La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

O RIGINE ED E VOLUZIONE DEL L INGUAGGIO NELL ’U OMO Viaggio nella comunicazione umana Tesi di Laurea di Nadine Zara C ORSO DI L AUREA IN C OMUNICAZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "O RIGINE ED E VOLUZIONE DEL L INGUAGGIO NELL ’U OMO Viaggio nella comunicazione umana Tesi di Laurea di Nadine Zara C ORSO DI L AUREA IN C OMUNICAZIONE."— Transcript della presentazione:

1 O RIGINE ED E VOLUZIONE DEL L INGUAGGIO NELL ’U OMO Viaggio nella comunicazione umana Tesi di Laurea di Nadine Zara C ORSO DI L AUREA IN C OMUNICAZIONE I NTERCULTURALE M ULTIMEDIALE Relatore prof: Maria Inglisa Correlatore prof: Gianluca Mainino Anno accademico 2009/2010

2 Introduzione Filogenesi Ontogenesi Premesse Nella specie umana Dal neonato all’adulto La comunicazione degli animali Pidgin e lingue creole

3 La Comunicazione degli AnimaliChimica Diffusione di feromoni. Segnali precisi e informazioni dettagliate. Modificazioni comportamentali.Tattile Contatto fisico. Rilevanza nelle relazioni sociali. Grooming.Visiva Mimico facciale. Identificazione specie e status sociale. Cambiati rapidamente per ogni situazione.Api Molto distanti da noi ma comunicazione molto avanzata Danze delle api cercatrici, comunicano la posizione del cibo. Angolazione e movimenti precisi, regole stabilite. Delfini e Balene Canzoni formate da temi melodici. Fino a 10. Apprendimento istintivo e una certa regolarità. Insegnamento: molto limitato. Uccelli Trasmettono diversi messaggi: Policantori, a seconda del territorio. Regole precise, improvvisazione, possibilità di astrazione (felicità, pericolo), buon apprendimento di vocaboli (Pappagalli )

4 P RIMATI NON U MANI Cercopitechi verdi. A scimpanzé e gorilla è stato insegnato a comunicare con l’uomo attraverso sistemi di comunicazione gestuale e simbolica. Casi: Capacità di astrazione simbolica. AMBIENTE 3 segnali Aquila Serpente Leopardo Viky, scimpanzé, adottato dalla famiglia di uno psicologo, cresciuto insieme alla figlia Uso e pronuncia di 4 vocaboli Kanzi, bonobo, in laboratorio. Grammatica semplice e 35 parole Numerosi scimpanzé comuni, all’Università di Kyoto Simboli geometrici, alcuni lessigrammi, distinguere vocali

5 Come mai non svilupparono il linguaggio articolato? Motivazioni fisiche (spostamento della laringe, capacità uditive di discriminazione, e conformazione celebrale) Mancanza dell’infrastruttura per la comunicazione cooperativa. Gestualità Movimenti d’intenzione Primo passo di un’intera sequenza. Si fissa nell’ontogenesi. Braccio-in-alto, Tocca-schiena Richiami d’attenzione Comunicazione esclusiva di alcuni primati, intenzione sociale di gioco o allotoelettatura. Schiaffo-in-terra, Tirare-roba, Offrire-schiena Preambolo della comunicazione referenziale. FINI ESCLUSIVAMENTE INDIVIDUALISTICI

6 P IDGIN E L INGUE C REOLE PidginPidgin : sistemi di comunicazione improvvisati in condizioni di plurilinguismo e mutua incomprensibilità. Non ancora vero e proprio linguaggio. Sequenze spezzate di parole (nomi, verbi, aggettivi) Lingue creoleLingue creole : nascite. Bambini esposti alla comunicazione pidgin. LE NUOVE GENERAZIONI GRAMMATICALIZZANO IL PIDGIN!!! Noi nasciamo con un Grammatica Universale già “installata” nel cervello. Grammatica Universale Noam Chomsky

7 F ILOGENESI Comparsa del linguaggio nella specie umana SPOSTAMENTO DELLA LARINGE VERSO IL BASSO AUMENTO DRASTICO DEL VOLUME DEL CERVELLO anni fa. Grande camera vocale = aumenta la capacità di modulare i suoni. Struttura laringe, muscoli e lingua = controllo preciso dei suoni emessi. AREA di BROCA. Coordinazione nervi di: bocca, lingua, palato molle, corde vocali e faringe. Neuroni specchio. AREA di WERNIKE. Comprensione del linguaggio, ideazione di discorsi e battute. AMBIENTE E SOCIALIZZAZIONE / ANNI FA COMPARSA DEL LINGUAGGIO!!!

8 C OMPARSA DEL L INGUAGGIO “Il balzo in avanti per l’umanità!” EVOLUZIONE GENETICA E BIOLOGICA EVOLUZIONE CULTURALE CONOSCENZE CIRCOLANO VELOCEMENT E SPECIE DOMINANTE CONDIVISIONE DELLE IDEE

9 Modello di Comunicazione Cooperativa Umana Ipotesi elaborata da Michael Tomasello e sostenuta da altri studiosi che appoggiano l’evolversi del linguaggio a partire dalla comunicazione gestuale. INFRASTRUTTURA COGNITIVAINFRASTRUTTURA COGNITIVA : “intenzionalità condivisa”, fini ed intenzioni congiunte, conoscenza comune e credenze condivise. Mutua collaborazione. M OTIVAZIONI intenzionalità condivisa RICHIEDERE RICHIEDERE : Indurre un altro individuo a fare qualcosa che serve a noi. Presente nei primati in modo esclusivamente imperativo. INFORMARE: Offrire aiuto attraverso informazioni utili. Anche in assenza di vantaggi personali. CONDIVIDERE: Creare legami sociali espandendo il territorio comune. Motivazione esclusivamente sociale.

