La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Biotopi Aree demaniali Parchi nazionali Riserve naturali Luoghi circoscritti caratterizzati dalla presenza di specie animali e vegetali dotati di un elevato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Biotopi Aree demaniali Parchi nazionali Riserve naturali Luoghi circoscritti caratterizzati dalla presenza di specie animali e vegetali dotati di un elevato."— Transcript della presentazione:

1 Biotopi Aree demaniali Parchi nazionali Riserve naturali Luoghi circoscritti caratterizzati dalla presenza di specie animali e vegetali dotati di un elevato interesse scientifico per la loro rarità e peculiarità Aree boscate facenti parte del patrimonio inalienabile dello Stato e gestite dalle Regioni Aree di eccezionale importanza e complessità naturalistica, di vasta estensione e di interesse e valori internazionali, rappresentative di ambienti unici o tipici di un territorio Aree che contengono una o più specie naturalisticamente rilevanti della flora e della fauna Le aree protette Fonte:

2 La tutela della natura Oggetto: Il patrimonio naturale è costituito dalle formazioni fisiche, geologiche, geomorfologiche e biologiche che hanno rilevante valore naturalistico e ambientale, definiti come ecosistemi Finalità: Conservazione delle specie animali e vegetali, delle singolarità geologiche e geomorfologiche, dei valori scenici e panoramici e degli equilibri ecologici Gestione e restauro ambientale idonei a favorire lintegrazione tra luomo e la natura, anche attraverso la salvaguardia dei valori storico-culturali Attività di educazione ambientale e attività ricreative compatibili Difesa degli equilibri idraulici

3 Obiettivi conservazione di specie animali o vegetali, di associazioni vegetali o forestali, di singolarità geologiche, di formazioni paleontologiche, di comunità biologiche, di biotopi, di valori scenici e panoramici, di processi naturali, difesa e ricostituzione di equilibri idraulici e idrogeologici, di equilibri ecologici applicazione di metodi di gestione o di restauro ambientale idonei a realizzare una integrazione tra uomo e ambiente naturale, anche mediante la salvaguardia dei valori antropologici, archeologici, storici e architettonici e delle attività agro- silvo-pastorali e tradizionali promozione di attività di educazione, formazione e ricerca scientifica, anche interdisciplinare, nonché di attività ricreative compatibili

4 Misure di salvaguardia Sono vietati, fuori dei centri edificati e, per motivi di salvaguardia ambientale, anche nei centri edificati, l'esecuzione di nuove costruzioni e la trasformazione di quelle esistenti, qualsiasi cambio duso dei terreni con destinazione diversa da quella agricola e quant'altro possa incidere sulla morfologia del territorio, sugli equilibri ecologici, idraulici ed idrogeotermici e sulle finalità istitutive dell'area protetta In caso di necessità ed urgenza, il Ministro dell'ambiente, con provvedimento motivato, può consentire deroghe alle misure di salvaguardia in questione, prescrivendo le modalità di attuazione di lavori ed opere idonei a salvaguardare l'integrità dei luoghi e dell'ambiente naturale Resta ferma la possibilità di realizzare interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria dandone comunicazione al Ministro dell'ambiente e alla regione interessata

5 La norma sul paesaggio, nel suo excursus storico, si innova in relazione alle definizioni possibili. Il paesaggio può essere inteso come: puro fatto estetico-percettivo legato alla rilevanza del soggetto-osservatore somma delle componenti del patrimonio culturale e naturale che insieme costituiscono la trama oggettiva del paesaggio matrice di identità e di relazioni tra la comunità insediata e i luoghi del suo insediamento A questi tre temi corrispondono distinti modi di intendere la tutela del paesaggio: I vincoli paesistici Il paesaggio è somma di fatti estetici di cui conservare la rilevanza in quanto oggetti esteticamente rilevanti L.1497/1939 Il paesaggio si compone attraverso la individuazione e la tutela di tutti quegli elementi culturali e naturali che contribuiscono alla costruzione del fatto estetico percettivo L. 431/1985 Il paesaggio è rappresentazione e sintesi identitaria delle relazioni tra comunità insediata e luoghi dellinsediamento: gli oggetti della tutela si ampliano Convenzione europea del Paesaggio

