La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

© Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo1 Il verbo amare è uno dei più difficili da coniugare: il suo passato non è semplice, il suo presente non è indicativo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "© Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo1 Il verbo amare è uno dei più difficili da coniugare: il suo passato non è semplice, il suo presente non è indicativo."— Transcript della presentazione:

1 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo1 Il verbo amare è uno dei più difficili da coniugare: il suo passato non è semplice, il suo presente non è indicativo e il suo futuro non è che un condizionale. Jean Cocteau

2 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo2 IL VERBO 1.Che cos’è il verbo 2.La persona e il numero 3.I modi 4.I tempi 5.I verbi transitivi e intransitivi 6.Le forme attiva, passiva e riflessiva 7.Le funzioni del verbo 8.L’analisi grammaticale

3 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo3 1. CHE COS’È IL VERBO  È una parte variabile del discorso che dice qualcosa di un soggetto  Colloca l’azione, lo stato o l’esistenza di un soggetto nel tempo  È in grado di comunicare un messaggio di senso compiuto anche da solo, cioè senza un soggetto espresso

4 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo4 1. CHE COS’È IL VERBO Formazione della voce verbale Ogni voce verbale è formata da una radice e una desinenza salut-o salut-o, salut-eremmo, salut-avano ► La radice esprime il significato del verbo ► La desinenza indica la persona, il numero, il modo e il tempo del verbo

5 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo5 1. CHE COS’È IL VERBO Vocale tematica e coniugazioni ► Esistono tre coniugazioni, distinte da altrettante vocali tematiche ► La vocale tematica si trova fra radice e desinenza. È presente nell’infinito e in altre forme 1a coniugazione, in -a-re: salut-a-re 2a coniugazione, in -e-re: sosten-e-re 3a coniugazione, in -i-re: approfond-i-re salut-a-resalut-a-vi rid-e-terid-e-mmo sent-i-tesent-i-rà

6 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo6 2. LA PERSONA E IL NUMERO  Una voce verbale può esprimere la persona e il numero del soggetto assumendo desinenze diverse  I pronomi personali che fungono da soggetto possono essere sottintesi perché (nei modi finiti) sono indicati dalla desinenza del verbo

7 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo7 2. LA PERSONA E IL NUMERO Ci sono tre persone singolari e tre persone plurali 1a: salut-o, salutav-o 2a: salut-i, salutav-i 3a: salut-a, salutav-a 1a: salut-iamo, salutav-amo 2a: salut-ate, salutav-ate 3a: salut-ano, salutav-ano SingolarePlurale

8 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo8 3. I MODI  I modi esprimono l’atteggiamento di chi parla o scrive nei confronti di ciò che dice  Si distinguono modi finiti e modi indefiniti

9 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo9 3. I MODI Modi finiti Mediante la desinenza definiscono la persona e il numero Indicativo Congiuntivo CondizionaleImperativo ► Esprime qualcosa di certo ► Esprime qualcosa di possibile o un desiderio ► Esprime qualcosa di possibile ma a condizione ► Esprime un ordine Siamo tornati a casa.Magari tornassimo a casa! Se potessi, tornerei a casa.Tornate a casa subito!

10 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo10 3. I MODI Modi indefiniti Non indicano la persona e il numero; esprimono il significato del verbo o rapporti di tempo Infinito Participio Gerundio ► Esprime il significato del verbo ► Esprime un’azione contemporanea o anteriore a un’altra salutare, ridere, sentirecorrente, corso tornando, essendo tornato

11 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo11 4. I TEMPI  Il tempo di un verbo indica il rapporto tra il momento in cui si svolge l’azione espressa dal verbo e il momento in cui se ne parla o se ne scrive  Ci sono tre tempi fondamentali: presente, passato, futuro  Il rapporto di tempo tra due verbi può essere di anteriorità, contemporaneità o posteriorità

12 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo12 Tempi semplici e tempi composti ► I tempi composti sono costituiti da due parole: l’ausiliare avere o essere + il participio passato del verbo abbiamo mangiato avevano mangiato avremo mangiato fui andato fossi andato saresti andato essendo andato 4. I TEMPI ► I tempi semplici sono costituiti da una sola parola mangiamo mangiavano mangeremo andai andassi andresti andando

