La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INFORMAZIONI PER LE GESTANTI Diagnosi prenatale informazioni per le gestanti 1 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INFORMAZIONI PER LE GESTANTI Diagnosi prenatale informazioni per le gestanti 1 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio."— Transcript della presentazione:

1 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI Diagnosi prenatale informazioni per le gestanti 1 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio

2 Gentile Signora in questo opuscolo Le verranno date le informazioni sugli esami che possono essere effettuati per stabilire le condizioni di salute del suo bambino e la normale evoluzione della gravidanza. Queste informazioni le saranno utili per comprendere il motivo per cui è consigliabile eseguire gli esami e per spiegarle quali sono le possibilità di scoprire eventuali malattie che possono presentarsi nel corso della gravidanza. Verranno date le risposte a quelle che sono le domande più frequenti sulle indagini prenatali. 2 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI

3 Definizioni Per comprendere le informazioni riportate sotto è bene dare delle precise definizioni. 3 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI

4 L’epoca di gestazione indica quante settimane sono trascorse dall’inizio della gravidanza e viene calcolata cominciando a contare dal primo giorno in cui è comparso l’ultimo flusso mestruale. 4 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI

5 5 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La durata della gravidanza normale è di 40 settimane per cui il termine di gravidanza viene stabilito a 280 giorni (7 giorni X 40 settimane =280 giorni) dopo il primo giorno dell’ultimo flusso mestruale. INFORMAZIONI PER LE GESTANTI

6 6 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La settimana di gravidanza in cui si trova in un particolare periodo può quindi essere calcolata contando le settimane che sono trascorse dal primo giorno dell’ultimo flusso mestruale. INFORMAZIONI PER LE GESTANTI

7 7 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Per primo trimestre si intende il periodo della gravidanza fino a 13 settimane e 6 giorni. INFORMAZIONI PER LE GESTANTI

8 8 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Per secondo trimestre si intende il periodo di età gestazionale compreso tra 14 settimane compiute (pari a 14 settimane e 0 giorni) e 26 settimane compiute (pari a 26 settimane e 0 giorni). INFORMAZIONI PER LE GESTANTI

9 9 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Per terzo trimestre si intende il periodo di età gestazionale compreso tra 26 settimane compiute (pari a 26 settimane e 0 giorni) e il termine della gravidanza cioè 40 settimane. INFORMAZIONI PER LE GESTANTI

10 Il prodotto del concepimento è il vostro bambino durante la vita intrauterina. 10 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Cos’è il prodotto del concepimento? INFORMAZIONI PER LE GESTANTI

11 La camera gestazionale è la struttura entro cui si sviluppa il prodotto del concepimento ossia il bambino all’interno dell’utero. 11 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Cos’è la camera gestazionale? INFORMAZIONI PER LE GESTANTI

12 Si definisce “embrione” il prodotto del concepimento fino a 10 settimane compiute (pari a 10 settimane e 0 giorni di età gestazionale). 12 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Cos’è l’“embrione”? Embrione visto al microscopio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI

13 Si definisce “feto” il prodotto del concepimento da 10 settimane e 1 giorno in poi sino al termine della gravidanza. 13 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Cos’è il “feto”? INFORMAZIONI PER LE GESTANTI

14 Si definisce neonato il feto appena partorito. 14 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Cos’è un neonato? INFORMAZIONI PER LE GESTANTI

15 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE 15 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Consulenza preconcezionale

16 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE Se avete preso la fatidica decisione di intraprendere una gravidanza, prima di procedere sarebbe meglio eseguire una consulenza preconcezionale Ci sono, infatti, condizioni o malattie che, se non conosciute, prevenute o trattate, potrebbero creare alcuni problemi in gravidanza 16 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio

17 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE Durante questa visita il medico raccoglie una dettagliata storia medica e quella della sua famiglia (anamnesi personale e familiare). Potranno essere evidenziate condizioni o malattie in cui la gravidanza è rischiosa e necessita di trattamenti o accertamenti particolari. 17 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio

18 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE Fra le malattie che è bene individuare vi sono :  malattie materne renali  malattie cardiovascolari  malattie immunologiche  diabete,  epilessia,  sieropositivà per l'AIDS  malattie genetiche  aborti ripetuti. 18 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio

19 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE Verranno inoltre raccolte utili notizie relative allo stato di salute del suo partner. 19 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio

20 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE La futura mamma sarà sottoposta a un esame clinico completo e ad un Pap-test, per escludere che siano presenti problemi medici o ginecologi che potrebbero complicare la gravidanza o che dovrebbero essere risolti prima di iniziarla. 20 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Visita medica

21 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE Verranno richiesti alcuni esami 21 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio

22 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE Gruppo sanguigno e fattore Rh (anche del partner) 22 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Quali esami saranno richiesti?

23 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE TEST DELLA ROSOLIA Rubeo-test: se la donna non risulta immunizzata contro la rosolia potrà essere sottoposta alla vaccinazione ma nel caso venga vaccinata sarà consigliabile rimandare di almeno 3 mesi la gravidanza. 23 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Quali esami saranno richiesti?

24 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE Dosaggio degli Anticorpi anti Cytomegalovirus (Anticorpi antiCMV): anche se non esiste una vaccinazione per questa malattia, sarà meglio conoscere prima della gravidanza la situazione immunitaria. 24 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Quali esami saranno richiesti?

25 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE TEST DELLA TOXOPLASMOSI Toxotest: La toxoplasmosi è una malattia parassitaria che nel soggetto sano può manifestarsi con pochi o anche nessun sintomo, ma può essere pericolosa per il feto se contratta durante la gravidanza. 25 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Quali esami saranno richiesti?

26 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE Toxotest: E’ il test che serve a valutare se una donna è immunizzata verso il toxoplasma o invece può contrarre la malattia perché non è immunizzata. Nel caso non risulti immune sarà importante saperlo al fine di seguire delle precise norme per non contrarre la malattia durante la gestazione. (vedere anche nel capitolo degli esami In gravidanza). 26 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Quali esami saranno richiesti?

27 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE Emocromo e sideremia: Per evidenziare un'eventuale anemia che va corretta prima di iniziare la gravidanza. 27 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Quali esami saranno richiesti?

28 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE Test per l'HIV: (anche per il marito) ricerca del virus che causa l'AIDS. Questo test può essere fatto solo informando preventivamente la donna (consenso informato). E' utile eseguirlo perché la paziente sappia il rischio a cui va incontro se è sieropositiva, infatti il virus può passare attraverso la placenta. 28 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Quali esami saranno richiesti?

29 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE Test per l'HIV: Oggi esistono terapie che se attuate per tempo migliorano la prognosi sia della madre che del feto. 29 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Quali esami saranno richiesti?

30 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE Inoltre… Verranno forniti consigli sulle abitudini di vita con particolare riferimento a:  assunzione di farmaci  sulla limitazione di bevande alcoliche  l'abolizione del fumo. 30 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio

31 Alle pazienti obese è suggerita una riduzione del peso corporeo per diminuire il rischio di diabete e ipertensione gestazionale. 31 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

32 Verrà fornita una prima consulenza genetica e, nei casi più complicati, alla coppia potrà essere proposta una consulenza genetica effettuata da un medico specialista in malattie genetiche (genetista). 32 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

33 Se nella coppia o nella famiglia è presente una malattia genetica, il genetista darà informazioni sul rischio che corre il nascituro e sugli esami da fare prima o dopo il concepimento. 33 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

34 Quando l'età materna è superiore a 35 anni la donna verrà informata sugli esami di screening che potranno essere eseguiti per determinare il rischio di malattie cromosomiche (vedi capitolo) o su quelli che potranno essere effettuati per studiare i cromosomi del feto (amniocentesi, villocentesi). 34 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

35 Verrà prescritto un supplemento di acido folico (vitamina B9). 35 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

36 E', infatti, ormai ampiamente dimostrato che un'aggiunta di acido folico nel periodo immediatamente precedente la gravidanza e nei primi 3 mesi di gestazione riduce il rischio che il feto presenti difetti di chiusura del tubo neurale, cioè malformazioni della colonna vertebrale come la spina bifida e il mielomeningocele. 36 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

37 Visite mediche in gravidanza 37 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio In questo capitolo verranno indicati gli incontri con il medico da eseguire durante la gravidanza. INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

38 Il numero delle visite in gravidanza può variare, infatti se la gravidanza avrà un decorso normale il numero delle visite sarà ridotto a quelle indispensabili, ma se la gravidanza sarà complicata a causa della presenza di malattie già presenti prima della gravidanza o dalla presenza di situazioni di rischio per la madre o per il bambino, il numero delle visite dovrà essere adeguato alla situazione. 38 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Visite mediche in gravidanza INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

39 La maggior parte delle gravidanze si svolge senza complicazioni, solo una minima parte delle gravidanze, circa il 15%, può avere un decorso patologico. 39 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Visite mediche in gravidanza INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

40 In questo capitolo verranno indicati gli esami da eseguire durante una gravidanza fisiologica, gli eventuali altri esami che potranno essere necessari verranno discussi a parte. 40 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

41 Ogni incontro con il medico ha uno scopo ben preciso, ad ogni incontro saranno spiegati gli esami che sono consigliati e verranno date tutte le informazioni per comprenderne la loro utilità in modo da mettervi in condizione di poter decidere con serenità se sottoporvi o no a quelle indagini, valutandone l'importanza a seconda delle vostre convinzioni. 41 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

42 Ad ogni incontro potrete porre tutte le domande che voi considererete utili per prendere le vostre decisioni. 42 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

43 Nel caso la vostra gravidanza abbia un decorso anormale vi saranno consigliate ulteriori indagini, anche nel caso voi abbiate una gravidanza gemellare saranno consigliati degli esami supplementari. 43 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

44 Per alcuni esami a cui deciderete di sottoporvi vi sarà chiesto il cosiddetto “consenso informato”, dovrete cioè dare il vostro consenso, in forma scritta, ad essere sottoposta a quell’ esame, in particolare vi sarà chiesto il consenso per tutti gli esami considerati invasivi, come ad esempio il prelievo del liquido amniotico (Amniocentesi). 44 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

45 Se siete in attesa del vostro primo bambino, vi saranno consigliate circa dieci visite, nel caso invece abbiate già avuto dei bambini con gravidanze che si sono svolte normalmente, vi saranno consigliate circa sette visite. 45 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

46 Durante le visite potrete discutere di tutti i problemi che possono complicare il decorso della gravidanza come ad esempio una condizione in cui siete sottoposte a violenza domestica, abusi sessuali o condizioni di disagiata convivenza con persone affette da malattie mentali o che fanno abuso di droghe. Potrete essere aiutate con personale professionale per l’assistenza sociale. 46 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

47  Lo scopo delle visite durante la gravidanza è quello di controllare il vostro stato di salute e quello del vostro bambino.  Ogni visita ha uno scopo ben preciso, nelle prime visite vi saranno poste molte domande per permettere al medico di conoscere bene la vostra condizione di salute, di conseguenza le prime visite saranno più lunghe. 47 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

48 La prima visita 48 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La prima visita di controllo nella vostra gravidanza dovrebbe avvenire entro le 12 settimane di gestazione. INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

49 Durante la prima vi saranno esposti i programmi dei controlli da eseguire durante tutta la gravidanza in modo da poter organizzare i successivi appuntamenti secondo le vostre necessità. 49 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

50 Alla prima visita si misurerà  peso  altezza  pressione sanguigna Nel caso voi siate in sovrappeso potrà essere necessario eseguire ulteriori indagini. 50 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

51 Alla prima visita vi saranno consigliati gli esami del sangue a cui sottoporvi, le spiegazioni relative a questi esami sono esposte nel capitolo relativo. 51 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

52 Alla prima o seconda visita potreteeseguire un pap test se non sia stato eseguito negli ultimi due anni (vedi capitolo degli esami in gravidanza). 52 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

53 Alla prima visita vi saranno date anche le informazioni per i controlli da eseguire durante la gravidanza. 53 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

54 Durante la prima visita vi saranno date le informazioni per un corretto stile di vita in riferimento a:  attività fisica  consumo di alcolici  abitudine al fumo  rapporti sessuali  viaggi 54 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

55  uso di farmaci  assunzione di integratori alimentari e ferro  assunzione di vitamine  igiene alimentare 55 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

56 Attività fisica Per quanto riguarda l'attività fisica potrete continuare ad avere un esercizio fisico moderato evitando di eseguire sforzi fisici intensi o attività sportive di maggior impegno come il tennis o sport di contatto, potrete continuare a nuotare e passeggiare. 56 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

57 Alcol Durante la gravidanza sarà bene evitare di assumere quantità eccessive di alcol in quanto l'eccesso di alcol può causare problemi di crescita del bambino, normalmente si considera accettabile una quantità ridotta di vino (un bicchiere) o di birra (due bicchieri). 57 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

58 Fumo Il fumo in gravidanza dovrà essere evitato in quanto può determinare ritardo di crescita del bambino. Anche il fumo di marijuana può essere estremamente dannoso per il bambino. 58 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

59 Rapporti sessuali Per quanto riguarda l'attività sessuale non sembra che vi sia una controindicazione ai rapporti sessuali in una gravidanza senza complicazioni, il buon senso raccomanda una attività sessuale senza eccessi. 59 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

60 Rapporti sessuali Il Canadian Medical Association Journal ha pubblicato un documento progettato per aiutare i medici a dare informazioni e consigli alle gestanti. E' stato rilevato che il sesso durante la gravidanza è normale ed è generalmente considerato sicuro. Gli autori sottolineano che ci sono pochissime controindicazioni e rischi in materia di rapporti sessuali in gravidanza normale. 60 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

61 Rapporti sessuali  Le donne in gravidanza e i loro partner hanno spesso paura di avere rapporti sessuali. Gli uomini possono pensare che possono "invadere" la casa del feto e danneggiare il bambino, ma il feto è abbastanza sicuro, il feto è nell'utero e la cervice (che è l'apertura dell'utero) è chiusa in una gravidanza normale. Il pene non ha alcun contatto con il feto e con l'utero durante il rapporto sessuale normale, non importa quale sia la posizione. 61 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

62 Rapporti sessuali  Quando è il rapporto considerato rischioso?  Solo per le donne che sono ad alto rischio di parto pretermine e per quelle con placenta previa, perché vi è un aumento del rischio per l'emorragia. Anche le donne che hanno avuto un parto pretermine possono tranquillamente avere rapporti sessuali a meno che non abbiano una incompetenza cervicale o una infezione delle basse vie genitali. 62 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

63 Rapporti sessuali  Le donne che sono in cura con un ostetrico dovrebbero sapere se hanno uno di questi rischi. La maggior parte delle donne dovrebbero essere rassicurate sul fatto che il sesso durante la gravidanza è sicuro per mamma e bambino. 63 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

