La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IPERLIPOPROTEINEMIE * Sono disturbi del metabolismo lipidico derivati da una accelerata sintesi o da una ritardata degradazione delle lipoproteine vettrici.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IPERLIPOPROTEINEMIE * Sono disturbi del metabolismo lipidico derivati da una accelerata sintesi o da una ritardata degradazione delle lipoproteine vettrici."— Transcript della presentazione:

1 IPERLIPOPROTEINEMIE * Sono disturbi del metabolismo lipidico derivati da una accelerata sintesi o da una ritardata degradazione delle lipoproteine vettrici del colesterolo e dei trigliceridi * L'importanza clinica delle iperlipoproteinemie deriva dal fatto che esse possono determinare patologie pericolose come l’aterosclerosi la pancreatite e l’infarto miocardico. * Parallelamente a queste importanti patologie le iperlipoproteinemie determinano lo sviluppo di tutta una serie di patologie minori che possono indirizzare alla diagnosi della malattia: xantomi eruttivi, epatomegalia, splenomegalia

2 elettroforesi delle lipoproteine definizione del quadro lipidemico: valutazione del colesterolo totale e dei trigliceridi analisi cliniche (diagnosi di iperlipidemia) valutazione dei fattori di rischio (abitudini alimentari, sedentarietà, fumo, contraccettivi orali) anamnesi per smascherare eventuali familiarità della malattia (iperlipoproteinemie ereditarie) IPERLIPOPROTEINEMIE patologie minori determinazione del colesterolo associato alle HDL/LDL diagnosi di iperlipoproteinemia

3 CLASSIFICAZIONE DELLE IPERLIPOPROTEINEMIE * Le iperlipoproteinemie possono derivare da diverse cause: disordini multifattoriali, caratterizzati da modalità complesse di ereditarietà in cui molteplici geni varianti, ognuno dei quali possiede un debole difetto, interagiscono con fat- tori ambientali, determinando iperlipoproteinemie di diverso grado. disordini di un unico gene, che vengono trasmessi con semplici meccanismi dominanti o recessivi difetti secondari nelle quali l'aumento dei livelli plasmatici delle lipoproteine compare in seguito alla presenza di anomalie metaboliche. difetti primari nella sintesi o nella degradazione delle particelle lipoproteiche

4 CLASSIFICAZIONE DELLE IPERLIPOPROTEINEMIE difetti secondari * malattie endocrine * malattie metaboliche * iperlipoproteinemie indotte da farmaci * compromissione della funzione renale * compromissione della funzione epatica * malattie a base immunitaria

5 difetti secondari, endocrini o metabolici CLASSIFICAZIONE DELLE IPERLIPOPROTEINEMIE

6 difetti secondari, indotti da sostanze chimiche, farmaci

7 difetti secondari, immunologici CLASSIFICAZIONE DELLE IPERLIPOPROTEINEMIE

8 difetti secondari, compromissione della funzione renale, epatica, generale

9 difetti primari CLASSIFICAZIONE DELLE IPERLIPOPROTEINEMIE disordini multifattoriali: * iperlipoproteinemia familiare tipo 3 (disbeta- lipoproteinemia familiare) * ipercolesterolemia poligenica * iperlipidemia a fenotipi multipli (iperlipidemia familiare mista) * ipertrigliceridemia familiare disordini di un unico gene: * deficit familiare di lipoproteinlipasi * deficit familiare di apoproteina CII * ipercolesterolemia familiare (FH) * deficit familiare di apolipoproteina B-100 (FDB)

10 difetti primari CLASSIFICAZIONE DELLE IPERLIPOPROTEINEMIE Iperlipidemie miste: * iperlipoproteinemia familiare tipo 3 (disbeta- lipoproteinemia familiare) * iperlipidemia a fenotipi multipli (iperlipidemia familiare mista) ipertrigliceridemie: * deficit familiare di lipoproteinlipasi * deficit familiare di apoproteina CII * ipertrigliceridemia familiare ipercolesterolemie: * ipercolesterolemia poligenica * ipercolesterolemia familiare (FH) * deficit familiare di apolipoproteina B-100 (FDB)

11 DEFICIT FAMILIARE DI LIPOPROTEINLIPASI modalità di trasmissione: autosomica recessiva frequenza: 1 : patogenesi: gli individui malati sono omozigoti per una mutazione sul gene che codifica per la lipoproteinlipasi che impe- disce la normale attività dell’enzima. Il difetto è di tipo qualitativo piuttosto che quantitativo (l'enzima c'è ma non è attivo). * Quadro clinico: Il paziente, spesso un'adolescente, riporta dolori addominali (dovuti a pancreatite), presenta xantomi eruttivi, epato- splenomegalia. Se non curata, la malattia può dare gravi problemi a causa dei ripetuti episodi di pancreatite che possono sfociare nella compromissione della funzione dell'organo.