13 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo13 4. I TEMPI Tempi dei modi finiti Indicativo: semplici Indicativo: composti Congiuntivo: sempliciCongiuntivo: composti ► presente, imperfetto, passato remoto, futuro semplice ► passato prossimo, trapassato prossimo e remoto, futuro anteriore ► presente, imperfetto ► passato, trapassato vedo, vedevo, vidi, vedròho visto, avevo visto, ebbi visto, avrò visto io veda, io vedessiio abbia visto, io avessi visto

14 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo14 4. I TEMPI Tempi dei modi finiti Condizionale: semplici Imperativo ► presente vedrei Condizionale: composti ► passato avrei visto guarda! guardate!

15 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo15 4. I TEMPI Tempi dei modi indefiniti Infinito: semplici Participio: semplici ► presente ► presente, passato salutare, ridere, sentire corrente, corso Infinito: composti ► passato avere visto, essere salito Gerundio: semplici ► presente tornando Gerundio: composti ► passato avendo visto, essendo tornato

16 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo16 5. I VERBI TRANSITIVI E INTRANSITIVI In base al modo in cui si collegano con gli elementi della frase per esprimere il loro significato, i verbi si dividono in transitivi e intransitivi

17 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo17 5. I VERBI TRANSITIVI E INTRANSITIVI Verbi transitivi Possono reggere un complemento oggetto e hanno come ausiliare avere ► L’azione passa (“transita”) direttamente sul complemento oggetto, senza preposizioni ► Possono essere volti al passivo Camilla scrive una lettera. Una lettera è scritta da Camilla.

18 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo18 5. I VERBI TRANSITIVI E INTRANSITIVI Verbi intransitivi Non possono reggere un complemento oggetto e hanno come ausiliare avere o essere ► L’azione non “transita” direttamente sul complemento oggetto e il verbo si unisce al complemento con preposizioni ► Non possono essere volti al passivo Camilla telefona alla mamma. NO! La mamma è telefonata da Camilla.

19 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo19 5. I VERBI TRANSITIVI E INTRANSITIVI Transitivo o intransitivo? Alcuni verbi sono usati sia come transitivi sia come intransitivi; in alcuni casi cambia il significato  avanzare ► Ho avanzato una proposta. / L’esercito avanza.  cambiare ► Ho cambiato opinione. / Camilla non cambia mai.  girare ► Gira la chiave! / La ruota gira.  servire ► Serviamo i clienti. / Questo non mi serve più.

20 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo20 6. LE FORME ATTIVA, PASSIVA E RIFLESSIVA  In base al rapporto tra il verbo e il soggetto, si distinguono una forma attiva e una forma passiva  Alcuni verbi transitivi ammettono anche una forma riflessiva

21 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo21 6. LE FORME ATTIVA, PASSIVA E RIFLESSIVA Differenza tra forma attiva e forma passiva Forma attivaForma passiva ► Il soggetto compie l’azione o si trova in un certo stato ► Hanno la forma attiva tutti i verbi, transitivi e intransitivi ► Il soggetto subisce l’azione ► Ammettono la forma passiva solo i verbi transitivi con il complemento oggetto espresso Io leggo il libro. Camilla dorme. Il libro è letto da me. /

22 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo22 6. LE FORME ATTIVA, PASSIVA E RIFLESSIVA Passaggio dall’attivo al passivo Nel passaggio dall’attivo al passivo  il soggetto diventa complemento d’agente  il complemento oggetto diventa soggetto  il verbo si volge al passivo Camilla chiama Rossana.attivo Rossana viene chiamata da Camilla.passivo

23 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo23 6. LE FORME ATTIVA, PASSIVA E RIFLESSIVA Come si forma il passivo La forma passiva si può costruire in diversi modi  essere + participio passato ► Il testo era letto da un attore. ► Siamo stati accompagnati in auto.  andare, venire, finire, restare + participio passato ► Non verrete esclusi. ► Se restasse ferito, non mi darei pace.  si passivante + 3a persona singolare o plurale ► Il libro si legge in fretta. ► Si vendono case nuove.

