La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Approssimazione e convergenza Settimana 29 gennaio - 2 febbraio Sessione live 8 Dott. Marta Giorgetti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Approssimazione e convergenza Settimana 29 gennaio - 2 febbraio Sessione live 8 Dott. Marta Giorgetti."— Transcript della presentazione:

1 Approssimazione e convergenza Settimana 29 gennaio - 2 febbraio Sessione live 8 Dott. Marta Giorgetti

2 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 2 Convergenza in legge Si dice che una successione di v.a. {X n } converge in legge a una v.a. X si scrive se e solo se la successione {F n (.)} delle funzioni di ripartizione delle X n converge puntualmente alla funzione di ripartizione F(.) di X, per ogni punto di continuità di F, cioè in ogni punto di continuità x di F(x) si ha:

3 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 3 Convergenza in probabilità Si dice che la successione {X n } converge a X in probabilità se per ogni ε>0 si ha:

4 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 4 La convergenza in probabilità implica quella in legge, ma non viceversa. Convergenza in probabilità Convergenza in legge Convergenza in legge Convergenza in probabilità

5 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 5 Esempio1 Sia Ω={ω 1, ω 2, ω 3, ω 4 }, A la σ-algebra di tutti i sottoinsiemi di Ω e P la distribuzione uniforme di probabilità. Sia per ogni n Non può essere che perché cioè Basta però calcolare le funzioni di ripartizione per vedere che cè convergenza in legge, infatti

6 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 6 Teorema centrale del limite (TCL) Siano X 1,…X n n v.a. indipendenti, identicamente distribuite con media μ e varianza σ 2 finite e σ 2 non nulla. Sia Se indichiamo con F n (x) la funzione di ripartizione di Z n e con Φ(x) la funzione di ripartizione della Z~N(0,1) allora Cioé, per n grande, vale la relazione

7 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 7 Osservazioni sul TCL 1) Se le X i sono normali, cioè X i ~ N( μ, σ 2 ), allora e la dimostrazione del TCL è immediata, infatti 2) La v.a. Converge ad una N(0,1) in legge. 3) In generale n>30 basta per applicare la tesi del TCL, ma non è sempre vero! 4) La è la standardizzata di una v.a. Y=X 1 +…+X n di media n μ e varianza n σ 2. Il TCL si può quindi riformulare così: la v.a. Y=X 1 +…+X n per n grande è approssimativamente una N(nμ,n σ 2 ), cioè per n grande la P( X 1 +…+X n a)~P(N(nμ,n σ 2 )a)

8 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 8 Approssimazioni via TCL APPROSSIMARE UNA B(n,p) CON UNA N(μ, σ 2 ). APPROSSIMARE UNA B(n,p) CON UNA N(μ, σ 2 ). Ricordiamo che se X~B(n,p), allora X rappresenta il numero di successi in n esperimenti indipendenti, dove la probabilità di successo in ogni esperimento è data da p. Sappiamo che X si può considerare come la somma di n V.A. indicatori, cioé di Bernoulliane X i, di parametro p indipendenti, E[X i ]=p e che VAR[X i ]=pq. Per il TCL, se n è grande è una N(0,1). il TCL, se n è grande è una N(0,1). OSSERVAZIONE: lapprossimazione di una B(n,p) con una normale N(np, npq) funziona bene quando sia np che npq sono almeno 5.

9 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 9 TABELLA DELLE CORREZIONI DI CONTINUITA VALORE CERCATO PER B(n,p,x) CORREZIONE DI CONTINUTA VALORI IN TERMINI DI DISTRIBUZIONE DELLA N(0,1) P[X=x] P[x-0,5 X x+0,5] P[Xx] P[X x+0,5] P[Xx]=P[X x+1] P[X x+1-0,5] P[a Xb] P[a -0,5 Xb+0,5]

10 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 10 Esercizio1: Le uova prodotte in unazienda avicola hanno peso medio μ =60 (grammi), varianza σ 2 =16, primo quartile q 0.25 =57 e terzo quartile q 0.75 =63,5. Dato un campione di n=900 uova si calcoli la probabilità che: a) il campione abbia un peso complessivo inferiore a 53.8 chili b) almeno il 52% delle uova abbia peso compreso nellintervallo (57,63.5) Soluzione a) Sia X i la v.a. che misura il peso delluovo i-esimo. Allora il peso complessivo del campione sarà dato dalla v.a. S 900 =X 1 +…+ X n. Allora per il TCL quindi la probabilità cercata sarà: che standardizzando diventa