6 Le risorse naturali: origini, giurisdizione, caratteristiche CostituzioneLart. 9 sancisce la rilevanza in linea di principio della tutela della natura La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Direttiva 79/409/CEE La direttiva Uccelli introduce il concetto di Zona di Protezione Speciale dellavifauna Legge 979/82Dispone le regole per la tutela del mare Legge 394/91Dispone le regole quadro di tutela della natura a livello nazione Direttiva 92/43/CEE La direttiva Habitat introduce il concetto di Siti di Interesse Comunitario [SIC]

7 Strumenti di pianificazione Piano del Parco Regolamento del Parco Piano pluriennale socio- economico per lo sviluppo di attività eco-compatibili

8 Regolamento Il regolamento del Parco disciplina l'esercizio dealle attività consentite entro il territorio del Parco ed è adottato dall'Ente Parco, contestualmente all'approvazione del Piano per il Parco Il regolamento del Parco valorizza: - gli usi, i costumi, le consuetudini - le attività tradizionali delle popolazioni residenti sul territorio - le espressioni culturali proprie e caratteristiche dell'identità delle comunità locali e ne prevede la tutela anche mediante disposizioni che autorizzino l'esercizio di attività collegate a usi, costumi e consuetudini, fatte salve le norme in materia di divieto di attività venatoria previste

9 Il regolamento del Parco disciplina: tipologia e modalità di costruzione di opere e manufatti le attività artigianali, commerciali, di servizio e agro-silvo-pastorali soggiorno e circolazione del pubblico con qualsiasi mezzo di trasporto le attività sportive, ricreative ed educative le attività di ricerca scientifica e biosanitaria I limiti alle emissioni sonore, luminose o di altro genere, nell'ambito delle leggi in materia svolgimento delle attività da affidare a interventi di occupazione giovanile, di volontariato, con particolare riferimento alle comunità terapeutiche, e al servizio civile alternativo accessibilità nel territorio del parco attraverso percorsi e strutture idonee per disabili, portatori di handicap e anziani Restano salvi i diritti reali e gli usi civici delle collettività locali, che sono esercitati secondo le consuetudini locali. Eventuali diritti esclusivi di caccia delle collettività locali o altri usi civici di prelievi faunistici sono liquidati dal competente commissario per la liquidazione degli usi civici ad istanza dell'Ente Parco

10 Divieti Nei parchi sono vietate le attività e le opere compromettenti la salvaguardia del paesaggio, con particolare riguardo a flora e fauna protette e ai rispettivi habitat: a) cattura, uccisione, danneggiamento, disturbo delle specie animali; raccolta e danneggiamento delle specie vegetali, salvo nei territori in cui sono consentite le attività agro-silvo-pastorali, nonché l'introduzione di specie estranee, vegetali o animali, che possano alterare l'equilibrio naturale b) apertura ed esercizio di cave, di miniere e di discariche, nonché asportazione di minerali c) modificazione del regime delle acque d) svolgimento di attività pubblicitarie al di fuori dei centri urbani e) introduzione e impiego di mezzi di distruzione o di alterazione dei cicli biogeochimici f) introduzione, da parte di privati, di armi, esplosivi e qualsiasi mezzo distruttivo o di cattura g) uso di fuochi all'aperto h) sorvolo di velivoli non autorizzato La sorveglianza sui territori delle aree naturali protette di rilievo internazionale e nazionale è esercitata dal Corpo Forestale dello Stato

11 Piano per il Parco La tutela dei valori naturali ed ambientali nonché storici, culturali, antropologici tradizionali affidata all'Ente Parco è perseguita attraverso lo strumento noto come Piano per il Parco organizzazione generale del territorio e sua articolazione in aree (zone) o parti caratterizzate da forme differenziate di uso, godimento e tutela vincoli, destinazioni di uso pubblico o privato e norme di attuazione relative con riferimento alle varie aree o parti del piano sistemi di accessibilità veicolare e pedonale con particolare riguardo ai percorsi, accessi e strutture riservati ai disabili, ai portatori di handicap e agli anziani sistemi di attrezzature e servizi per la gestione e la funzione sociale del parco, musei, centri di visite, uffici informativi, aree di campeggio, attività agrituristiche indirizzi e criteri per gli interventi sulla flora, sulla fauna e sull'ambiente naturale in genere

