La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Bologna, 4 luglio 2005 Seminario di Orientamento per borsisti del Rotary Intervento di: Alessandro Versari Segretario Distrettuale Rotaract A.R. 2005/06.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Bologna, 4 luglio 2005 Seminario di Orientamento per borsisti del Rotary Intervento di: Alessandro Versari Segretario Distrettuale Rotaract A.R. 2005/06."— Transcript della presentazione:

1 Bologna, 4 luglio 2005 Seminario di Orientamento per borsisti del Rotary Intervento di: Alessandro Versari Segretario Distrettuale Rotaract A.R. 2005/06 Distretto 2070

2 Distretto 2070° Repubblica di San Marino, Emilia Romagna e Toscana Rotaract: cenni storici Il Rotaract è il programma del Rotary International per giovani adulti fra i 18 e i 30 anni. Fu ufficialmente inaugurato nel gennaio del 68 e, il 13 marzo dello stesso anno, il Rotaract club dell’università della North Carolina fu il primo a ricevere ufficialmente la carta. I Rotariani, però, già dagli anni 20 avevano iniziato a sostenere iniziative simili: –i club “Twenty-Thirty” erano basati sui principi e gli obiettivi dei loro Rotary sponsor. –nel 1927, furono fondati Club Round Table in Gran Bretagna ed Irlanda.. –nel 1930, in Australia nacque invece il primo Apex club, a Geelong. –ricordiamo anche: gli Unisserve clubs in India, gli Orbis clubs in America Latina, i Rotors clubs in sud Africa, i Circoli Paul Harris in Europa e i Quadrant clubs negli Stati Uniti sono solo alcuni degli esempi più noti. Tali club di giovani posero le basi per la futura nascita del Rotaract.

3 Distretto 2070° Repubblica di San Marino, Emilia Romagna e Toscana Dall’interact al rotaract Il più grande impeto per la creazione del programma Rotaract venne dalla creazione dell’Interact. Tale programma, iniziato nel 1962, ebbe un successo immediato anche se limitato a studenti delle scuole superiori e quindi destinati a permanere per breve periodo in tali associazioni. Il RI board decise così di iniziare a pensare alla possibilità di ideare un nuovo programma di club service per giovani adulti. In un clima di contestazioni studentesche diffuso pressochè tutto il mondo, nacque quindi il Rotaract, non solo per permettere agli Interactiani di permanere nella famiglia rotariana ma come mezzo per canalizzare le energie di giovani adulti in attività benefiche a beneficio delle proprie comunità.

4 Distretto 2070° Repubblica di San Marino, Emilia Romagna e Toscana Da dove deriva il nome Rotarct? Il nome Rotaract nasce da una combinazione fra le parole Rotary e Action.

5 Distretto 2070° Repubblica di San Marino, Emilia Romagna e Toscana Gli incontri mondiali Nel 1981, fu indetta la prima conferenza mondiale, l’INTEROTA. Essa si tiene ancora oggi, ogni tre anni. Altri paesi ospitanti dell’INTEROTA furono in seguito l’Australia, l’Inghilterra, la Turchia, il Messico e il Brasile. Il prossimo sarà a Monaco, nel Incontri internazionali sono tenuti annualmente anche nel Rotaract Preconvention Meeting che precede il congresso annuale del Rotary. Il primo di tali incontri fu a Seul nel 1989, e contò la partecipazione di circa 450 rotaractiani. Nel marzo del 1992, la RI board istituì la settimana Mondiale del rotaract, celebrata annualmente nella settimana del 13 marzo, per commemorare la carta del primo club rotaract. Durante tale settimana, i rotaractiani partecipano agli incontri del loro Rotary club padrino, intraprendono progetti di service comuni e contattano club che non sponsorizzano club Rotaract per parlare loro dei benefici del programma Rotaract.

