La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ovvero giocare con lealtà.. Fair play (comportamento) L'espressione inglese fair play (lett. gioco corretto, da intendersi come lealtà) identifica nell'immaginario.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ovvero giocare con lealtà.. Fair play (comportamento) L'espressione inglese fair play (lett. gioco corretto, da intendersi come lealtà) identifica nell'immaginario."— Transcript della presentazione:

1 Ovvero giocare con lealtà.

2 Fair play (comportamento) L'espressione inglese fair play (lett. gioco corretto, da intendersi come lealtà) identifica nell'immaginario comune una serie di regole etiche e comportamenti da tenere in ambito sportivo, fondate sui princìpi generali del rispetto, della solidarietà, della correttezza e dell'onestà. Per estensione, il termine fair play è tuttavia oramai utilizzato per denotare i medesimi princìpi in svariati altri ambiti, in particolare nella politica. La Carta del Fair Play, varata nel 1975 dal C.I.F.P. (Comitato Internazionale Fair Play), è un decalogo internazionale dei nobili principi a cui dovrebbe ispirarsi chiunque si accosti a qualunque titolo allo Sport, quello con la esse maiuscola.

3 CARTA DEL FAIR PLAY Qualunque sia la mia funzione nello sport, anche quella di spettatore, mi impegno a: 1) Fare di ogni incontro sportivo un momento di privilegio, una specie di festa, qualunque sia l'importanza della posta e la virilità della gara; 2) Conformarmi alle regole e allo spirito dello sport praticato; 3) Rispettare i miei avversari come me stesso; 4) Accettare le decisioni dell'arbitro o dei giudici sportivi, sapendo che, come me, hanno diritto all'errore, ma che fanno di tutto per non commetterne; 5) Evitare la cattiveria e le aggressioni con atti, parole o scritti; 6) Non adoperare espedienti o inganni per ottenere un successo; 7) Restare degno nella vittoria come nella sconfitta; 8) Aiutare ognuno con la mia presenza, la mia esperienza e la mia comprensione; 9) Portare aiuto ad ogni sportivo ferito o in difficoltà tali da mettere in pericolo la propria vita; 10) Comportarmi da vero ambasciatore dello sport, aiutando a far rispettare intorno a me i principi suddetti. Prendendo questo impegno, mi riconosco come un vero sportivo.'

4 IN DEFINITIVA Le regole del Fair Play SI POSSONO RIASSUMERE IN: Giocare per divertirsi; Giocare con lealtà; Attenersi alle regole del gioco; Rispettare compagni,avversari;arbitri e spettatori; Accettare la sconfitta con dignità; Rifiutare il doping,il razzismo,la violenza e qualsiasi altra cosa che possa arrecare danno allo sport; Onorando questo impegno sarò un vero sportivo...

5 Questa dichiarazione rappresenta il nostro impegno per superare ogni discussione e stabilire chiare regole di comportamento nella ricerca di valori positivi nello sport giovanile Dichiariamo che: Promuoveremo attivamente i valori positivi nello sport giovanile con grande impegno e presentando buoni programmi. Nell’allenamento e nelle competizioni punteremo a quattro obiettivi in un modo equilibrato: sviluppo delle competenze di tipo motorio (tecnica e tattica), stile competitivo sicuro e sano, positivo concetto di se stessi, buoni rapporti sociali. In questo saremo guidati dalle necessità dei giovani. Crediamo che sforzarsi per eccellere e vincere, sperimentando il successo o il piacere, il fallimento o la frustrazione, siano tutte componenti dello sport competitivo. Daremo ai giovani l’opportunità di coltivare e di integrare tutto ciò (all’interno della struttura, delle regole e dei limiti del gioco) nelle loro performance e li aiuteremo a gestire le loro emozioni. Presteremo particolare attenzione alla guida e all’educazione dei giovani, in accordo con quei modelli che valorizzano i principi etici e umani in generale ed il fair play nello sport in particolare. Ci assicureremo che i giovani siano coinvolti nelle decisioni che riguardano il loro sport. Altro documento di valore etico: la Dichiarazione di Gand firmata nel 2004 dal Panathlon Internazionale. DICHIARAZIONE DEL PANATHLON SULL’ETICA NELLO SPORT GIOVANILE Il Panathlon (dal GRECO pan=tutto e athlon=sport) è un'associazione culturale in campo sportivo, fondata a Venezia il 12 giugno 1951 dal col. Mario Viali e altri 24 fondatori fra cui il conte Ludovico Foscari che ne ha proposto il nome e coniato anche il motto. L'associazione Panathlon International, cresciuta dapprima in Italia, è divenuta internazionale a partire dal 14 maggio 1960.

