La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Ambiente e malattie Filippo Lucente 5ª Lb 2 Indice degli argomenti Cambiamenti climatici: aria pulita, gas serra, aumento della temperatura, buco dell’ozono.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Ambiente e malattie Filippo Lucente 5ª Lb 2 Indice degli argomenti Cambiamenti climatici: aria pulita, gas serra, aumento della temperatura, buco dell’ozono."— Transcript della presentazione:

1

2 1 Ambiente e malattie Filippo Lucente 5ª Lb

3 2 Indice degli argomenti Cambiamenti climatici: aria pulita, gas serra, aumento della temperatura, buco dell’ozono Malattie ed ambiente: tumori nel mondo ed in Italia Inquinamento: fumo di sigaretta, povertà e ricchezza Inquinamento: inquinanti volatili, polveri sottili, le diossine Le risoluzioni internazionali: Agenda 21, il Protocollo di Kyōto La malattia nella letteratura, nella filosofia, nell’arte

4 3Bibliografia Luigi Campanella, Dipartiento di chimica Università La Sapienza di Roma: Ambiente e salute Epstein P et al. Climate Change and Human Health. N Engl J Med 2005; 353: Mocarelli P et al. Paternal concentrations of dioxin Lega Italiana per la lotta contro i Tumori Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Sabina MarchesiSabina Marchesi pubblicato nella rubrica SCRIVERE del n.120 di KULT Underground il 6/2005 SCRIVERE120 Sabina MarchesiSCRIVERE120 Lancet 2005: Causes of cancer Stefano Montanari : L’insidia delle polveri sottile e delle nanoparticelle

5 4 Composizione percentuale % dell'aria secca pulita Azoto (N 2 ) % Ossigeno (O 2 ) % Argon (Ar) % Altri gas % La quasi totalità dei fenomeni di inquinamento atmosferico avviene nella porzione più bassa dell’atmosfera chiamata “Planetary Boundary Layer” (Strato Limite Planetario), o PBL. Il PBL comprende la parte di troposfera che si estende fino a oltre 1 km di altezza.

6 5 vapore acqueo An. carbonica (CO 2 ) metano (CH 4 ) ossido nitroso(N 2 O) ozonoozono (O 3 ) ozono I Gas responsabili dell’effetto serra La diminuzione dell’ozono è dovuta ai clorofluorocarburi Cfc, gas composti da cloro, fluoro,carbonio. Questi gas assorbono i raggi Uva e liberano il cloro. Gravi danni dei raggi Uva per occhi e pelle Vertice di Kobe «Obiettivo riduzione gas serra del 50% entro il 2050»

7 6 Effetto serra: previsione aumento temperatura e livello oceani dal 2010 al 2100 Aumento livello oceani in cm / pollici Aumento della temperatuta in gradi °C / °F 80 cm entro il °C entro il 2100

8 7 Il buco dell’ozono

9 8 Goddard Space Flight Center della Nasa in penombra l’America del Sud Nella stratosfera ha avuto origine il buco dello ozono e il riscaldamento della terra. Le linee aeree supersoniche volano nella bassa stratosfera le linee aeree commerciali nella troposfera. L’ozono si forma nella stratosfera, più sottile all’equatore e più denso verso i poli. "unità Dobson" (DU):"unità Dobson" (DU) unità di misura dell’ozono Il buco dell’ozono in Antartide

10 9 Il buco dell’ozono O+O2 ---> O3 L’ozono è distrutto dalla seguente reazione: O+O3->O2+O2 LA REAZIONE DI CHAPMAN Tornado ad Atlanta

11 10 Scioglimento dei ghiacci ai poli Il Perito Moreno nella Terra del Fuoco in Argentina

12 11 % delle malattie per cause ambientali 24% di tutte le malattie 33% delle malattie dei bambini 13 milioni di decessi all’anno Una morte su tre nei paesi sottosviluppati