12 cutanei tendinei sottoperiostei fasciali aponevrotici xantomi piano tubero-eruttivo eruttivo tuberoso palpebrale (xantelasma) GLI XANTOMI

13 DEFICIT FAMILIARE DI LIPOPROTEINLIPASI * Non si sviluppa mai aterosclerosi. * Diagnosi differenziale: Una prima diagnosi può essere fatta smascherando l'iperchilomicronemia, viene confermata dalla diagnosi di trigliceridemia e deve poi essere distinta dal deficit familiare di APO CII. * Trattamento: Dieta povera di grassi, per mantenere i livelli di trigliceridi a digiuno sotto i 1000 mg/dl. Per raggiungere la normale introduzione calorica si integra la dieta con acidi grassi a catena media, che non vengono incorporati nei chilomicroni. In caso di pancreatite fulminante è utile la trasfusione di plasma. * La mancata attività della lipoproteinlipasi detemina un accumulo di chilomicroni (iperchilomicronemia) e quindi dei trigliceridi (ipertrigliceridemia)

14 DEFICIT FAMILIARE DI APOPROTEINA C-II modalità di trasmissione: autosomica recessiva frequenza: rarissima patogenesi: gli individui malati sono omozigoti per una mutazione che impedisce la produzione dell'apoproteina C-II. Il difetto genico è di tipo quantitativo * Quadro clinico: Si presenta del tutto simile a quello del deficit di lipoproteinlipasi, con un accumulo di chilomicroni e VLDL. Solitamente la malattia si manifesta in età più avanzata e gli xantomi sono più rari. Non si conoscono le ragioni di queste differenze. * Diagnosi: La diagnosi differenziale dal deficit famigliare di lipoproteinlipasi viene effettuato con l'elettroforesi delle lipoproteine, con la quale si smaschera l'assenza dell'apo-C-II.

15 IPERPROTEINEMIA FAMILIARE TIPO 3 (DISBETALIPOPROTEINEMIA) modalità di trasmissione: autosomica recessiva frequenza: 2-3 : patogenesi: gli individui malati sono omozigoti per una mutazione che interessa il gene codificante per la apoE. Per ma- nifestarsi la malattia necessita però di altre anomalie primitive o secondarie del metabolismo lipoproteico. * Il gene per l'apoE è polimorfo. Esistono tre alleli, ognuno dei quali codifica per una isoforma di apo E. Tra queste E 2 è caratterizzata da una bassa affinità per i recettori delle LDL e dei chilomicroni remnants a livello epatico: E 2 E 2 E 2 E 3 E 3 E 3 E 2 E 4 E 3 E 4 E 4 E 4 E 2 E 3 E 4 frequenza: (0.12) (0.75) (0.13)

16 * L'ipoproteinemia tipo 3 sorge solo con omozigosi E 2. IPERPROTEINEMIA FAMILIARE TIPO 3 (DISBETALIPOPROTEINEMIA) * Ne risulta che solo il 2-3% degli omozigoti E 2 sviluppa malattia sintomatica. * In coloro che manifestano la malattia si può sempre smascherare un altro difetto ereditario del metabolismo delle lipoproteine oppure costoro sono affetti da patologie come ipotiroidismo, diabete mellito od obesità. * Nella popolazione mondiale la frequenza di questo genotipo e di 1:100, mentre la malattia si manifesta in 2-3 individui ogni sani. * La maggior parte degli omozigoti E 2 sembra essere in grado di compensare il deficit.

17 IPERPROTEINEMIA FAMILIARE TIPO 3 (DISBETALIPOPROTEINEMIA) * Quadro clinico: La mancata captazione a livello epatico di IDL fa aumentare i livelli di LDL ( e quindi di colesterolo) ematici. La mancata captazione di chilomicorni remnants determina invece un aumento di trigliceridi. (ipercolesterolemia e ipertrigliceridemia entrambe sopra i 300 mg/dl). Presenza di Xantomi. * Diagnosi: Gli xantomi, i livelli ematici di lipidi e l'elettroforesi delle lipoproteine possono indirizzare la diagnosi, che va comunque con-fermata con isoelettrofocalizzazione delle apoproteine (le tre isoforme di Apo E possono essere separate ed identificate con questa tecnica) * Trattamento: Essendo la maggior parte dei pazienti affetti anche da patologie secondarie, va per prima cosa smascherata e curata un eventuale ipotiroidismo subclinico, oppure il diabete o l'obesità. Già questo tipo di terapia abbassa notevolmente i livelli lipidici. Particola-re cura va posta ovviamente anche al tipo di dieta.


Scaricare ppt "IPERLIPOPROTEINEMIE * Sono disturbi del metabolismo lipidico derivati da una accelerata sintesi o da una ritardata degradazione delle lipoproteine vettrici."

Presentazioni simili


Annunci Google