La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il sistema fiscale tra Finanza pubblica, Sistemi tributari e Macrofinanza di Nicola Giaccari (2009)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il sistema fiscale tra Finanza pubblica, Sistemi tributari e Macrofinanza di Nicola Giaccari (2009)"— Transcript della presentazione:

1 1 Il sistema fiscale tra Finanza pubblica, Sistemi tributari e Macrofinanza di Nicola Giaccari (2009)

2 2 1.a parte) Finanza pubblica 2.a parte) Sistemi tributari 3.a parte) Macrofinanza Analizziamo in questa 1.ma parte, il concetto di Finanza Pubblica

3 3 Prima parte: Finanza pubblica ASPETTI DELLA FINANZA PUBBLICA IL RUOLO DELLO STATO: LA GIUSTIZIA DISTRIBUTIVA PRINCIPI DISTRIBUTIVI DELLIMPOSTA ENTRATE PUBBLICHE I TRIBUTI: IMPOSTE, TASSE E CONTRIBUTI

4 4 1) Finanza Pubblica Cosa è? Attività finanziaria dello Stato (e degli altri enti pubblici) che si manifesta attraverso le entrate e le spese del bilancio pubblico.

5 5 Tre interrogativi = tre aspetti 1) Perché in un certo momento prevalgono certe scelte e a quali obiettivi rispondono? ASPETTO POLITICO O SOCIOLOGICO della finanza pubblica 2) Le scelte identificate come sono rese operative vincolando i singoli sul piano formale? ASPETTO GIURIDICO della finanza pubblica (diritto finanziario) 3) Quali sono i mezzi più idonei per realizzare queste scelte e quali le condizioni che le caratterizzano, nonché gli effetti economici che ne derivano? ASPETTO ECONOMICO delle finanza pubblica (economia finanziaria o scienza delle finanze) ) Finanza Pubblica

6 6 ATTIVITA ECONOMICA (o SCIENZA ECONOMICA) SCIENZA DELLE FINANZE 1) Finanza Pubblica

7 7 ATTIVITA ECONOMICA SCIENZA DELLE FINANZE PLURALITA di bisogni e di fini con diversi gradi di urgenza e desiderabilità MEZZI LIMITATI e insufficienti per conseguirli. La scarsità del mezzo crea laspetto economico RAZIONALITA ASSETTI O RAPPORTI VOLONTARI CONTRATTUALE (DI NATURA CONTRATTUALE) 1) Finanza Pubblica

8 8 ATTIVITA ECONOMICA SCIENZA DELLE FINANZE MAX DI UTILITA PER LA COLLETTIVITA (O PARTE DI ESSA) Si definiscono assetti coercitivi rivolgi al conseguimento di un max di utilità per la collettività. SOSTITUZIONE FORZOSA DELLE SCELTE, imposte da un terzo (lo Stato attraverso il prelievo e la spesa). ASSETTI O RAPPORTI DI COERCITIVA NATURA COERCITIVA 1) Finanza Pubblica

9 9 ASSETTI PREDATORI E PARASSITARI ASSETTI PREDATORI E PARASSITARI ASSETTI TUTORI 1) Finanza Pubblica

10 10 RUOLO DELLO STATO (evoluzione del teorema delleconomia del benessere): OBJ Attuazione di una POLITICA REDISTRIBUTIVA che realizzi la desiderata combinazione dei livelli di benessere dei componenti la collettività. Esercizio di interventi adeguati a GARANTIRE IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA CONCORRENZIALE, e quindi la presenza di condizioni di concorrenza perfetta in tutti i mercati dei beni e dei fattori. 1) Finanza Pubblica

11 11 TEORIE DELLA GIUSTIZIA DISTRIBUTIVA A Z POSIZIONE LIBERISTA: Stato minimo Impostazione radicalmente alternativa che studia la funzione del benessere sociale: lUTILITARISMO (Bentham, e prima ancora J.S. Mill, Edgeworth, Pigou: lutilità marginale del reddito è minore per i ricchi e maggiore per i poveri) 1) Finanza Pubblica

12 12 CRITICHE RIVOLTE ALLA TEORIA DEGLI UTILITARISTI Lutilità marginale del reddito non è necessariamente decrescente per tutti gli individui e comunque potrebbe essere decrescente ma non nello stesso modo. E il caso del RICCO AVARO … o del POVERO GENEROSO 1) Finanza Pubblica

13 13 I MOTIVI DEI SISTEMI TRIBUTARI E LE ENTRATE PUBBLICHE Lo Stato allo scopo di poter produrre beni e servizi pubblici (ed applicare il principio delle redistribuzione della ricchezza) preleva una quota del reddito nazionale attraverso un sistema di prelievi, basandosi su vari parametri. Parlare di vari parametri significa parlare di sistema tributario complesso (limposta unica è un mito: i fisiocrati ne fecero uno dei corollari più interessanti della teoria del prodotto netto dellagricoltura). 1) Finanza Pubblica