12 La Legge 394/91, al fine di valutare e favorire la conservazione del patrimonio naturale del Paese, si fa carico di: Analizzare lo stato dellambiente e dei valori naturalistici del paese attraverso la Carta della Natura Individuare e adottare le linee fondamentali di assetto del territorio sulla base dei dati sintetizzati dalla Carta della Natura Uniformare il sistema di classificazione delle aree protette esistenti e le legislazioni regionali nel quadro della legislazione nazionale Istituire e aggiornare lelenco delle aree protette Predisporre ed attuare i Piani triennali per le aree naturali protette Le aree protette

13 Per attuare le linee precedenti la legge prevede la costituzione di: Comitato per le aree protette Consulta tecnica per le aree protette Segreteria tecnica per le aree protette Formulare indirizzi per la predisposizione della Carta della Natura ed identificare le linee fondamentali di assetto del territorio Formulare pareri per i profili tecnico-scientifici sulle aree protette su richiesta del Comitato o del Ministero Svolge funzioni di istruttoria di segreteria nellambito del servizio Conservazione Natura del Ministero dellAm- biente, del Comitato e della Consulta Tecnica Le aree protette

14 Parchi naturali nazionali Parchi naturali regionali ed interregionali Aree terrestri, lacuali, fluviali o marine che contengono uno o più ecosistemi intatti o parzialmente alterati da interventi antropici, una o più formazioni fisiche, geologiche, geomorfologiche, biologiche di rilievo nazionale o internazionale per valori naturalistici, scientifici, culturali, educativi ricreativi tali da richiedere lintervento dello Stato ai fini della loro conservazione per le generazioni presenti e future Aree terrestri, lacuali, fluviali o ed eventualmente da tratti di mare prospicienti la costa, di valore naturalistico e ambientale, che costituiscono nellambito di una o più regioni limitrofe, un sistema omogeneo, individuato da assetti naturalistici dei luoghi, dai valori paesaggistici e artistici e dalle tradizioni culturali delle popolazioni locali Le aree protette

15 Riserve naturali Aree terrestri, lacuali, fluviali o marine che contengono una o più specie naturalisticamente rilevanti della flora e della fauna ovvero presentino uno o più ecosistemi importanti per la diversità biologica o per la conservazione delle risorse genetiche Zone umide di interesse nazionale e internazionale Aree acquitrinose, paludi, torbiere o zone dacqua naturali o artificiali, permanenti o transitorie comprese zone dacqua marine (inferiori ai sei metri di profondità) che per le loro caratteristiche possono essere considerate di grande interesse Le aree protette

16 Altre aree naturali protette Zone di protezione speciale Aree (oasi gestite dalle associazioni ambientalistiche, parchi suburbani…) che non rientrano nelle precedenti classi, a gestione pubblica o privata Territori idonei per estensione e localizzazione geografica alla conservazione delle specie di uccelli selvatici Zone speciali di conservazione Aree naturali, geograficamente definite e con superficie limitata, che contengono espressioni terrestri o acquatiche con significative caratteristiche biotiche ed abiotiche, naturali o seminaturali, e che contribuiscono a conservare o ripristinare un tipo di habitat naturale o una specie della flora e fauna selvatica e tutelare la biodiversità SIC (Siti di importanza comunitaria) Le aree protette

