La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Analisi di bilancio Programmazione e controllo A.A. 2014/2015 a cura del Prof. Giovanni Melis.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Analisi di bilancio Programmazione e controllo A.A. 2014/2015 a cura del Prof. Giovanni Melis."— Transcript della presentazione:

1 Analisi di bilancio Programmazione e controllo A.A. 2014/2015 a cura del Prof. Giovanni Melis

2 Il budget L’analisi dei costi Programma: Il bilancio come strumento di controllo economico e finanziario. L’analisi per indici e per flussi, i report Testo consigliato: Strumenti per il controllo economico e finanziario nelle imprese Giuffrè, 2013 (a cura di G. Melis )

3 Aprire la pagina del docente prof.ssa Macchia http://people.unica.it/silviamacchia/didattica/materiale-didattico/ saranno inserite le esercitazioni e le slides da scaricare Tutto il materiale caricato sul sito è coperto da password che per quest’anno è macchia14 N.B: Le soluzioni verranno rese disponibili solo una volta concluso il caso in aula.

4 SARAS SPA Dati Bilancio Consolidato ed Operativi mln 2014 2013 2012 RICAVI 10.285 11.230 11.889 Margine operativo lordo EBITDA (239,8) 71,7 176,0 Risultato operativo EBIT (287,3) (354,2) (68,1) RISULTATO NETTO (266,2) (271,1) (88,6) POSIZIONE FINANZIARIA NETTA 107 (8) (218) INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI 134,8 109,6 119 E arnings B efore I nterest, T axes, D epreciation and A mortization

5 SARAS consolidato Situazione Patrimoniale - Finanziaria Migliaia ATTIVITÀ 31/12/2013 31/12/2012 % Attività correnti2.287.407602.209.35256 Disponibilità liquide ed equivalenti506.827302.950 Altre attività finanziarie negoziabili34.64542.326 Crediti commerciali670.818820.215 Rimanenze926.063920.891 Altre attività149.054122.970 Attività non correnti1.526.124401.730.57044 Immobili impianti e macch.1.217.4251.288.758 Attività immateriali97.083348.767 Altre attività finanziarie211.61693.045 Totale attività 3.813.5311003.939.922100

6 SARAS consolidato Situazione Patrimoniale - Finanziaria Migliaia di Euro Passività e netto 31/12/2013 % 31/12/2012 % Passività correnti2.014.985531.817.25446 Passività finanziarie a breve180.970166.997 Debiti commerciali e altri1.605.8671.394.342 Altre passività correnti228.148255.915 Passività non correnti877.34423925.97024 Passività finanziarie a MLT385.780424.891 Fondi rischi e oneri42.97852.391 Fondi per dipendenti19.90622.825 Altre passività428.680425.863 Patrimonio netto921.202241.196.69830 Capitale sociale54.630 Riserve1.137.6521.230.644 Risultato d'esercizio-271.080-88.576 Totale3.813.5311003.939.922100

7 Saras consolidato Conto economico 31/12/2013 31/12/2012 migliaia Ricavi caratteristici11.106.282%11.810.717 % Altri proventi123.68278.532 Totale ricavi11.229.96410011.889.249100 Acquisti materie (consumo)-10.484.447-93,4-10.975.704-92,3 Prestazioni di servizi-542.693-601.498 Costo del lavoro-131.243-136.001 Ammortamenti-425.742-244.186 Totale costi operativi-11.584.125-11.957.389 Risultato operativo EBIT-354.161-3,2-68.140-0,6 Proventi (oneri) finanziari-29.439 -51.884 Risultato prima delle imposte-383.600 -120.024 Imposte sul reddito anticipate112.520 31.448 Risultato netto-271.080-2,4-88.576-0,7

8 Bilancio come strumento di controllo di gestione Informazioni: Consuntive e preventive Natura valori bilancio d’esercizio: Quantità economiche Indici economici, situazione e struttura finanziaria Flussi liquidità e capitale circolante netto Report Certe Stimate Congetturate

9 Bilancio d’esercizio: redatto secondo codice civile e Principi Contabili  rappresentazione veritiera e corretta  Schemi di conto  principi valutazione: Bilanci con principi IAS/IFRS  fair value Interferenze fiscali  non consentite Data bilancio Continuità aziendale prudenza prevalenza sostanza su forma competenza economica costanza costo fatti di rilievo dopo chiusura es. evoluzione prevedibile gestione

10 Metodo: riclassificazione finanziaria S.P. Attivo Impieghi (investimenti) Realizzabilità in valori finanziari: Passivo Fonti (finanziamenti) Esigibilità in valori finanziari: Bilancio common size  valori percentuali  100 = totale Impieghi = totale Fonti  schemi omogenei pluriennali entro 12 mesi correnti oltre 12 mesi immobilizzazioni entro 12 mesi correnti oltre 12 mesi consolidato Capitale di terzi Capitale Proprio. Passivo Corrente Passivo Consolidato

11 Analisi della struttura finanziaria Struttura finanziaria equilibrata: rapporti fra aree Investimenti = K Fonti = K Attivo corrente Ac Liquidità immediate l Liquidità differite L Disponibilità D Immobilizzazioni F Materiali Immateriali Finanziarie Passivo a breve p Finanziamenti a breve Debiti di regolamento Altri debiti a breve Passivo consolidato P Capitale proprio N