14 14 PRINCIPI DISTRIBUTIVI DELLIMPOSTA (CRITERI DI BASE): PRINCIPIO DELLA CERTEZZA PRINCIPIO DELLA CERTEZZA: e necessario che il singolo contribuente conosca esattamente lonere tributario che deriva da una sua condotta o scelta economica. Mutamenti improvvisi nella struttura dei tributi, specie se intervengono dopo aver effettuato la scelta economica, o se operano per il tempo già trascorso, alterano lequilibrio del consumatore o del produttore. 1 1) Finanza Pubblica

15 15 PRINCIPI DISTRIBUTIVI DELLIMPOSTA (CRITERI DI BASE): PRINCIPIO DELLA NEUTRALITA PRINCIPIO DELLA NEUTRALITA: il sistema tributario non deve interferire con le scelte del mercato o creare distorsioni (non deve essere alterata lallocazione ottima delle risorse). Ciò non vuol dire che la finanza pubblica non deve interferire e modificare lequilibrio di mercato, ma se tale interferenza si verifica è necessario che avvenga esclusivamente per conseguire un obiettivo: 2 segue 1) Finanza Pubblica

16 16 PRINCIPIO DELLA NEUTRALITA: EQUITA ORIZZONTALE, per cui persone che si trovano in condizioni uguali devono essere gravate in modo uguale (nella stessa misura) EQUITA VERTICALE, per cui a persone che si trovano in condizioni disuguali si deve porre un onere fiscale diverso. Il ricco deve contribuire agli oneri sociali in misura più che proporzionale del povero (CAPACITA CONTRIBUTIVA) 1) Finanza Pubblica

17 17 PRINCIPI DISTRIBUTIVI DELLIMPOSTA (CRITERI DI BASE): PRINCIPIO DELLA CONTROPRESTAZIONE PRINCIPIO DELLA CONTROPRESTAZIONE: limposta non è altro che il prezzo pagato per godere di certi beni e servizi, e come tale dovrebbe seguire le regole del mercato. Limposta è un prezzo destinato a massimizzare la soddisfazione del consumatore di beni e servizi pubblici per la stretta connessione tra costo utilità e utilità del bene. Tale principio si associa agli altri due obiettivi dello Stato: 1) distribuzione 2) stabilità In questo ci aiuta il nostro conterraneo DE VITI DE MARCO. 3 1) Finanza Pubblica

18 18 IL CONTRIBUTO DI DE VITI DE MARCO Limposta (come la tassa) è un processo tecnico per ripartire il costo dei servizi pubblici generali in base al consumo dei contribuenti. Ma mentre nel caso della tassa il costo viene almeno parzialmente ripartito secondo leffettivo consumo che ciascuno ne fa, nel caso dell imposta, essendo il consumo individuale unincognita, si procede per presunzioni. 1) Finanza Pubblica

19 19 De Viti De Marco osserva che è assiomatico supporre un consumo di servizi pubblici proporzionali al reddito. Ma può avvenire anche che individui aventi uguale reddito lo ripartiscano tra bisogni individuali e collettivi in modo diverso. Altre critiche. Si pensi alle classi più povere che hanno bisogno della solidarietà degli altri: si può ritenere che il loro bisogno cresce in rapporto alla loro povertà, in misura più che proporzionale rispetto alle classi più ricche. 1) Finanza Pubblica …DE VITI DE MARCO

20 20 4a PRINCIPIO DELLA CAPACITA CONTRIBUTIVA: implica una redistribuzione del reddito. a) Tutte le persone che hanno la medesima capacità contributiva devono pagare la stessa imposta (equità orizzontale). Ma quali sono gli indici di valutazione? A) REDDITO B) CONSUMO C) PATRIMONIO Ma quali pesi attribuire a questi indici? PRINCIPI DISTRIBUTIVI DELLIMPOSTA (CRITERI DI BASE): 4 1) Finanza Pubblica

21 21 Ancora sul PRINCIPIO DELLA CAPACITA CONTRIBUTIVA: E a parità di reddito prodotto è necessario precisare se la quota che viene risparmiata possa essere considerata sul medesimo piano di quella consumata (o piuttosto se si debba tener conto della doppia imposizione per il reddito risparmiato [Mill, Fisher, Einaudi]). Criticabile(!). E ancora se a parità di ammontare di reddito quello proveniente dal lavoro non presenti una minore capacità contributiva di quello da patrimonio, in quanto presuppone un sacrificio per conseguirlo (tesi della discriminazione qualitativa). 1) Finanza Pubblica