24 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo24 6. LE FORME ATTIVA, PASSIVA E RIFLESSIVA La forma riflessiva ► Un verbo transitivo ha forma riflessiva quando l’azione compiuta ricade sul soggetto stesso ► In questi casi il verbo è accompagnato da un pronome personale riflessivo Io lavo l’auto = forma attiva Io mi lavo = forma riflessiva Angelo guarda un film = forma attiva Angelo si guarda allo specchio = forma riflessiva

25 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo25 7. LE FUNZIONI DEL VERBO In base alla funzione svolta nella frase il verbo può essere  predicativo  copulativo  d’“appoggio”

26 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo26 7. LE FUNZIONI DEL VERBO Verbi predicativi Da soli hanno senso compiuto ► Svolgono la funzione di predicato verbale ► Predicano qualcosa del soggetto Dormo. Camilla legge un libro.

27 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo27 7. LE FUNZIONI DEL VERBO Verbi copulativi ► Collegano il soggetto con un nome, un aggettivo o un pronome che esprime una condizione o una proprietà del soggetto stesso ► Formano un predicato nominale o reggono un complemento predicativo Verbi appellativi, elettivi, estimativi, effettivi al passivo Verbo essere ► Camilla è stanca. Alcuni verbi intransitivi ► Rossana pare simpatica. ► Maria è diventata avvocato. ► Carlo è detto “Attila”. ► Mario è stato eletto rappresentante. ► Camilla viene considerata furbetta.

28 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo28 7. LE FUNZIONI DEL VERBO Verbi d’“appoggio” o di “supporto” Oltre ad avere un significato proprio, possono svolgere la funzione di supporto di altri verbi  Ausiliari ► Aiutano gli altri verbi a formare i tempi composti e la forma passiva: essere e avere  Servili ► Accompagnano un altro verbo all’infinito aggiungendo una sfumatura di volontà, necessità, possibilità: volere, dovere, potere  Fraseologici ► Aggiungono a un infinito o a un gerundio particolari sfumature di significato: comincio a, sto per, finisco di ecc.

29 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo29 7. LE FUNZIONI DEL VERBO Verbi ausiliari Si usano per formare i tempi composti dell’attivo e la forma passiva AvereEssere ► con i verbi transitivi attivi ► con alcuni verbi intransitivi attivi ► con i verbi intransitivi attivi ► con i verbi riflessivi ► nella forma passiva ho letto, abbiamo riso siamo andati, si lava, sono stato mandato

30 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo30 7. LE FUNZIONI DEL VERBO Verbi servili ► Sono un piccolo gruppo di verbi e possono avere funzione servile ma anche predicativa ► Sono volere, dovere, potere, ma anche sapere, osare, preferire, desiderare Funzione predicativa Funzione servile ► Si usano da soli e possono reggere un complemento oggetto ► Accompagnano un infinito Ti devo un caffè. Posso? Non desidero nulla. Ti devo pagare un caffè. Posso entrare? Non desidero uscire con te.

31 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo31 7. LE FUNZIONI DEL VERBO Verbi fraseologici Si distinguono in verbi causativi e aspettuali CausativiAspettuali ► Indicano un’azione che il soggetto causa o permette ► Segnalano se l’azione comincia, si sta svolgendo o sta finendo Non farmi ridere. Lasciami andare. Inizio a stancarmi. Continuo a non capire.

32 © Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo32 8. L’ANALISI GRAMMATICALE Quando si fa l’analisi grammaticale di un verbo si deve indicare  l’infinito e la coniugazione ► voce del verbo…; 1a, 2a, 3a coniugazione o coniugazione propria (essere e avere)  il modo e il tempo ► indicativo, congiuntivo ecc.; presente, imperfetto ecc.  la persona e il numero ► 1a, 2a, 3a, singolare o plurale  il genere ► transitivo o intransitivo  la forma ► attiva, passiva, riflessiva, impersonale  la funzione ► predicativa, copulativa, servile, fraseologica


Scaricare ppt "© Pearson Italia spa Morfologia - Il verbo1 Il verbo amare è uno dei più difficili da coniugare: il suo passato non è semplice, il suo presente non è indicativo."

Presentazioni simili


Annunci Google