La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI a.s. 2007/2008 Istituto Comprensivo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI a.s. 2007/2008 Istituto Comprensivo."— Transcript della presentazione:

1 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI a.s. 2007/2008 Istituto Comprensivo E. Botto Picella Forino (AV) MANUALE DELLA QUALITA Fragneto Monforte 11/02/08

2 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI IL MANUALE DELLA QUALITÀ Norme UNI EN ISO 9004:2000 Cap. 5 Responsabilità della Direzione

3 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI 5. RESPONSABILITA DELLA DIREZIONE 5.1 GUIDA GENERALE 5.2 ESIGENZE ED ASPETTATIVE DELLE PARTI INTERESSATE 5.3 POLITICA PER LA QUALITA 5.4 PIANIFICAZIONE 5.5 RESPONSABILITA, AUTORITA E COMUNICAZIONE 5.6 RIESAME DA PARTE DELLA DIREZIONE

4 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI 5.1 GUIDA GENERALE La Direzione definisce e documenta, attraverso il Manuale, la Politica per la Qualità e si impegna nella diffusione, nella condivisione ed applicazione del Sistema Gestione Qualità. La Direzione dellIstituto ritiene che limpegno e il coinvolgimento della leadership e di tutti gli operatori della scuola siano fattori essenziali per la crescita e il mantenimento di un Sistema di Gestione per la Qualità efficace ed efficiente. In particolare il DS assume un ruolo di promozione e di sostegno.

5 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI COORDINAMENTO DELLE FASI DELLA PIANIFICAZIONE contributo di tutte le professionalità coinvolte nella elaborazione del POF, dalla fase di rilevazione dei bisogni/aspettative, fino alla sua pubblicazione attuazione di quanto programmato con partecipazione diretta nelle fasi del percorso curriculare e delle iniziative di ampliamento dell'offerta formativa intervento diretto nei processi di valutazione ed auto-valutazione di Istituto. VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE ampio coinvolgimento di tutte le risorse professionali a disposizione. responsabilizzazione, attraverso l'istituto della delega, da esercitarsi in stretta collaborazione con il DS. pianificazione di iniziative finalizzate alla sensibilizzazione e formazione di tutto il personale scolastico

6 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI RELAZIONI INTERNE ED ESTERNE Il rapporto che lIstituto mantiene con gli alunni è finalizzato al raggiungimento degli obiettivi formativi. Le relazioni allinterno dellIstituto hanno lo scopo di creare il clima più favorevole per lorganizzazione, lapprendimento e la vita di relazione, requisito determinante per il buon funzionamento della scuola. Le relazioni con lesterno hanno lo scopo di tessere una rete di collaborazioni costruite su un principio di sistema tra l istituto, le famiglie e tutte le forze buone del territorio anche privati che a vario titolo possono, sinergicamente, contribuire alla promozione e al sostegno dei processi formativi Le iniziative concordate con Istituzioni, Enti, Associazioni vengono formalizzate attraverso accordi di programma e protocolli di intesa.

7 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI RICERCA, INNOVAZIONE E SVILUPPO Questo settore particolarmente delicato ed impegnativo interviene: sul potenziamento della conoscenza di base delle discipline; nellutilizzo delle tecnologie informatiche per stimolare i processi di apprendimento; nellimplementazione della qualità d' aula e della qualità di sistema; nellampliamento dell'offerta formativa quale progettualità coerente con l'attività curriculare e finalizzata al raggiungimento di due obiettivi: 1) potenziare ed arricchire conoscenze e capacità 2) offrire agli studenti in difficoltà opzioni di percorsi alternativi, con lobiettivo di motivarli e di accrescerne l autostima.

8 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI MONITORAGGIO INTERNO: rilevazione dei bisogni, delle aspettative e del gradimento; Customer satisfaction dei portatori dinteresse ESTERNO: verifiche con il Polo Qualità di Napoli; monitoraggio del successivo percorso scolastico degli alunni GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI scelte strategiche e criteri 1.controllo di gestione a scansione programmata, di concerto con il DSGA, al fine di verificare: - l'andamento delle entrate e delle uscite; - che siano rispettati gli obiettivi ed i tempi programmati; - che si provveda, in caso di ritardi, nuove esigenze o difficoltà di varia natura, con gli interventi tempestivi ed efficaci, alle necessarie modifiche del programma; 2.interventi finalizzati al miglioramento delle condizioni degli edifici, nel rispetto delle norme di sicurezza e al potenziamento della prevenzione dei rischi (626); 3.incentivazione del lavoro svolto, 4.potenziamento delle attrezzature dei laboratori informatici e del laboratorio scientifico; 5.……………………………………………………………………………………