22 22 4b Ancora sul PRINCIPIO DELLA CAPACITA CONTRIBUTIVA: per quanto concerne l equità verticale (persone aventi una maggiore capacità contributiva devono pagare imposte più elevate), il problema si può risolvere nellambito dello stesso parametro (vedi REDDITO, CONSUMO, PATRIMONIO). 1) Finanza Pubblica

23 23 Ma nonostante tutto ciò, non possiamo affermare che questi principi siano sufficienti. SI TRATTA PUR SEMPRE DI SCELTE POLITICHE: scelte emergenti dalla lotta tra le varie classi sociali che costituiscono la collettività onde scaricare su altri la maggior parte possibile dellonere pubblico. 1) Finanza Pubblica

24 24 Le entrate pubbliche possono derivare sostanzialmente da due grandi settori: i prezzi incassati per la vendita di beni o servizi prodotti dallo Stato dalle diverse forme di tassazione. ENTRATE PUBBLICHE 1 2 1) Finanza Pubblica

25 25 I beni e servizi destinati alla vendita sono finanziati (in tutto o in parte) dal prezzo pagato come corrispettivo. A riguardo si parla di: -prezzi privati -prezzi pubblici -prezzi politici I prezzi pubblici e i prezzi politici spesso vengono raggruppati sotto la voce tariffe pubbliche. ENTRATE PUBBLICHE /1 (PREZZI INCASSATI) 1 1) Finanza Pubblica 1 segue

26 26 PREZZI PRIVATI, quando loperatore pubblico produce beni o servizi e li colloca sul mercato alle stesse condizioni ed esattamente come farebbe un privato. PREZZI PUBBLICI, si hanno quando loperatore pubblico mira sostanzialmente alla sola copertura dei costi. Il prezzo pubblico è quindi un prezzo diverso da quello che applicherebbero gli operatori privati, ma che consente comunque la copertura dei costi di produzione. Il prezzo pubblico normalmente è inferiore a quello che applicherebbero i privati (ne sono esempi i casi in cui si costituirebbero dei monopoli naturali), ma può talvolta anche essere superiore quando lo Stato istituisce un monopolio di Stato (es. tabacchi). PREZZI POLITICI, si hanno quanto i ricavi totali non riescono a coprire i costi di produzione (esempio: i prezzi dei biglietti dei trasporti pubblici). 1 1) Finanza Pubblica

27 27 Per quanto riguarda invece le entrate da tassazione e fiscalità, ci si riferisce alla seguente classificazione: - imposte - tasse - contributi ENTRATE PUBBLICHE /2 (TASSAZIONE) 2 Imposte, tasse e contributi costituiscono i tributi. Per tributi si intende genericamente qualsiasi esborso monetario da parte degli individui o delle imprese a favore dello Stato o di altre amministrazioni pubbliche. TRIBUTI 1) Finanza Pubblica

28 28 IMPOSTE TASSE CONTRIBUTI 2 TRIBUTI 2a 2b 2c 1) Finanza Pubblica

29 29 IMPOSTE Sono prelievi coattivi di denaro senza alcun vincolo di destinazione. Esse cioè non sono destinate a soddisfare nessun settore o attività statale specifica (es.: IVA, IRPEF, ecc….). La definizione dellAgenzia delle Entrate riguardo alla voceimposta è la seguente: Parte di ricchezza privata che lo Stato, le regioni e gli enti locali prelevano coattivamente per far fronte alle spese necessarie al loro mantenimento e per soddisfare i bisogni pubblici. Dal punto di vista giuridico, lImposta è unobbligazione che nasce dalla legge e che ha come caratteri essenziali la coattività e la mancanza di una controprestazione diretta dello Stato 2a 1) Finanza Pubblica

30 30 …ancora sulle IMPOSTE Così, ad esempio, è l'operaio, e /o il dirigente che, prestando la loro attività alle dipendenze di un'impresa, pongono in essere il presupposto dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, ovvero, facendo un altro esempio, è l'imprenditore che svolgendo un'attività produttiva realizza personalmente il fatto (attività d'impresa) dal quale deriva l'obbligazione d'imposta. Ancora, chi è il proprietario di un immobile, e quindi è titolare di un bene che produce un reddito (rendita fondiaria o canone di locazione), è soggetto all'imposta sul reddito delle persone fisiche (salvo che l'immobile non sia configurabile come abitazione principale) e all'imposta comunale sugli immobili (ICI). L'imposta può presentare caratteristiche diverse a seconda degli eventi economici che ne impongono l'applicazione e conseguentemente può essere suscettibile di differenti classificazioni (dirette e indirette, personali o reali, proporzionali, progressive e regressive ecc.). 2a 1) Finanza Pubblica

