La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Programmazione 2014-2020 Sfide ed opportunità.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Programmazione 2014-2020 Sfide ed opportunità."— Transcript della presentazione:

1

2 La Programmazione Sfide ed opportunità

3 Gli Obiettivi Tematici (OT) Triangolo della Conoscenza: modello KIC Ricerca Istruzione superiore Innovazione

4 Technology readiness Level (9).

5 L’Europa

6 Documenti di riferimento Guida per la Programmazione Unitaria Strategia Eu 2020, Contratto di Partenariato, PO….. 1.Crescita Intelligente: ricerca, innovazione e competitività del sistema produttivo regionale (Obiettivi tematici 1/2/3) 2.Crescita Sostenibile: energia, cambiamenti climatici e gestione dei rischi, tutela dell’ambiente e valorizzazione delle risorse naturali e culturali, sistemi di trasporto ( Obiettivi Tematici 4/5/6/7). 3.Crescita Inclusiva: Mercato del Lavoro, inclusione sociale e promozione del capitale umano (Obiettivi Tematici 8/9/10). 4.Capacità amministrativa, Joint Action Plan (Obiettivo Tematico 11). 5.RIS + ITI + Sviluppo Locale di Tipo Partecipativo (GAL+GAC)

7 Il Position Paper ITA un ambiente sfavorevole all’innovazione delle impreselacune infrastrutturali di rilievo nelle aree meno sviluppate e gestione inefficiente delle risorse naturalibasso livello di occupazione, in particolare giovanile e femminile, e divario tra le competenze acquisite e quelle richieste dal mercato Le sfide più urgenti per l'Italia individuate dal Position Paper sono attribuibili a precisi ambiti di riferimento: i) un ambiente sfavorevole all’innovazione delle imprese; ii) lacune infrastrutturali di rilievo nelle aree meno sviluppate e gestione inefficiente delle risorse naturali; iii) basso livello di occupazione, in particolare giovanile e femminile, e divario tra le competenze acquisite e quelle richieste dal mercato; iv) debole capacità amministrativa e amministrazione pubblica inefficiente.

8 La Regione Abruzzo POR FESR/FSE. La nuova programmazione, nell’obiettivo di rafforzare il sistema innovativo regionale, intende consolidare le relazioni e la cooperazione tra le università e i centri di ricerca regionale e il sistema delle imprese, favorendo in prima istanza i settori di punta del sistema regionale.

9 La Regione Abruzzo risorse umane altamente qualificate capacità brevettuale regionale saranno incentivate le imprese a sviluppare processi di R&S cooperativi, nonché le innovazioni avanzate dalle aggregazioni esistenti quali i Poli di Innovazione Il rapporto tra le PMI e gli organismi di ricerca dovrà concretizzarsi anche nell’incremento delle risorse umane altamente qualificate e delle competenze manageriali presenti nelle imprese. Il rapporto tra Università e imprese dovrà volgersi anche al rafforzamento della capacità brevettuale regionale e in particolare all’attivazione di processi di valorizzazione e industrializzazione dei brevetti. In coerenza e convergenza per quanto riguarda l’identificazione degli ambiti di intervento/domini della ricerca con le politiche nazionali e con le specificità territoriali saranno incentivate le imprese a sviluppare processi di R&S cooperativi, nonché le innovazioni avanzate dalle aggregazioni esistenti quali i Poli di Innovazione.

10 La Regione Abruzzo Il Programma Operativo FESR: A SSI O BIETTIVI T EMATICI ex art. 9 RRDC I. RICERCA E INNOVAZIONE1 II. D IFFUSIONE SERVIZI DIGITALI 2 III C OMPETITIVITA ’ DEL SISTEMA PRODUTTIVO 3 IV. P ROMOZIONE DI UN ’ ECONOMIA A BASSE EMISSIONI DI CARBONIO 4 V T UTELA E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE NATURALI E CULTURALI 6 VI. I NCLUSIONE SOCIALE 9 VII. A SSE S VILUPPO U RBANO SOSTENIBILE 4 – – VIII A SSISTENZA TECNICA -

11 La Regione Abruzzo Il FESR: GLI ASSI ASSE I. “RICERCA, SVILUPPO TECNOLOGICO E INNOVAZIONE” ASSE II. “DIFFUSIONE SERVIZI DIGITALI” ASSE III. “COMPETITIVITA’ DEL SISTEMA PRODUTTIVO” ASSE IV. “PROMOZIONE DI UN’ECONOMIA A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO” ASSE V. “TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE NATURALI E CULTURALI” ASSE VI “INCLUSIONE SOCIALE” ASSE VII. “SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE

