La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Piano di Formazione Nazionale L’AUTOVALUTAZIONE DI ISTITUTO E IL RAV ( Liceo Scientifico “B. Mangino”27 maggio 2015)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Piano di Formazione Nazionale L’AUTOVALUTAZIONE DI ISTITUTO E IL RAV ( Liceo Scientifico “B. Mangino”27 maggio 2015)"— Transcript della presentazione:

1 Piano di Formazione Nazionale L’AUTOVALUTAZIONE DI ISTITUTO E IL RAV ( Liceo Scientifico “B. Mangino”27 maggio 2015)

2 Piano di Formazione Nazionale A cosa serve fare autovalutazione? … a ottenere informazioni valide sulle condizioni, le funzioni, gli scopi e la produttività di una scuola … a revisionare specifici aspetti organizzativi o curricolari della scuola; …a realizzare un processo di miglioramento nella scuola … a rendere trasparente tutti i processi scolastici … a realizzare una maggiore partecipazione dei membri dell’organizzazione perché coinvolge i partecipanti in un processo collegiale … a realizzare una maggiore partecipazione dei membri dell’organizzazione perché coinvolge i partecipanti in un processo collegiale

3

4

5 Piano di Formazione Nazionale LA STRUTTURA DEL RAV

6 Piano di Formazione Nazionale

7 IL PERCORSO DI AUTOVALUTAZIONE Espressione del giudizio con la Rubrica di valutazione Individuazion e di punti di forza e di debolezza Riflession e attraverso le domande guida Lettura e analisi degli indicatori Per ogni area la scuola esprime un giudizio complessivo su una scala da 1 a 7 Sono presenti campi aperti in cui la scuola descrive i punti di forza e di debolezza per ogni area Le domane guida sono uno stimolo per riflettere su quanto realizzato in ogni area, focalizzandosi sui risultati Gli indicatori consentono alla scuola di confrontare la propria situazione con valori di riferimento esterni. Da utilizzare all’interno di una interpretazione più ampia

8 Piano di Formazione Nazionale

9

10

11

12

13 Circa le competenze chiave e di cittadinanza il format del RAV non presenta specifici indicatori. Come è noto, la Raccomandazione del 18 dicembre 2006 del Parlamento europeo e del Consiglio dell’Unione europea inserisce tra le competenze chiave sia quelle riguardanti le acquisizioni nelle aree fondamentali (madrelingua, lingue straniere, matematica, scienza e tecnologia, competenze digitali).

14 Piano di Formazione Nazionale sia quelle più strettamente collegate alla cittadinanza attiva e consapevole (competenze sociali e civiche, consapevolezza ed espressione culturale) Al riguardo non sono attualmente disponibili indicatori omogenei a livello nazionale: la scelta è stata, pertanto, quella di lasciare alle scuole la scelta degli indicatori e delle fonti. sia quelle concernenti la capacità di costruire autonomamente un Percorso di vita e di lavoro (imparare ad imparare, spirito di iniziativa e di imprenditorialità).

15 Piano di Formazione Nazionale Ad esempio, gli elementi di conoscenza riguardanti quest’area possono essere ricavati dalle procedure adottate per la certificazione delle competenze, dagli elementi considerati per la valutazione del comportamento, dall’osservazione della qualità di alcuni processi all’interno di ciascuna scuola. (quali, ad esempio, la partecipazione attiva degli studenti alla vita scolastica, il livello di collaborazione, il grado di autonomia e il senso di responsabilità degli studenti)

16 STRUTTURA RAV Ogni sezione è suddivisa in micro - aree, articolate in nome indicatore, descrittore, fonte Gli indicatori contribuiscono a supportare il gruppo di autovalutazione per l'espressione del giudizio su ciascuna delle aree in cui è articolato il Rapporto di Autovalutazione. Piano di Formazione Nazionale

17 Per ciascuna area degli Esiti e dei Processi la scuola dovrà esprimere un giudizio complessivo, utilizzando una rubrica di valutazione con una scala che va da 1 a 7. Le situazioni 1 (Molto critica), 3 (Con qualche criticità), 5 (Positiva) e 7 (Eccellente) sono corredate da una descrizione analitica. Per ogni micro-area è richiesta la descrizione di “opportunità “ e “vincoli” nel “Contesto e risorse” e di “Punti di forza e di debolezza” negli “Esiti” e nei “Processi”

18 Piano di Formazione Nazionale STRUTTURA RAV La quarta area - “Il processo di autovalutazione” - è articolata in domande a risposta aperta o chiusa Esempio:.

19 Piano di Formazione Nazionale STRUTTURA RAV La quinta area - “L’individuazione delle priorità” - contempla l’individuazione delle priorità, obiettivi generali che devono portare ai traguardi di lungo periodo (i 3 anni) ovvero i risultati attesi; sia le priorità sia i traguardi si riferiscono agli Esiti degli studenti.

20 Piano di Formazione Nazionale Le fonti principali del RAV  Fascicolo Scuola in chiaro;  Dati prove Invalsi ;  Questionario scuola VALES ; Altri strumenti di indagine predisposti da Invalsi; Dati e informazioni disponibili nella scuola, inclusi quelli derivanti da strumenti di autovalutazione adoperati in passato o comunque autonomamente definiti dalla scuola e/o nell’ambito di progetti sperimentali (ad es. COMETA nell’ambito del Progetto Qualità) come citato al punto c della direttiva n°11 del 2014 UN RUOLO CENTRALE SARÀ Svolto dal questionario studenti, genitori e docenti.

21 Piano di Formazione Nazionale occasione di interlocuzione fra componenti scolastiche intento partecipativo e condiviso COMPILAZIONE DEL RAV

22 Piano di Formazione Nazionale … CONCETTI CHIAVE COMPRENSIONE DEL SENSO DELL’AUTOVALUTAZIONE CONDIVISIONE RIFLESSIONE PARTECIATA

23 Piano di Formazione Nazionale ORGANIZZAZIONE EFFICACE CONDIVISIONE MIGLIORAMENTOCAMBIAMENTO

24 Piano di Formazione Nazionale Non c'è niente di costante tranne il cambiamento " Buddha (Shakyamuni) ( a.C.) La matrice del cambiamento FORZ A RESISTENZA Inerzia De-lusione Illusione (entusiasmo) Fase ludico-adolescenziale Ri-allineamento Fase di adultità “si stava meglio prima” “avanti tutta!” “insieme per un fine condiviso consapevoli di rischi e opportunità” “ma è necessario cambiare?” scoperta sfida accettazione dello stress scontro con l’esame di realtà analisi iper-critica stress come freno ansia sul futuro ri-scoperta (delle regole, …) confronto e analisi critica disinteresse superficialità

25 Piano di Formazione Nazionale Ritrovarsi insieme è un inizio, Restare insieme è un progresso, Ma riuscire a lavorare insieme è un successo. Henry Ford


Scaricare ppt "Piano di Formazione Nazionale L’AUTOVALUTAZIONE DI ISTITUTO E IL RAV ( Liceo Scientifico “B. Mangino”27 maggio 2015)"

Presentazioni simili


Annunci Google