31 31 TASSE Le tasse sono il corrispettivo che un privato deve a un ente pubblico per la fornitura di un bene o di un servizio di cui usufruisce. Si differenziano dalle imposte proprio per la natura di corrispettivo e di fruizione di un bene o servizio. Chi non usufruisce del bene o del servizio non paga la tassa. Generalmente si distinguono tre categorie di tasse: Tasse amministrative, che sono dovute per ottenere autorizzazioni, certificazioni o lemanazione di atti; Tasse industriali, che sono dovute come corrispettivo per lesercizio di attività di impresa per ragioni di interesse sociale; Tasse giudiziarie, che sono i tributi dovuti dai privati sia per i giudizi civili, sia per i provvedimenti di volontaria giurisdizione. 2b 1) Finanza Pubblica

32 32 …ancora sulle TASSE Si tratta cioè di un tributo che il singolo soggetto è tenuto a versare in relazione ad un'utilità che egli trae dallo svolgimento di un'attività statale e/o dalla prestazione di un servizio pubblico (attività giurisdizionale o amministrativa) resi a sua richiesta e caratterizzati dalla "divisibilità", cioè dalla possibilità di essere forniti a un singolo soggetto. In sostanza è una prestazione patrimoniale dovuta in relazione all'espletamento di un servizio svolto su espressa richiesta del soggetto contribuente. 2b 1) Finanza Pubblica

33 33 …ancora sulle TASSE A titolo esemplificativo si possono menzionare la tassa per la raccolta dei rifiuti, la tassa scolastica e universitaria, la tassa sulle concessioni governative, la tassa per l'occupazione di spazi e aree pubbliche, la tassa di possesso per chi è intestatario di un autoveicolo (bollo auto) o di un televisore (canone RAI), ecc. Spesso le tasse hanno anche una finalità di razionamento e di scoraggiare una domanda, al fine di limitare lo spreco di risorse pubbliche. Chi non usufruisce del servizio o non possiede quel bene non paga. 2b 1) Finanza Pubblica

34 34 … TASSE diverse dalle TARIFFE La tassa non deve essere confusa con le TARIFFE versate dall'utente per la fruizione di determinati servizi pubblici quali, ad esempio, il trasporto ferroviario, il servizio postale e telefonico, le forniture dei gas, elettricità e acqua e così via. In questi casi, infatti, si è di fronte a veri e propri corrispettivi (prezzo) di natura contrattuale e non legale, mentre la tassa è un tributo e, come tale, può essere stabilita solo con legge. 2b 1) Finanza Pubblica

35 35 CONTRIBUTI Il contributo ha contemporaneamente i requisiti dellimposta e della tassa. Il contributo è infatti, come le imposte, obbligatorio e, come la tassa, è dovuto per un servizio specifico. I contributi più comuni e onerosi sono quelli previdenziali e assistenziali. I cittadini che lavorano hanno diritto alla pensione, ma per questo devono pagare un contributo. In modo analogo si deve pagare il contributo al sistema sanitario nazionale. In entrambi i casi non è consentito al contribuente di scegliere se aderire a un sistema previdenziale o sanitario pubblico o privato. 2c 1) Finanza Pubblica

36 36 … ancora sui CONTRIBUTI In ambito agricolo sono dovuti i contributi ai consorzi di bonifica e di irrigazione. Chi ricade nel perimetro del comprensorio di bonifica è obbligato a contribuire senza poter scegliere se aderire al consorzio oppure no. 2c 1) Finanza Pubblica

37 37 Finanza Pubblica FINE PRIMA PARTE Compendio a cura di Nicola Giaccari (2009)

38 38 Seconda parte: Sistemi tributari ANALISI DEI DIVERSI TIPI DI IMPOSTE (IRPEF, IRES, IVA, ECC.) LARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI FISCALI A LIVELLO EUROPEO EVASIONE, PARADISI FISCALI INCENTIVI FISCALI E LE DISTORSIONI FISCALI

39 39 Terza parte: Macrofinanza PIL, BILANCIO PUBBLICO ANALISI COSTI-BENEFICI DELLA SPESA PUBBLICA IL CONCETTO DEL MOLTIPLICATORE INFLAZIONE, REDDITO NOMINALE E REDDITO REALE DIFFERENZE TRA POLITICHE FISCALI E POLITICHE MONETARIE FEDERALISMO FISCALE


Scaricare ppt "1 Il sistema fiscale tra Finanza pubblica, Sistemi tributari e Macrofinanza di Nicola Giaccari (2009)"

Presentazioni simili


Annunci Google