La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Psicologia I.E.D.P.E., Comitato locale di Palermo Working Team : G. Perricone, C. Polizzi, M.R. Morales.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Psicologia I.E.D.P.E., Comitato locale di Palermo Working Team : G. Perricone, C. Polizzi, M.R. Morales."— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Psicologia I.E.D.P.E., Comitato locale di Palermo Working Team : G. Perricone, C. Polizzi, M.R. Morales G. Perricone

2 l’implicito del “domiciliare” accoglienza È l’implicito del “domiciliare” che rende questo tipo di istruzione speculare all’accoglienza Entrambe sono due forme di relazione di aiuto e si fondano sull’implicito del domiciliare Supporto Protezione Assessment Mediazione

3 INTERSEZIONERELAZIONALE tra i tre sistemi coinvolti, come sistemi di sofferenza CONDIZIONE DI STRESS che deriva dallo spazio di intersezione APPROCCIOTRIDIMENSIONALE Prende in carico lo spazio di intersezione relazionale tra i tre sistemi * ESPERIENZA DI CRISI EVOLUTIVA NON NORMATIVA RELAZIONE D’AIUTO Mediazione Supporto Protezione Assessment SPAZIO FISICO: la casa che contestualizza la relazione ** CREARE UNA CONDIZIONE DI BENESSERE che non è solo propedeutico ma trasversale all’istruzione domiciliare e in tal senso ne diventa la configurazione stessa

4 OFFRE UNA SERIE DI POSSIBILITA’ CHE VEICOLANO DIVERSI SIGNIFICATI E CONTESTUALIZZANO LA TIPOLOGIA E LA FISIONOMIA DELLA RELAZIONE

5 A CONTENUTO Nel senso che i messaggi che la casa veicola orientano le letture e le percezioni che ognuno ha dello spazio e della relazione sia dal punto di vista cognitivo che affettivo A CONTENUTO Nel senso che i messaggi che la casa veicola orientano le letture e le percezioni che ognuno ha dello spazio e della relazione sia dal punto di vista cognitivo che affettivo DA CONTENITORE spazio di intersezione che veicola diverse possibilità che contestualizzano l’accoglienza DA CONTENITORE spazio di intersezione che veicola diverse possibilità che contestualizzano l’accoglienza

6 I contenuti definiscono a loro volta la tipologia dell’istruzione domiciliare SPAZIO DEL QUOTIDIANO SPAZIO DELL’OSPITALITA’ SPAZIO ISTITUZIONALE- FORMALE

7 L’istruzione domiciliare/Accoglienza: Un’esperienza di crisi evolutiva non normativa L’istruzione domiciliare/Accoglienza: Un’esperienza di crisi evolutiva non normativa Per il minore Per la famiglia Per l’operatore Modello di intervento fondato su: Percorso a tre fasi integrate

8 Destrutturazione della condizione di rischio MINORE Rischio Rischio: Considerare l’istruzione come spazio altro rispetto alla quotidianità Ipervalorizzazione del ruolo istituzionale dell’operatore Elementi impliciti Elementi impliciti: Senso di intrusione, violazione dello spazio di vita paura della perdita di costruire legami altri che come quelli dell’ospedalizzazione si interrompono

9 FAMIGLIA OPERATORE Rischio Rischio: Delega Barriera difensiva Elementi impliciti Elementi impliciti: Senso di intrusione, violazione dello spazio di vita Insicurezza, scarso senso di autostima Rifiuto dell’altro? Rischio Rischio: Polarizzazione sul ruolo tecnico professionale Polarizzazione sul ruolo di caregiver Elementi impliciti Elementi impliciti: Difficoltà a integrare parti di sé, ruoli e funzioni diverse Paura della perdita di un legame che si potrà sviluppare Destrutturazione della condizione di rischio

10 Gestione della crisi (compiti evolutivi) MINORE Compito evolutivo Compito evolutivo: Prendere posto nell’accoglienza “Riconoscere posto” all’altro nella propria quotidianità FAMIGLIA OPERATORE Compito evolutivo Compito evolutivo: Ristrutturare il proprio spazio di vita quotidiana per dare posto all’altro Tollerare l’idea dell’assenza fisica dell’altro Compito evolutivo Compito evolutivo: Tollerare l’idea della conclusione dell’esperienza Convincersi che il valore della relazione permane al di là del qui ed ora