12 La Regione Abruzzo I POLI e Il FESR: OT 1. Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione…Promuovere gli investimenti delle imprese in R&I, sviluppando collegamenti e sinergie tra imprese, centri di ricerca e sviluppo e il settore dell’istruzione superiore, in particolare gli investimenti nello sviluppo di prodotti e servizi, il trasferimento di tecnologie, l’innovazione sociale, l’ecoinnovazione, le applicazioni nei servizi pubblici, lo stimolo della domanda, le reti, i cluster e l’innovazione aperta attraverso la specializzazione intelligente, nonché sostenere la ricerca tecnologica e applicata, le linee pilota, le azioni di validazione precoce dei prodotti, le capacità di fabbricazioni avanzate e la prima produzione soprattutto di tecnologie chiave abilitanti e la diffusione di tecnologie con finalità generali (1.b.)

13 La Regione Abruzzo I POLI e Il FESR: Obiettivo Specifico: Risultati che gli Stati membri intendono ottenere con il sostegno dell'UE. Rafforzamento del sistema innovativo regionale e nazionale e incremento della collaborazione tra imprese e strutture di ricerca e il loro potenziamento. Mediante il contributo del POR FESR Abruzzo, pertanto, l’attenzione va posta in particolare ai seguenti risultati: di progetti industriali e di servizi di elevata specializzazione, capacità di posizionamento nei mercati italiani ed esteri. Il risultato atteso è garantire la realizzazione di progetti industriali e di servizi di elevata specializzazione, atti a promuovere e favorire la competitività e ad accrescere il livello occupazionale del sistema imprenditoriale abruzzese, rafforzandone nel contempo la capacità di posizionamento nei mercati italiani ed esteri.

14 La Regione Abruzzo I POLI e Il FESR: Azione – Supporto alla realizzazione di progetti complessi di attività di ricerca e sviluppo su poche aree tematiche di rilievo e all’applicazione di soluzioni tecnologiche funzionali alla realizzazione delle strategie di S3 [da realizzarsi anche attraverso la valorizzazione dei partenariati pubblico-privati esistenti, come i Distretti Tecnologici, i Laboratori Pubblico- Privati e i Poli di Innovazione]. La presente Azione è finalizzata principalmente alla razionalizzazione e potenziamento dei Poli di Innovazione già presenti sul territorio regionale «capacità aggregativa per le imprese offrendo loro servizi reali qualificati in termini di partenariati anche extra regionali per favorire investimenti e attività di ricerca, per favorire la collocazione delle imprese regionali su traiettorie tecnologiche di frontiera, in coerenza con le strategie di Smart Specialization».

15 L’Europa concentra i fondi su 3 obiettivi chiave: classifica mondiale nella scienza primato industriale nell’innovazione HORIZON 2020: concentra i fondi su 3 obiettivi chiave: 1. Sostenere la posizione dell’UE in testa alla classifica mondiale nella scienza, con un bilancio assegnato di 24,6 miliardi di euro, compreso un aumento pari al 77% dei finanziamenti al Consiglio europeo della ricerca (CER); 2. Contribuire ad affermare il primato industriale nell’innovazione con un bilancio pari a 17,9 miliardi di euro, che comprende un investimento sostanzioso - pari a 13,7 miliardi di euro - nelle tecnologie di punta, nonché più ampio accesso al capitale e sostegno alle PMI; 3. SC Stanziare 31,7 miliardi di euro per affrontare i principali problemi comuni a tutti gli europei, ripartiti in sei settori base: sanità, evoluzione demografica e benessere; sicurezza alimentare, agricoltura sostenibile, ricerca marina e marittima e bioeconomia; energia sicura, pulita ed efficiente; trasporti intelligenti, verdi e integrati; interventi per il clima, efficienza delle risorse e materie prime; società inclusive, innovative. e sicure.

16 L’Europa HORIZON 2020: SC 5 Smart, Green and Integrated Transport. 1.SME INSTRUMENT, 1 solo partecipante o un mini consorzio (2), il Contributo è del 70%, Budjet varia da Euro a 5.MLN Euro. 2.FAST TRACK VERSO L’INNOVAZIONE, Consorzio (5 organizzazioni), Min.3 Mln Euro, Contributo 70%. A. Costituzione del Consorzio: Giusto equilibrio tra Università, Organizzazioni di ricerca, PMI e grande Impresa; rappresentanza geografica e di genere. Coinvolgere i final user: guidare lo sviluppo delle applicazioni, recepire i feedback, inserire i final user nel consorzio. Costituire un Eccellente consorzio è la chiave ma richiede tempo: BUNT, Budget, Authority, Need, Time.