64 Viaggi I viaggi in gravidanza possono essere effettuati con i comuni mezzi di trasporto e per quanto riguarda l'uso delle cinture di sicurezza in auto sarebbe consigliabile l'utilizzo di una cintura di sicurezza a tre punti ponendo la cintura trasversale al di sotto della pancia e l’obliqua al di sopra senza porre la cintura che passa sulla pancia. 64 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

65 Viaggi in aereo Per quanto riguarda i viaggi in aereo questi non sono controindicati fino al terzo trimestre, ma sarà importante non rimanere a lungo immobili sedute in aereo nel caso di voli di molte ore, in quanto il rischio di “trombosi venosa profonda del viaggiatore” è maggiore in gravidanza, in ogni caso dovrete comunicare il vostro stato di gravidanza al personale di volo e alla compagnia aerea al momento dell’acquisto del biglietto aereo 65 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

66 Viaggi in aereo Alcune compagnie potranno chiedere un certificato medico ed in ogni caso nel terzo trimestre non permetteranno l’imbarco in aereo. Sarà controindicato viaggiare in aereo se vi sono complicanze come la pressione alta o il gonfiore marcato delle gambe. 66 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

67 Farmaci Per quanto riguarda l'uso di farmaci in gravidanza sarà bene chiedere sempre al vostro medico se potete utilizzare farmaci, anche il farmaci cosiddetti "da banco" possono essere dannosi in gravidanza. È buona regola cercare di evitare tutti i farmaci che non sono strettamente necessari. 67 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

68 Integratori alimentari Durante la gravidanza potranno essere utilizzati farmaci considerati integratori alimentari. 68 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

69 Ferro verrà offerta una integrazione di ferro se dagli esami del sangue dovesse risultare anemia. In particolare se il valore della emoglobina all’esame dell’emocromo dovesse risultare inferiore a 10,5g/ Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

70 Acido folico La vitamina consigliata sicuramente nella prima parte della gravidanza è la vitamina conosciuta con il nome di acido folico, questa vitamina somministrata nelle prime 12 settimane di gravidanza alla dose di 400 micro grammi al giorno permettere di prevenire le malformazioni del sistema nervoso centrale come la spina bifida 70 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

71 Acido folico La spina bifida è una condizione in cui si determina una alterazione della struttura della colonna vertebrale. Questa condizione può essere molto invalidante. 71 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

72 Vitamina A e retinoidi È raccomandato di non assumere supplementi di vitamina A in quanto la vitamina A assunta in gravidanza può determinare malformazioni nel bambino. Alcuni ricercatori suggeriscono anche di non mangiare elevate quantità di fegato in quanto in esso è contenuto un alto livello di vitamina A. 72 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

73 Vitamina D Anche la vitamina D può essere dannosa per il bambino per cui non è consigliabile assumere supplementi di vitamina D durante la gravidanza. 73 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

74 Igiene alimentare Durante la gravidanza sarà bene porre maggiore attenzione alla igiene alimentare. 74 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

75 Alla prima visita riceverete un questionario in cui sono contenute tutte le domande che permetteranno di raccogliere le notizie utili al medico per comprendere se vi sono particolari fattori di rischio per la vostra salute o quella del vostro bambino. 75 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

76 Rispondere alle domande del questionario sarà facile e nel caso abbiate dei dubbi sulle risposte potrete chiedere ulteriori chiarimenti. 76 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

77 Tutte le notizie che fornirete saranno trattate nel completo rispetto delle norme sulla privacy e vi sarà chiesto il consenso al trattamento dei dati. 77 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

78 Attraverso le notizie che fornirete sarà possibile stilare un adeguato programma di controlli nel caso vi fossero particolari condizioni di rischio per la gravidanza. 78 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

79 Sarà possibile, stabilite le eventuali consulenze specialistiche utili a definire i trattamenti in gravidanza per malattie preesistenti alla gravidanza o condizioni di rischio come nel caso di richiesta di consulenza genetica nel caso fossero presenti malattie ereditarie nella vostra famiglia o in quella del vostro partner. 79 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

80 Come si svolgerà la prima visita? 80 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

81 L’altezza e il peso Verrà misurata la sua altezza e il peso per valutare il cosiddetto Indice di Massa corporea che permetterà di stabilire se è sotto peso o soprappeso o se vi sia una condizione di obesità, questa valutazione sarà opportuna per poter dare le giuste indicazioni dietetiche e per potervi informare sui benefici di una alimentazione corretta e sui rischi connessi ad una eccessiva e inadeguata alimentazione. 81 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Svolgimento prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

82 Pressione arteriosa Verrà rilevata la pressione arteriosa attraverso la misurazione al braccio mentre è distesa e mentre è in piedi. 82 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Svolgimento prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

83 Esame clinico Verrà eseguito un esame clinico completo con particolare riferimento alla palpazione della tiroide, la valutazione dell’addome (pancia) delle mammelle (la visita con controllo delle mammelle potrà essere omessa se non vi sono motivi di sospettare anomalie mammarie o se lei non voglia), del sistema venoso degli arti inferiori. 83 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Svolgimento prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

84 La visita ginecologica La visita ginecologica vera e propria, potrà essere rinviata ad un secondo incontro se non si sente pronta. La visita ginecologica è importante per valutare le condizioni del collo dell’utero, la grandezza dell’utero in relazione alla epoca di gestazione e per valutare la grandezza delle ovaie. 84 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Visita ginecologica INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

85 La visita ginecologica sarà indicata subito se dovessero esser presenti perdite di sangue o perdite bianche abbondanti soprattutto se maleodoranti o se ha dolori alla pancia o alla schiena. 85 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Visita ginecologica INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

86 Con la visita ginecologica si eseguirà anche il pap test se non fosse stato eseguito negli ultimi due anni. Gli scopi per cui è effettuato un pap test sono spiegati nel relativo capitolo degli esami in gravidanza. 86 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Visita ginecologica INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

87 Durante la visita ginecologica si potrà eseguire anche un tampone vaginale per ricercare eventuali microbi che possono determinare infezioni vaginali. Gli scopi per cui è effettuato un tampone vaginale sono spiegati nel relativo capitolo degli esami in gravidanza. 87 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Visita ginecologica INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

88 Alla prima visita, se eseguita tra le 11 settimane e le 13 settimane e sei giorni sarà possibile eseguire anche l’ecografia ostetrica del primo trimestre. Gli scopi per cui è eseguita l’ecografia del primo trimestre sono spiegati nel relativo capitolo della ecografia in gravidanza. 88 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La prima visita INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

89 89 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami di laboratorio consigliati nel corso della gravidanza fisiologica INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULLA DIAGNOSI PRENATALE

90 90 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Quando una gravidanza si considera a BASSO RISCHIO? PER GRAVIDANZA A BASSO RISCHIO SI INTENDE QUELLA DI UNA GESTANTE CHE NON HA FAMILIARI CHE PRESENTANO MALFORMAZIONI. NON HA AVUTO FIGLI CON MALFORMAZIONI IN PRECEDENTI GRAVIDANZE NON E’ AFFETTA DA MALATTIE CHE POSSONO DETERMINARE MALFORMAZIONI O MALFORMAZIONI DEL FETO. NON HA UN DECORSO ANORMALE DELLA GRAVIDANZA. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

91 Al fine di controllare il benessere della madre ed del bambino nel corso della gravidanza si effettueranno una serie di esami ed accertamenti, volti ad individuare il più precocemente possibile alterazioni o malattie che potrebbero essere fonte di problemi di salute;… 91 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

92 …sarà quindi possibile attuare le cure e le precauzioni per evitare o limitare le eventuali conseguenze che le malattie possono determinare nella madre e nel bambino. 92 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

93 Pri Vediamo i principali esami che si effettuano a seconda delle settimane di gravidanza 93 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

94 94 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio ACCERTARE LA PRESENZA DELLA GRAVIDANZA Test di gravidanza Se avete un ritardo mestruale, soprattutto se il ritmo delle mestruazioni è regolare e vi è la possibilità che abbiate concepito, perché avete avuto rapporti sessuali senza l’uso di anticoncezionali, è opportuno che venga effettuato un test di gravidanza. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

95 95 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio ACCERTARE LA PRESENZA DELLA GRAVIDANZA Test di gravidanza Il test di gravidanza può essere eseguito in laboratorio o in casa utilizzando i kit che sono in vendita in farmacia. Il test di gravidanza si basa sulla ricerca, nelle urine del mattino, della gonadotropina corionica (hCG), questo è un ormone che, dopo il concepimento, viene prodotto molto precocemente dal tessuto che darà origine alla placenta. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

96 96 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio ACCERTARE LA PRESENZA DELLA GRAVIDANZA Test di gravidanza La concentrazione della hCG aumenta costantemente fino al terzo mese di gravidanza. I test sulle urine sono molto attendibili e raramente non riescono a rilevare la presenza di una gravidanza; Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

97 97 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio ACCERTARE LA PRESENZA DELLA GRAVIDANZA Test di gravidanza questa evenienza può verificarsi solo nel caso in cui la produzione dell’ormone, che abbiamo descritto in precedenza, sia estremamente bassa come può avvenire in una fase precocissima dopo il concepimento; Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

98 98 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio ACCERTARE LA PRESENZA DELLA GRAVIDANZA Test di gravidanza è infatti possibile che, quando un concepimento avviene tardivamente (quando cioè per effetto di una irregolarità del ciclo mestruale l’ovulazione avviene più tardi del 14°giorno del ciclo e quindi,ovulando più tardi anche il concepimento avviene più tardi), il test di gravidanza possa risultare negativo se viene eseguito a pochi giorni dalla fecondazione. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

99 99 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio ACCERTARE LA PRESENZA DELLA GRAVIDANZA Test di gravidanza Nei casi dubbi, può essere utile dosare la sub-unità dell'hCG direttamente sul sangue (betaHCG ematica). Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

100 100 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio ACCERTARE LA PRESENZA DELLA GRAVIDANZA Esami del sangue Il sangue deve essere prelevato al mattino a digiuno (anche se ciò è essenziale solo per la valutazione della glicemia) da una vena del braccio. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

101 101 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio ACCERTARE LA PRESENZA DELLA GRAVIDANZA Esami del sangue La quantità prelevata dipende dalla quantità di esami da eseguire in genere può variare tra i 2 e i 10 centimetri cubici ( in pratica una quantità che potrà variare tra un cucchiaino da caffè a un paio di cucchiai da cucina). Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

102 102 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio ACCERTARE LA PRESENZA DELLA GRAVIDANZA Esami del sangue Non dovete preoccuparvi del prelievo del sangue in quanto non è particolarmente doloroso e in genere potrete avvertire la sensazione di un piccolo pizzico.. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

103 103 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami del sangue Alcune donne hanno paura dell'ago o si impressionano alla vista del sangue. In gravidanza può capitare che, in chi ha paura del prelievo, si abbia un senso di svenimento a causa anche della pressione bassa o per il digiuno. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

104 104 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami del sangue Se temete di avere problemi di questo tipo, è meglio che al momento del prelievo vi mettiate sdraiate, rimanendo in quella posizione per un po’ di tempo dopo il prelievo. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

105 105 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gruppo sanguigno e fattore Rh Se non conoscete il vostro gruppo sanguigno, è necessario determinarlo all'inizio della gravidanza. Se il gruppo è A, B o AB positivo, non sarà necessario conoscere il gruppo del padre del vostro bimbo. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

106 106 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gruppo sanguigno e fattore Rh se il vostro gruppo sanguigno sarà invece 0 (zero) sarà utile conoscere il gruppo del padre del bambino. Infatti se il gruppo sanguigno del padre del bambino fosse A, B o AB nel neonato potrebbe verificarsi una condizione conosciuta come ittero da incompatibilità AB0. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

107 107 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gruppo sanguigno e fattore Rh Non si tratta di una patologia grave, ma se si dovesse verificare è bene conoscere il gruppo del padre in quanto può accelerare i tempi di diagnosi. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

108 108 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gruppo sanguigno e fattore Rh Questa condizione è determinata dal passaggio nel neonato di anticorpi che la madre (di gruppo 0) produce contro i globuli rossi di gruppo A oppure B o AB. Questo esame si esegue solo all’inizio della gravidanza. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

109 109 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Test di Coombs indiretto Se la madre ha fattore Rh negativo,è necessario conoscere il gruppo sanguigno del padre del bambino. Se il padre ha fattore Rh positivo, il feto potrebbe avere anch’egli un gruppo sanguigno con fattore Rh positivo per cui, in condizioni particolari e comunque estremamente rare, potrebbe crearsi un'incompatibilità Rh tra madre e feto. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

110 110 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Test di Coombs indiretto Per controllare se durante una gravidanza non si sia verificata la condizione di incompatibilità Rh tra madre e feto (se la mamma è Rh negativa e il partner Rh positivo) bisognerà eseguire il Test di Coombs indiretto. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

111 111 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Test di Coombs indiretto Normalmente questo esame deve essere negativo e per controllare se durante la gravidanza non si sia verificata una condizione di incompatibilità Rh tra madre e feto (se la mamma è Rh negativa e il partner Rh positivo) sarà opportuno ripeterlo ogni giorni. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

112 112 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Test di Coombs indiretto Non bisogna preoccuparsi, invece, se entrambi i partner sono Rh negativi, oppure se la madre è Rh positiva e il padre Rh negativo. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

113 113 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio In che consiste l’incompatibilità Rh? Se una gestante con fattore Rh negativo concepisce un figlio con un uomo Rh positivo potrebbe avere un figlio di gruppo sanguigno con fattore Rh positivo. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

114 114 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio In che consiste l’incompatibilità Rh? Se questa donna venisse in contatto con i globuli rossi Rh positivo del feto potrebbe fabbricare anticorpi contro i globuli rossi del feto con fattore Rh positivo.. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

115 115 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio In che consiste l’incompatibilità Rh? Se la madre producesse gli anticorpi contro i globuli rossi Rh positivo questi potrebbero passare attraverso la placenta e andare a distruggere i globuli rossi del feto stesso, determinando una malattia che può causare seri problemi alla salute del feto in utero. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

116 116 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Incompatibilità Rh Fortunatamente, l'incompatibilità Rh non si verifica quasi mai durante la prima gravidanza, e attualmente se una donna Rh negativa partorisce un bambino Rh positivo, per prevenire la possibilità che si determini una condizione di incompatibilità, vengono somministrate alla donna che ha partorito delle immunoglobuline specifiche; Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

117 117 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Incompatibilità Rh questi sono anticorpi che,somministrati alla madre Rh negativa con neonato Rh positivo, fanno prevenire che la madre possa immunizzarsi contro i globuli rossi Rh positivo del bambino e quindi non produca anticorpi che possano attaccare i globuli rossi di una bambino Rh positivo in una successiva gravidanza. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

