La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SECONDO VIAGGIO DI SAN PAOLO Atti 15,36-18,22 Anni 49-52 Km 5.000 circa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SECONDO VIAGGIO DI SAN PAOLO Atti 15,36-18,22 Anni 49-52 Km 5.000 circa."— Transcript della presentazione:

1 SECONDO VIAGGIO DI SAN PAOLO Atti 15,36-18,22 Anni Km circa

2 At 15,36-41 Dopo alcuni giorni Paolo disse a Barnaba: «Ritorniamo a far visita ai fratelli in tutte le città nelle quali abbiamo annunziato la parola del Signore, per vedere come stanno». Barnaba voleva prendere insieme anche Giovanni, detto Marco, ma Paolo riteneva che non si dovesse prendere uno che si era allontanato da loro nella Panfilia e non aveva voluto partecipare alla loro opera. Il dissenso fu tale che si separarono l'uno dall'altro; Barnaba, prendendo con sé Marco, s'imbarcò per Cipro. Paolo invece scelse Sila e partì, raccomandato dai fratelli alla grazia del Signore. E attraversando la Siria e la Cilicia, dava nuova forza alle comunità.

3 PORTE DI CILICIA L'orrida strettoia si presentava a m d'altezza (in corrispondenza dell'odierno villaggio Bozanti, turco Kolec Bogazi, a 780 m sul mare, a 83 km da Tarso); una porta la serrava regolarmente ogni notte, un picchetto armato la vigilava;...bande di ladroni vi spadroneggiavano. Dopo questa «scalata» (il passo non era valicabile prima di giugno a causa delle nevi: CICERONE, Ad Atticum V, 21, 14) rimanevano poco più di 220 km prima d'incontrare i credenti di Derbe: la via però era più comoda e il passaggio meno orrido.

4 Paolo si recò a Derbe e a Listra. C'era qui un discepolo chiamato Timòteo, figlio di una donna giudea credente e di padre greco; egli era assai stimato dai fratelli di Listra e di Icònio. Paolo volle che partisse con lui, lo prese e lo fece circoncidere per riguardo ai Giudei che si trovavano in quelle regioni; tutti infatti sapevano che suo padre era greco. At 16,1-3

5 At. 16,4-5 Percorrendo le città, trasmettevano loro le decisioni prese dagli apostoli e dagli anziani di Gerusalemme, perché le osservassero. Le comunità intanto si andavano fortificando nella fede e crescevano di numero ogni giorno. DELIBERAZIONE DEL CONCILIO DI GERUSALEMME (At 15,28-29) Abbiamo deciso, lo Spirito Santo e noi, di non imporvi (ai pagani convertiti) nessun altro obbligo al di fuori di queste cose necessarie: astenervi dalle carni offerte agli idoli, dal sangue, dagli animali soffocati e dalla impudicizia. Farete cosa buona perciò a guardarvi da queste cose. State bene.

6 At 16,6-8 Attraversarono quindi la Frigia e la regione della Galazia, avendo lo Spirito Santo vietato loro di predicare la parola nella provincia di Asia. Raggiunta la Misia, si dirigevano verso la Bitinia, ma lo Spirito di Gesù non lo permise loro; così, attraversata la Misia, discesero a Troade.

7 Porto di Neapolis e scavi di Filippi in Macedonia At 16,9-12 Durante la notte apparve a Paolo una visione: gli stava davanti un Macedone e lo supplicava: «Passa in Macedonia e aiutaci!». Dopo che ebbe avuto questa visione, subito cercammo di partire per la Macedonia, ritenendo che Dio ci aveva chiamati ad annunziarvi la parola del Signore. Salpati da Troade, facemmo vela verso Samotracia e il giorno dopo verso Neapolis e di qui a Filippi, colonia romana e città del primo distretto della Macedonia. Restammo in questa città alcuni giorni

8 Filippi. Lidia Il sabato uscim- mo fuori della porta lungo il fiume, dove ritenevamo si facesse la preghi-era, e sedutici rivolgevamo la parola alle donne colà riunite C’era ad ascoltare anche una donna di nome Lidia, della città di Tiatira, una credente in Dio, e il Signore le aprì il cuore per aderire alle parole di Paolo. Dopo essere stata battezzata insieme alla sua famiglia, ci invitò: “Se avete giudicato che io sia fedele al Signore, venite ad abitare nella mia casa”. E ci costrinse ad accettare (At 16,13-15) Sito del Battesimo di LidiaIl fiume Gangitis La chiesa di S. Lidia

9 La giovane dallo spirito pitone (At 16,16-24) - PIETRA DI DELFI- Alla lettera, si dice che era posseduta da uno "spirito pitone". L'oracolo di Delfi, specializzato in previsioni, era rappresentato con il serpente pitone. At 16,16-18 Mentre andavamo alla preghiera, venne verso di noi una giovane schiava, che aveva uno spirito di divinazione e procurava molto guadagno ai suoi padroni facendo l'indovina. Essa seguiva Paolo e noi gridando: «Questi uomini sono servi del Dio Altissimo e vi annunziano la via della salvezza». Questo fece per molti giorni finché Paolo, mal sopportando la cosa, si volse e disse allo spirito: «In nome di Gesù Cristo ti ordino di partire da lei». E lo spirito partì all'istante.