11 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 11 b) Per definizione di quantile si ha: p=P(575 e nq >5 la richiesta del testo può essere calcolata per approssimazione sapendo che, dal TCL, B(n,p)~N(np,np(1-p)). Quindi P(Y )=1-P(Y<468)=1-P(Y 467) da cui, ricordando di inserire la correzione di continuità, ricaviamo il risultato cercato:

12 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 12 ESERCIZIO2: Una ditta di trasporti internazionali possiede 100 tir dello stesso tipo. Ogni tir percorre una media di 600 km al giorno con una deviazione standard di 50 km. 1. Supponendo che i giorni lavorativi in un anno siano 340, quanti chilometri percorre mediamente un tir in un anno? 2. Una merce deve essere trasportata da un tir ad una distanza di km. Viene chiesto al titolare dopo quanti giorni dalla partenza avverrà la consegna. Che risposta deve dare il titolare affinché con probabilità almeno pari a 0.9 la merce arrivi a destinazione entro il tempo dichiarato?

13 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 13 Soluzione 1. Sia X i la v.a. che descrive lo spazio percorso nel giorno i. Sappiamo che E(X i ) = 600 km e Var(X i ) = 502km 2. Allora lo spazio percorso in 340 giorni è rappresentato dalla v.a. La media di questa variabile è E(S) = 340*600 = km.

14 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 14 Bisogna calcolare quanto deve valere n affinché risulti: Dal TCL sappiamo che per cui Da ciò segue che Si ottiene così la disequazione. Ponendo si ottiene unequazione di secondo grado le cui soluzioni sono 3.47 e Poiché siamo interessati solo alla radice positiva, otteniamo x3.47, ossia n dunque il titolare deve dichiarare 13 giorni dattesa.

15 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 15 ESERCIZIO5: Le confezioni di pasta alimentare di una certa linea di produzione hanno un peso che può essere assimilato ad una variabile aleatoria X avente media µ=0.5kg e deviazione standard σ 2 =0.003kg. Si determini: a) il limite inferiore della probabilità che, estraendo a sorte una confezione, il peso della confezione sia compreso nellintervallo (0,5-2*0.003, 0,5+2*0.003) b) il limite superiore della probabilità che X sia esterna allintervallo (0.491; 0.509) c) il limite inferiore per P(0.495

16 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 16 b) Per utilizzare ancora la seguente formula, dobbiamo prima ricavare k. Dalla relazione 0,5-k(0,003)=0,491 si ottiene k=3. pertanto lestremo superiore cercato è dato da: c) Dalla relazione 0,5-k(0,003)=0,495 si trova k=1,7. Ne consegue che il limite inferiore cercato è 0,65. d) Anche in questo caso si tratta di trovare k. 1-(1/k 2 )=0,95, da cui Pertanto si ricava che lintervallo richiesto è ( μ-4,47 σ, μ+4,47 σ) ovvero (0,487, 0,513).

17 Marta Giorgetti: approssimazione e convergenza 17 Esercizi per voi Esercizio1 La percentuale di realizzazione nei tiri da 2 punti di un giocatore di pallacanestro è p=0.55. Si calcolino: a) la probabilità che il giocatore segni non più di 50 punti in 50 tiri b) il numero minimo di tiri da effettuare affinché la probabilità di segnare almeno 100 punti sia non inferiore al 90% Esercizio2 Il tempo di lavorazione di un pezzo meccanico è una variabile aleatoria di media μ =2 minuti e deviazione standard σ=0,3 minuti. 1. In approssimazione normale, calcolare la probabilità di effettuare la lavorazione di 150 pezzi in un tempo minore di 5 ore e 10 minuti. 2. In approssimazione normale, calcolare la probabilità che la media campionaria dei tempi di lavorazione relativa a 100 pezzi sia compresa tra 1 minuto e 55 secondi e 2 minuti e 10 secondi. 3. Quanti pezzi dobbiamo misurare per essere certi al 95% che la media campionaria dei loro tempi di lavorazione non differisca da 2 minuti per più di 4 secondi?


Scaricare ppt "Approssimazione e convergenza Settimana 29 gennaio - 2 febbraio Sessione live 8 Dott. Marta Giorgetti."

Presentazioni simili


Annunci Google