17 La Legge nazionale ha previsto: Decentramento amministrativo nella definizione delle aree Parco Regionali sulla base delle indicazioni del Comitato e della Consulta (le difficoltà delle Regioni che avevano già disciplinato il fenomeno con provvedimenti regionali sono state - e in molti casi continuano ad essere - rilevanti) Ente Parco, quale Ente di amministrazione: soggetti istituzionali (rappresentanti dei comuni ricadenti nelle aree Parco, delle Comunità Montane, delle Autorità di Bacino, delle Sovrintendenze, del MIPAF *, del Ministero dellAmbiente e della tutela del territorio e del mare, ….) soggetti non istituzionali (rappresentanti dellassociazionismo protezionista, dellAccademia dei Lincei, della Società botanica italiana, del CNR, …) Piano per il Parco, indicazioni strategiche e disciplina degli usi e delle attività organizzazione generale del territorio e sua articolazione in aree (perimetrazione), vincoli, sistemi di accessibilità, attrezzature e servizi… Le aree protette * Ministero delle politiche agricole e forestali

18 A - riserva integrale, nella quale lambiente naturale è conservato nella sua integrità B - riserva generale, nella quale è vietato costruire nuove opere edilizie, ampliare le costruzioni esistenti, eseguire opere di trasformazione del territorio C - area di protezione, nella quale possono continuare le attività agro-silvo-pastorali, la pesca e la raccolta, ed è incoraggiata la produzione artigianale di prodotti di qualità D - area di promozione economica e sociale, nella quale sono consentite attività compatibili con le finalità istitutive del Parco e finalizzate al miglioramento della vita socio-culturale della collettività locale e al miglior godimento del Parco da parte dei visitatori Le aree protette - Zonizzazione

19 Il PIT : progettazione integrata territoriale DOS – Documento di Orientamento Strategico ANALISI CONOSCITIVA DEL SISTEMA LOCALE 1.3 Piani e Programmi Sovraordinati Piano Territoriale Regionale (PTR) Piani Territoriali Paesistici (PTP) Piano Regionale delle Attività Estrattive (PRAE) Piano Regionale dei Trasporti Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Piano di Sviluppo Socio-economico della Comunità Montana Analisi SWOT Idea forza

20 Analisi SWOT * punti di forza (Strengths) debolezza (Weaknesses) opportunità (Opportunities) minacce (Threats) di un progetto o di ogni altra situazione in cui un'organizzazione o un individuo deve prendere una decisione per raggiungere un obiettivoprogetto [ * L'analisi può riguardare l'ambito interno o esterno di un'organizzazione. La tecnica viene attribuita ad Albert Humphrey, coordinatore di una ricerca alla Università di Stanford negli anni 70 su dati forniti da Fortune 500 ]Albert HumphreyUniversità di StanfordFortune 500 Conosciuta anche come matrice TOWS, è uno strumento di pianificazione strategica usata per valutare

21 SWOT - la matrice

22 SWOT: i punti di forza Risorse ambientali-naturalistiche di pregio; presenza di numerose specie animali e di popolamenti vegetali Testimonianze artistiche ed architettoniche nei centri rurali con riscontri di pregio di periodi remoti (es. romano o medievale), ma anche della cultura e delle tradizioni contadine Risorse culturali e folkloristiche Specifiche vocazioni tematiche (turismo enogastronomico, turismo ambientalistico-naturalistico, turismo culturale, turismo termale, ecc.) Prossimità dellarea-parco al capoluogo a cui è collegata attraverso un efficiente sistema viario Comunicazioni con lesterno agevolate da una rete stradale di buon livello, peraltro in fase di potenziamento

23 SWOT: punti di forza Livello di infrastrutture: aree PIP (piani per insediamenti produttivi *) in grado di assorbire un consistente numero di imprese Incidenza delle attività commerciali sul reddito per UL e numero di addetti Attività produttive agricole ed agroindustriali, con una produzione di livello qualitativo medio-elevato Produzione tipica agricola ed agroalimentare, produzione olivicola pregiata ed in attesa di riconoscimento, di rilievo la filiera zootecnica, la produzione frutticola, castanicoltura nelle aree montane Presenza di strutture agrituristiche * Sono piani di iniziativa pubblica attuativi del Piano Regolatore Generale. Possono essere progettati per accogliere o solo attività monotematiche (artigianali, industriali, commerciali e turistiche), oppure un insieme di attività. Sono strumenti che possono essere realizzati soltanto su aree individuate, ai sensi dalla normativa urbanistica, come "aree industriali". Le aree su cui sorgeranno i fabbricati sono espropriate dal Comune e sono successivamente ricedute agli operatori o in diritto di proprietà, oppure in diritto di superficie.