17 L’Europa HORIZON 2020: Come scrivere una proposta vincente: B. Un’attività che richiede disciplina e metodo: Stimate 400 ore di lavoro; Comprensione dei criteri di valutazione e sviluppo della proposta in base a quesiti programmatici; Testo semplice comprensibile ai valutatori. Solo le proposte eccellenti ottengono il finanziamento. Errori Più comuni: -To late start, 3 mesi prima la scadenza del bando; -Descrizione generica degli obiettivi -Cattiva rappresentazione del background -Piani di disseminazione «ridicoli»

18 L’Europa HORIZON 2020: portal/desktop/en/opportunities/h2020/#c, calls=SpecificProgrammeLevel2Names/t/ EU.1.1./0/1/1&Specif

19 L’Europa European Research Area: uno spazio aperto per la conoscenza e la crescita… HORIZON 2020: Dove?? European Research Area: uno spazio aperto per la conoscenza e la crescita… ERA un spazio unico europeo per la crescita, in cui ricercatori, accademici e tecnologie possano circolare liberamente. Attraverso ERA, l’Unione Europea e gli Stati membri rafforzeranno le loro basi scientifiche e tecnologiche, la propria competitivtà e la capacità di rispondere congiuntamente alle sfide della società.

20 L’Europa European Research Area: uno spazio aperto per la conoscenza e la crescita… HORIZON 2020: Dove?? European Research Area: uno spazio aperto per la conoscenza e la crescita… Con l'obiettivo esplicito di aprire e collegare i sistemi di ricerca dell'UE, il programma di riforme ERA si concentra su cinque priorità fondamentali: Rendere i sistemi nazionali di ricerca più efficaci; Ottimizzare la cooperazione e la concorrenza transnazionale; Dare priorità ai programmi di ricerca comuni, sfide sociali e infrastrutture; un mercato del lavoro unico europeo, aperto per i ricercatori; Facilitare la mobilità, sostenere la formazione e promuovere carriere attraenti; Garantire la Parità di genere e l’'integrazione di genere nella ricerca; Incoraggiare la diversità di genere per promuovere l'eccellenza scientifica; Creare un circolo virtuoso ed ottimale per il trasferimento delle conoscenze scientifiche; Far arrivare i risultati della ricerca a tutti.

21 L’Europa HORIZON 2020: La Commissione punta al Rafforzamento dell’azione di partenariato con gli Stati membri e le organizzazioni degli stakeholder. EARTO, the European association of research and technology organization;; EAU, the European university association; LERU, the League of European research universities; SC, Science Council e EC, the European Commission More effective national research systems Obiettivo: aumentare la concorrenza all'interno dei confini nazionali. La concorrenza di livello è fondamentale per fornire il massimo valore dal denaro pubblico nella ricerca, come i paesi leader dimostrano.

22 L’Europa HORIZON 2020: European Research Area and Innovation Committee (ERAC).. Il Comitato è un comitato consultivo strategico la cui missione principale è quella di fornire un contributo strategico tempestivamente al Consiglio, la Commissione e gli Stati membri in materia di ricerca e innovazione che sono rilevanti per lo sviluppo dello Spazio europeo della ricerca.

23 L’Europa HORIZON 2020: …. Orizzonte 2020 mira a dotare l'Europa di infrastrutture di ricerca di livello mondiale, accessibili a tutti i ricercatori per poterne meglio sfruttare il loro potenziale di sviluppo scientifico e innovazione. Saranno promosse e quindi finanziate tre tipi di attività: 1) Sviluppo di nuove infrastrutture di ricerca di livello mondiale, di interesse europeo corrispondenti a fabbisogni della comunità Europea di lungo termine, ad alto impatto socio-economico, progetti maturi e non idee progetto. Sono previsti finanziamenti per l'attuazione e il funzionamento delle infrastrutture di ricerca elencati come priorità da ESFRI. Il Supporto riguarderà la fase preparatoria dei nuovi progetti ESFRI, insieme alla realizzazione esecutiva degli stessi.. European strategy Forum on Research Infrastructure, competitiveness Council ((Internal Market, Industry, Research and Space)

24 L’Europa HORIZON 2020 : La Commissione europea ha istituito un “"Research, Innovation, and Science Policy Experts" (RISE) “ un panel di esperti di alto livello per competenza scientifica che dialogano in modo costante con la Commissione per tradurre in obiettivi operative le linee strategiche dell’ Iniziative Unione dell’innovazione. RISE fornisce un supporto strategico diretto alla Direzione Generale Research. Raccoglie i contributi di ERIAB, I4G, EFFLA, li trasforma in programmi annuali di attuazione della Strategia Europa 2020 e delle Iniziative Faro dirette a sostenere un modello di crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.