9 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI 5.2 ESIGENZE ED ASPETTATIVE DELLE PARTI INTERESSATE lIstituto individua come parti interessate: lalunno in prima istanza la famiglia la società nel suo complesso l'utente interno Perché qualità del servizio significa anche rispondere in modo sempre più adeguato alle aspettative di chi lavora allinterno dellIstituto… pertanto lIstituto di Forino ha considerato: la tipologia dei propri allievi tutti i portatori di interesse anche potenziali le aspettative del sociale le opportunità e i futuri vantaggi le caratteristiche essenziali del servizio offerto Per il servizio tiene conto: della conformità alle norme vigenti della progettualità e continuità didattico- educativa tra scuola dellinfanzia e 1°ciclo del coordinamento dei docenti a livello educativo e didattico dei servizi integrativi allofferta didattica

10 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI LIstituto realizza il suo impegno attuando una serie di iniziative riferibili in particolare ai seguenti aspetti: PROGETTAZIONE ORGANIZZAZIONE DIDATTICA ED INNOVAZIONE VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE VALUTAZIONE 5.3 POLITICA PER LA QUALITA

11 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI organizzativo/ gestionale delle relazioni co-progettazione, offerta formativa, innovazione risorse/ responsabilità diffusa, formalizzazioni ed accordi valutazione, collaborazioni, integrazione sociale e culturale I portatori di interesse responsabilità e impegno dell ISTITUTO COMPRENSIVO di FORINO nellambito La nostra Politica per la Qualità formativo ciò si traduce in

12 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI lIstituto sul piano della progettazione …. investe sulla co-progettazione; il raccordo disciplinare ed il confronto sui criteri didattico-valutativi producono una Offerta Formativa Unitaria sul piano organizzativo/gestionale … procede allassegnazione di incarichi, funzioni, compiti articola il collegio in commissioni, referenti/responsabili di progetto sul piano della didattica ed innovazione … pianifica percorsi di potenziamento e arricchimento dellofferta formativa azioni di ricerca e sperimentazione didattica sul piano della valorizzazione delle risorse progetta iniziative di formazione attribuzione di incarichi e responsabilità accordi di programma e protocolli dintesa sul piano delle valutazioni esegue il monitoraggio del POF e la rilevazione del grado di soddisfazione dei portatori dinteresse

13 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI LA NOSTRA POLITICA PER LA QUALITA La Mission e la Politica per la Qualità esprimono quello che lIstituto Comprensivo di Forino intende realizzare e rappresentare nella comunità di appartenenza Le linee di valore che motivano la valutazione della qualità dell Istituto sono relative alla didattica, alla ricerca, allerogazione di servizi amministrativi, efficaci ed efficienti, e ad un altro elemento determinante, il supporto delladeguata gestione delle risorse strutturali, logistiche, audiovisive e informative. Per conservare la fiducia dei portatori dinteresse attuali e conquistarne di nuovi l Istituto ritiene indispensabile attuare una strategia di innovazione e miglioramento affinché la scuola possa raggiungere un livello di eccellenza nei servizi scolastici. LIstituto comprensivo, infatti considera, quale obiettivo fondamentale, il raggiungimento di un alto grado di soddisfazione dellutenza. …All utenza, in prima istanza lalunno e, successivamente ai genitori e alla società listituto intende offrire un servizio scolastico che risponda con la massima professionalità ai bisogni dell Utenza stessa…

14 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI La Direzione si impegna a: istituire un Sistema Gestione Qualità secondo la norma UNI EN ISO 9004:2000 e nominare una Commissione Qualità responsabile dellistituzione, gestione e controllo SGQ coinvolgere diffusamente il personale, per la graduale implementazione del Sistema Qualità promuovere e sostenere le attività del Consiglio dIstituto per lassegnazione delle necessarie e opportune risorse e mezzi per il raggiungimento degli obiettivi della Politica per la Qualità; definire gli obiettivi specifici di analisi, misurazione e miglioramento che si intendono perseguire per limplementazione della Politica per la Qualità, in coerenza con la piena attuazione dellautonomia scolastica. il Responsabile della Qualità ha la piena responsabilità ed autorità per attivare azioni preventive e correttive al fine di assicurare la realizzazione della presente politica.

15 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI 5.4 PIANIFICAZIONE DELLA QUALITA La Direzione e il Responsabile del Sistema Qualità hanno il compito di definire e documentare in che modo i requisiti della qualità siano soddisfatti, pianificano il SGQ in accordo con i requisiti riportati nel capitolo 4.1 del manuale. La pianificazione della qualità comprende la preparazione del Manuale della Qualità, delle Procedure e della documentazione della Qualità, attraverso i quali viene attuata la politica per la qualità.

