La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Amore e mutuo sostegno Corso sul Matrimonio Lezione 3.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Amore e mutuo sostegno Corso sul Matrimonio Lezione 3."— Transcript della presentazione:

1 Amore e mutuo sostegno Corso sul Matrimonio Lezione 3

2 I beni del matrimonio Tutti questi, dice SantAgostino, sono i beni per i quali le nozze sono buone : –La prole : in vista di essa i coniugi sono chiamati a una speciale partecipazione allamore e al potere di Dio creatore –La fede, cioè la vicendevole fedeltà che unisce luomo e la donna in una comunità di vita fedele che protegge lamore reciproco e rende fiduciosa e stabile la comunione interpersonale –Il sacramento, che designa lindissolubilità del vincolo e lo eleva a segno efficace della grazia inserendolo nel mistero dellunione sponsale di Cristo con la Chiesa

3 I fini del matrimonio Nella dottrina di San Tommaso si distinguono due fini del matrimonio, uno principale ed uno secondario: –La procreazione ed educazione dei figli –Il mutuo aiuto o bene dei coniugi La Gaudium et spes riprende questa dottrina, compresa la dipendenza del secondo dal primo, in base alla quale viene anche intesa l inseparabilità tra il fine unitivo ed il fine procreativo dellatto coniugale (inoltre nel bene dei coniugi si deve intendere in modo positivo anche il rimedio alla concupiscenza)

4 Prospettiva personalista Poiché, secondo il disegno divino, [la famiglia] è costituita quale intima comunità di vita e di amore, [in una prospettiva che giunga alle radici della realtà] i compiti della famiglia sono ultimamente definiti dallamore. Per questo la famiglia riceve la missione di custodire, rivelare e comunicare lamore quale riflesso vivo e reale partecipazione dellamore di Dio per lumanità [e di Cristo per la Chiesa] (FC, 17) In tal senso [sono indicati] quattro compiti generali: 1.La formazione di una comunità di persone 2.Il servizio alla vita 3.La partecipazione allo sviluppo della società 4.La partecipazione alla vita e alla missione della Chiesa (FC, 17)

5 Il bene degli sposi La dedizione generosa al bene e alla felicità dellaltro sprigiona le più nobili energie della persona che trova nel dono di sé la sua perfezione, potenziata dalla reciprocità da parte del coniuge La comune opera di costruire quotidianamente la vita familiare in tutti i suoi aspetti, da quelli esterni e materiali a quelli affettivi e di comunione, accresce le qualità dei coniugi, che si cimentano nelle virtù umane e sopranna- turali e si arricchiscono reciprocamente negli aspetti intellettuali e spirituali In tale compito comune spicca la cura ed educazione dei figli, che arreca un gran bene ai figli, ma anche a loro stessi

6 Moralità dellatto coniugale Gli atti coi quali i coniugi si uniscono in casta intimità ( intime et caste ) sono onorevoli e degni, e, compiuti in modo veramente umano, favoriscono la mutua donazione che essi significano e arricchiscono vicendevolmente in gioiosa gratitudine gli sposi stessi (GS, 49) La sessualità […] non è affatto qualcosa di puramente biologico, ma riguarda lintimo nucleo della persona umana come tale. Essa si realizza in modo veramente umano, solo se è parte integrante dellamore con cui luomo e la donna si impegnano totalmente luno verso laltra fino alla morte. La donazione fisica totale sarebbe menzogna, se non fosse segno e frutto della donazione personale totale (FC, 11)

7 Diritto e dovere dellatto coniugale Latto coniugale è espressione dellamore e deve essere motivato dallamore; ma anche lamore, in virtù del patto coniugale, da gratuito diventa dovuto e pari- menti lo diventano determinate azioni appartenenti alla convivenza coniugale L obbligo di rendere il debito coniugale è grave a patto che la richiesta del coniuge sia ragionevole : non lo sarebbe se contraccettiva o in stato di ubriachezza Il fatto che non vi sia il proposito di generare o che non vi si pensi nel momento dellatto coniugale non impedisce che esso sia conforme al disegno di Dio

8 La fedeltà coniugale Dopo il matrimonio, lamore da dono reciproco gratuito diviene anche un preciso obbligo morale di giustizia che richiede la fedeltà verso laltro coniuge Non è sufficiente lesclusione delladulterio, la fedeltà richiede un impegno costante di crescita e maturazio- ne dellamore attraverso le giuste manifestazioni di affetto e di attenzione nella vita quotidiana, superando le insidie dellegoismo

9 Laiuto mutuo degli sposi Dal matrimonio deriva lobbligo reciproco alla fedeltà, all assistenza morale e materiale, alla collaborazione nellinteresse della famiglia e alla coabitazione. Entrambi i coniugi sono tenuti, ciascuno in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale o casalingo, a contribuire ai bisogni della famiglia (Art.143 del Codice Civile italiano)


Scaricare ppt "Amore e mutuo sostegno Corso sul Matrimonio Lezione 3."

Presentazioni simili


Annunci Google