118 118 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Incompatibilità Rh Questi anticorpi somministrati alla madre sono estratti dal sangue di donatori, per cui, come per ogni sostanza estratta dal sangue umano, si ha un rischio minimo di poter contrarre una malattia infettiva perciò, benché queste sostanze siano accuratamente controllate dalle aziende farmaceutiche che le producono, sarà chiesto un consenso alla somministrazione di tali immunoglobuline… Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

119 119 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Incompatibilità Rh per accettare quel bassissimo rischio di contrarre eventuali malattie infettive. Questo previene l'immunizzazione e quindi la comparsa dell'incompatibilità nelle gravidanze successive. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

120 120 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Somministrazione anticorpi alla madre,estratti da sangue di donatori E' consigliabile eseguire questo trattamento anche in caso di minaccia di aborto con perdite ematiche, aborto spontaneo o volontario (Interruzione Volontaria della Gravidanza), traumi addominali (come incidenti stradali o traumi notevoli sull’addome), villocentesi, amniocentesi e cordocentesi. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

121 Emocromo completo ( esame emocromocitometrico ) Con questo esame si valuta il numero e la struttura dei globuli rossi, globuli bianchi e delle piastrine: 121 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

122 Emocromo completo ( esame emocromocitometrico ) I valori dell'emocromo al di fuori gravidanza sono diversi che in gravidanza in quanto nella gravidanza aumenta la quantità della componente liquida del sangue per cui si ha una fisiologica diluizione del sangue. 122 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

123 Emocromo completo ( esame emocromocitometrico ) Non deve destare preoccupazione la presenza di valori contrassegnati come anormali. 123 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

124 Emocromo completo ( esame emocromocitometrico ) In particolare, i globuli rossi (GR), l'emoglobina (Hb), cioè la sostanza contenuta nei globuli rossi e che trasporta l'ossigeno e l'ematocrito (Ht), cioè il rapporto fra la parte cellulare e la parte liquida del sangue, diminuiscono, mentre i globuli bianchi (GB) aumentano. 124 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

125 Emocromo completo ( esame emocromocitometrico ) Si parlerà di anemia se il valore dell'emoglobina scende sotto i 10,5 g/100! Con questo esame si può scoprire, quindi, la presenza di un'anemia e comprendere quale ne può essere la causa. 125 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

126 Emocromo completo ( esame emocromocitometrico ) Infatti osservando le dimensioni dei globuli rossi (MCV) si potrà determinare o sospettare la causa dell’anemia. Quando vi è una carenza di ferro i globuli rossi appariranno più piccoli del normale (microcitemia), mentre nell'anemia da carenza di alcune vitamine (di acido folico o di vitamina B12 ) sono più grandi. 126 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

127 Emocromo completo (esame emocromocitometrico ) Se i valori sono normali, è comunque necessario ripetere l'emocromo almeno 3 volte nel corso della gravidanza. 127 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

128 Elettroforesi delle emoglobine Se dall'emocromo si rileva la presenza di globuli rossi più piccoli del normale (condizione indicata col termine di microcitemia) è necessario eseguire questo esame specifico. 128 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Emocromo completo ( esame emocromocitometrico ) Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

129 Elettroforesi delle emoglobine Infatti quando si osservano dei globuli rossi piccoli ( il volume dei globuli rossi è indicato dal valore del MCV cioè Volume Corpuscolare Medio nell’emocromo ) può esservi il sospetto che la paziente sia portatrice sana di anemia mediterranea (detta anche talassemia) o di qualche altra malattia con anomala struttura dell’emoglobina. 129 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Emocromo completo ( esame emocromocitometrico ) Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

130 Elettroforesi delle emoglobine  Se il risultato dell'elettroforesi delle emoglobine è anormale, sarà necessario fare il test anche al padre del nascituro in quanto dall’unione di due portatori sani di anemia mediterranea può nascere un bambino affetto dalla forma più grave di tale anemia che viene detta talassemia major. 130 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

131 Elettroforesi delle emoglobine Nel caso anche il padre sia portatore sano di questa condizione saranno indicati altri controlli da eseguire sul feto per stabilire se egli è affetto da questa grave anemia ( fra gli esami che potranno essere effettuati ricordiamo il prelievo dei villi coriali o la funicolocentesi). 131 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

132 Elettroforesi delle emoglobine  Se, invece, il test del padre è normale, allora non vi sarà il pericolo di avere la forma grave di anemia e al massimo si potrà scoprire ( dopo la nascita) che anche il bambino sia un portatore sano. 132 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

133 Elettroforesi delle emoglobine C’è da sottolineare che anche nelle carenze di ferro i globuli rossi possono essere piccoli per cui sarà importante conoscere anche il valore del contenuto del ferro ( sideremia). 133 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

134 134 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Sideremia e ferritinemia La sideremia misura la quantità di ferro presente nel sangue. Si deve ricordare che In gravidanza l'anemia da carenza di ferro è piuttosto frequente, perciò anche se il valore risulterà normale, durante la gestazione, sarà opportuno verificare i valori dell’emocromo ed eventualmente della sideremia tra le due e le tre volte. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

135 135 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Sideremia e ferritinemia Se il valore della sideremia dovesse risultare inferiore alla norma può essere consigliabile assumere un supplemento di ferro, oltre a una dieta adeguata. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

136 136 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Sideremia e ferritinemia Il rilievo di una sideremia molto bassa non deve creare eccessivo allarme, in quanto la diagnosi di anemia si pone sulla base dei valori di emoglobina al di sotto di 10 mg/dl. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

137 137 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Sideremia e ferritinemia Il dosaggio della ferritina può dare una migliore definizione della situazione, in quanto fornisce una maggiore determinazione dei depositi di ferro nell'organismo. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

138 Glicemia E' l'unico esame per il quale sia veramente richiesto il digiuno. Misura la quantità di glucosio (zucchero) nel sangue. Se normale va, comunque, ripetuta almeno 3 volte nel corso della gravidanza. 138 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

139  Glicemia Al primo appuntamento in gravidanza, a tutte le donne che non riportano determinazioni precedenti, va offerta la determinazione della glicemia plasmatica per identificare le donne con diabete preesistente alla gravidanza. 139 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

140 Glicemia Un valore che rimane superiore al massimo normale (110) è un segno che indica la possibilità della presenza di diabete, pertanto, sarà opportuna una consulenza diabetologica e ulteriori esami come la “curva” da carico orale di glucosio 75 gr. 140 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

141 141 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Glicemia curva da carico orale di glucosio Questa indagine sarà quindi raccomandata quando i valori di glicemia sono al limite superiore della norma ( mg/dl) o si è in soprappeso (BMI> 30) o si sono avuti precedenti figli nati molto grandi (condizione indicata con il termine di macrosomia)… Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

142 142 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Glicemia La curva da carico orale di glucosio …oppure vi è presenza di glucosio nelle urine o, ancora, vi è una storia di diabete in famiglia Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

143 143 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Glicemia la curva da carico orale di glucosio Questa indagine ha lo scopo di valutare come viene metabolizzato lo zucchero dopo una somministrazione di glucosio. L’esame si svolge somministrando alla paziente per bocca una bevanda che contiene 75 gr di zucchero. Nelle condizioni predette questa curva deve essere effettuata già a sett e ripetuta, anche se la prima è risultata normale, a 28 settimane Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

144 144 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Glicemia La curva da carico orale di glucosio Valori normali: Il valore massimo normale a un’ora è di 180 mg/dl e a due ore il valore massimo è 153 mg/dl Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

145 La curva glicemica da carico orale La glicemia da carico va eseguita anche quando il valore della glicemia a digiuno è leggermente superiore alla norma (maggiore di 92 mg/dl 145 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Glicemia Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

146 La curva glicemica da carico orale (OGTT) Nel caso di genitori o fratelli con diabete, l'esame si esegue anche prima del concepimento o all'inizio della gravidanza per evidenziare precocemente una condizione di predisposizione a sviluppare il diabete in gravidanza. 146 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

147 La curva glicemica da carico orale (OGTT) Per un approfondimento diagnostico possono essere utili il dosaggio dell'emoglobina glicosilata e della fruttosamina. 147 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

148 Creatininemia E' la quantità di creatinina presente nel sangue. La creatinina è un prodotto del metabolismo delle proteine. L'aumento della concentrazione indica un ridotto funzionamento dei reni. Se il valore di questo esame risulta normale, questo esame non sarà più eseguito nel rimanente periodo di gravidanza. 148 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

149 Transaminasi Sono sostanze contenute nel fegato; se dovesse risultare una maggiore quantità di esse nel sangue potrebbe esservi una malattia del fegato. 149 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

150 Transaminasi Se i valori risultano elevati, è necessario ripetere l'esame e cercare la causa della malattia del fegato come ad esempio una epatite. 150 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

151 Transaminasi Se le transaminasi saranno normali, bisognerà ripetere questo esame nel terzo trimestre di gravidanza. 151 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

152 Transaminasi In alcune condizioni anormali le transaminasi possono aumentare nel corso del terzo trimestre di gravidanza, questa condizione si può verificare quando si determina una particolare forma di “ gestosi” indicata col termine di sindrome HELLP caratterizzata da aumento della transaminasi, riduzione delle piastrine e anemia. 152 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

153 Transaminasi L’aumento delle transaminasi nel terzo trimestre impone quindi una particolare attenzione nel controllo della gravidanza. 153 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

154 154 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine e l’urinocoltura E’ un test molto semplice, che può dare informazioni molto utili. Con questo esame si può infatti rilevare la presenza di un'infezione delle vie urinarie. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

155 155 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine e l’urinocoltura L’infezione delle vie urinarie è una evenienza abbastanza frequente in gravidanza ed è importante riconoscerla perché a volte può essere presente anche senza dei sintomi evidenti, infatti tra le infezioni dlle vie urinarie in gravidanza possiamo ricordare: Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

156 156 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine e l’urinocoltura La batteriuria asintomatica condizione caratterizzata da presenza di microbi nelle urine senza che la donna gravida abbia alcun sintomo come bruciore o urgenza ad urinare. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

157 157 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine e l’urinocoltura La cistite che è una infezione della vescica e che è caratterizzata dal bruciore quando si urina e dallo stimolo frequente ad urinare con dolore vescicale più o meno intenso. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

158 158 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine e l’urinocoltura La cistopielite o pielite o pielonefrite condizione in cui l’infezione si propaga verso i reni e determina anche febbre più o meno alta e dolore verso i reni e la schiena. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

159 159 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Sistema urinario femminile Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

160 160 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine e l’urinocoltura Per confermare la presenza di una infezione urinaria si consiglia di effettuare una ricerca degli eventuali batteri che ne sono responsabili con un'urinocoltura,solo se si dovesse rilevare la presenza di batteri allora si eseguirà anche un antibiogramma, con questo esame si determinerà quali sono gli antibiotici che possono essere efficaci per combattere l’infezione. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

161 161 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine e l’urinocoltura Sarà opportuno eseguire una urinocoltura anche se dovessero essere presenti dei sintomi come il bruciore nell’urinare oppure si avesse lo stimolo frequente ad andare ad urinare. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

162 162 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine e l’urinocoltura Sarà importante effettuare con attenzione la raccolta delle urine per l’urinocoltura al fine di evitare che esse si inquinino con germi provenienti dalla vagina o dal retto, in questo caso si avrebbe una falsa positività dell’esame. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

163 163 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine e l’urinocoltura Come eseguire una corretta raccolta delle urine per l’urinocoltura: Per eseguire correttamente una urinocoltura è necessario un campione di urina, emessa da non più di 2 ore, raccolto in un contenitore sterile che può essere acquistato in farmacia. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

164 164 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine e l’urinocoltura Come eseguire una corretta raccolta delle urine per l’urinocoltura: La raccolta del campione deve essere preceduta da un accurato lavaggio dei genitali con un sapone disinfettante o una soluzione di Amuchina, Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

165 165 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Come eseguire una corretta raccolta delle urine per l’urinocoltura: poi si effettuerà un abbondante risciacquo con acqua sterile come ad esempio una soluzione fisiologica anch’essa acquistabile in farmacia. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

166 166 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Come eseguire una corretta raccolta delle urine per l’urinocoltura: Deve essere raccolta la prima urina del mattino avendo cura di eliminare la prima parte delle urine (che potranno essere raccolte a parte per eseguire il semplice esame delle urine), Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

167 167 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Come eseguire una corretta raccolta delle urine per l’urinocoltura: mentre la parte finale del getto di urina sarà raccolto direttamente nel contenitore sterile senza farlo toccare alla cute né delle mani né dei genitali esterni ( quindi senza travasarlo da altri contenitori) immettendo nel contenitore solo una piccola quantità della urina. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

168 168 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Come eseguire una corretta raccolta delle urine per l’urinocoltura: Il contenitore deve essere subito chiuso avendo cura di non toccare i bordi o il suo interno. Appena si è riusciti a raccogliere il campione di urina, Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

169 169 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Come eseguire una corretta raccolta delle urine per l’urinocoltura: bisognerà riporlo direttamente in frigorifero a temperatura di +4°C nell'attesa di portarlo al laboratorio di analisi, è consigliabile far trascorrere il minor tempo possibile tra la raccolta delle urine e la consegna al laboratorio. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

170 170 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Come eseguire una corretta raccolta delle urine per l’urinocoltura: Una raccolta di urina effettuata senza seguire scrupolosamente questi accorgimenti, può falsare il risultato dell'esame e influenzare in modo errato la terapia. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

171 171 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine Con l’esame delle urine sarà valutata anche la presenza di proteine come l’albumina. La presenza di una piccola quantità di proteine nelle urine (albuminuria) è abbastanza frequente durante la gravidanza,se la concentrazione è molto bassa non sarà segno di malattie. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

172 172 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine e l’urinocoltura Se la quantità è più elevata significherà che vi può essere una malattia dei reni o una gestosi. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

173 173 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine La gestosi è una malattia che si può manifestare in gravidanza in cui, oltre alla perdite di proteine, può esservi un aumento della pressione sanguigna o gonfiore delle gambe o delle mani o in altre parti del corpo. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

174 174 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine La gestosi Per svelare la possibilità di sviluppare una gestosi si può ricorrere ad un altro esame più attendibile in cui si effettua il dosaggio di una componente dell'albumina presente nelle urine, la cosiddetta microalbuminuria. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

175 175 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine Il glucosio (cioè lo zucchero) normalmente è assente nell'urina; la sua presenza (glicosuria) può essere il primo segno di un diabete latente. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

176 176 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine Tuttavia, in gravidanza è possibile che i reni facciano passare più facilmente lo zucchero nelle urine, senza che vi sia alcuna malattia. Perciò, nel caso vi sia glucosio nelle urine, non preoccupatevi troppo.. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

177 177 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine Se è presente dello zucchero nelle urine, ma la concentrazione di zucchero nel sangue è normale, è necessario ricorrere alla curva da carico orale con 75 grammi di glucosio per precisare la diagnosi. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

178 178 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Esame completo delle urine L'esame delle urine va ripetuto tutti mesi e, se necessario, con una frequenza settimanale nell'ultimo mese di gravidanza. Esami consigliati nella gravidanza fisiologica

179 Gli esami per il controllo delle malattie infettive in gravidanza 179 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio

180 180 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Malattie infettive in gravidanza Il riscontro di una malattia infettiva nel corso della gravidanza rappresenta un problema clinico abbastanza frequente, per cui è importante che all’inizio della gravidanza si eseguano una certa quantità di esami per stabilire se la donna ha la possibilità di contrarre una malattia infettiva oppure risulta già immune verso di essa avendo una protezione che evita di potersi ammalare di nuovo, in gravidanza, di quella determinata malattia.