10 At 16,19-24 Ma vedendo i padroni che era partita anche la speranza del loro guadagno, presero Paolo e Sila e li trascinarono nella piazza principale davanti ai capi della città; presentandoli ai magistrati dissero: «Questi uomini gettano il disordine nella nostra città; sono Giudei e predicano usanze che a noi Romani non è lecito accogliere né praticare». La folla allora insorse contro di loro, mentre i magistrati, fatti strappare loro i vestiti, ordinarono di bastonarli e dopo averli caricati di colpi, li gettarono in prigione e ordinarono al carceriere di far buona guardia. Egli, ricevuto quest'ordine, li gettò nella cella più interna della prigione e strinse i loro piedi nei ceppi. Scavi del carcere di Filippi

11 Fattosi giorno, i magistrati ordinarono di liberarli e, saputo che erano cittadini romani, si spaventarono; vennero e si scusarono con loro; poi li fecero uscire e li pregarono di partire dalla città. Usciti dalla prigione, si recarono a casa di Lidia dove, incontrati i fratelli, li esortarono e poi partirono. At 16,25-40 Verso mezzanotte mentre Paolo e Sila sono in preghiera,il Signore li libera attraverso un terremoto. Essi però non fuggono. Convertono il carceriere e tutta la sua famiglia.

12 At 17,1-15 Seguendo la via di Anfipoli e Apollonia, giunsero a Tessalonica, dove Paolo andò per tre sabati ad annunciare il vangelo nella sinagoga dei Giudei. Alcuni di loro aderirono alla fede e si formò una piccola comunità. Una cauzione, pagata da Giasone che li ospitava, li liberò dai giudei ingelositi e permise loro di partire verso Berèa.

13 Anche là predicarono il vangelo con successo. E anche là i giudei gelosi costrinsero Paolo a fuggire per la strada verso il mare, mentre Sila e Timòteo rimasero in città. Quelli che scortavano Paolo lo accompagnarono fino ad Atene e se ne ripartirono con l'ordine per Sila e Timòteo di raggiungerlo al più presto.

14 At 17,16-21 Mentre Paolo li attendeva ad Atene, fremeva nel suo spirito al vedere la città piena di idoli. Discuteva frattanto nella sinagoga con i Giudei e i pagani credenti in Dio e ogni giorno sulla piazza principale con quelli che incontrava. Anche certi filosofi epicurei e stoici discutevano con lui e alcuni dicevano: «Che cosa vorrà mai insegnare questo ciarlatano?». E altri: «Sembra essere un annunziatore di divinità straniere»; poiché annunziava Gesù e la risurrezione. Presolo con sé, lo condussero sull'Areòpago e dissero: «Possiamo dunque sapere qual è questa nuova dottrina predicata da te? Cose strane per vero ci metti negli orecchi; desideriamo dunque conoscere di che cosa si tratta». Tutti gli Ateniesi infatti e gli stranieri colà residenti non avevano passatempo più gradito che parlare e sentir parlare.

15 At 17,22-25 Allora Paolo, alzatosi in mezzo all'Areòpago, disse: «Cittadini ateniesi, vedo che in tutto siete molto timorati degli dèi. Passando infatti e osservando i monumenti del vostro culto, ho trovato anche un'ara con l'iscrizione: Al Dio ignoto. Quello che voi adorate senza conoscere, io ve lo annunzio. Il Dio che ha fatto il mondo e tutto ciò che contiene, che è signore del cielo e della terra, non dimora in templi costruiti dalle mani dell'uomo né dalle mani dell'uomo si lascia servire come se avesse bisogno di qualche cosa, essendo lui che dà a tutti la vita e il respiro e ogni cosa.

16 At 17,26-29 Egli creò da uno solo tutte le nazioni degli uomini, perché abitassero su tutta la faccia della terra. Per essi ha stabilito l'ordine dei tempi e i confini del loro spazio, perché cercassero Dio, se mai arrivino a trovarlo andando come a tentoni, benché non sia lontano da ciascuno di noi. In lui infatti viviamo, ci muoviamo ed esistiamo, come anche alcuni dei vostri poeti hanno detto: Poiché di lui stirpe noi siamo. Essendo noi dunque stirpe di Dio, non dobbiamo pensare che la divinità sia simile all'oro, all'argento e alla pietra, che porti l'impronta dell'arte e dell'immaginazione umana.

