La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La ri……NASCITA a Taranto Associazione «Delfini e neonati A.De Cataldo Onlus» S.C. Neonatologia e Tin Taranto 12 luglio 2014 Oronzo Forleo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La ri……NASCITA a Taranto Associazione «Delfini e neonati A.De Cataldo Onlus» S.C. Neonatologia e Tin Taranto 12 luglio 2014 Oronzo Forleo."— Transcript della presentazione:

1 La ri……NASCITA a Taranto Associazione «Delfini e neonati A.De Cataldo Onlus» S.C. Neonatologia e Tin Taranto 12 luglio 2014 Oronzo Forleo

2

3

4  Più dell’80% dei neonati di peso < 1500 gr necessita di una qualche forma di rianimazione, anche in assenza di asfissia intrauterina  Più del 50 % richiede intubazione  Nel 7% si rende necessario massaggio cardiaco esterno e somministrazione di Adrenalina

5

6

7

8

9

10

11 Etica della rianimazione e delle cure di fine vita Beneficenza – vi deve essere beneficio per il paziente Non-maleficenza – non devono essere procurati danni Giustizia – benefici e rischi devono essere diffusi equamente nella società Autonomia – del paziente adeguatamente informato, competente non sottoposto a paternalistiche decisioni Beauchamp TL et al. Principles of biomedical ethics. 3rd ed. Oxford 1994 European Resuscitation Council Guidelines for resuscitation Baskett PJF et al. Resuscitation 2005;6751:S171-0 Da dove partiamo…..

12 23 sett. E.G. ? 24 sett. E.G. Sopravvivenza % a 23 settimane Sopravvivenza % a 24 settimane Concedere ai neonati di almeno 23 settimane un sostegno rianimatorio da graduare secondo la risposta Riservare l’intero spettro assistenziale ai neonati di EG = o > 24 settimane

13 Neonati con peso alla nascita < 1500 gr Sopravvivenza correlata con eta’ gestazionale:  10-12% < 500 gr  50% gr  85% gr  95% gr

14

15

16

17

18

19

20

21 Sviluppo del polmone

22

23

24

25

26

27

28

29 Concetti che aiutano nelle decisioni etiche I genitori sono considerati le persone più adatte a prendere decisioni al posto dei propri figli I genitori devono ricevere le informazioni rilevanti e particolareggiate sui rischi e benefici riguardanti ogni opzione di trattamento Decidere ciò che è meglio (“Best interest”) per il neonato Può non esservi tempo sufficiente per ottenere un adeguato consenso informato

30 La legge e la rianimazione neonatale Le leggi variano da luogo a luogo Negli USA nessuna legge federale impone di effettuare la rianimazione in qualunque ciscostanza Si ritiene appropriato sospendere il supporto quando la rianimazione è ritenuta “futile”

31 Astensione dalle manovre rianimatorie: prognosi certa La rianimazione non è indicata nei casi in cui la gestazione, il peso alla nascita, e/o anomalie congenite sono associate a morte precoce quasi certa e a morbidità di grado inaccettabilmente elevato tra i rari sopravvissuti

32 Nelle condizioni in cui la prognosi è incerta, quando la probabilità di sopravvivenza è ai limiti ed il tasso di morbilità è elevato, o quando si prevede un intenso carico di sofferenza per il bambino, dovrebbe essere sostenuto il desiderio dei genitori riguardo l’opportunità di iniziare la rianimazione Astensione dalle manovre rianimatorie: prognosi incerta

33 L’ASFISSIA PERINATALE GRAVE le forme classificabili come GRAVI hanno come esito: 50% morte 50% sequele neurologiche Quadri clinici di COMA con EEG piatto, con GRAVI ALTERAZIONI o con STATO DI MALE IL DANNO CEREBRALE IN NEONATI ESTREMAMENTE PRETERMINE

34 Accordo genitori medici Disaccordo genitori e medici

35 Rianimazione contro il desiderio dei genitori Elevata probabilità di sopravvivenza, tasso di morbilità accettabile Obbligo legale ed etico nei confronti del neonato Comitato etico/consulenza legale Documentazione accurata