11 Sostegno alla ricerca delle risposte ai compiti evolutivi MINORE Ricerca e individuazione di spazi, contesti, situazioni in cui coinvolgere la famiglia nell’intervento Avviare una serie di situazioni in cui ci si promuove come supporto informativo, relazionale nella gestione del bambino FAMIGLIA OPERATORE Attivare supporto ludico, promuovendo situazioni che chiamano in causa spazi diversi dell’istruzione vera e propria Proporsi come supporto alla creazione di possibili collegamenti tra l’istruzione domiciliare e lo spazio/tempo altro Attivare momenti di metacognizione, supervisione e di counseling

12 LE CATEGORIE FONDANTI -Relazione d’aiuto -Rischio fisiologico -Approccio tridimensionale GLI ASSIOMI L’accoglienza: -Deve sviluppare benessere -È una condizione di rischio -È uno spazio di intersezione relazionale -Si identifica con l’istruzione domiciliare PAROLE CHIAVE -Aiuto -Stress -pluridimensionale

13 I CRITERI I PROCESSI VERIFICA E VALUTAZIONE Livelli e tipologie di fattori dello sviluppo, dei fattori della mediazione, supporto….. -Mediazione -Supporto -Protezione -Assessment Monitoraggio dello sviluppo dei fattori

14 AREASETTOREINDICATORE ESEMPLIFICAZIONE DI PATTERN COMPORTAMENTALI L’accoglienzaIl pattoLa Negoziazione e il reticolo dei suoi fattori:  garantire  riconoscere  donare  decentrarsi  attivare il bricolage dell’esperire quotidiano Lavorare su:  l’integrazione e il coinvolgimento della famiglia nel processo dell’istruzione domiciliare  l’integrazione e il coinvolgimento dell’operatore nel processo della quotidianità familiare  la condivisione  l’assessment

15 Le aspettative Le rappresentazioni e percezioni I modelli La contestualizzazione dell’istruzione domiciliare nella dinamica familiare Il progetto dell’istruzione domiciliare la narrazione l’osservazione la progettazione in una prospettiva “concertativa”

16 L’insegnante comincia a narrarsi: la presentazione telefonica, telematica, ecc.. Es. “sono Valeria, l’insegnante che deve venire da voi per occuparsi di Mario. Come vi raggiungo? E ora posso parlare con Mario? …senti Mario, sono… vuoi che porti qualcosa in particolare per lavorare insieme?” L’intervista narrativa realizzata contemporaneamente per il minore e per la famiglia Es. “sempre, quando all’interno di una famiglia si inserisce una persona che non ne ha mai fatto parte, ci aspettiamo delle cose… proviamo a dire che cosa ci aspettiamo dall’insegnante che arriva a casa per l’istruzione domiciliare”

17 I diari per il monitoraggio del percorso Per l’operatore: il diario di bordo Per la famiglia: il diario Per il minore: il diario di bordo I diari per il monitoraggio del percorso Per l’operatore: il diario di bordo Per la famiglia: il diario Per il minore: il diario di bordo Es. “proverò ad individuare le difficoltà incontrate oggi…, durante…” Es. “proviamo signora a ricordarci via via del percorso che faremo” Es. “Mario, vogliamo provare a raccontare ciò che via via faremo”

18 Per la costruzione del progetto concertativo: Stabilire attraverso i diversi incontri gli elementi del progetto dell’istruzione domiciliare, fornendo inizialmente grandi aree di riferimento (contenuti, modalità, finalità, condizioni di fattibilità) Per la costruzione del progetto concertativo: Stabilire attraverso i diversi incontri gli elementi del progetto dell’istruzione domiciliare, fornendo inizialmente grandi aree di riferimento (contenuti, modalità, finalità, condizioni di fattibilità) Es. “proviamo insieme ad individuare ciò che ci piacerà apprendere, approfondire… e magari pensiamo anche a come potremo farlo e in quale spazio della casa…; la mamma la vogliamo mandare ad occuparsi delle sue cose o la facciamo lavorare con noi, sempre, a volte?” …… Ma questo lo possiamo fare,tu che dici…?”

19 Un adattamento di laboratori che prevedono il ruolo dell’insegnante in una logica pluridimensionale che lo porta a condurre il “gioco” ma ad essere anche uno dei giocatori

20 …. del per e non per l’operatore esperienziale …fondata sul percorso dai bisogni espliciti a quelli impliciti ….mista: FAD-presenza … per la lettura dell’esperienza e delle difficoltà … narrazione … modelli, tecniche e procedure … osservazione


Scaricare ppt "Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Psicologia I.E.D.P.E., Comitato locale di Palermo Working Team : G. Perricone, C. Polizzi, M.R. Morales."

Presentazioni simili


Annunci Google