10 O NTOGENESI Basi Genetiche del Linguaggio IL GENE FOXP2 “Il gene del Linguaggio” Scoperto nel 2001 da: U NIVERSITÀ DI O XFORD (Gran Bretagna) I STITUTO DI A NTROPOLOGIA E VOLUZIONISTICA DI L EIPZIG (Germania) Studi effettuati su una famiglia inglese che presentava un disturbo raro e apparentemente ereditario Presente anche in alcuni animali. Nell’uomo ha avuto però una mutazione genetica introno a mila anni fa. Il linguaggio è una predisposizione genetica che si perde in un determinato momento dello sviluppo! GENIE trovata nel 1970 a Los Angeles dopo 13 anni di cattività. VICTOR “il ragazzo selvaggio di Aveyron”, ritrovato nel 1797, cresciuto nei boschi come un animale selvatico.

11 Fase Prelinguistica La comunicazione in realtà è un processo che si evolve sin dalla nascita! IMITAZIONE Neuroni mirror Riconoscimento sé-altro Meltzoff (1994) Imitazione in differita, sino a 24 ore di distanza. Rappresentazione mentale astratta preesistente del corpo umano. Interagire e imitare PROTOCONVERSAZIONI Scambi di sorrisi e vocalizzi prolungati. Intersoggettività innata Attenzione e intenzionalità. Abilità di condividere e partecipare a pensieri e sentimenti altrui

12 Cosa percepisce un neonato… C OME ARRIVA AL LINGUAGGIO ? Percezione dei suoniPercezione dei suoni (in particolare il linguaggio materno) già in fase fetale, riconosce la propria lingua alla nascita. sillaba (non fonema). ATOMO UNIVERSALE DELLA PERCEZIONE DELLA PAROLE. UNIONE OPPOSTI.Nel “bagno di linguaggio” e nel continuum linguistico sa riconoscere la sillaba (non fonema). ATOMO UNIVERSALE DELLA PERCEZIONE DELLA PAROLE. UNIONE OPPOSTI.

13 Uso del linguaggio radici profonde nella nostra vita psicologica Le parole, le frasi, la lingua parlata abitualmente hanno radici profonde nella nostra vita psicologica e nella nostra costituzione fisica (De Mauro, 2002) Il linguaggio possiede un grandissimo potenziale. La formazione in ambito di comunicazione è già affermata a livello aziendale ma sarebbe altrettanto utile e necessario portarla a livello individuale! Nasce negli anni ’70 dall’incontro tra Richard Bandler e John Grinder TRAE ISPIRAZIONE DA: Gestalt, psicologia, ipnoterapia, semantica generale (Korybsky), psicologia cognitiva (Miller, Galanter e Pribram), scuola semantico-relazionale Palo Alto e Grammatica Trasformazionale (Chomsky) Come comunichiamo ai nostri figli? Come comunichiamo con gli altri? Che parole usiamo con noi stessi? “Sei uno stupido! Quel vaso costava tantissimo!” “Questo è un comportamento da stupido, tu sei un bambino intelligente e un bambino intelligente come si comporta?” Distacco tra persona e comportamento AFFERMAZIONE POSITIVA Domanda potenziante AFFERMAZIONE NEGATIVA Nessuna spinta al miglioramento!

14 C ONCLUSIONI L A SEPARAZIONE NON CONDUCE L ’ UMANITÀ AL VERO PROGRESSO L A SEPARAZIONE NON CONDUCE L ’ UMANITÀ AL VERO PROGRESSO. NELLA SPECIE UMANA Danni causati dal distacco e dalla superiorità auto-attribuitasi dall’uomo rispetto all’animale ed al pianeta Terra. Danni causati dalla separazione corpo-mente nelle cure mediche Eventi e fenomeni di separazione che hanno causato sofferenza NELL’ INDIVIDUO Jung e la teoria del sé-ombra, dualità bene male, danni alla personalità causati dalla negazione e repressione del male. Grande balzo in avanti nel passatoImportante strumento per nuovo miglioramento CORRETTA E DIFFUSA EDUCAZIONE NELLA COMUNICAZIONE Miglioramento dell’individuo e della società Imparare dalle origini Mutua collaborazione altruismo Partecipazione agli stati mentali ed ai sentimenti altrui

15 GRAZIE PER L’ATTENZIONE PLEASE WAKE UP ONE VOICE CAN MAKE A DIFFERENCE A MILLION CAN CHANGE THE WORLD Nadine Zara


Scaricare ppt "O RIGINE ED E VOLUZIONE DEL L INGUAGGIO NELL ’U OMO Viaggio nella comunicazione umana Tesi di Laurea di Nadine Zara C ORSO DI L AUREA IN C OMUNICAZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google