La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’ INNOMINA(BILE)TO HIV PERINATALE. Storie di Ordinario Disagio Metropolitano? Lo straniero (dn 12.08. 2000) Madre nata in Costa d’Avorio Aborto nel 1989.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’ INNOMINA(BILE)TO HIV PERINATALE. Storie di Ordinario Disagio Metropolitano? Lo straniero (dn 12.08. 2000) Madre nata in Costa d’Avorio Aborto nel 1989."— Transcript della presentazione:

1 L’ INNOMINA(BILE)TO HIV PERINATALE

2 Storie di Ordinario Disagio Metropolitano? Lo straniero (dn ) Madre nata in Costa d’Avorio Aborto nel 1989 Care prenatale (attuale gravidanza) in AO cittadina: no HIV- test) Parto vaginale in altro ospedale cittadino (HIV+ test “dopo parto”) Alla dimissione suggerito “a voce” accesso al Centro IP In 29a giornata HIV RNA copie, inversione CD4/CD8. Probando A1, madre B1!!!!!! Madre tossicodipendente TC emergenza (32° EG) Trasferito TIN (prematurità e crisi astinenza) IV gg vita referto materno HIV+ e trasferimento AUP HAART ( e non solo…) HIV RNA – copie – negativo – non eseguito – copie Il nativo (dn )

3 Dylan: qualcosa in più da poter fare… La madre  Terzi-gravida, HIV + dal 2002  Classe di rischio (cdc) A2  Prevenzione secondaria: Terapia antiretrovirale (HAART) Terapia antiretrovirale (HAART) TC elezione TC elezione AZT intrapartum AZT intrapartum  Viral load indeterminabile alla 36° Il figlio  Nato a 38w in ospedale territoriale  Apgar 8 a 1’ 9 a 5’  Prevenzione terziaria Allattamento con formula (dalla nascita) Allattamento con formula (dalla nascita) AZT dose standard, MA Inizio alla 48° di vita AZT dose standard, MA Inizio alla 48° di vita

4 Emanuele La madre  Terzigravida, italiana, abs, ricoverata per minaccia di parto pretermine e rottura intempestiva delle membrane in Ospedale ad alta specializzazione  HBs, HCV, VDRL, TPHA e TORCH IgG negativi;  storia di vaginiti ricorrenti  HIV eseguito solo al ricovero  PROM >10 ore  Parto spontaneo precipitoso (26 EG) Il figlio  ELBW (800gr)= AGA  Apgar 5 a 1’ 7 a 5’  Grave depressione perinatale per cui viene sottoposto a cure intensive quali rianimazione primaria, intubazione, cateterismo dei vasi ombelicali  Posto in ventilazione meccanica

5 Sviluppi  A circa 1 ora dalla nascita viene comunicata la sieropositività materna per l’HIV-1. L’antigenemia materna p24 era positiva, CD4 300/mm cubi, HIV-RNA 400,000 copie/ml.  Viene applicata prevenzione terziaria con terapia duplice: Zidovudina (Retrovir) 1,5 mg/kg x 2 ev Zidovudina (Retrovir) 1,5 mg/kg x 2 ev Nevirapina (Viramune) 2 mg/kg x 2 dosi x os Nevirapina (Viramune) 2 mg/kg x 2 dosi x os

6 Ma non basta…  A 6 giorni di vita il piccolo sviluppa una micosi cutanea generalizzata (rash desquamante).  Peggioramento rapido del quadro respiratorio.  Colture su sangue e BAL positive x Candida  Inizia amfotericina B lipid complex  Dopo 10 giorni, miglioramento del quadro clinico, ma  Subentrano Anemia grave e piastrinopenia (?inibizione midollare) Anemia grave e piastrinopenia (?inibizione midollare) Acidosi lattica (?tossicità mitocondriale) Acidosi lattica (?tossicità mitocondriale) Ipertransaminasemia, ittero protratto Ipertransaminasemia, ittero protratto

7 Colpa dell’HIV o del trattamento? EtàHIV-RNA Viral load (copie/ml) 48 ore NEGATIVO < giorni POSITIVO A 30 g di vita sepsi da Pseudomonas aeruginosa EXITUS EXITUS


Scaricare ppt "L’ INNOMINA(BILE)TO HIV PERINATALE. Storie di Ordinario Disagio Metropolitano? Lo straniero (dn 12.08. 2000) Madre nata in Costa d’Avorio Aborto nel 1989."

Presentazioni simili


Annunci Google