24 SWOT: punti di debolezza Stato di rischio diffuso su tutto il territorio per frane e alluvioni e terremoti Forte spopolamento dei comuni dellarea e tassi di invecchiamento mediamente elevati e crescenti nel corso del tempo Elevato indice di dipendenza, che si traduce in un limitato livello di reddito disponibile pro-capite Mancato ricambio generazionale nei settori tradizionalmente più rappresentativi, con particolare riferimento al settore agricolo ed a quello delle lavorazioni artigianali a contenuto artistico Approccio individualistico della cultura imprenditoriale degli operatori locali, poco sviluppati i fenomeni di gestione associata dei fattori produttivi, di singole fasi di processo o di attività volte alla promozione ed alla valorizzazione commerciale dei prodotti Difficile accessibilità per la inadeguata rete stradale interna secondaria

25 SWOT: punti di debolezza Dipendenza dei piccoli centri dellarea dalla città capoluogo in termini di offerta delle strutture didattiche e di formazione Elevati livelli di disoccupazione Carenze infrastrutturali che si riflettono sia sulla qualità della vita delle popolazioni rurali, sia sulla competitività delle imprese Scarsa integrazione tra le attività produttive e scarsa diversificazione delle aziende agricole, che le rende maggiormente soggette agli umori del mercato ed alle variabili climatiche Elevata parcellizzazione e frammentazione fondiaria Mancata attivazione di politiche rivolte alla promozione e valorizzazione turistica Scarso sostegno alla valorizzazione dell'artigianato locale

26 SWOT: opportunità Nel caso delleco- e dellagriturismo, si è verificata una forte crescita della domanda di beni ambientali, che ha portato ad un aumento dei flussi verso le aree a maggiore naturalità Altro esempio è dato dalla crescita dei consumi di prodotti ad elevata connotazione di tipicità Strumenti di p i a n i f i c a z i o n e : Piano di Sviluppo Socio-Economico della Comunità Montana (PSSE) Linee Guida per la Pianificazione Territoriale Regionale (PTR) Piano Territoriale Paesistico (PTP) Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP) Presenza della Comunità Montana Normativa nazionale e regionale in tema di tutela ambientale e paesaggistica; iniziative promosse in ambito comunitario in favore dello sviluppo rurale

27 SWOT: minacce Fenomeni di spopolamento, di invecchiamento della popolazione e di forte emigrazione Riduzione del sostegno alle produzioni agricole da parte della Politica Agricola Comunitaria Globalizzazione dei mercati Allargamento dei mercati competitivi in seguito allallargamento UE e alla presenza di nuovi prodotti sostitutivi e a basso costo

28 IDEA FORZA Sviluppo sostenibile del Parco Naturale Regionale attraverso la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio storico e naturalistico e del suo rapporto con il contesto ambientale, da perseguire mediante: la rivitalizzazione dei centri storici e delle aree connotate da marginalità territoriale ed economica, assumendo tale patrimonio come una componente invariabile del sistema territoriale ed ancorando la sua salvaguardia ad una strategia di qualificazione dellarea legata al sistema della rete ecologica provinciale e regionale - la promozione e la diffusione di cultura manageriale ed imprenditoriale in campo ambientale, culturale, artistico e della società dellinformazione

29 IDEA TERRITORIO capacità di attrazione di nuovi flussi turistici > definizione e strutturazione di un sistema di accoglienza e di servizi adeguati a sostenere ed accogliere la crescente domanda turistica verso le aree a maggiore naturalità, e predisposizione di azioni progettuali che disegnino uno spazio turistico qualificato e competitivo capacità innovativa > possibilità di organizzare, in una logica innovativa, le modalità di valorizzazione delle risorse naturalistiche, culturali, ambientali, umane, produttive ed infrastrutturali del territorio, agendo come fattore catalizzante per lemersione delle vocazioni e delle peculiarità del territorio, fattori primi dello sviluppo locale coinvolgimento della popolazione al mercato del lavoro > sostegno alla creazione di impresa e la generazione di meccanismi di coinvolgimento dellimprenditoria locale nella condivisione dellobiettivo di sviluppo territoriale

