni umani, al processo caritas: dispensare gli atti sacri infermieristici di assistenza-guarigione prendendosi cura dei bisogni umani fondamentali. Dal carative factor: tener conto delle forze esistenziali-fenomenologiche, al processo caritas: aprirsi ed occuparsi delle incognite spirituali/misteriose ed esistenziali della vita e della morte. L’infermiere caritas evoluto.

11 Sacred act  Presa in carico finalizzata ad aiutare la persona a raggiungere un maggiore livello di armonia nell’insieme mente, corpo e spirito.  Obiettivo del modello Human Caring è la crescita, la consapevolezza, l’evoluzione mentale, affettiva e spirituale di sé e degli altri. ATTENZIONE TRASCENDENZA AMORE LOVING- KINDNESS COMPASSION FIDUCIA-SPERANZA BENEVOLENZA

12 “non siamo solo esseri fisici che hanno esperienza spirituale, siamo piuttosto esseri spirituali che hanno un’esperienza fisica”. Teilhard de Chardin

13 Lavorare con e per la persona anziana, al di là del modello concettuale utilizzato, è prima di tutto un incontro e un approfondimento con la nostra vita e con quella delle persone che assistiamo, trovandoci in uno spazio sacro raggiungendo il mistero della vita stessa, che dimora nello spazio dell’infinito.

14 PERSONA ANZIANA “ L’assistenza infermieristica è servizio alla persona (..) Si realizza attraverso interventi specifici di natura intellettuale (..) relazionale ed educativa” Art. 2 Codice Deontologico dell’Infermiere 2009 “L’infermiere orienta la sua azione al bene dell’assistito (..) sostenendolo nel raggiungimento della maggiore autonomia possibile, in particolare quando vi sia disabilità, svantaggio, fragilità Art. 7 Codice Deontologico dell’Infermiere 2009 “riconoscendo l’importanza del conforto ambientale, fisico, psicologico, relazionale e spirituale”

15 “osservate le stelle quanto più spesso potete. Se avete il cuore gonfio di tristezza, osservate le stelle o di giorno, il cielo azzurro. Se siete turbati, se vi offendono, se qualcosa non vi riesce, se nella vostra anima infuria una tempesta, uscite all’aperto e rimanete soli con il cielo. Allora la vostra anima troverà la pace”. Anselm Grun

16 “ Io ho scritto per te ardue sentenze, ho scritto per te tutto il mio declino; ora mi anniento, e niente può salvare la mia voce devota; solo un canto può trasparirmi adesso dalla pelle ed è un canto d’amore che matura questa mia eternità senza confini” Alda Merini

17 HUMAN CARING CRONIC CARE MODEL


Scaricare ppt "21-22 novembre 2014 Convegno ANZIANI: DIGNITA’, RISPETTO, DIRITTI I cardini della cura Integrazione di modelli nell’assitenza all’anziano: Human Caring."

Presentazioni simili


Annunci Google