La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Direzione Generale Sanità IL PUNTO DI VISTA DI REGIONE LOMBARDIA 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Direzione Generale Sanità IL PUNTO DI VISTA DI REGIONE LOMBARDIA 1."— Transcript della presentazione:

1 Direzione Generale Sanità IL PUNTO DI VISTA DI REGIONE LOMBARDIA 1

2 Direzione Generale Sanità IL RISK MANAGEMENT IN REGIONE LOMBARDIA “IL MODELLO ORGANIZZATIVO” Il modello organizzativo aziendale è stato adottato da tutte le Aziende del SSR:  29 Aziende Ospedaliere  15 Aziende Sanitarie Locali  6 Fondazioni (di cui due sperimentazioni gestionali) e contempla:  La nomina di un Risk manager, responsabile del Gruppo di Coordinamento per la Gestione del Rischio che definisce le linee strategiche ed i piani operativi.  La costituzione di due organismi: Il Gruppo di Coordinamento per la Gestione del Rischio Il Comitato di Valutazione Sinistri (CVS) 2

3 Direzione Generale Sanità IL RISK MANAGEMENT IN REGIONE LOMBARDIA “IL GRUPPO DI COORDINAMENTO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO ” 3 Il Gruppo ha funzioni di indirizzo, coordinamento e verifica della effettiva realizzazione di quanto pianificato a livello aziendale, ed è stato costituito con espresso riferimento alle indicazioni contenute nella circolare in ordine: alla composizione: figure in grado di coprire le necessità di informazione clinica, amministrativa, gestionale delle aree: Prevenzione Prot.ne e Sicurezza, Clinica, Legale, Org.ne Sanitaria (D.S., SITRA,..), Comunicazione, Qualità, Farmacia, Ingegneria Clinica, Tecn. Patrimoniale. alle attività: individuare le criticità più o meno latenti, individuare strumenti ed azioni correttive e preventive per la riduzione dei danni al paziente, definire le strategie per migliorare i rapporti con l’utenza, sostenere l’attività formativa degli operatori e proporre ed attuare piani per contenere i costi assicurativi.

4 Direzione Generale Sanità IL RISK MANAGEMENT IN REGIONE LOMBARDIA “IL COMITATO DI VALUTAZIONE SINISTRI (CVS)” 4 Il CVS opera in stretta integrazione e collaborazione con il Gruppo di Coordinamento Si occupa della specifica tematica relativa alla gestione dei sinistri e quindi delle richieste di risarcimento. Indirizzi sulla composizione (comitato ristretto: D.S. Medicina legale, Affari Generali, rappresentante Compagnia di Ass.ne e Broker) Ha quale obiettivo il contenimento del costo del sinistro attraverso:  la pronta raccolta di dati e di analisi.  la pronta valutazione dell’ accertamento di responsabilità.  la stima del danno potenziale (medico legale).  l’allocazione di adeguate riserve.

5 Direzione Generale Sanità L’EVOLUZIONE DELLA MAPPATURA SSR AL 31/12/2008 Periodo di riferimento 10 anni, Campione: totalità SSR 29 Aziende Ospedaliere, 15 ASL, 6 Fondazioni Numero sinistri raccolti oltre Richieste risarcimento danni oltre Denunce cautelative oltre Oggetto di rilevazioneRischi RCT/O (Rischio Clinico, Rischio Lavoratore, Danneggiamenti accidentali) e dal 2008: Cadute Pazienti e Visitatori (dati ) Infortuni Operatori (dati ): da rischio biologico, chimico, da movimentazione e da altri rischi. 5

6 Direzione Generale Sanità La mappatura dei sinistri RCT/O I REPORT DI OUTPUT Analisi complessiva regionale Benchmark “Azienda – Regione” Benchmark “Azienda – Azienda” (sistema di indicatori) 6

7 7

8 Direzione Generale Sanità RISULTATI DELLA MAPPATURA SSR AL 31/12/2008 AZIENDE OSPEDALIERE E FONDAZIONI : CLASSIFICAZIONI DI EVENTO MAGGIORMENTE COINVOLTE La maggior parte delle Richieste Risarcimento Danni sono avanzate per presunti Errori Chirurgici; seguono Errori Diagnostici, Cadute e Danni a Cose 8

9 Direzione Generale Sanità Numero di richieste risarcimento danni per anno di richiesta nel periodo ANATOMIA PATOLOGICA 9 Procedimenti penali anno 99-08: n.3 (di cui 2 richieste risarcimento)

10 Direzione Generale Sanità Numero di richieste risarcimento danni per anno di richiesta e per anno di evento nel periodo – ANATOMIA PATOLOGICA Richieste di risarcimento pervenute nell’anno 2009: n.2 10

11 Direzione Generale Sanità Numero di richieste risarcimento danni per tipologia di rischio nel periodo – ANATOMIA PATOLOGICA 11

12 Direzione Generale Sanità Numero di richieste risarcimento danni per classificazione evento nel periodo – ANATOMIA PATOLOGICA 12

13 Direzione Generale Sanità Numero di richieste risarcimento danni per danneggiato nel periodo – ANATOMIA PATOLOGICA 13 Prestazioni in emergenza: n.1

14 Direzione Generale Sanità Numero di richieste risarcimento danni per conseguenza nel periodo – ANATOMIA PATOLOGICA 14

15 Direzione Generale Sanità Numero di richieste risarcimento danni per stato sinistro nel periodo – ANATOMIA PATOLOGICA 15

16 Direzione Generale Sanità Importo e Numero LIQUIDATI per sinistri definiti per tipologia di rischio nel periodo – ANATOMIA PATOLOGICA 16

17 Direzione Generale Sanità Importo e Numero LIQUIDATI per sinistri definiti con riferimento alla classificazione evento - periodo 1999/ ANATOMIA PATOLOGICA 17

18 Direzione Generale Sanità Importo e Numero RISERVATI di sinistri aperti per tipologia di rischio nel periodo – ANATOMIA PATOLOGICA 18

19 Direzione Generale Sanità Importo e Numero RISERVATI per sinistri aperti con riferimento alla classificazione evento - periodo 1999/ ANATOMIA PATOLOGICA 19


Scaricare ppt "Direzione Generale Sanità IL PUNTO DI VISTA DI REGIONE LOMBARDIA 1."

Presentazioni simili


Annunci Google