30 Misure Misura Misura – Recupero, valorizzazione e promozione del patrimonio storico culturale e archeologico, naturale, etnografico e dei centri storici delle aree protette e dei parchi regionali e nazionali Misura Misura – Sostegno allo sviluppo di micro-imprenditorialità nei parchi regionali e nazionali Misura Misura – Promozione di una forza lavoro competente e di nuova imprenditorialità a supporto della protezione e valorizzazione del territorio e dello sviluppo di attività produttive nelle aree protette

31 SIA, Sistema integrato di promozione ambientale Il SIA si pone lobiettivo di rendere immediatamente efficiente lazione di governo dellEnte Parco attraverso il: - coordinamento tra i settori strategici (territoriali e produttivi): monitoraggio ambientale, urbanistica, viabilità, gestione del patrimonio, ecc. - monitoraggio delle attività produttive, in particolare produzione dei prodotti tipici e piccolo artigianato Il SIA consente di studiare il territorio trattandolo non con come un insieme di parti, ma relazionando le singole entità fra di loro Un altro strumento gestionale è offerto dai sistemi di contabilità ambientale...

32 Il modello organizzativo delle informazioni ambientali proposto dallAgenzia Europea per lambiente è il cosiddetto sistema Determinanti/Pressioni/Stati /Impatti/Risposte (DPSIR). Il modello DPSIR Gli indicatori, per poter divenire strumento di monitoraggio e guida per le decisioni ambientali, debbono essere integrati in un sistema organico in grado di rappresentare le interrelazioni esistenti fra i componenti ambientali e tra il sistema ambientale ed il sistema economico.

33

34 i Determinanti (o pressioni indirette) sono le cause generatrici primarie ed indirette degli stati ambientali Esempio: il numero di abitanti residenti nellarea in esame le Pressioni (dirette) sono le attività che influenzano direttamente gli stati ambientali Esempio: il volume degli scarichi in un corso dacqua superficiale; lo Stato equivale alle condizioni ambientali, soprattutto quelle influenzate dalle attività antropiche Esempio: la concentrazione di inquinanti in un corso dacqua gli Impatti sono le variazioni delle condizioni dello stato ambientale, soprattutto per effetto delle attività antropiche Esempio: la variazione di concentrazione di inquinanti presenti in un fiume prima e dopo uno scarico le Risposte sono le azioni messe in campo per la soluzione o mitigazione di problemi ambientali Esempio: le misure di depurazione attuate Il modello DPSIR

35 DeterminantiDeterminanti PressioniPressioni StatoStato ImpattiImpatti RisposteRisposte D : le determinanti o driving forces, sono i fattori di fondo che influenzano una gamma di variabili pertinenti Ad esempio: numero di automobili per abitante; produzione industriale totale, PIL

36 Agricoltura: Indicatori di importanza e trend del sistema rurale Superfici agricole, addetti, meccanizzazione, uso del suolo per seminativi, colture arboree, pascoli, zootecnia Selvicoltura: Indicatori descrittivi e di trend del settore forestale Superfici forestali per specie e forma di governo, imprese presenti, legname commercializzato ecc. Infrastrutturazione e trasporti (costruzione di strade, autostrade, ferrovie, ecc.) Sviluppo sistema trasporti per tipologia di infrastruttura Espansione edilizia ed industriale Sviluppo (e trend) aree urbanizzate Attività ricreative Sviluppo (e trend) di uso turistico/ricreativo del territorio (caccia, turismo, sci, pesca) ecc. Determinanti

37 Il modello DPSIR P : gli indicatori di pressione descrivono le variabili che direttamente causano i problemi ambientali Ad esempio: emissioni tossiche, emissioni di CO2, rumore causato dal traffico stradale, spazio occupato da una vettura in sosta DeterminantiDeterminanti PressioniPressioni StatoStato ImpattiImpatti RisposteRisposte