13 12

14 13 Tumori in aumento ♂ ♀ Tumori in aumento ♂ ♀ ▲ ♂ in notevole aumento il K prostatico (+94% fra rispetto al ). In calo il K polmone dell’11%. ▲ ♂ in notevole aumento il K prostatico (+94% fra rispetto al ). In calo il K polmone dell’11%. Un uomo su tre da 0 a 74 aa viene Un uomo su tre da 0 a 74 aa viene colpito da una neoplasia colpito da una neoplasia ▲ ♀ cresce l’incidenza dei K del polmone (+23%) e della mammella (+29%, anche come conseguenza dell’anticipazione dei programmi di screening). ▲ ♀ cresce l’incidenza dei K del polmone (+23%) e della mammella (+29%, anche come conseguenza dell’anticipazione dei programmi di screening). Una donna su quattro da 0 a 74 aa Una donna su quattro da 0 a 74 aa viene colpita da una neoplasia viene colpita da una neoplasia

15 14 Emergenza rifiuti nelle periferie di Napoli

16 15 Moltiplicazione cellulare: fisiologica e tumorale A= cellula sana 2= apoptosi 1= morte cellula alterata B= cellula cancerogena si moltiplica senza controllo Linfociti B eT, monociti al m.e.

17 16 Mortalità per malattie legate a fattori di rischio ambientale per anno WORLD CANCER REPORT 2003 – International Agency for Research on Cancer 2,6 MM Cardiov. 1,7 MM dissenteria 1,5MM Inf. Polmonari 1,4MM neoplasie 1,3MM Insuff. Resp. 470 mila Inc. stradali 400 mila Inc.casuali

18 17 TUMORI in ITALIA 140 mila decessi per tumore 1,5 milioni di persone interessate In aumento: 270 mila casi previsti nel %di guarigione 37%maschi 56%donne a 5aa dalla diagnosi 100 mila casi dai 15 e 39 aa tra i 21 milioni di giovani 240 mila tumori ogni aa in Italia Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute N.B.:diminuzione della mortalità del 30% dal 1990 al 2002 tra i 15 e i 39 aa. Prevalenza dei tumori ematologici nei giovani. Finlandia: migliore sopravvivenza internazionale 550 mila decessi/anno in Italia

19 % i K a pelvi e vescica volte i K al pancreas volte i K a bocca, faringe esofago, laringe % i K polmonari Fumo di sigaretta Rishio Relativo per fumo passivo +20%

20 19 Fumo di sigaretta e smog: polmoni e cuore Non fumatoreFumatore Gli italiani che fumano sono sempre meno: Il 26,2% degli adulti nel 2007 contro il 27,6% nel 2003 e il 29% nel Il 55,3% consuma più di 15 sigarette al giorno !!! Smog a Milano

21 20 Povertà e ricchezza : cause di malattia (le infezioni più frequenti) Epatite B e C (K epatico) (trasfusioni, promiscuità ecc..) Epatite B e C (K epatico) (trasfusioni, promiscuità ecc..) Papillomavirus (K collo uterino e genitale) (abitudini sessuali) Papillomavirus (K collo uterino e genitale) (abitudini sessuali) Helicobacter pylori (K allo stomaco) (abitudini alimentari) Helicobacter pylori (K allo stomaco) (abitudini alimentari) Favelas a Rio de JaneiroLos Angeles K = tumore