6 Continueremo nel nostro impegno per eliminare nello sport giovanile tutte le forme di discriminazione. Questo è coerente con il fondamentale principio etico di uguaglianza, che richiede giustizia sociale ed uguale distribuzione delle risorse. I giovani ritardati, i disabili e quelli con meno predisposizione dovranno avere la stessa possibilità di praticare lo sport e le stesse attenzioni di quelli più sani e forti, con più capacità, senza discriminazione di sesso, razza e cultura. Riconosciamo e ci rendiamo conto del fatto che lo sport può anche produrre effetti negativi e che misure curative e preventive sono necessarie per proteggere i giovani. Aumenteremo la salute psicologica e fisica dei giovani attraverso i nostri sforzi per prevenire le devianze, il doping, l’abuso e lo sfruttamento, per superarne i possibili effetti negativi. Accertato che l’importanza dell’ambiente sociale dei giovani e il clima motivazionale sono ancora sottostimati svilupperemo, adotteremo e attueremo un codice di condotta con responsabilità chiaramente definite per tutti coloro che ruotano intorno allo sport dei giovani: organizzazione governativa, dirigenti, genitori, educatori, allenatori, manager, amministratori, dottori, terapisti, dietologi, psicologi, grandi atleti, i giovani stessi. Raccomandiamo fortemente che siano seriamente considerate queste persone, organizzate in appropriati livelli e che governano questo codice di condotta. Incoraggiamo la registrazione e l’accreditamento dei sistemi di preparazione per allenatori ed istruttori.

7 Gradiamo l’aiuto degli sponsor e dei media ma riteniamo che esso debba essere in accordo con i maggiori obiettivi dello sport giovanile. Accogliamo il finanziamento da parte di organizzazioni e società solo quando questo non contrasta con il processo pedagogico, i principi etici e gli obiettivi dello sport giovanile. Crediamo che la funzione dei media non deve essere solo re-attiva, ossia riflettere i problemi della nostra società, ma anche pro-attiva, cioè stimolante, educativa e innovativa. Formalmente sottoscriviamo “La Carta dei Diritti del Ragazzo nello Sport” adottata dal Panathlon. Tutti i ragazzi hanno il diritto di: praticare sport divertirsi e giocare vivere in un ambiente salutare essere trattati con dignità essere allenati ed educati da persone competenti ricevere un allenamento adatto alla loro età, ritmo e capacità individuale gareggiare con bambini dello stesso livello in una adeguata competizione praticare lo sport in condizioni di sicurezza. riposarsi. avere la possibilità di diventare un campione, oppure di non esserlo. Tutto questo potrà essere raggiunto quando i governi, le federazioni, le agenzie e le società sportive, nonché le industrie, i media, i manager, gli studiosi dello sport, i dirigenti, gli allenatori, i genitori e i giovani stessi approveranno questa dichiarazione. Gand, 24 settembre 2004

8 FIFA Formalmente, Fair Play è il nome dell'impegno ufficiale assunto dalla FIFA per promuovere l'etica nel calcio e dunque prevenire comportamenti quali violenza e discriminazione. Gli intenti del Fair Play, comunque, esulano dal miglioramento delle condizioni di vita nel mondo, e si limitano esclusivamente al settore sportivo. La FIFA e la UEFA hanno in più occasioni premiato coloro che hanno sposato appieno i fondamenti del Fair Play. No! alla violenza nello sport!!!

9 Oggi il fair play viene insegnato ai ragazzi che frequentano istituti scolastici. Compreso il nostro “ITCG ARGENTIA”

10 Lo sport unisce uomini di tutte le nazioni Per questo l’atleta è cittadino del mondo


Scaricare ppt "Ovvero giocare con lealtà.. Fair play (comportamento) L'espressione inglese fair play (lett. gioco corretto, da intendersi come lealtà) identifica nell'immaginario."

Presentazioni simili


Annunci Google