181 181 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Malattie infettiveMalattie infettive Malattie infettive in gravidanza

182 182 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Ora verrà spiegato come funzionano alcuni meccanismi di difesa del nostro corpo, vale a dire come funziona il nostro sistema immunitario, al fine di comprendere gli esami per controllare se si possono contrarre o se si hanno malattie infettive in gravidanza. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

183 Per sommi capi dobbiamo distinguere le risposte immunitarie in due grandi categorie: le risposte immunitarie umorali e le risposte immunitarie mediate dalle cellule (immunità cellulomediata). In gravidanza, per stabilire il grado di immunità verso determinate malattie, si studia l’immunità umorale. 183 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Controllo delle malattie infettive in gravidanza

184 La risposta immunitaria umorale è cosiddetta in quanto è determinata dalla attività di sostanze che sono presenti nel sangue, queste sono strutture costituite da proteine che vengono prodotte per difenderci dall’attacco di virus batteri o altri microorganismi, queste sostanze sono chiamate immunoglobuline e sono prodotte in risposta ai vari microrganismi estranei al nostro organismo perciò vengono anche dette “anticorpi”. 184 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Controllo delle malattie infettive in gravidanza

185 Descriviamo brevemente come risponde il nostro organismo all’attacco di microrganismi patogeni. 185 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Controllo delle malattie infettive in gravidanza

186 Prendiamo come esempio la risposta dell’organismo ad una infezione da parte del virus della rosolia. 186 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Controllo delle malattie infettive in gravidanza

187 187 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Quando il virus della rosolia entra nel nostro corpo, cioè lo infetta, per la prima volta, il nostro organismo in genere viene invaso dal virus e noi abbiamo la malattia con tutte le sue caratteristiche… Controllo delle malattie infettive in gravidanza

188 188 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio …manifestazioni della pelle, con la febbre e con l’ingrossamento dei linfonodi in particolare quelli dietro al collo e con altre manifestazioni. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

189 189 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Durante la malattia il nostro organismo reagisce per difendersi dall’infezione del virus e ciò avviene attraverso alcune cellule(plasmacellule)… Controllo delle malattie infettive in gravidanza

190 190 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio …che hanno il compito di produrre le immunoglobuline le quali riconoscono il virus come estraneo al nostro organismo e quindi iniziano a produrre delle immunoglobuline specifiche contro il virus. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

191 191 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Nell’immediata fase successiva alla infezione il nostro organismo ha bisogno di anticorpi molto potenti per combattere l’attacco del virus e quindi produce delle immunoglobuline molto grandi ed efficaci chiamate IgM. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

192 192 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Queste immunoglobuline sono costituite da cinque unità messe insieme, e per fare un esempio figurato sono come dei carri armati con cinque cannoni. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

193 193 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Queste immunoglobuline quindi sono presenti nel nostro organismo quando devono combattere la prima invasione da parte di un microorganismo estraneo. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

194 194 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Quando la prima infezione da parte del microrganismo è stata vinta con l’uso delle Immunoglobuline M (IgM), il nostro organismo smette di produrre le IgM,... Controllo delle malattie infettive in gravidanza

195 195 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio …ma previdentemente comincia a produrre un altro tipo di immunoglobuline, più piccole ma ugualmente specifiche ed efficaci verso quel particolare microorganismo, queste immunoglobuline dette Immunoglobuline G ( IgG) sono come un carro armato con un solo cannone. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

196 196 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Queste immunoglobuline G verranno prodotte per tutta la vita dal nostro organismo in modo da rimanere a guardia per fronteggiare un eventuale altro attacco da parte di quel microorganismo, … Controllo delle malattie infettive in gravidanza

197 197 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio …per cui se dovesse avvenire una nuova infezione, le immunoglobuline G attaccherebbero il virus prima che esso possa moltiplicarsi e darci una nuova malattia. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

198 198 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio In alcuni casi il nostro organismo produce anche anticorpi che sono liberati nell’intestino e nelle altre secrezioni del nostro corpo ( nella saliva e nelle secrezioni dei bronchi) queste immunoglobuline vengono indicate come Immunoglobuline A (IgA). Controllo delle malattie infettive in gravidanza

199 199 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Quindi, per ricapitolare se volessimo determinare la nostra condizione di difesa immunitaria verso la rosolia basterà cercare i relativi anticorpi IgM e IgG: Controllo delle malattie infettive in gravidanza

200 200 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio se non sarà presente nessun tipo ( né IgM né IgG) potremo dire che non abbiamo mai avuto una infezione dal virus della rosolia, Controllo delle malattie infettive in gravidanza

201 201 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio se saranno presenti le IgG ma non le IgM potremo dire che abbiamo avuto la rosolia in passato ma il nostro organismo ha reagito e sta producendo gli anticorpi che proteggono da una eventuale seconda infezione. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

202 202 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio se saranno presenti sia IgG che IgM potremo dire che abbiamo avuto una rosolia recente e il nostro organismo ha già reagito con le IgM e sta producendo le IgG per darci una immunità persistente per il futuro. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

203 203 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio se sono presenti solo IgM potremo dire che abbiamo avuto una infezione recente e la malattia è in corso e il nostro organismo sta combattendo la prima battaglia per distruggere il virus della rosolia che potrebbe ancora essere nel nostro corpo. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

204 204 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Malattie infettive in gravidanza: La rosolia e la presenza o non presenza degli anticorpi Sintesi IgM IgG Assenti Non vi è stato nessun contatto con il germe patogeno PresentiAssenti Si è avuta una infezione recente Presenti Si è avuta una infezione recente AssentiPresenti Si è in una condizione di immunità (l’infezione si è avuta in passato) Controllo delle malattie infettive in gravidanza

205 205 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Come abbiamo visto la determinazione della presenza e della quantità degli anticorpi specifici verso un determinato microorganismo sia esso virus o batterio può permettere di stabilire quando è avvenuta l’infezione,… Controllo delle malattie infettive in gravidanza

206 206 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio …infatti quando si evidenzia che la gestante ha contratto una malattia infettiva che può interessare anche il feto, la prima domanda che ci si pone è: “quando, la paziente, ha avuto l’infezione? “ Controllo delle malattie infettive in gravidanza

207 207 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio È infatti fondamentale identificare, il più precisamente possibile, quale sia stato il momento in cui è avvenuta l'infezione. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

208 208 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Infatti le conseguenze dell’infezione sul feto possono essere molto diverse a seconda dell'epoca gestazionale in cui la madre ha contratto la malattia: ad esempio, spesso infezioni avvenute nel primo trimestre di gravidanza possono dare gravi malformazioni al bambino… Controllo delle malattie infettive in gravidanza

209 209 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio …perchè è questo il momento in cui avviene la formazione dei vari organi del bambino, altre volte può determinarsi l’aborto. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

210 210 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Si può stimare l'epoca in cui è avvenuto il contatto mediante la ricerca degli anticorpi materni: le IgM, come abbiamo detto, sono le prime che si sviluppano dopo una infezione, e indicano quindi un contatto recente con il microorganismo, mentre le IgG sono gli anticorpi che si sviluppano più tardi ed indicano un contatto passato. 1 2 Controllo delle malattie infettive in gravidanza

211 211 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Per stabilire più precisamente da quanto tempo è avvenuta una infezione si può utilizzare anche un altro test il test di avidità delle IgG. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

212 212 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L'esame si basa sul principio che gli anticorpi prodotti nella fase immediatamente successiva alla malattia sono poco "avidi", cioè con il test si valuta con quanta affinità l'anticorpo si lega al microorganismo che deve combattere. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

213 213 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Un'alta avidità è indicativa di infezione passata, cioè il sistema immunitario si è "allenato" a riconoscere il suo nemico e quindi l'affinità di legame è più alta. Viceversa, una avidità bassa è indicativa di infezione recente. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

214 214 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Vediamo ora quali sono gli esami utili per controllare le varie malattie infettive che possono dare problemi in gravidanza e gli esami utili a controllare la possibilità di averle in gravidanza. Controllo delle malattie infettive in gravidanza

215 215 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La rosolia La rosolia è caratterizzata da una tipica manifestazione della pelle (esantema) dall’ingrossamento delle linfoghiandole, in particolare quelle localizzate dietro al collo e da varie altre manifestazioni come ad esempio l’infiammazione di alcune articolazioni. La rosolia è causata da un virus in grado di attraversare la placenta e determinare danni al feto. Malattie infettive in gravidanza

216 216 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Entità dei danni Se la donna in gravidanza contrae l'infezione durante il primo mese dopo il concepimento, la probabilità di danni embrionali è massima (nel 50% dei casi); durante il terzo mese la possibilità di danno fetale si riduce al 10% e, in seguito, è scende sotto all’1%. ROSOLIA Malattie infettive in gravidanza

217 217 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Entità dei danni I danni fetali possono essere di vario tipo, ma i più frequenti sono: al primo trimestre: aborto, cecità, malformazioni cardiache, sordità, ridotta grandezza del cranio e del cervello (microcefalia) La rosolia Malattie infettive in gravidanza

218 218 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio al secondo e terzo trimestre: ritardo di crescita, ritardo mentale diabete La rosolia Malattie infettive in gravidanza

219 219 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza Quali sono gli esami normalmente eseguiti in gravidanza? All’inizio della gravidanza viene eseguito il dosaggio degli anticorpi antirosolia IgG e IgM La rosolia Malattie infettive in gravidanza

220 220 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza per il controllo della ROSOLIA Nel caso non siano presenti anticorpi nella gravida il dosaggio per la ricerca degli anticorpi IgM viene ripetuto ogni giorni durante tutto il corso della gravidanza per scoprire tempestivamente una infezione in gravidanza. QUESTI ESAMI SONO A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE sino a 17 settimane in quanto si considera poco frequente un danno fetale dopo tale epoca. In ogni caso potrà essere controllata la presenza di immunoglobuline anti rosolia durante tutto il decorso della gravidanza Malattie infettive in gravidanza

221 221 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La rosolia Il dosaggio degli anticorpi contro la rosolia viene anche detto rubeo-test. Il rubeo-test rileva la presenza di anticorpi contro la rosolia che come abbiamo visto sono di due classi. Malattie infettive in gravidanza

222 222 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La rosolia Gli anticorpi IgM vengono prodotti, come abbiamo detto in precedenza, più precocemente (circa quattro settimane dopo la malattia); la loro produzione, in linea di massima, cessa dopo otto-dieci settimane. Malattie infettive in gravidanza

223 223 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La rosolia Gli anticorpi IgG vengono prodotti più tardivamente e permangono nel sangue per tutta la vita. Perciò la presenza di IgM indica una infezione materna recente. Malattie infettive in gravidanza

224 224 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Essendo la rosolia una malattia molto diffusa, la maggior parte delle donne è già immune all'inizio della gravidanza e ha, quindi, una concentrazione protettiva di IgG, in assenza di IgM.. La rosolia Malattie infettive in gravidanza

225 225 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Se invece sono presenti solo IgM, e non si conosce quali anticorpi fossero presenti prima della gravidanza e la donna non ha sintomi, bisogna capire se l'infezione sia avvenuta durante la gravidanza o subito prima. La rosolia Malattie infettive in gravidanza

226 226 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Per fare questa valutazione si dosano gli anticorpi dopo 2-3 settimane: se l'infezione è recente il tasso di IgG di solito si raddoppia o si triplica. La rosolia Malattie infettive in gravidanza

227 227 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’avvenuta infezione da parte del virus della rosolia è certa solo quando, dopo alcuni test negativi, improvvisamente si evidenzia la presenza delle IgM. La rosolia Malattie infettive in gravidanza

228 228 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Quando si ha evidenza della avvenuta infezione con il virus della rosolia di una donna in gravidanza si può ricorrere ad ulteriori indaginie tra queste sono compresi gli esami invasivi. La rosolia Malattie infettive in gravidanza

229 229 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La rosolia La diagnosi di infezione del feto da parte del virus della rosolia con esami invasivi. Malattie infettive in gravidanza

230 230 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La rosolia Per stabilire se il virus possa aver attraversato la placenta ed abbia così infettato anche il bambino in utero, si può effettuare un prelievo di sangue fetale con la funicolocentesi al fine di dosare gli anticorpi di tipo IgM prodotti dal feto. Malattie infettive in gravidanza

231 231 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La rosolia Infatti, a causa della loro grandezza le IgM prodotte dalla madre non attraversano la placenta e quindi le eventuali IgM presenti nel sangue fetale saranno solo conseguenza di una infezione fetale,… Malattie infettive in gravidanza

232 232 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La rosolia …infatti se si dovesse scoprire che il feto ha prodotto le IgM ciò indicherà l'avvenuto contagio del feto. Il limite di questo tipo di valutazione è rappresentato dal fatto che il feto acquisisce la capacità di produrre anticorpi solo dopo le 21 settimane di gravidanza. Malattie infettive in gravidanza

233 233 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La rosolia Un’altra indagine può essere eseguita cercando di identificare il virus nel liquido amniotico o nei villi coriali, ma la presenza del virus nel liquido amniotico o nei villi coriali non indica sempre che sia avvenuta anche l’infezione del feto e quindi non chiarisce se il feto ha avuto la malattia in utero e corra il rischio delle malformazioni indotte dal virus. Malattie infettive in gravidanza

234 234 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La rosolia Come si può prevenire il rischio di avere la rosolia in gravidanza? Nelle pazienti che non l’hanno avuta in precedenza per prevenire di ammalarsi di rosolia in gravidanza, sarebbe consigliabile effettuare la vaccinazione. Malattie infettive in gravidanza

235 235 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La rosolia Cosa succede se una donna gravida ha contatto con un bambino malato di rosolia? Malattie infettive in gravidanza