25 L’Europa HORIZON 2020: Infrastrutture di Ricerca! 2) La seconda serie di attività mira a ottimizzare l'uso delle strutture nazionali di ricerca integrandole nelle reti europee, finalizzata anche alla costituzione di un mercato del lavoro (D/O) integrato dei ricercatori europei. Si tratta di una continuità delle cosiddette attività di integrazione nell'ambito del 7PQ. 3) La terza azione sosterrà l'implementazione e lo sviluppo addizionale di ICT che sono essenziali per consentire l'accesso a risorse remote, la collaborazione a distanza, e l'elaborazione dei dati di massa in tutti i campi scientifici.

26 L’Europa HORIZON 2020: Infrastrutture di Ricerca!

27 CEF, CONNECTING EUROPE FACILITY Il Meccanismo per Collegare l’Europa mira a completare il mercato unico europeo delle reti di trasporto, di energia e digitali.Ha una dotazione finanziaria di 45,50 MLD di Euro di cui 11,3 provenienti dal Fondo di Coesione. Il programma prevede una nuova sinergia pubblico-privato attraverso strumenti finanziari di condivisione del rischio con l’obiettivo di colmare le lacune di finanziamento negli investimenti in infrastrutture strategiche.

28 CEF, CONNECTING EUROPE FACILITY La Commissione europea ha proposto la creazione di Corridoi europei - rete centrale e il compimento delle Priorità Orizzontali, Servizi Innovativi per la Gestione del Cielo Unico Europeo (SESAR), la gestione del traffico stradale, ferroviario e fluviale (STI, ERTMS e RIS), la gestione della rete principale dei porti, autostrade del mare e aeroporti.

29 CEF, CONNECTING EUROPE FACILITY Nel settore dei Trasporti, il CEF si prefigge di: a) eliminare le strozzature, accrescere l’interoperabilità ferroviaria, realizzare i collegamenti mancanti, migliorare le tratte transfrontaliere (80% risorse) b) garantire trasporti sostenibili ed efficienti a lungo termine, promuovere la decarbonizzazione di tutti i modi di trasporto, ottimizzando la sicurezza. (5% risorse) c) ottimizzare l’integrazione e l’interconnessione dei modi di trasporto e accrescere l’interoperabilità dei servizi di trasporto, assicurando l’accessibilità alle infrastrutture. (15% risorse)

30 CEF, CONNECTING EUROPE FACILITY Per ciascun obiettivo settoriale specifico sono stati definiti indicatori fisici di realizzazione. Se ne elencano alcuni di interesse comune e di stimolo per il POLO. a.Grado di diffusione del sistema SESAR, VTMIS e ITS per il settore stradale. b.Numero di collegamenti transfrontalieri nuovi o migliorati, anche attraverso le autostrade del mare. c.Numero di chilometri di linea ferroviaria adeguati allo standard di scartamento nominale europeo e dotati di ERTMS. d.Numero di punti di approvvigionamento di carburanti alternativi per veicoli che utilizzano la rete centrale TEN-T per il trasporto stradale (MAX 100 KM). e.Numero di piattaforme logistiche multimodali, inclusi terminali ferroviari-stradali migliorati.

31 INEA: INNOVATION AND NETWORK EXECUTIVE AGENCY INEA, nasce il 1 gennaio 2014, è il Soggetto gestore del Meccanismo per Collegare l’Europa, un programma che attraverso un sistema di finanziamento pubblico privato, mira a completare il mercato unico europeo delle reti di trasporto, di energia e digitali. MCE o CEF ha una dotazione finanziaria, finanziamento da fondi strutturali, pari a 45,50 MLD di Euro di cui 11,3 provenienti dal Fondo di Coesione.

32 INEA: INNOVATION AND NETWORK EXECUTIVE AGENCY INEA è responsabile dell’attuazione dei seguenti programmi per il periodo : Connecting Europe Facility (CEF) Connecting Europe Facility, Meccanismo per Collegare l’Europa, nei tre volet: CEF TransportCEF Transport CEF EnergyCEF Energy CEF Digital (telecommunications)CEF Digital

33 INEA: INNOVATION AND NETWORK EXECUTIVE AGENCY I due Obiettivi o Sub-programmi direttamente gestiti da INEA sono sotto l’ombrello delle “Sfide Sociali”, precisamente: a.Smart green and integrated transportSmart green and integrated transport b.Secure, clean and efficient energy.Secure, clean and efficient energy

34 Come facciamo?? 020/en/news/horizon-2020-video-how- apply


Scaricare ppt "La Programmazione 2014-2020 Sfide ed opportunità."

Presentazioni simili


Annunci Google