16 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI I NOSTRI OBIETTIVI PER LA QUALITA - migliorare il raccordo tra lIstituzione e lextrascuola, allo scopo di promuovere e sommare esperienze positive; - ottimizzare il raccordo tra i servizi amministrativi e didattici per una migliore fruizione del servizio erogato; - promuovere una maggiore circolarità delle informazioni; - attuare iniziative di coinvolgimento dei docenti nella ricerca e sperimentazione didattica - definire le procedure. - Migliorare la qualità delle prestazioni tramite ladozione di un SGQ secondo quanto descritto dalla normativa ISO 9004: sensibilizzare il personale della scuola nei confronti della cultura del SGQ

17 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI La Dirigenza per favorire una chiara visione della organizzazione e della gestione del nostro Istituto, individua le figure, riconosce e tutela le competenze di ciascun organo collegiale e definisce le responsabilità e le autorità legate ai diversi ruoli. Il D.S ha realizzato infrastrutture e ha nominato i responsabili di area e di settore… …costituendo un sistema di gestione decentrata… La persona giusta al posto giusto Il principio di rotazione RESPONSABILITA DELLA DIREZIONE

18 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI 5.5 RESPONSABILITA AUTORITA E COMUNICAZIONE Il DS, avendo la necessità di decentrare funzioni e compiti, deve: - individuare e valorizzare le risorse umane, orientandole verso forme di collaborazione, che risultino più consone alla professionalità e alla competenza degli interessati - distribuire le responsabilità di leader fra un team di incaricati, responsabili di plesso ……. - predisporre un valido sistema per veicolare la comunicazione - predisporre un organigramma di collaborazioni

19 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI RESPONSABILITA E AUTORITA La Direzione attribuisce e comunica le responsabilità e le autorità per lattuazione e il mantenimento di un efficace ed efficiente sistema di gestione per la qualità. Nellambito di ogni funzione sono stati predisposti dei Mansionari, che fanno riferimento ai contratti di lavoro e che elencano le attività e le responsabilità dei vari addetti nelle singole funzioni dellIstituto Comprensivo di Forino. Questi documenti sono gestiti direttamente dalla Direzione attraverso Lettere dincarico destinate ai singoli collaboratori dalla Direzione o dal DSGA, per il personale ATA, attraverso i quali sono assegnate Responsabilità e Autorità. La struttura organizzativa dellIstituto è rappresentata nellorganigramma e nel funzionigramma di seguito riportati. Le responsabilità individuate in riferimento ai processi sono indicate nella successiva Matrice delle responsabilità.

20 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI La struttura organizzativa del nostro Istituto, in maniera schematica, può essere rappresentata con questo organigramma Personale docente responsabili di progetto privacy D.S.G.A. R.S.U. G.S.Q. coll. del Dirigente C. D. D.S. GIUNTA ESECUTIVA C.di I. O.O. C.C. sicurezza r. di plesso F. S. personale A.T.A