236 236 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La rosolia Se una donna è in gravidanza e non è vaccinata o immune verso la rosolia ed ha contatto con un bambino che è affetto da rosolia, non deve preoccuparsi immediatamente in quanto come abbiamo visto nel caso si determini un contagio…. Malattie infettive in gravidanza

237 237 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La rosolia bisognerà valutare l’epoca di gestazione in cui esso avviene, in quanto nel secondo e terzo trimestre una eventuale rosolia non può determinare gravi effetti sul feto, soprattutto di tipo malformativo ed inoltre l’avere un contatto con un soggetto affetto da rosolia non determina, necessariamente una infezione. Malattie infettive in gravidanza

238 238 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La rosolia A proposito dell’uso di immunoglobuline specifiche, non sembra che vi sia vantaggio nel somministrarle preventivamente. Malattie infettive in gravidanza

239 239 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi La toxoplasmosi è una malattia determinata dalla infezione del toxoplasma goondi un protozoo che si trasmette all'uomo tramite l'ingestione di carni crude o poco cotte, o con il contatto con cose contaminate dalle feci di gatto. Malattie infettive in gravidanza

240 240 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi E’ infatti il gatto l'unico animale nel quale il parassita può compiere il suo ciclo vitale di crescita e maturazione. Malattie infettive in gravidanza

241 241 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi L'infezione non si trasmette da persona a persona, ma attraverso il contatto con feci di gatto o con acqua o terra da esse contaminate, attraverso l'ingestione di carne cruda soprattutto di suino, ovino o di selvaggina, attraverso l'ingestione di latte crudo (non pastorizzato), soprattutto di capra. Malattie infettive in gravidanza

242 242 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi L'infezione nelle persone con immunità normale di solito non dà sintomi o è solo lievemente sintomatica, mentre può essere molto grave nei soggetti con una carenza delle difese immunitarie (trapiantati, malati di AIDS). Malattie infettive in gravidanza

243 243 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Tutte le donne in gravidanza che non risultano immuni verso il toxoplasma dovrebbero essere particolarmente attente, proprio perché spesso l'infezione può essere senza sintomi o presentare sintomi leggeri (simili all'influenza), nonostante i grandi rischi per il feto. Malattie infettive in gravidanza

244 244 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Il toxoplasma può attraversare la placenta solo se l'infezione viene contratta dalla madre per la prima volta durante la gravidanza. Malattie infettive in gravidanza

245 245 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Ma essendo il toxoplasma un microorganismo molto grande esso non attraversa facilmente la placenta nelle prime fasi della gravidanza quando la placenta è molto compatta, mentre il passaggio diventa più facile nel secondo trimestre e ancor più nel terzo. Malattie infettive in gravidanza

246 246 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Anche per la toxoplasmosi vale lo stesso discorso fatto per la rosolia a proposito della possibilità di determinare danni fetali, infatti nei rari casi in cui il toxoplasma infetta il feto nel primo trimestre può determinare malformazioni degli organi in formazione. Malattie infettive in gravidanza

247 247 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi L'infezione al feto quindi è tanto più grave quanto più precocemente la toxoplasmosi viene contratta: nei primi mesi può dare anche aborto. Malattie infettive in gravidanza

248 248 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi La probabilità di trasmissione è però, per quanto detto in precedenza, direttamente proporzionale alle settimane di gravidanza, con valore vicino allo 0% all'inizio e del 100% circa al termine della gravidanza. Malattie infettive in gravidanza

249 249 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Dei bambini colpiti, l'80-90% presenta una forma che può essere non evidente alla nascita (forma subclinica) e senza sintomi, ma in ogni caso dovranno essere eseguiti dei controlli medici durante i primi anni di vita del bambino per rilevare il possibile sviluppo di lesioni tardive a carico degli occhi (corioretinite). Malattie infettive in gravidanza

250 250 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Altri neonati possono presentare una forma benigna con presenza di manifestazioni, ma senza alterazioni della funzione degli organi. Malattie infettive in gravidanza

251 251 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Entità dei danni Solo in rari casi la malattia del feto e del neonato si presenta in forma grave, con danni al sistema nervoso, agli occhi e al fegato. Malattie infettive in gravidanza

252 252 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Entità dei danni Ricapitolando le manifestazioni nel feto possono avere una gravità variabile, a seconda dell'epoca gestazionale: primo trimestre: il passaggio attraverso la placenta avviene in meno del 20% dei casi, ma può essere talora causa di aborto Malattie infettive in gravidanza

253 253 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Entità dei danni secondo trimestre: il feto viene infettato in circa un terzo dei casi. Possibili conseguenze, non presenti in tutti i casi, sono idrocefalo (una patologia in cui aumentano gli spazi liquidi nel cervello),… Malattie infettive in gravidanza

254 254 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Entità dei danni secondo trimestre: …depositi di calcio nel cervello (calcificazioni cerebrali), ritardo mentale, calcificazioni epatiche, corioretinite (problemi agli occhi che possono portare fino alla cecità). Malattie infettive in gravidanza

255 255 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Entità dei danni terzo trimestre: il passaggio al feto avviene nel 65% dei casi, possibili conseguenze sono ritardo mentale, corioretinite, epatosplenomegalia (cioè un aumento di volume di fegato e milza) Malattie infettive in gravidanza

256 256 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Gli esami in gravidanza Quali sono gli esami normalmente eseguiti in gravidanza? All’inizio della gravidanza viene eseguito il dosaggio degli anticorpi antitoxoplasma IgG e IgM. Malattie infettive in gravidanza

257 257 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Gli esami in gravidanza Nel caso non siano presenti anticorpi nella gravida la ricerca degli anticorpi IgM viene ripetuto ogni giorni durante tutto il corso della gravidanza per scoprire tempestivamente una infezione in gravidanza. QUESTI ESAMI SONO A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Malattie infettive in gravidanza

258 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULL’ECOGRAFIA IN GRAVIDANZA 258 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Malattie infettive in gravidanza: La Toxoplasmosi e la risposta immunitaria Come per la rosolia, anche per la toxoplasmosi si dosano 2 tipi di anticorpi: le IgG (che permangono per tutta la vita dopo infezione) e le IgM, indice di un'infezione recente.

259 259 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi e la risposta immunitaria Se sono presenti le IgM e non si conosce la situazione degli anticorpi precedente, bisogna capire se l'infezione è avvenuta durante la gravidanza o subito prima. A tal fine è utili il dosaggio delle IgA specifiche, che compaiono insieme alle IgG, persistono solo per 4-6 mesi dopo l'infezione e scompaiono prima delle IgM. Malattie infettive in gravidanza

260 260 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Di recente è stato anche introdotto il test di avidità delle IgG. L'esame si basa sul principio che gli anticorpi prodotti nella fase acuta della malattia (ossia subito dopo l’infezione) sono poco "avidi" e perciò si staccano più… Malattie infettive in gravidanza

261 261 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi …facilmente dall'antigene (particella dell'agente infettivo che, per reazione, stimola la produzione di anticorpi da parte dell'organismo). Malattie infettive in gravidanza

262 262 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi L’avvenuta infezione recente è certa solo quando dopo alcuni test negativi, improvvisamente si rileva la presenza delle IgM. Malattie infettive in gravidanza

263 263 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi In Italia, il 45% delle gravide non è immune per la toxoplasmosi, cioè non ha né immunoglobuline IgG né IgM. Malattie infettive in gravidanza

264 264 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Nelle donne che hanno avuto una toxoplasmosi è possibile che vi sia la persistenza molto prolungata, anche per anni, delle immunoglobuline IgM,questo può creare un'inutile timore quando al primo esame per ricercare gli anticorpi antitoxoplasma si rilevi la presenza di IgM. Malattie infettive in gravidanza

265 265 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi La diagnosi di infezione del feto da parte del toxoplasma con esami invasivi Per diagnosticare l'infezione fetale, si pratica un prelievo di sangue fetale tramite cordocentesi al 5° mese e si dosano gli anticorpi di tipo IgM e IgA prodotti dal feto. Malattie infettive in gravidanza

266 266 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi La diagnosi di infezione del feto da parte del toxoplasma con esami invasivi Dato che per la loro grandezza sia le IgM che le IgA materne non attraversano la placenta, la positività di questo esame documenta l'avvenuto contagio del feto perché la produzione di questi anticorpi sarà stata effettuata dal feto infetto. Malattie infettive in gravidanza

267 267 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi La diagnosi di infezione del feto da parte del toxoplasma con esami invasivi Anche in questo caso il limite di questo esame è rappresentato dal fatto che la capacità di produrre questi anticorpi nel feto comincia solo dopo la 21ª settimana di gravidanza. Malattie infettive in gravidanza

268 268 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Un’altra indagine può essere eseguita cercando di identificare il DNA del toxoplasma nel liquido amniotico, ma la presenza del DNA nel liquido amniotico non indica sempre che sia avvenuta anche l’infezione del feto e quindi non chiarisce se il feto ha avuto la malattia in utero e corra il rischio delle malformazioni indotte dal Toxoplasma. Malattie infettive in gravidanza

269 269 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Anche l'ecografia può fornire un valido contributo alla diagnosi di infezione fetale, evidenziando alcune delle lesioni causate dal Toxoplasma. Malattie infettive in gravidanza

270 270 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Come si può prevenire il rischio di avere la toxoplasmosi in gravidanza? Se una gravida o una donna che vuole iniziare una gravidanza risulta non immune sarà bene che segua alcune norme igieniche al fine di prevenire l’infezione da parte del toxoplasma: Malattie infettive in gravidanza

271 271 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Come si può prevenire il rischio di avere la toxoplasmosi in gravidanza? Lavarsi bene le mani con acqua e sapone dopo qualunque attività all’aperto, specialmente prima di mangiare e di cucinare Malattie infettive in gravidanza

272 272 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Quando si prepara della carne cruda, lavare bene con sapone e acqua calda i taglieri, i lavandini, i coltelli e altri utensili che possono essere venuti in contatto con essa per evitare la contaminazione crociata con altri cibi. Lavarsi bene anche le mani con il sapone dopo aver manipolato carne cruda. Malattie infettive in gravidanza

273 273 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Non mangiare carne cruda come salumi e carpacci. Non mangiare uova crude. Malattie infettive in gravidanza

274 274 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Cuocere tutta la carne completamente, finché raggiunge la temperatura interna di 72°C e finché non è più rosa all’interno e i succhi non diventano incolori. Non assaggiare la carne prima che sia completamente cotta. Malattie infettive in gravidanza

275 275 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Lavare sempre molto accuratamente frutta e verdura perchè possono essere state a contatto con feci di gatto. Malattie infettive in gravidanza

276 276 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Indossare i guanti quando si fa giardinaggio o qualunque altra attività che richiede di toccare la terra. I gatti, che di solito possono passare i parassiti nelle feci, usano spesso i giardini per i loro bisogni. Malattie infettive in gravidanza

277 277 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Se si possiede un gatto, evitare che contragga la malattia: tenerlo in casa e nutrirlo con cibi industriali o ben cotti. I gatti si infettano mangiando prede infette o se gli viene data carne contaminata cruda o poco cotta. Malattie infettive in gravidanza

278 278 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Non portare un gatto nuovo in casa se può avere trascorso del tempo all’aperto o aver mangiato carne cruda. Evitare in particolare gatti randagi o gattini che hanno le loro abitudini. Malattie infettive in gravidanza

279 279 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi Assicurarsi che ci sia qualcuno in buona salute e non in gravidanza che si occupi di svuotare la lettiera del gatto. Se questo non è possibile,indossare i guanti e pulire la lettiera ogni giorno(il parassita che si trova nelle feci di gatto,impiega uno o più giorni prima di diventare infettivo),lavarsi le mani con acqua calda e sapone una volta finito. La lettiera del gatto dovrebbe rimanere coperta quando non è usata. Malattie infettive in gravidanza

280 280 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi La terapia : Se contraggono l'infezione ed essa viene diagnosticata, le donne in gravidanza vengono trattate con terapia antibiotica. Alla stessa maniera vengono trattati i bambini nati con toxoplasmosi congenita (contratta nell'utero). Malattie infettive in gravidanza

281 281 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi La terapia : In caso di infezione in gravidanza si può instaurare una terapia antibiotica adeguata: il farmaco di prima scelta è la spiramicina, che può essere tranquillamente usata dopo le 12 settimane di gravidanza, ma possono essere utilizzati anche altri antibiotici. Malattie infettive in gravidanza

282 282 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Toxoplasmosi La terapia : Non esiste la vaccinazione contro la toxoplasmosi; è comunque utile eseguire il test prima della gravidanza, sia per instaurare misure precauzionali sia per avere dati certi sulla situazione immunitaria precedente alla gravidanza. Malattie infettive in gravidanza

283 283 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Il citomegalovirus (CMV) è un virus molto diffuso, che infetta solo il genere umano. Nei paesi occidentali circa il 70% degli individui adulti è immune verso il virus ossia possiede anticorpi anti-CMV. Malattie infettive in gravidanza

284 284 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Nel soggetto in buona salute con sistema immunitario normale di solito il CMV determina un'infezione molto lieve (simile all'influenza, con ingrossamento dei linfonodi), mentre può causare sintomi molto gravi nei soggetti con deficit immunitario. Malattie infettive in gravidanza

285 285 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Il contagio si verifica per il contatto con i fluidi corporei (saliva,sangue, muco e secrezioni vaginali, sperma o urina) di soggetti infetti. Il più importante serbatoio d'infezione sono i bambini piccoli, soprattutto quelli tra 1 e 2 anni, l'80% dei quali elimina il virus nella saliva e/o nell'urina. Malattie infettive in gravidanza

286 286 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Quando la donna gravida ha già una immunità verso il virus, può avvenire una cosiddetta reinfezione o infezione secondaria in questo caso il passaggio del virus al feto può verificarsi in circa l'1% dei casi. Malattie infettive in gravidanza

287 287 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Le conseguenze per il feto sono invece più frequenti e più gravi in caso di infezione primaria quando cioè la donna si infetta per la prima volta in gravidanza. Il feto può essere contagiato per passaggio del virus attraverso la placenta e durante il parto; tuttavia, solo la prima modalità può causare lesioni significative. Malattie infettive in gravidanza

288 288 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Anche per il CMV vale lo stesso discorso fatto per la rosolia a proposito della possibilità di determinare danni fetali, infatti nei rari casi in cui il CMV infetta il feto nel primo trimestre può determinare malformazioni degli organi in formazione. Malattie infettive in gravidanza

289 289 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus La percentuale delle donne che acquisiscono l'infezione in gravidanza è compresa tra l'1% e il 4%. Tra quelle che contraggono l'infezione primaria, il 20-50% trasmette il virus al feto. L'infezione è più frequente con il progredire della gravidanza, ma la probabilità di lesioni fetali è più elevata soprattutto durante il primo trimestre. Malattie infettive in gravidanza