22 21 Povertà e ricchezza : cause di malattia ( le abitudini di vita ) K: 50% di decessi nei paesi ricchi, 80% in quelli poveri K: 50% di decessi nei paesi ricchi, 80% in quelli poveri Dieta ipercalorica, bassa attività fisica, obesità Dieta ipercalorica, bassa attività fisica, obesità Smog, fumo di sigaretta, inquinamento Smog, fumo di sigaretta, inquinamento L’uso del frigorifero ha abbassato del 60% il tumore dello stomaco evitando di salare il cibo per conservarlo. Dove si consuma molto cibo salato (Portogallo, Brasile, Giappone, Corea) il tasso di cancro allo stomoco è ancora alto L’uso del frigorifero ha abbassato del 60% il tumore dello stomaco evitando di salare il cibo per conservarlo. Dove si consuma molto cibo salato (Portogallo, Brasile, Giappone, Corea) il tasso di cancro allo stomoco è ancora alto Frutta e verdura favoriscono la diminuzione di tutti i tumori epiteliali (500 grammi al giorno di frutta e verdura diminuiscono del 25% l’incidenza del cancro al tratto intestinale secondo l’EPIC European Prospective Investgation into Cancer and Nitrition) Frutta e verdura favoriscono la diminuzione di tutti i tumori epiteliali (500 grammi al giorno di frutta e verdura diminuiscono del 25% l’incidenza del cancro al tratto intestinale secondo l’EPIC European Prospective Investgation into Cancer and Nitrition) K in diminuzione K in aumento K = tumore San Francisco

23 22 Sostanza che “immessa direttamente o indirettamente nell’aria può avere effetti nocivi sulla salute umana o sull’ambiente nel suo complesso”. Sostanza che “immessa direttamente o indirettamente nell’aria può avere effetti nocivi sulla salute umana o sull’ambiente nel suo complesso”. Definizione di sostanza inquinante Agenzia Europea per l’Ambiente Il parco nazionale del Kilimanjaro (Kilimanjaro National Park) è uno dei principali parchi nazionali della Tanzania. Copre una superficie di 756 km²parco nazionale del KilimanjaroTanzania

24 23 Gli inquinanti atmosferici Tutte le fonti di calore, le combustioni dei motori, delle fonderie, dei cementifici, degli incerenitori, dei cosiddetti termovalorizzatori provocano polveri sottili Più alta è la temperatura di combustione più le polveri sono piccole e più penetrano nell’organi L’orizzonte di smog del porto di Seatle Microscopio a scansione ambientale per lo studio delle polveri sottili. ( euro)

25 24 SO2 (biossido di zolfo) (Combustione in impianti fissi con utilizzo di olio, cherosene ecc) Polveri sottili (Auto diesel, usura freni e gomme) Benzene ed altri idrocarburi (auto a benzina, stazioni di rifornimento) NO2 (biossido di azoto) (auto, caldaie, centrali termiche) Monossido di CO (auto a benzina) Gli inquinanti atmosferici Distributore a metano

26 25 Particolato e penetrazione nell’ albero respiratorio

27 26 L’attentato dell’undici settembre 2001 alle Twin Towers a New York

28 27 so so so so Nanopatologie Dimensione micrometrica Il particolato è una polvere con diametro inferiore a 10 micron (PM10) o a 2.5 micron (PM 2,5 particolato fine). Superiore a 10 micron:grossolano Le polveri sottili : le nanopatologie ± 90% per cause naturali: Polvere, terra, aerosol marino, incendi, microrganismi, pollini, spore, eruzioni vulcaniche, polveri cosmche. ± 10% per fattori antropici: Emissioni auto, domestiche, inceneritori fumo di tabacco, lavorazioni agricole, lavorazioni meccaniche. Sindrome del Golfo e dei Balcani. L’uranio impoverito causa: Trombosi, Linfoma di Hodgkin, Aritmie, Infarto. m = metro mm = millimetro 10ˉ ³ m µm = micron 10ˉ 6 m nm = nanometro 10ˉ 9 m Å = anstromg 10ˉ 10 m Dimensione nanometrica Il particolato ultrafine, UFP, passa gli alveoli polmonari (Pm 0,1) è inferiore a 0,1 micron. Nanopolveri tra 2 e 200 nanometri PM = Particulate matter PM 10 Limite PM 10: 50mgr/m³ d’aria per max 35 gg/anno