36 “il potere dei genitori di prendere decisioni è limitato al potere di prendere decisioni nel miglior interesse del bambino” Suprema Corte USA 2004

37 “ anche se i genitori vogliono disperatamente la sopravvivenza del loro bambino, ci sono casi in cui non è nel suo interesse essere soggetto a trattamenti che causeranno sofferenza e non produrranno benefici commisurati” Il medico ha il dovere di rifiutarsi “ se per ignoranza, paura, pessimismo, o semplice rifiuto ad accettare un bambino compromesso, i genitori rifiutano un intervento di livello relativamente basso per un beneficio relativamente alto, che potrebbe salvare la vita del bambino ….il medico deve immediatamente assistere il neonato e poi chiedere le autorizzazioni necessarie a continuare le cure.

38 Aggressive care Palliative care

39 Art. 16 CDM 2006 Accanimento diagnostico terapeutico Il medico, anche tenendo conto delle volontà del paziente laddove espresse, deve astenersi dall’ostinazione in trattamenti diagnostici e terapeutici da cui non si possa fondatamente attendere un beneficio per la salute del malato e/o un miglioramento della qualità della vita. ” ”

40 Counselling prenatale prima della nascita ad alto rischio Stabilire un contatto con i genitori Informazione consistente, assistenza coordinata Punti da affrontare : –Possibilità di sopravvivenza/Handicap –“Solo cure compassionevoli” –Prevenzione del dolore e della sofferenza Documentazione

41 LE PROBLEMATICHE DI BIOETICA: MARZO 2005 “protocollo di GRONINGEN” (Eduard VERHAGEN - NEJM) LINEE GUIDA SULLA EUTANASIA INFANTILE In Olanda 1.000/ nati ogni anno muoiono nel primo anno di vita Per 600 nati la morte è preceduta da un atto medico I PARAMETRI ETICI DI VERHAGEN: povera qualità di vita, mancanza di autosufficienza,mancata capacità di comunicazione,dipendenza ospedaliera,aspettativa di vita. CONCLUSIONE: Il 60% di mortalità infantile in Olanda ha un origine intenzionale Bioetica o “soluzione finale “come conferenza di Wansee della storia nazista?

42 DUALISMO SACRALITA’ DELLA VITA QUALITA’ DELLA VITA DUALISMO ETICA RELIGIOSA ETICA LAICA

43 UN NUOVO UMANESIMO PER UNA NUOVA MEDICINA Emmanuel Lévinas SENSIBILITA’ VULNERABILITA’ ESPOSIZIONE AGLI ALTRI PROSSIMITA’ ETICA 2. Hans Gadamer CULTURA PLATONICA DEL DIALOGO ANCHE NEL RAPPORTO MEDICO PAZIENTE

44 IL BURN-OUT ESORDIO NELLO SPORT Maslach patologia comportamentale a carico delle professioni ad elevata implicazione relazionale 3. OGGI stress lavorativo delle “Helping professions” CAUSE: a)Cattiva gestione del lavoro b)Mansioni frustanti o inadeguate alle aspettative c)Sovraccarichi di lavoro

45 LE QUATTRO FASI DEL BURN-OUT 1.ENTUSIASMO IDEALISTICO 2. STAGNAZIONE 3. FRUSTAZIONE 4. Empatia APATIA morte professionale La necessità della rimozione del burn- out e le migliori strategie per la sua riduzione

46 GRAZIE a tutti i neonati Perché mi avete dato tanto : Riflessione = Etica del dubbio Riconoscimento del valore dei bisogni Acquisizione di una neonatologia non solo tecnologica (evitamento del “TO PLAY GOD”) Valore della sacralità della vita

47 E per finire ? … io oggi ho meno certezze rispetto all’inizio del mio lavoro in TIN, ma spero che quando il mio modesto sapere ed il mio poco saper fare si saranno impoveriti………. con la ricchezza di questi dubbi migliori il mio saper essere O.Forleo

48 GRAZIE


Scaricare ppt "La ri……NASCITA a Taranto Associazione «Delfini e neonati A.De Cataldo Onlus» S.C. Neonatologia e Tin Taranto 12 luglio 2014 Oronzo Forleo."

Presentazioni simili


Annunci Google