38 Agricoltura Immissioni di pesticidi per Ha di superficie Indice Pressione Agricola Carico zootecnico (es.: capi bestiame per Ha) Terreni interessati da sperimentazione in OGM Incendi per pratiche agricole ecc. Selvicoltura Superfici forestali con uso prevalentemente produttivo (su superficie tortale) Superfici forestali con specie non autoctone (su superficie totale) Utilizzazioni forestali (intensità selvicolturale) Strade forestali (metri per ettaro di superficie forestale) ecc. Pressione Infrastrutture –Frammentazione aree naturali –Incidenti stradali che coinvolgono animali –Incendi accidentali da infrastrutture viarie e ferroviarie –Emissione di inquinanti Espansione edilizia ed industriale –Emissioni di inquinanti –Aree naturali disturbate limitrofe ad aree urbane e industriali –Cementificazione di margini fluviali Attività ricreative –Pressione venatoria –Carico turistico per tipologia

39 Il modello DPSIR S : gli indicatori di stato mostrano la condizione attuale dell'ambiente Ad esempio: concentrazione di piombo in aree urbane; livelli acustici in prossimità di strade principali; temperatura media globale DeterminantiDeterminanti PressioniPressioni StatoStato ImpattiImpatti RisposteRisposte

40 N.B. : Sullo stato dellambiente agiscono simultaneamente molte concause e sono importanti per effettuare un monitoraggio che colleghi Determinanti/Pressioni a Impatti/Politiche Indicatori di stato per la biodiversità/conservazione Indici di diversità paesaggistica Indici di diversità floristica Indici di diversità faunistica Presenza di endemismi, loro quantificazione, stato di protezione Presenza di specie o ambienti rari/minacciati, quantificazione, stato di protezione Indici di vegetazione NDVI *(remote sensing) Indici sulla presenza di siti inquinati Morìe/patologie su popolazioni vegetali o animali ecc. Stato ___ * :

41 Il modello DPSIR I : gli indicatori di impatto descrivono gli effetti ultimi dei cambiamenti di stato Ad esempio: percentuale di bambini che soffrono di problemi sanitari causati dal piombo; mortalità da infarti provocati dalle emissioni acustiche DeterminantiDeterminanti PressioniPressioni StatoStato ImpattiImpatti RisposteRisposte

42 Gli impatti dovrebbero essere relativi alle conseguenze negative di uno o più fattori di pressione sulle attività umane Può essere difficile valutare gli impatti: Non sono noti tutti i possibili effetti della degradazione ambientale Alcuni sistemi (p.es. OECD *) non separano Pressione e Impatti Indicatori Perdita produzioni agricole tradizionali Degradazione del paesaggio Perdita di valore degli immobili e introiti da turismo Perdita di opportunità, da parte della popolazione, di contatto con la natura e lambiente Perdita di biodiversità ambientale Regimazione dei deflussi idrici ___ * Impatti

43 Il modello DPSIR R : gli indicatori di risposta mostrano gli sforzi della società per risolvere i problemi Ad esempio: massimo livello di emissioni acustiche consentite alle vetture; il livello dei prezzi della benzina; la quota di bilancio impegnato per la ricerca energetica solare DeterminantiDeterminantiPressioniPressioni StatoStato ImpattiImpattiRisposteRisposte

44 Risposte Possono essere di tre categorie: Vincoli legislativi Leggi di protezione, divieti ecc. Incentivi a comportamenti virtuosi Agricoltura biologica Turismo sostenibile ecc. Azioni dirette da parte dellEnte pubblico Esproprio di aree rare e sensibili Piani antincendio Azioni dirette: Rispristino habitat Ripopolamenti animali ecc.


Scaricare ppt "Biotopi Aree demaniali Parchi nazionali Riserve naturali Luoghi circoscritti caratterizzati dalla presenza di specie animali e vegetali dotati di un elevato."

Presentazioni simili


Annunci Google