290 290 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Entità dei danni Nei casi di prima infezione, il virus attraversa infatti la placenta nel 40% dei casi, ma solo nello 0.5-2% di questi dà problemi importanti, che consistono in: Malattie infettive in gravidanza

291 291 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Entità dei danni microcefalia, ventricolomegalia con calcificazioni intorno ai ventricoli cerebrali, corioretinite, calcificazioni epatiche, sordità, ritardo mentale, convulsioni. Malattie infettive in gravidanza

292 292 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Gli esami in gravidanza Quali sono gli esami normalmente eseguiti in gravidanza? All’inizio della gravidanza viene eseguito il dosaggio degli anticorpi anti CMV IgG e IgM. Malattie infettive in gravidanza

293 293 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Gli esami in gravidanza Quali sono gli esami normalmente eseguiti in gravidanza? Nel caso non siano presenti anticorpi nella gravida il la ricerca degli anticorpi IgM viene ripetuto ogni giorni durante tutto il corso della gravidanza per scoprire tempestivamente una infezione in gravidanza … Malattie infettive in gravidanza

294 294 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Gli esami in gravidanza Quali sono gli esami normalmente eseguiti in gravidanza? …per scoprie una eventuale reinfezione o infezione secondaria nelle donne immuni si dosano anche le immunoglobuline IgG che, se avviene una seconda infezione, aumentano di concentrazione QUESTI ESAMI NON SONO A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Malattie infettive in gravidanza

295 295 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Gli anticorpi IgM vengono prodotti, come abbiamo detto in precedenza, più precocemente; la loro produzione, in linea di massima, cessa dopo otto-dieci settimane.Gli anticorpi IgG vengono prodotti più tardivamente e permangono nel sangue per tutta la vita. Perciò la presenza di IgM indica una infezione materna recente. Malattie infettive in gravidanza

296 296 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Essendo l’infezione da CMV una malattia molto diffusa, la maggior parte delle donne è già immune all'inizio della gravidanza e ha, quindi, una concentrazione protettiva di IgG, in assenza di IgM. Malattie infettive in gravidanza

297 297 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Se invece sono presenti solo IgG, bisogna capire se l'infezione sia avvenuta durante la gravidanza o subito prima. Malattie infettive in gravidanza

298 298 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Il dosaggio degli anticorpi Per fare questa valutazione si dosano gli anticorpi dopo 2-3 settimane: se l'infezione è recente o ci troviamo di fronte a una reinfezione il tasso di IgG di solito aumenta. L’avvenuta infezione da parte del CMV è certa solo quando, dopo alcuni test negativi, improvvisamente si evidenzia la presenza delle IgM. Malattie infettive in gravidanza

299 299 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Il dosaggio degli anticorpi Quando si ha evidenza della avvenuta infezione da parte del CMV di una donna in gravidanza si può ricorrere ad ulteriori indagini e tra queste sono compresi gli esami invasivi. Malattie infettive in gravidanza

300 300 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus La diagnosi di infezione del feto da parte del CMV con esami invasivi Per diagnosticare l'infezione fetale, si pratica un prelievo di sangue fetale tramite cordocentesi al 5° mese e si dosano gli anticorpi di tipo IgM prodotti dal feto. Malattie infettive in gravidanza

301 301 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus La diagnosi di infezione del feto da parte del CMV con esami invasivi le IgM materne non attraversano la placenta, la positività di questo esame documenta l'avvenuto contagio del feto perché la produzione di questi anticorpi sarà stata effettuata dal feto infetto. Malattie infettive in gravidanza

302 302 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus La diagnosi di infezione del feto da parte del CMV con esami invasivi Anche in questo caso il limite di questo esame è rappresentato dal fatto che la capacità di produrre questi anticorpi nel feto comincia solo dopo la 21ª settimana di gravidanza. Malattie infettive in gravidanza

303 303 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus La diagnosi di infezione del feto da parte del CMV con esami invasivi Eseguendo l'amniocentesi si può effettuare la ricerca del DNA del virus con un esame che lo identifica (Polimerase Chain Reaction) il quale ci consente di identificare i feti affetti. Malattie infettive in gravidanza

304 304 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Ruolo dell’ecografia nella diagnosi di infezione del feto da parte del CMV L'assenza di malformazioni fetali all’ecografia morfologica non esclude che vi possano essere problemi nel neonato, soprattutto agli occhi o all’udito, ma questi non possono essere investigati con l'ecografia. Malattie infettive in gravidanza

305 305 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Come si può prevenire il rischio di avere una infezione da CMV in gravidanza? Per la prevenzione dell'infezione da citomegalovirus, in caso non si abbia una immunità, è consigliabile seguire alcune norme igieniche tra cui evitare di baciare sulla bocca bambini piccoli, … Malattie infettive in gravidanza

306 306 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La malattia da Citomegalovirus Come si può prevenire il rischio di avere una infezione da CMV in gravidanza? lavarsi bene le mani dopo aver toccato la loro saliva, il muco nasale o l'urina, lavarsi bene le mani dopo aver cambiato i pannolini del bambino dopo un'infezione primaria, cercare una gravidanza almeno dopo sei mesi. Malattie infettive in gravidanza

307 307 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Malattia da Citomegalovirus La terapia Allo stato attuale, non esiste una terapia valida per l'infezione fetale. Questo induce molti studiosi a ritenere la ricerca e la determinazione degli anticorpi per questa malattia superfluo. Malattie infettive in gravidanza

308 308 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Quinta malattia La quinta malattia o eritema infettivo è determinata da un virus chiamato Parvovirus B19 Nell'adulto questa infezione, il più delle volte, non dà sintomi o dà lievi sintomi come ingrossamento delle linfoghiandole dolori alle articolazioni febbre. Malattie infettive in gravidanza

309 309 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Quinta malattia Esiste la possibilità di passaggio del virus attraverso la placenta al feto. I maggiori rischi per il bambino si hanno nel secondo trimestre. Malattie infettive in gravidanza

310 310 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Quinta malattia Questa infezione non provoca vere malformazioni, ma può causare ascite e idrope fetale (versamenti di liquidi nelle cavità sierose come la pancia o le pleure intorno ai polmoni e nei tessuti del corpo del feto) per effetto di uno stato di anemia indotta dal virus nel feto. Malattie infettive in gravidanza

311 311 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Quinta malattia Gli esami in gravidanza A causa della estrema rarità dei problemi al feto normalmente non si eseguono esami per determinare lo stato di immunità verso il parvovirus B19 e solo nei casi in cui si teme un contagio nella donna in gravidanza… Malattie infettive in gravidanza

312 312 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza …o si hanno segni di malattia fetale si possono determinare gli anticorpi IgM e IgG. QUESTI ESAMI NON SONO A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE La Quinta malattia Malattie infettive in gravidanza

313 313 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Quinta malattia Il dosaggio degli anticorpi Per valutare se vi è stata una infezione recente è possibile dosare gli anticorpi di tipo IgM della madre, anche se questi rimangono nel sangue per un periodo di tempo estremamente ridotto. Malattie infettive in gravidanza

314 314 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La diagnosi di infezione del feto da parte del virus parvovirus B19 con esami invasivi La cordocentesi e l'amniocentesi possono essere di aiuto per la diagnosi, ma sono consigliati solo in casi strettamente necessari per i loro rischi. Malattie infettive in gravidanza

315 315 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Ruolo della ecografia nella diagnosi di infezione del feto da parte del Parvovirus B19 Con l’ecografia si potranno rilevare i versamenti liquidi nelle cavità dell’addome o delle pleure del feto o anche la raccolta di liquido negli spazi sottocutanei. Malattie infettive in gravidanza

316 316 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Varicella La varicella è una malattia contagiosa che colpisce prevalentemente l'infanzia ed è determinata da un virus della famiglia degli Herpes virus. La varicella dà epidemie nelle comunità scolastiche, i sintomi sono rappresentati da febbre, dolori muscolari, ed eruzione cutanea caratteristica (vescicole ripiene di un liquido chiaro). Malattie infettive in gravidanza

317 317 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Varicella Dopo il contagio la malattia si manifesta dopo un periodo di incubazione compreso tra i 14 e i 21 giorni. Un soggetto malato di varicella può dare contagio nel periodo che va da circa 5 giorni prima della comparsa delle classiche vescicole fino a circa 5 giorni dopo la scomparsa dell'ultima vescicola. Malattie infettive in gravidanza

318 318 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Varicella Dato che circa il 95% delle persone adulte risulta immune, la varicella è veramente rara in gravidanza (1-5 casi su donne). Malattie infettive in gravidanza

319 319 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Varicella La probabilità di passaggio attraverso la placenta del virus è circa del 12%, mentre il rischio di lesioni fetali va dallo 0.4% nel primo trimestre, al 2% nel secondo e al 1% nei mesi successivi. Malattie infettive in gravidanza

320 320 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Varicella Le conseguenze della varicella in gravidanza, rarissime, possono essere: al primo trimestre: non c'è evidenza che la varicella aumenti il rischio di aborto Malattie infettive in gravidanza

321 321 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Varicella al secondo trimestre possono determinarsi : ventricolomegalia (cioè dilatazione dei ventricoli cerebrali che contengono il liquido cerebrospinale) microcefalia ( cranio e cervello più piccoli) corioretinite (anomalia dell’occhio) Malattie infettive in gravidanza

322 322 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Varicella cataratta (rappresentato da una opacizzazione del cristallino degli occhi che induce riduzione della capacità visiva) depositi di calcio nel fegato (calcificazioni epatiche) ipoplasia degli arti ( anomalie della struttura delle ossa lunghe degli arti superiori o inferiori) Malattie infettive in gravidanza

323 323 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Varicella al terzo trimestre: di solito non ci sono problemi particolari, ad eccezione dei casi in cui l'infezione viene contratta in vicinanza del parto. Infatti il neonato, se non è protetto dagli anticorpi materni, può sviluppare un'infezione particolarmente grave con presenza delle manifestazioni della pelle molto estese. Malattie infettive in gravidanza

324 324 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Varicella Gli esami in gravidanza A causa della estrema rarità dei problemi al feto normalmente non si eseguono esami per determinare lo stato di immunità verso il virus della varicella e solo nei casi in cui si teme un contagio nella donna in gravidanza si possono determinare gli anticorpi IgM e IgG. QUESTI ESAMI NON SONO A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Malattie infettive in gravidanza

325 325 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La diagnosi della Varicella La diagnosi nella donna colpita si basa sul riconoscimento delle manifestazioni della pelle, mentre può essere utile dosare gli anticorpi, dopo un contatto, per valutare se si sono prodotti gli anticorpi specifici, anche in questo caso prima le immunoglobuline M e poi le G. 12 Malattie infettive in gravidanza

326 326 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La diagnosi di infezione del feto da parte del virus della varicella con esami invasivi Per stabilire se il virus ha colpito il bambino si potrebbe ricorrere, anche in questo caso, a indagini invasive come, l'amniocentesi e la funicolocentesi, ma queste indagini sono scarsamente utili per fare una corretta diagnosi e hanno un rischio di aborto mediamente superiore a quello che ha il virus di indurre malformazioni. Malattie infettive in gravidanza

327 327 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Ruolo della ecografia nella diagnosi di infezione del feto da parte del virus della Varicella L'ecografia morfologica, eseguita a varie epoche gestazionali, molto raramente può aiutare a evidenziare alcune delle lesioni fetali associate alla malattia. Malattie infettive in gravidanza

328 328 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Come si può prevenire il rischio di avere una infezione del virus della varicella in gravidanza? La prevenzione della varicella si basa sulla somministrazione di immunoglobuline specifiche contro il virus della varicella alle donne non immuni entro 72 ore, in caso di contatto con un bambino affetto. È consigliabile, comunque, che le donne in gravidanza non immuni evitino il più possibile contatti con bambini piccoli. Malattie infettive in gravidanza

329 329 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Un tipo di batterio, la Listeria monocytogenes, provoca una malattia chiamata listeriosi che può essere particolarmente pericolosa per le donne in gravidanza e per i loro bambini. Malattie infettive in gravidanza

330 330 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Nella donna in gravidanza che si ammala di listeriosi possono verificarsi parti prematuri, aborti, morte in uterodel feto serie malattie o morte del neonato a seguito dell'infezione della madre. Malattie infettive in gravidanza

331 331 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi I cambiamenti ormonali durante la gravidanza hanno un effetto sul sistema immunitario della madre che può portare ad una maggiore suscettibilità alla listeriosi. Malattie infettive in gravidanza

332 332 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Secondo i dati del CDC americano (Center for Desease Control and Prevention – Centro per il controllo delle Malattie e della Prevenzione ), le donne in gravidanza hanno una probabilità circa 20 volte superiore rispetto agli altri adulti sani di essere contagiate. Malattie infettive in gravidanza

333 333 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi È perciò che circa un terzo dei casi di listeriosi si manifestano durante la gravidanza. Anche se la madre non mostra segni di malattia, la listeriosi può essere trasmessa al bambino attraverso la barriera placentare. Malattie infettive in gravidanza

334 334 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Pur esistendo una possibilità teorica che Listeria passi attraverso il latte materno, non sembra che questo accada realmente. Malattie infettive in gravidanza

335 335 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi I batteri che causano l'infezione da Listeria sono molto diffusi e si trovano comunemente nella terra, nei granai e nelle fogne. Si trovano anche in numerosi cibi come carne cruda, vegetali crudi ed alcuni cibi sottoposti a lavorazione. Malattie infettive in gravidanza

336 336 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi A volte, non è possibile individuare con precisione il cibo che ha causato l'infezione perchè i sintomi della malattia si manifestano da 3 a 70 giorni dopo aver mangiato il cibo contaminato. Malattie infettive in gravidanza

337 337 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Dato che i batteri che causano le infezioni da Listeria si trovano comunemente nell'ambiente, è impossibile eliminarli del tutto ed è impossibile non venirvi a contatto. Malattie infettive in gravidanza

338 338 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Nelle donne incinte, la listeriosi può provocare sintomi simili all'influenza, come febbre, dolori muscolari e a volte diarrea e fastidi allo stomaco. La gravità dei sintomi può variare. Se l'infezione si diffonde al sistema nervoso, tra i sintomi si può aggiungere mal di testa, torcicollo, confusione, perdita di equilibrio o convulsioni. Malattie infettive in gravidanza

339 339 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Poiché i sintomi della listeriosi possono manifestarsi dopo alcuni giorni, o anche settimane, e possono essere leggeri, può succedere di non accorgersi mai di averla presa. Per questo è molto importante prendere delle precauzioni di sicurezza alimentare durante la gravidanza. Malattie infettive in gravidanza