21 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI e nel seguente funzionigramma personale docente coll. scolastici resp. progetto Qualità PON Scuo/Territ. …………… resp. Privacy incaricati D.S.G.A. R.S.U. R. Q. coll. didattici C. dei D. D.S. GIUNTA ESECUTIVA C.di I. segreteria amministrativa rapp. za docente O.O. C.C. RSPP res.plessi Forino centro Sc. DellIn. Sc. Primaria fraz. Celzi Sc. DellIn. Sc. Primaria fraz. Petruro Sc. DellIn. Sc. Primaria f. s. POF rapp. territorio sup. att.Docenti sup. att. Alunni ricerca/innov. comunicazione documentazione segreteria didattica Incarichi aggiuntivi commissioni tecnico di laboratorio Coll. Coll V Coordin. Sc. Infanzia gruppo miglioramento RSL incaricato RSPP commissioni responsabili processi res. Sc. Secondaria di Primo Grado coord. di classe ……. RSPP res. Sc. Secondaria di Primo Grado coord. di classe ……. rapp. za docente O.O. C.C. RSPP res. Sc. Secondaria di Primo Grado coord. di classe ……. resp. Privacy incaricati rapp. za docente O.O. C.C. RSPP res. Sc. Secondaria di Primo Grado coord. di classe ……. res.plessi Forino centro Sc. DellIn. Sc. Primaria fraz. Celzi Sc. DellIn. Sc. Primaria fraz. Petruro Sc. DellIn. Sc. Primaria resp. Privacy incaricati rapp. za docente O.O. C.C. RSPP res. Sc. Secondaria di Primo Grado coord. di classe ……. segreteria amministrativa segreteria didattica tecnico di laboratorio segreteria amministrativa segreteria didattica coll. scolastici tecnico di laboratorio segreteria amministrativa segreteria didattica Incarichi aggiuntivi coll. scolastici tecnico di laboratorio segreteria amministrativa segreteria didattica coll. didattici Coll V gruppo miglioramento coll. didattici Coll V R. Q. gruppo miglioramento coll. didattici Coll V R.S.U. R. Q. gruppo miglioramento coll. didattici Coll V C. dei D. R.S.U. R. Q. gruppo miglioramento coll. didattici Coll V responsabili processi C. dei D. R.S.U. R. Q. gruppo miglioramento coll. didattici Coll V Coll. responsabili processi C. dei D. R.S.U. R. Q. gruppo miglioramento coll. didattici Coll V Coordin. Sc. Infanzia Coll. responsabili processi C. dei D. R.S.U. R. Q. gruppo miglioramento coll. didattici Coll V commissioni Coordin. Sc. Infanzia Coll. responsabili processi C. dei D. R.S.U. R. Q. gruppo miglioramento coll. didattici Coll V f. s. POF rapp. territorio sup. att.Docenti sup. att. Alunni ricerca/innov. comunicazione documentazione commissioni Coordin. Sc. Infanzia Coll. responsabili processi C. dei D. R.S.U. R. Q. gruppo miglioramento coll. didattici Coll V resp. progetto Qualità PON Scuo/Territ. …………… f. s. POF rapp. territorio sup. att.Docenti sup. att. Alunni ricerca/innov. comunicazione documentazione commissioni Coordin. Sc. Infanzia Coll. responsabili processi C. dei D. R.S.U. R. Q. gruppo miglioramento coll. didattici Coll V resp. progetto Qualità PON Scuo/Territ. …………… f. s. POF rapp. territorio sup. att.Docenti sup. att. Alunni ricerca/innov. comunicazione documentazione commissioni Coordin. Sc. Infanzia Coll. responsabili processi C. dei D. R.S.U. R. Q. gruppo miglioramento coll. didattici Coll V resp. progetto Qualità PON Scuo/Territ. …………… f. s. POF rapp. territorio sup. att.Docenti sup. att. Alunni ricerca/innov. comunicazione documentazione commissioni Coordin. Sc. Infanzia Coll. responsabili processi C. dei D. R.S.U. R. Q. gruppo miglioramento coll. didattici Coll V

22 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI PROCESSIAUTORITA / RESPONSABILITA Individuazione delle esigenze delle Parti Interessate Definizione degli obiettivi generali e di apprendimento Progettazione dellofferta formativa Pianificazione dellofferta formativa Definizione ruoli, responsabilità e autorità Attività didattica curriculare Attività extracurriculari Formazione e Aggiornamento Gestione infrastrutture Gestione risorse finanziarie DS FS Area 1 commissione POF DS /DSGA Coll DS Responsabili di progetto FS area 2 Responsabile della Sicurazza DS / DSGA Matrice delle responsabilità

23 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Matrice delle responsabilità PROCESSI AUTORITA / RESPONSABILITA Gestione degli approvvigionamenti Gestione amministrativa Relazioni esterne Gestione risorse umane Politiche e obiettivi per la qualità Gestione documenti e registrazioni Monitoraggio e Analisi dei dati Comunicazione interna Comunicazione esterna DSGA FS Area 4 Coll DS DS FS Area 5 RQ FS Area 6 Web master

24 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Come rappresentante della Direzione è stato identificato il Dirigente Scolastico stesso che dispone dellautorità e responsabilità necessarie per gestire, monitorare, valutare e coordinare il SGQ. LA COMUNICAZIONE La condivisione delle informazioni è uno dei principi fondanti della politica del nostro Istituto pertanto, è fondamentale un adeguato flusso informativo, sia per quanto attiene ai processi interni allIstituto, sia per quanto attiene lambiente esterno Le comunicazioni interne sono supportate da un sistema cartaceo e/o da un sistema informatico. Le attività che caratterizzano un Istituto Scolastico si svolgono in maniera tale che solo in alcuni aspetti differiscono la comunicazione interna da quella esterna. Una stessa informazione, infatti, può contemporaneamente interessare gli studenti ed i genitori in qualità di utenti/beneficiari ma anche i docenti ed il personale, che dovranno organizzare di conseguenza il proprio lavoro. Chiaramente rivolta allesterno è invece la comunicazione di tipo istituzionale e divulgativo volta a far conoscere a possibili futuri studenti o più in generale ai cittadini ed alle istituzioni le attività nelle quali lIstituto è impegnato RAPPRESENTANTE DELLA DIREZIONE