12 Riclassificazione schemi Valori del consuntivo o del budget (preventivo ) Possibile integrazione economica valori di bilancio: Partecipazioni, Dai costi storici ai valori correnti  fair value: Partecipazioni, magazzino, immobili, Commesse magazzino, immobili, Commesse Dai valori fiscali ai valori economici leasing finanziario, cessione crediti, sconto effetti, ecc. Dai valori formali ai valori sostanziali: leasing finanziario, cessione crediti, sconto effetti, ecc. NON Stato Patrimoniale Conto Economico Patrimonio netto Valore Economico Risultato d’esercizio Risultato Economico

13 Stato patrimoniale riclassificato: criterio finanziario IMPIEGHI Attivo immobilizzato F % Immobilizzazioni immateriali Spese impianto, brevetti, R&S Immobilizzazioni materiali Terreni, fabbricati, impianti Immobilizzazioni finanziarie Partecipazioni, crediti a m.l.t. Attivo circolante Ac % Disponibilità D % Rimanenze, fornitori c/anticipi, (-) clienti c/acconti Liquidità differite L % Clienti, effetti, (-) F. svalutaz crediti, ratei attivi Liquidità immediate l % Cassa, Banca c/c, BOT a tre mesi TOTALE IMPIEGHI K 100

14 Stato patrimoniale riclassificato: criterio finanziario FONTI Capitale netto N % C.S. meno decimi da versare + riserve + utili meno perdite Passivo consolidato P % Fondi rischi ed oneri Fondo t.f.r. Prestiti a m.l.t. (mutui obbligazioni) Passivo a breve p % Debiti di regolamento Fornitori, clienti c/anticipi, ratei passivi Debiti diversi Tributari, previdenziali, quota a breve t.f.r. Finanziamenti a breve c/c passivi, prestiti a breve, quota a breve mutui TOTALE FONTI K 100

15 Riclassificazione finanziaria: problematiche Attivo: Soci c/versamenti : Azioni proprie  rettifica netto patrimoniale Ratei e risconti: Passivo: Fondi per rischi e oneri Fondo TFR Ratei e risconti: Crediti a breve o a m.l.t. Posta rettificativa del capitale sociale q. pluriennale  immobilizzazione q. annuale  circolante Quota corrente Quota consolidata q. pluriennale  consolidata q. annuale  corrente

16 Conti d’ordine Nota integrativa:  Integrazioni contabili  Beni in leasing  Credito ceduti pro-solvendo  Rischi ed impegni in essere Beni in leasing Leasing finanziario: - trasferimento proprietà a conclusione del contratto; - Sostanza acquisto con pagamento a scadenza metodo patrimoniale:  conto economico  canoni per competenza economica  Nota integrativa  dati su contratto metodo finanziario:  Attivo= valore del bene Passivo = valore del debito  Conto economico  Quota ammortamento e Interessi passivi

17 Acquisizione in leasing di un impianto:  costo del bene = 1.000; canone di leasing 260 per 5 anni; valore riscatto 60; Metodo patrimoniale: Metodo patrimoniale: Conto economico Conto economico B Costi delle produzione 8- per godimento di beni di terzi 260 Notizia in Nota integrativa e analisi contratto Al riscatto Stato Patrimoniale Impianto 60

18 Acquisto in leasing di impianto (1.000): Canone leasing annuo: 260; Rimborso prima rata finanziamento:  q. capitale: 180; q. interesse: 60 = 240 Ammortamento impianto 5 anni: 200 quota annua; Metodo finanziario: Metodo finanziario: Stato Patrimoniale Conto economico Conto economico B Costi delle produzione 10- ammortamenti immobilizz. materiali 200 C Proventi oneri finanziari 17 Interessi ed oneri finanziari 60 Impianto 1.000 Debiti leasing (rimborso) 180 Maggiori oneri anticipati 20 Debiti leasing 1.000 Fondo amm.to 200 Cassa 260

19 Cessione crediti pro-solvendo Crediti 1300 di cui ceduti 800, netto ricavo 600 Se si stralcia il credito si ha: N.B. Integrazione per evidenziare il credito Stato Patrimoniale Clienti 1.300 Stato Patrimoniale Clienti 500 Banca c/c 600 Stato Patrimoniale Clienti 1.300 Banca c/c 600 Debiti verso banche 800

20 Integrazione economica: rivalutazione fabbricato da 1.000 a 20.000 Stato patrimoniale Fabbricato 1.000 Fabbricato 19.000 Variazioni patrimonio 19.000 20.000 Nel conto economico si ha: Un ricavo straordinario di 19.000  riserva per rivalutazione Nei successivi esercizi si ammortizza il fabbricato per l’importo rivalutato N.B. in contabilità separata

21

22 Risultato caratteristico Roc Risultato operativo Ro Risultato ordinario Risultato prima delle imposte sul reddito UTILE/PERDITA D’ESERCIZIO Rn Ricavi dell’area caratteristica Costi Proventi Atipici e su attività finanziarie Oneri Oneri finanziari Proventi straordinari Oneri Schema riclassificazione Conto Economico Imposte sul reddito


Scaricare ppt "Analisi di bilancio Programmazione e controllo A.A. 2014/2015 a cura del Prof. Giovanni Melis."

Presentazioni simili


Annunci Google