29 28 Inquinamento d’auto a Pechino

30 29 Il filtro FAP antiparticolato delle auto diesel Particelle di PM10 nel sangue causano trombosi venose ed infarto cardiaco

31 30 Le diossine Sostanze con numerosi atomi di cloro esavalente che sono fortemente reagenti e lipofile. L’incenerimento dei rifiuti e il settore industriale sono i massimi responsabili di emissioni in atmosfera di diossine. Aumento malattie della pelle “ Cloracne” Aumento malattie della pelle “ Cloracne” Aumento dei linfomi e delle leucemie Aumento dei linfomi e delle leucemie Aumento malattie dell’apparato riproduttivo specialmente maschile Aumento malattie dell’apparato riproduttivo specialmente maschile Le diossine hanno la caratteristica di legarsi ad un recettore noto con il nome di AhR. In tal modo formano un complesso che ha la capacità di entrare nel nucleo della cellula e attivare numerosi geni. ( Istituto Mario Negri, MI. Silvio Garattini ) Cloracne Seveso

32 31 Conferenza delle Nazioni Unite sull'Ambiente e lo Sviluppo tenutasi a Rio de Janeiro nel Giugno del 1992 alla quale hanno partecipato 175 Nazioni. Il risultato di questa conferenza (nota anche come Vertice sulla Terra) è stato un documento chiamato “Agenda 21” Prima del protocollo di Kyōto: documento “Agenda 21” 1992 a Rio de Janeiro “ Convenzione sulla Biodiversità ” “Convenzione sui Cambiamenti Climatici” “Convenzione per la lotta alla Desertificazione” Al Vertice di Rio sono state approvate tre Convenzioni Internazionali :

33 32 Protocollo di Kyōto (11/10/97) Diminuzione delle emissioni inquinanti:( biossido di carbonio, metano, ossido di azoto, idrofluorocarburi, esafluoro di zolfo ) del in meno rispetto al 1990, nel periodo Diminuzione delle emissioni inquinanti:( biossido di carbonio, metano, ossido di azoto, idrofluorocarburi, esafluoro di zolfo ) del 5.2% in meno rispetto al 1990, nel periodo 2008/2012 Per andare in vigore dovevano firmare 55 nazioni che producevano almeno il 55% delle emisioni Nel 2004 ha aderito la Russia e si è raggiunto il target prefissato 169 sono oggi i paesi aderenti, ultimo paese aderente l’Australia 2007 Non aderiscono gli USA Cina e l’India sono esonerati anche se hanno aderito, perché in sviluppo Verde: paesi che hanno ratificato Rosso: paesi non aderenti Giallo: paesi aderenti che non hanno ratificato

34 33 La malattia nella letteratura, nella filosofia, nell’arte

35 34 La malattia nella letteratura F.Kafka: ossessionato dalla malattia come espressione del suo malessere interiore I. Svevo: il morbo è inteso come degrado, fallimento isolamento, inettitudine e senilità L. Pirandello: la malattia come simbolo di personalità difforme anticonvenzionale R.L.Stevenson eterno dualismo tra piacere e dolore tra aspirazione e realtà M. Proust: la malattia viene interpetrata come isolamento dal resto dell’umanità Baudelaire: Il male e la malattia pervadono l’esistenza dell’uomo e della società in ogni aspetto Garcia Lorca: Il disagio e la diversità come isolamento e frustrazione A.Camus: in” La peste” la malattia è indagata come isolamento, metafora della guerra T.Mann: la malattia è segno di decadenza della società borghese 34

36 35

37 36

38 37 Grazie per l’attenzione Grazie per l’attenzione Filippo Lucente 5ª Lb Il mondo è nelle nostre mani

39 38


Scaricare ppt "1 Ambiente e malattie Filippo Lucente 5ª Lb 2 Indice degli argomenti Cambiamenti climatici: aria pulita, gas serra, aumento della temperatura, buco dell’ozono."

Presentazioni simili


Annunci Google