6 Distretto 2070° Repubblica di San Marino, Emilia Romagna e Toscana Fellowship through service Dal 1968 i rotaractiani hanno mostrato in modo continuo che possono essere una forza positiva e innovativa per le loro comunità. Le attività di service generalmente intraprese riguardano il miglioramento del loro ambiente, visite a anziani o malati, campagne di donazione di organi e di sangue. Grazie al programma Rotaract i giovani non solo possono accrescere le loro conoscenze e le loro capacità, ma imparano ad affrontare i problemi materiali e sociali della loro comunità, promuovendo al tempo stesso la pace e la comprensione tra i popoli attraverso una rete di solidarietà e di servizio. Un esempio dell’ingegnosità dei rotaractiani è sicuramente il progetto intrapreso nel 1987 dai club di Heemstede e Hillegom-Lissee, Paesi Bassi. Per ottenere fondi per il progetto PolioPlus crearono un mezzo anfibio per attraversare la manica, mosso da 36 rotaractiani. La campagna di raccolta fondi raccolse dollari e fece guadagnare ai ragazzi in posto nel Guinnes dei primati per la loro veloce traversata.

7 Distretto 2070° Repubblica di San Marino, Emilia Romagna e Toscana Il rotaract oggi Tuttora il rotaract è in crescita. Ci sono più di club rotaract in più di 158 paesi per un totale di circa soci. In Italia esistono 10 Distretti, per un totale di 350 Club, e Soci.

8 Distretto 2070° Repubblica di San Marino, Emilia Romagna e Toscana Nozioni istituzionali e sull’organizzazione dell’associazione LO SCOPO DEL ROTARCT Offrire ad uomini e donne,fra i 18 e 30 anni*,la possibilità di acquisire le conoscenze e le abitudini necessarie per il loro sviluppo personale, in modo da essere in grado di andare incontro alle esigenze fisiche e sociali delle loro comunità e di promuovere migliori relazioni fra i popoli di tutto il mondo in uno spirito di amicizia Il Rotaract rappresenta dunque un’associazione mondiale di giovani dediti al servire ed alla comprensione internazionale.

9 Distretto 2070° Repubblica di San Marino, Emilia Romagna e Toscana Sviluppare una costruttiva attitudine a funzioni direttive e la probità personale. Incoraggiare e mettere in pratica il rispetto e la Sollecitudine verso gli altri. Far capire sempre più l’importanza della casa e della famiglia ed educare al senso di lealtà verso il proprio Paese. Coltivare il rispetto per i diritti degli altri, basato sul rico­noscimento della dignità di ogni individuo. Sottolineare la necessità di accettare le proprie responsabilità personali come base del successo individuale, per il progresso della comunità e per utili attività di gruppo. OBIETTIVI DEL ROTARACT

10 Distretto 2070° Repubblica di San Marino, Emilia Romagna e Toscana Riconoscere la dignità e il valore di tutte le occupazioni utili quali mezzi per servire la società. Favorire il raggiungimento di una maggiore comprensione e conoscenza dei problemi locali, nazionali e mondiali. Aprire nuove strade all'azione personale del gruppo a favore della comprensione internazionale e della fratellanza fra tutti i popoli. OBIETTIVI DEL ROTARACT

11 Distretto 2070° Repubblica di San Marino, Emilia Romagna e Toscana La struttura del rotaract: il club ha la struttura giuridica di un’associazione. nasce dall’impulso di un club Rotary (cd club padrino) che, raccolte le adesioni di almeno 15 ragazzi fra i 18 e 30 anni, richiede la carta per il riconoscimento ufficiale dell’appartenenza del club alla famiglia rotariana.

12 Distretto 2070° Repubblica di San Marino, Emilia Romagna e Toscana Opportunità per i borsisti Il Rotaract può affiancare il Rotary padrino in fase di supporto, quindi può essere utile farsi comunicare il nome del presidente del Club Rotaract della città ospitante, che potrà coinvolgervi nelle attività di club e farvi conoscere gli altri soci, vostri coetanei, con cui stringere amicizie.

13 Distretto 2070° Repubblica di San Marino, Emilia Romagna e Toscana Il sito distrettuale


Scaricare ppt "Bologna, 4 luglio 2005 Seminario di Orientamento per borsisti del Rotary Intervento di: Alessandro Versari Segretario Distrettuale Rotaract A.R. 2005/06."

Presentazioni simili


Annunci Google