17 At 17,30-34 Dopo esser passato sopra ai tempi dell'ignoranza, ora Dio ordina a tutti gli uomini di tutti i luoghi di ravvedersi, poiché egli ha stabilito un giorno nel quale dovrà giudicare la terra con giustizia per mezzo di un uomo che egli ha designato, dandone a tutti prova sicura col risuscitarlo dai morti». Quando sentirono parlare di risurrezione di morti, alcuni lo deridevano, altri dissero: «Ti sentiremo su questo un'altra volta». Così Paolo uscì da quella riunione. Ma alcuni aderirono a lui e divennero credenti, fra questi anche Dionigi membro dell'Areòpago, una donna di nome Dàmaris e altri con loro. Acropoli: luogo della predicazione di Paolo

18 Atene - Corinto At 18,1-4 Dopo questi fatti Paolo lasciò Atene e si recò a Corinto. Qui trovò un Giudeo chiamato Aquila, oriundo del Ponto, arrivato poco prima dall'Italia con la moglie Priscilla, in seguito all'ordine di Claudio che allontanava da Roma tutti i Giudei. Paolo si recò da loro e poiché erano del medesimo mestiere, si stabilì nella loro casa e lavorava. Erano infatti di mestiere fabbricatori di tende. Ogni sabato poi discuteva nella sinagoga e cercava di persuadere Giudei e Greci.

19 Pagina del papiro P46 contenente 2Cor 11,33- 12,9, datato attorno al 200. Nelle 104 pagine pervenuteci sono conservati ampi frammenti, principalmente appartenenti alle lettere paoline. Rappresenta il più antico manoscritto relativo all'apostolo Paolo Corinto

20 At 18,5-8 Quando giunsero dalla Macedonia Sila e Timòteo, Paolo si dedicò tutto alla predicazione, affermando davanti ai Giudei che Gesù era il Cristo. Ma poiché essi gli si opponevano e bestemmiavano, scuotendosi le vesti, disse: «Il vostro sangue ricada sul vostro capo: io sono innocente; da ora in poi io andrò dai pagani». E andatosene di là, entrò nella casa di un tale chiamato Tizio Giusto, che onorava Dio, la cui abitazione era accanto alla sinagoga. Crispo, capo della sinagoga, credette nel Signore insieme a tutta la sua famiglia; e anche molti dei Corinzi, udendo Paolo, credevano e si facevano battezzare. PAOLO SI RIVOLGE AI PAGANI LA PIANURA DI CORINTO

21 At 18,9-12 Una notte in visione il Signore disse a Paolo: «Non aver paura, ma continua a parlare e non tacere, perché io sono con te e nessuno cercherà di farti del male, perché io ho un popolo numeroso in questa città». Così Paolo si fermò un anno e mezzo, insegnando fra loro la parola di Dio. CORINTO - ISTMO  Il Diolkos di Corinto Per collegare i due Golfi fu costruita una strada verso il 600 a. C., chiamata diolkos. Essa consentiva il trascinamento da un golfo all’altro delle navi di piccolo cabotaggio. Tratti di questa strada si possono vedere ancora oggi nella zona ovest dell’istmo.

22 At 18,13-17 Mentre era proconsole dell'Acaia Gallione, i Giudei insorsero in massa contro Paolo e lo condussero al tribunale dicendo: «Costui persuade la gente a rendere un culto a Dio in modo contrario alla legge». Paolo stava per rispondere, ma Gallione disse ai Giudei: «Se si trattasse di un delitto o di un'azione malvagia, o Giudei, io vi ascolterei, come di ragione. Ma se sono questioni di parole o di nomi o della vostra legge, vedetevela voi; io non voglio essere giudice di queste faccende». E li fece cacciare dal tribunale. Allora tutti afferrarono Sòstene, capo della sinagoga, e lo percossero davanti al tribunale ma Gallione non si curava affatto di tutto ciò. PORTO DI CORINTO SCAVI

23 At 18,18-21 Paolo si trattenne ancora parecchi giorni, poi prese congedo dai fratelli e s'imbarcò diretto in Siria, in compagnia di Priscilla e Aquila. A Cencre si era fatto tagliare i capelli a causa di un voto che aveva fatto. CENCRE Giunsero a Efeso, dove lasciò i due coniugi, ed entrato nella sinagoga si mise a discutere con i Giudei. Questi lo pregavano di fermarsi più a lungo, ma non acconsentì. Tuttavia prese congedo dicendo: «Ritornerò di nuovo da voi, se Dio lo vorrà», quindi partì da Efeso. EFESO

24 At 18,22-23 Giunto a Cesarèa, si recò a salutare la Chiesa di Gerusalemme e poi scese ad Antiochia. EFESO - CESAREA: km circa di mare. Grande periplo marino che, costeggiando sino ad avere superato Rodi, raggiunse direttamente Cesarea lasciando a sinistra e lontana l'isola di Cipro. Si noti che questo tratto di mare aperto e la rotta per Cesarea potrebbe insinuare la datazione a piena estate, quando cioè la mancanza di venti impediva di puntare diretti su Seleucia: ma sono elementi troppo deboli e vaghi; altri sono contrari. FINE DEL VIAGGIO


Scaricare ppt "SECONDO VIAGGIO DI SAN PAOLO Atti 15,36-18,22 Anni 49-52 Km 5.000 circa."

Presentazioni simili


Annunci Google