340 340 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi La FDA (Food and Drug Administration –Amministrazione del Cibo e dei Farmaci) e il FSIS (Food Safety and Inspection Service – Servizio Ispettivo sulla Sicurezza degli alimenti del Dipartimento dell'Agricoltura) americani forniscono una serie di consigli ai consumatori a rischio ed in particolare alle donne in gravidanza. Malattie infettive in gravidanza

341 341 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Poiché la Listeria può crescere anche in frigorifero e sopravvivere in freezer, si trova di solito nei prodotti pronti per il consumo (e che, quindi, non vengono cotti prima del consumo). L'aspetto, l'odore e il sapore degli alimenti contaminati non è diverso dal cibo sano, per cui non è possibile distinguerli. Malattie infettive in gravidanza

342 342 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Non mangiare carni pronte al consumo come hot dog e salsicce se non vengono riscaldate finché appaiono bollenti e fumanti. Malattie infettive in gravidanza

343 343 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Non mangiare formaggi molli come la feta, il Brie, il Camembert, formaggi con le venature blu come il gorgonzola e quelli messicani. Questo tipo di formaggi sono meno acidi e più umidi dei formaggi stagionati e costituiscono il terreno ideale per la crescita di alcuni batteri. Malattie infettive in gravidanza

344 344 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Non mangiare patè o creme di carne freschi, mentre si possono mangiare quelli sterilizzati (in scatola). Malattie infettive in gravidanza

345 345 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Non mangiare pesce affumicato, a meno che non sia un ingrediente di un piatto ben cotto. Esempi di pesce fresco affumicato sono: salmone, trota, merluzzo, sgombro. Questi prodotti si trovano nel banco frigo o nel reparto gastronomia dei negozi di alimentari e dei supermercati. Malattie infettive in gravidanza

346 346 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Il pesce in scatola come il tonno o il salmone possono essere mangiati in tranquillità. Non bere latte crudo (non pastorizzato) e non mangiare alimenti che contengono latte crudo (come alcuni formaggi). Il parmigiano e il groviera, fatti con latte crudo, sono considerati sicuri, perchè molto stagionati. Malattie infettive in gravidanza

347 347 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Dopo aver manipolato dei cibi crudi, lavare le mani con acqua calda e sapone e lavare gli utensili con acqua calda e detersivo prima di riusarli. Malattie infettive in gravidanza

348 348 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi In generale è buona norma lavare accuratamente frutta e verdura prima di mangiarla. Consumare i cibi deperibili precotti o già cotti il prima possibile e comunque non oltre la data di scadenza. Riscaldare fino al bollore gli avanzi. Malattie infettive in gravidanza

349 349 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi In generale è buona norma lavare accuratamente frutta e verdura prima di mangiarla. Consumare i cibi deperibili precotti o già cotti il prima possibile e comunque non oltre la data di scadenza. Riscaldare fino al bollore gli avanzi. Malattie infettive in gravidanza

350 350 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Usare un termometro da frigo per essere sicuri che il frigorifero stia sempre ad una temperatura di +4°C o inferiore. Quando si cucina, lavare spesso le mani e le superfici. Non permettere la contaminazione crociata tra alimenti cotti e crudi. Cuocere alle temperature adatte e raffreddare velocemente i cibi cotti se si intende conservarli. Malattie infettive in gravidanza

351 351 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Cibi ad alto rischio - questi comprendono: -Prodotti pronti da mangiare quali- Pesce affumicato Insalate crude preparate in precedenza Carni sottoposte a lavorazione che si mangiano senza cucinare e senza riscaldare tipo patè, Malattie infettive in gravidanza

352 352 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Cibi ad alto rischio - questi comprendono: -Prodotti pronti da mangiare quali- Affettati, Pollo cotto tagliato a pezzetti Latte non pastorizzato o prodotti confezionati con latte non pastorizzato. Gelato tipo "Soft Serve". Formaggi non fermentati tipo brie, camembert, ricotta Malattie infettive in gravidanza

353 353 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Cibi che si possono mangiare senza pericolo – questi comprendono: Tutti i cibi appena preparati. Formaggi duri, formaggi spalmabili, formaggi fermentati. Latte pastorizzato e latte di tipo "UHT". Yoghurt. Cibi in scatola e sottaceto. Malattie infettive in gravidanza

354 354 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Igiene e conservazione dei cibi In generale il consiglio per le donne in gravidanza è di fare una maggiore attenzione alla sicurezza degli alimenti, perchè, anche nei casi di situazioni non pericolose per il bambino, è bene che la madre sia in buona salute e non contragga malattie. Malattie infettive in gravidanza

355 355 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Igiene e conservazione dei cibi Osservare la massima igiene e conservare i cibi in un modo appropriato è importante per tutti, ma lo è in modo particolare per le persone che in caso di infezione da listeria potrebbero essere soggette a gravi complicazioni. Malattie infettive in gravidanza

356 356 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Igiene e conservazione dei cibi Per ridurre al minimo i rischi di infezione da listeria o di altre malattie dovute alla contaminazione dei cibi come per esempio la gastroenterite, è bene osservare le seguenti norme igieniche: Malattie infettive in gravidanza

357 357 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Lavarsi le mani prima di preparare i cibi e dopo aver toccato cibi crudi o cibi pronti da mangiare. Coprire tutti i cibi. Mettere tutti i cibi cotti in frigorifero entro un'ora dalla cottura. Malattie infettive in gravidanza

358 358 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Mettere la carne, il pollo ed il pesce crudo nel compartimento sotto i cibi cotti o pronti da mangiare per evitare che siano contaminati da eventuali sgocciolamenti. Tenere il frigorifero ben pulito ed ad una temperatura di 5 ° C o meno. Malattie infettive in gravidanza

359 359 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Osservare scrupolosamente la data di scadenza dei cibi. Non adoperare per i cibi cotti gli stessi utensili (come per esempio coltelli, taglieri ecc.) usati per quelli crudi, a meno che non siano stati lavati prima con acqua calda e sapone. Malattie infettive in gravidanza

360 360 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Lavare bene la frutta e la verdura prima di mangiarla. Scongelare i cibi nel compartimento più basso del frigorifero oppure nel forno a micro-onde. Cuocere bene tutti i cibi di origine animale,compreso le uova. Malattie infettive in gravidanza

361 361 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Tenere i cibi caldi ben caldi (al di sopra dei 60 0C) ed i cibi freddi ben freddi (ad una temperatura di 5 0 C o meno). Riscaldare i cibi cotti fin quando la temperatura interna non raggiunge perlomeno 70°C(bollente). Malattie infettive in gravidanza

362 362 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Usare il forno a microonde nel modo giusto. Se usate il forno a microonde, leggete attentamente le istruzioni ed osservate i tempi che vengono raccomandati, in modo che il cibo raggiunga una temperatura uniforme prima di essere consumato. Malattie infettive in gravidanza

363 363 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi Gli esami in gravidanza A causa della rarità delle infezioni da Listeria normalmente non si eseguono esami per determinare se la gravida è affetta da Listeriosi solo nei casi in cui si teme un contagio nella donna in gravidanza o si hanno il sospetto di malattia si possono eseguire indagini per la ricerca della listeria e degli anticorpi specifici. QUESTI ESAMI NON SONO A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Malattie infettive in gravidanza

364 364 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi La terapia In caso di provata infezione da Listeria come terapia vengono somministrati antibiotici alla madre che, nella maggior Parte dei casi, prevengono l'infezione del bambino. Viene usata l’ampicillina a dosaggi alti tra 2 e 4 grammi ogni otto ore per via endovenosa Anche ai Bambini nati con la listeriosi vengono somministrati antibiotici. Malattie infettive in gravidanza

365 365 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Listeriosi La terapia L’infezione si può curare con successo con gli antibiotici a condizione che il trattamento abbia inizio al più presto. Malattie infettive in gravidanza

366 366 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio SIFILIDE La sifilide è una malattia grave che si trasmette con l' attività sessuale. Essa è dovuta all' azione del Treponema Pallido detto anche Spirocheta Pallida. Qualche settimana dopo il contagio compare una ulcerazione, detta "sifiloma" solitamente a livello genitale (ma anche a livello orale)… Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

367 367 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio SIFILIDE …che scompare dopo qualche tempo. Dopo questa prima fase, detta "sifilide primaria" se non interviene una opportuna cura antibiotica, la malattia entra nella seconda fase, detta "sifilide secondaria". Questa compare entro 2-6 mesi dall' infezione primaria, ed è caratterizzata… Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

368 368 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio SIFILIDE …dalla comparsa di una eruzione cutanea diffusa, mal di testa, febbre e dolori muscolari. Se non viene attuata una adeguata terapia antibiotica, si assiste all‘evoluzione verso la "sifilide terziaria", caratterizzata dalla produzione delle cosiddette "gomme luetiche“… Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

369 369 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio SIFILIDE …che possono danneggiare il cervello, portando alla demenza, e anche altri organi (fegato, ossa, ecc.). Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

370 370 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Sifilide L' evoluzione della malattia, se non adeguatamente e tempestivamente curata, può portare alla morte. Se la sifilide viene contratta in gravidanza, in assenza di una adeguata terapia, può comportare l' aborto o la morte del feto,… Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

371 371 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio La Sifilide … oppure un parto prematuro, oppure la nascita di un feto con manifestazioni particolari che vanno sotto il nome di "fetopatia luetica". Le malattie trasmesse sessualmentein gravidanza

372 372 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza VDRL e TPHA Sono esami del sangue che evidenziano una infezione con il batterio della sifilide. Questi esami sono tra quelli compresi nei primi esami eseguiti all’inizio della gravidanza. QUESTI ESAMI SONO A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Le malattie trasmesse sessualmentein gravidanza La Sifilide

373 373 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio HERPES GENITALE L' Herpes genitale è una malattia infettiva determinata da un virus chiamato Herpes virus. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

374 374 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio HERPES GENITALE L’Herpes genitale, nella donna, è caratterizzato dalla formazione di piccole vescicole, che contengono un liquido chiaro, intensamente dolorose e che possono localizzarsi a livello dei genitali (vulva, vagina e collo dell' utero) o in vicinanza ad essi (nella sede intorno all’ano). Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

375 375 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio HERPES GENITALE Quando queste vescicole si rompono danno luogo a delle piccole ulcerazioni. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

376 376 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Herpes genitale Quando si rompono le vescicole il liquido in esse contenuto contiene i virus che possono trasmettersi per contatto durante gli atti sessuali ( per questo l’infezione da Herpes genitale viene considerata una malattia trasmessa sessualmente). Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

377 377 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Herpes genitale I sintomi dell' herpes genitale consistono in dolore e bruciore spesso molto intensi. Anche dopo che sono scomparse le lesioni cutanee tipiche dell' episodio acuto, il virus può persistere nell' organismo, anche a guarigione avvenuta e senza sintomi. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

378 378 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Herpes genitale Successivamente, anche a distanza di tempo, in occasione di riduzione delle difese immunitarie, possono verificarsi nuovi episodi di malattia con ricomparsa delle vescicole del dolore e del bruciore. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

379 379 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Herpes genitale Non sono disponibili farmaci che portino alla guarigione assoluta e definitiva, ma si possono usare farmaci che riducono i sintomi e la frequenza delle ricadute. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

380 380 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Herpes genitale Se l' Herpes viene contratto dalla donna in gravidanza, e se al momento del parto sono presenti delle lesioni erpetiche (vescicole) a livello genitale, il neonato può essere infettato e riportare gravi danni, anche mortali. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

381 381 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Herpes genitale L'infezione erpetica del neonato, anche se può dare manifestazioni molto gravi, fortunatamente è molto rara. La sua frequenza va da 5 casi su bambini nati negli Stati Uniti a 2 casi su in Inghilterra. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

382 382 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Herpes genitale Pertanto in presenza di lesioni erpetiche genitali in una donna a termine di gravidanza, è indicato l' espletamento del parto mediante taglio cesareo. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

383 383 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza Il dosaggio degli anticorpi contro i Herpes virus di Tipo 1 (agente della forma che colpisce le labbra) e di Tipo 2 (agente della forma che colpisce i genitali) non viene più consigliato tra gli esami all’inizio della gravidanza. L’Herpes genitale Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

384 384 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza A causa della estrema rarità dei problemi al feto quando non vi sono segni di una infezione acuta con la presenza di vescicole a livello dei genitali, normalmente non si eseguono esami per determinare lo stato di immunità verso il virus e solo nei casi in cui si hanno segni di malattia nella gravida si possono determinare gli anticorpi IgM e IgG. L’Herpes genitale Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

385 385 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza Le donne a maggior rischio d'infezione (quelle con ripetuti episodi d'infezioni o con partner che hanno manifestazioni cliniche) devono sottoporsi a maggiori controlli in prossimità del parto. QUESTI ESAMI NON SONO A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE L’Herpes genitale Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

386 386 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Herpes genitale Gli esami colturali del virus su tamponi vaginali e la colposcopia sono, indubbiamente, i mezzi diagnostici più affidabili. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

387 387 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio AIDS (Sindrome da immunodeficienza acquisita) L' AIDS (Sindrome da immunodeficienza acquisita) è la più grave delle infezioni a trasmissione sessuale, portando a morte la persona malata. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

388 388 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio AIDS (Sindrome da immunodeficienza acquisita) L’AIDS è causato dal un virus HIV (Human Immunodeficiency Virus – Virus dell’Immunodeficienza umana). Tale virus va a colpire il sistema immunitario, rendendolo incapace di assolvere alle sue funzioni di difesa nei confronti delle infezioni e di alcune forme di tumori. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

389 389 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio AIDS (Sindrome da immunodeficienza acquisita) In conseguenza di ciò la persona affetta da AIDS muore a causa delle ripetute infezioni di vario genere cui va incontro, e per il possibile verificarsi di forme tumorali che nei malati di AIDS si sviluppano più facilmente. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

390 390 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Come ci si ammala di AIDS? Il virus HIV è presente soprattutto nel sangue e nelle secrezioni vaginali e nello sperma. Pertanto il virus può diffondersi mediante contatto con il sangue infetto (in presenza di piccole lesioni di cute e mucose) o per trasfusione di sangue infetto. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

391 391 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Come ci si ammala di AIDS? La trasmissione sessuale si verifica in seguito a rapporti sessuali con persone malate. Una donna infettata dall ' HIV può trasmettere il virus al feto per passaggio transplacentare durante la gravidanza, o per contagio al momento del parto. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

392 392 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Come ci si ammala di AIDS? L' AIDS colpisce molto spesso i tossicodipendenti, e ciò per vari motivi. In questi soggetti la trasmissione del virus avviene attraverso il sangue in seguito all' uso in comune di siringhe usate per iniettarsi la droga. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

393 393 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Aids La persona sieropositiva, pur non avendo sintomi (clinicamente sana), ha il virus nel suo sangue, e pertanto può trasmettere l' infezione. Dopo un periodo di tempo più o meno lungo (anche vari anni), la condizione di sieropositività può evolvere nell' AIDS conclamata. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