25 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI circolari Coll. vicario Gestione Comunicazione Interna ……….come veicola linformazione… MPI…..CSA… Ufficio scolastico regionale… D.S. informative Ass. amministrativi Responsabili di plesso Casella di posta interna Università/A.S.L./uff. pubblici/ Istituzioni scolastiche/privati/.. Coll D. FF SS Prot. archivia Albo utenti Reg.contabili bacheca docenti incaricati norme informative norme circolari informative norme Prot. circolari informative norme Prot. circolari informative norme Prot. circolari informative norme Responsabili di plesso Casella di posta interna

26 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Casella di posta inerna Coll. vicario Gestione Comunicazione da e verso lEsterno ……….come veicola la comunicazione… D.S. F.S. relazioni/territorio Coll D. segreteria responsabili di progetto E.L. associazioni PROTOCOLLI d INTESA IST. SCOLASTICHE UFFICI PUBBLICI PRIVATI informazione Responsabili di plesso utenti docenti bacheca UNIVERSITA PORTATORI dINTERESSE D.S. Coll D. D.S. Coll D. D.S. Coll D. D.S. Coll D. E.L. D.S. Coll D. PORTATORI dINTERESSE E.L. D.S. Coll D. UFFICI PUBBLICI PRIVATI UNIVERSITA IST. SCOLASTICHE UNIVERSITA utenti IST. SCOLASTICHE UNIVERSITA IST. SCOLASTICHE UNIVERSITA associazioni informazione Casella di posta inerna associazioni informazione segreteria Casella di posta inerna associazioni informazione Responsabili di plesso segreteria Casella di posta inerna associazioni informazione docenti utenti PROTOCOLLI d INTESA PORTATORI dINTERESSE

27 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI 5.6 RIESAME DA PARTE DELLA DIREZIONE La Direzione, al fine di essere sicura dello stato di attuazione del Sistema di Gestione per la Qualità, ha definito che debba essere effettuato, a scansione concordata, un Riesame del Sistema di Gestione per la Qualità. Il riesame riguarda tutti i processi, le attività e gli indicatori del Sistema, per valutarne l'adeguatezza e lefficacia in riferimento agli obiettivi stabiliti nella politica della qualità. In particolare i riesami tengono conto di: informazioni sul raggiungimento degli obiettivi prefissati e sulle risorse impiegate rilievi derivanti da verifiche interne relative al rispetto delle metodologie gestionali stabilite considerazioni relative agli aspetti innovativi di tecnologia, di strumentazione,di metodologia di intervento, ovvero a tutte le opportunità di miglioramento. È compito della Direzione apportare tutti gli eventuali cambiamenti operativi che si reputano necessari per garantire la continuità, ladeguatezza e lefficacia del Sistema di Gestione per la Qualità dellIstituto

28 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI La Direzione dellIstituto Comprensivo di Forino per eseguire il RSQ prende in esame i seguenti aspetti: gli elementi in uscita del precedente Riesame del Sistema Qualità lo stato e gli obiettivi per la qualità e le attività di miglioramento ASPETTI RIGUARDANTI IL SERVIZIO soddisfazione degli alunni e delle famiglie raggiungimento degli obiettivi didattico-formativi definiti nella programmazione ASPETTI RIGUARDANTI IL PROCESSO DI EROGAZIONE fattibilità di quanto progettato possibilità di controllare e verificare quanto progettato possibilità e disponibilità per lapprovvigionamento dei materiali da utilizzare ELEMENTI IN INGRESSO PER IL RIESAME

29 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Lattività di riesame da parte della Direzione è documentata come tutte le altre attività svolte e come richiesto dal Sistema di Gestione per la Qualità; pertanto la Direzione redige, a riesame effettuato, un Verbale che illustri i risultati riscontrati, sulla base dei quali vengono identificati gli Obiettivi di miglioramento del Sistema di Gestione per la Qualità per il periodo successivo. I risultati dei riesami da parte della Direzione si focalizzano in particolare su: migliori prestazioni dei processi adeguatezza della struttura organizzativa e delle risorse pianificazione di risorse future ELEMENTI IN USCITA DAL RIESAME


Scaricare ppt "Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI a.s. 2007/2008 Istituto Comprensivo."

Presentazioni simili


Annunci Google