394 394 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Aids Tale situazione è caratterizzata da uno scadimento delle condizioni generali, con indebolimento, febbre, inappetenza, perdita di peso, infezioni ripetute di vario genere. Nella quasi totalità dei casi la malattia porta a morte in alcuni anni. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

395 395 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Aids Non esistendo ancora oggi al possibilità di una terapia realmente efficace nel guarire la malattia, è fondamentale la prevenzione, che si attua seguendo queste norme: evitare l' uso di droghe, in caso di sieropositività, informare il partner sessuale, Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

396 396 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Aids evitare il contatto diretto con il sangue (ferite sanguinanti) usando i guanti, evitare rapporti sessuali occasionali, con patners poco conosciuti (nel dubbio usare il profilattico). Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

397 397 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Aids Va ricordato che vanno considerati rapporti sessuali a rischio anche quelli con un partner stabile che però ha avuto rapporti non protetti. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

398 398 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza Determinazione degli anticorpi Anti-HIV L' infezione può essere accertata mediante un test che ricerca la presenza degli anticorpi anti HIV nel sangue. Tali anticorpi compaiono alcune settimane o mesi dopo il contagio. L’Aids Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

399 399 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza Determinazione degli anticorpi Anti-HIV La presenza di questi anticorpi però, a differenza di quanto succede per altre malattie infettive, non documenta l' immunità o protezione nei confronti del virus… L’Aids Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

400 400 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza Determinazione degli anticorpi Anti-HIV … (data la compromissione del sistema immunitario), ma attesta semplicemente l' avvenuto contagio. Tale situazione va sotto il nome di Sieropositività. L’Aids Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

401 401 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza Determinazione degli anticorpi Anti-HIV Per poter eseguire questo esame è necessario che il paziente dia il suo consenso come stabilisce la legge, cioè il medico deve chiedere alla donna l'autorizzazione a eseguire questo esame. L’Aids Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

402 402 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza Determinazione degli anticorpi Anti-HIV E' prassi richiedere questo esame in gravidanza, perché attraverso misure terapeutiche con l’uso di farmaci, un parto con taglio cesareo ed evitando l'allattamento al seno,… L’Aids Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

403 403 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza Determinazione degli anticorpi Anti- HIV … il rischio di contagio per il feto si riduce moltissimo (non più del 5% contro il 15-20% senza queste precauzioni). Questo esame si effettua tra gli esami dell’inizio della gravidanza.QUESTI ESAMI SONO A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE L’Aids Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

404 404 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite B EPATITE B L' epatite virale tipo B è una malattia infettiva trasmissibile con il sangue (o derivati del sangue come nelle trasfusioni) e con l' attività sessuale, a causa della presenza del virus nel sangue e nelle secrezioni vaginali e nello sperma. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

405 405 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite B EPATITE B L’epatite B può dare danni al fegato e spesso diventa una malattia cronica cioè il soggetto diventa portatore cronico. La possibilità di trasmettere l' infezione dipende dalla presenza nel sangue della persona affetta dei soli anticorpi contro il virus o anche del virus. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

406 406 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite B EPATITE B Analogamente se nella donna in gravidanza è presente ancora il virus questo può infettare il bambino durante la gravidanza o durante il parto. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

407 407 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite B Gli esami in gravidanza L’esame eseguito in gravidanza per stabilire se è presente una epatite B viene chiamato ricerca dell’ HbsAg (Antigene Australia). L‘HbsAg è una porzione del virus per cui la sua presenza indica che è presente il virus dell’epatite B. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

408 408 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite B Gli esami in gravidanza Per valutare s il virus sta determinando lesioni del fegato si dosano le transaminasi ( le sostanze contenute nel fegato che abbiamo visto nel precedente capitolo) risultano normali, significa che la paziente non è nella fase acuta della malattia… Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

409 409 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite B Gli esami in gravidanza …ma che è però portatrice sana del virus, ciò vuol dire che sarà comunque possibile che il feto si infetti col virus al momento del parto. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

410 410 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite B Gli esami in gravidanza Se le transaminasi dovessero risultare aumentate allora verranno eseguite ulteriori indagini per definire la fase della malattia (acuta o cronica ). Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

411 411 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite B Gli esami in gravidanza Dopo questa somministrazione di anticorpi il bambino potrà essere vaccinato contro l’epatite e quindi potrà ricevere anche l’allattamento al seno materno. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

412 412 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite B Gli esami in gravidanza Se la paziente è HbsAg positiva, potranno essere vaccinati anche il partner e gli altri conviventi della famiglia, se non sono stati già vaccinati. L'esame va eseguito solo una volta durante la gravidanza.QUESTI ESAMI SONO A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

413 413 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite C EPATITE C L' epatite virale tipo C è una malattia infettiva trasmissibile con il sangue (o derivati del sangue come nelle trasfusioni) e con l' attività sessuale, a causa della presenza del virus nel sangue e nelle secrezioni vaginali e nello sperma. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

414 414 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite C EPATITE C L’ epatite C può dare danni al fegato e spesso diventa una malattia cronica cioè il soggetto diventa portatore cronico. La possibilità di trasmettere l' infezione dipende dalla presenza nel sangue della persona affetta del virus. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

415 415 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite C EPATITE C Analogamente se nella donna in gravidanza è presente ancora il virus questo può infettare il bambino durante la gravidanza o durante il parto. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

416 416 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite C Gli esami in gravidanza Determinazione degli anticorpi contro il virus dell’ epatite C (anti HCV) Con questo esame si può determinare se la gestante ha anticorpi contro il virus dell‘ epatite C. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

417 417 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite C Gli esami in gravidanza Se positivo, si dovrebbe eseguire anche il dosaggio del RNA del virus (HCV RNA), una sostanza che è contenuta nel virus, la sua quantità permette di determinare se e quanti virus sono presenti nell’organismo della persona che è infettata. Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

418 418 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite C Gli esami in gravidanza In caso di risultato positivo, esiste il pericolo, anche se con frequenza piuttosto bassa, di contagio al feto. Nel caso in cui sia presente il virus, non sarà possibile attuare la profilassi, come per l’epatite B, perchè attualmente non sono disponibili vaccini,… Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

419 419 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio L’Epatite C Gli esami in gravidanza …inoltre è consigliabile non allattare il bambino al seno per ridurre la possibilità di contagio. L'esame va eseguito solo una volta durante la gravidanza. QUESTI ESAMI SONO A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Le malattie trasmesse sessualmente in gravidanza

420 420 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio CANDIDA La candidosi è un' infezione genitale molto diffusa. Essa è dovuta a un fungo o “micete” (da cui il termine di infezione micotica) denominato Candida albicans, il quale è abitualmente presente a livello vaginale anche in condizioni completo benessere. Le infezioni vaginali in gravidanza

421 421 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio CANDIDA Va ricordato infatti che l' ambiente vaginale non è sterile, ma è normalmente abitato da vari microorganismi che normalmente sono in equilibrio tra di loro e che non danno segni della loro presenza e soprattutto non danno malattie evidenti. Le infezioni vaginali in gravidanza

422 422 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio CANDIDA Quando l' equilibrio microbiologico si altera ( come quando si fa uso di antibiotici, o per una condizione di diabete, o per gravidanza che come abbiamo già detto riduce la risposta del sistema immunitario) si può instaurare l’infezione. Le infezioni vaginali in gravidanza

423 423 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio CANDIDA La vaginite da Candida è caratterizzata da perdite biancastre dense, come piccoli "grumi di ricotta", da prurito sui genitali esterni e a livello della vagina intenso, con arrossamento di vulva e vagina e dolore nei rapporti sessuali. Le infezioni vaginali in gravidanza

424 424 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio CANDIDA Il maschio, se contagiato, lamenta prurito al glande. La candidosi, solitamente curabile con antimicotici (a livello locale o generale), in alcune persone può facilmente persistere o ripresentarsi anche dopo cicli di terapie ripetute. Le infezioni vaginali in gravidanza

425 425 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio CHLAMYDIA La Chlamydia è una delle più frequenti infezioni genitali. L' infezione da Chlamydia si diffonde con i rapporti sessuali. Spesso l' infezione non comporta sintomi; talora causa prurito, bruciori alla minzione e perdite vaginali Le infezioni vaginali in gravidanza

426 426 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio CHLAMYDIA La chlamydia dalla vagina può diffondersi al collo dell’utero e poi alle tube, alle ovaie e all’apparato urinario. In conseguenza di tale estensione può causare dolori pelvici, renali e portare anche alla sterilità. Anche l’uomo può essere colpito da questa infezione. Le infezioni vaginali in gravidanza

427 427 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio GARDNERELLA (Vaginosi batterica) La vaginosi batterica è l' infezione vaginale più frequente, ed è causata dalla Gardnerella vaginalis. Le infezioni vaginali in gravidanza

428 428 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio GARDNERELLA (Vaginosi batterica) Tale infezione viene trasmessa prevalentemente con l' attività sessuale, ma può essere trasmessa anche tramite indumenti intimi, asciugamani o servizi igienici inquinati. Le infezioni vaginali in gravidanza

429 429 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio GARDNERELLA (Vaginosi batterica) In molti casi l' infezione da Gardnerella vaginalis non comporta sintomi; in tal caso viene casualmente segnalata da un tampone vaginale o da un Pap-test. Le infezioni vaginali in gravidanza

430 430 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio GARDNERELLA (Vaginosi batterica) Spesso causa perdite vaginali abbondanti, grigie, con cattivo odore (paragonabile all' odore di pesce guasto). La terapia si basa sull' uso di antibiotici ad uso locale e generale e deve essere praticata da entrambi i partner. Le infezioni vaginali in gravidanza

431 431 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio TRICHOMONAS La Trichomoniasi è un' infezione vaginale causata da un protozoo detto Trichomonas vaginalis Le infezioni vaginali in gravidanza

432 432 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio TRICHOMONAS Se non adeguatamente curata, una infezione da Trichomonas può estendersi all' utero e alle tube. La trichomoniasi va curata con antibiotici a livello locale e generale, e la terapia deve essere praticata anche dal partner. Le infezioni vaginali in gravidanza

433 433 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio TRICHOMONAS I sintomi di questa infezione consistono soprattutto nella presenza di perdite vaginali fluide, talora con aspetto schiumoso, di colore giallo- verdastro; possono essere inoltre presenti bruciore e dolore nei rapporti sessuali, oltre ad un arrossamento della vulva e delle pareti vaginali. Le infezioni vaginali in gravidanza

434 434 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio STREPTOCOCCO BETA EMOLITICO DI GRUPPO B Lo streptococco beta- emolitico di gruppo B è un microorganismo che può dare infezioni al neonato. Le infezioni vaginali in gravidanza

435 435 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio STREPTOCOCCO BETA EMOLITICO DI GRUPPO B Si tratta di un microbo che se presente nella vagina o nel retto potrebbe determinare la comparsa di un parto prematuro o infettare il bambino durante il parto, causando infezioni neonatali che in rari casi possono essere anche gravi. Le infezioni vaginali in gravidanza

436 436 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio STREPTOCOCCO BETA EMOLITICO DI GRUPPO B Se viene rilevata la presenza dello streptococco si esegue una profilassi antibiotica alla donna durante il travaglio ed eventualmente al neonato. La presenza dello streptococco non dà in genere alcun sintomo alla madre. Le infezioni vaginali in gravidanza

437 437 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza Il tampone vaginale Al fine di ricercare la presenza di infezioni vaginali si esegue una indagine microbiologica con il tampone vaginale. Le infezioni vaginali in gravidanza

438 438 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza Il tampone vaginale Il tampone vaginale può essere eseguito in ogni momento della gravidanza all’inizio o durante la gravidanza o in tutti i casi in cui si sospetti una infezione vaginale. Le infezioni vaginali in gravidanza

439 439 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza Il tampone vaginale Le infezioni vaginali possono infatti essere la causa di parti prima del normale termine. Rilevare la presenza di una infezione permette di attuare una terapia mirata a curare l’infezione e prevenire la possibilità di un parto prima del termine,… Le infezioni vaginali in gravidanza

440 440 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Gli esami in gravidanza Il tampone vaginale …bisogna infatti sottolineare che possono essere presenti anche infezioni vaginali che non danno alcun sintomo alla gestante ma che ugualmente possono dare problemi nel decorso della Le infezioni vaginali in gravidanza

441 441 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio Il tampone vaginale QUESTO ESAME È A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. È TRA GLI ESAMI DELL’OTTAVO MESE DI GRAVIDANZA Le infezioni vaginali in gravidanza

442 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULL’ECOGRAFIA IN GRAVIDANZA 442 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio ESAMI PREVISTI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998 Di seguito è riportato l'elenco degli esami previsti in gravidanza dal Sistema Sanitario Nazionale. Per poter eseguire gli esami con il Servizio Sanitario Nazionale, questi devono essere richiesti sul ricettario unico dal medico di base o da un ginecologo di una struttura pubblica. Nella casella "esenzioni" il medico curante deve mettere "gravidanza".

443 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULL’ECOGRAFIA IN GRAVIDANZA 443 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio ESAMI PREVISTI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998 Di seguito l'elenco degli esami in esonero dalla partecipazione alla spesa: All'inizio della gravidanza e comunque entro la 13^ settimana: Gruppo sanguigno + fattore Rh Emocromo completo con conteggio delle piastrine Elettroforesi dell'emoglobina (anche per il partner) Sideremia Ferritina Test di Coombs indiretto (nell'incompatibilità Rh è gratuito anche per tutti i mesi successivi. Nell'incompatibiltà ABO è gratuito alla 34^-36^ settimana) Glicemia

444 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULL’ECOGRAFIA IN GRAVIDANZA 444 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio ESAMI PREVISTI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998 Di seguito l'elenco degli esami in esonero dalla partecipazione alla spesa: All'inizio della gravidanza e comunque entro la 13^ settimana: Curva glicemica da carico orale + emoglobina glicosilata (nelle donne a rischio per il diabete) Azotemia Creatininemia Uricemia Transaminasi GammaGT Rubeotest Anti-citomegalovirus

445 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULL’ECOGRAFIA IN GRAVIDANZA 445 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio ESAMI PREVISTI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998 Di seguito l'elenco degli esami in esonero dalla partecipazione alla spesa: All'inizio della gravidanza e comunque entro la 13^ settimana: Toxotest VDRL,TPHA HbsAg HCV Anti HIV Esame urine completo Ecografia

446 INFORMAZIONI PER LE GESTANTI SULL’ECOGRAFIA IN GRAVIDANZA 446 Informazioni alle gestanti Dr. Del Verme Maurizio ESAMI PREVISTI DAL SERVIZIO SANITARIO