La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COMUNE DI POGGIO BERNI Lunedì 16 Giugno 2008 Giovedì 19 Giugno 2008 Lunedì 23 Giugno 2008 BILANCIO PARTECIPATO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COMUNE DI POGGIO BERNI Lunedì 16 Giugno 2008 Giovedì 19 Giugno 2008 Lunedì 23 Giugno 2008 BILANCIO PARTECIPATO."— Transcript della presentazione:

1 COMUNE DI POGGIO BERNI Lunedì 16 Giugno 2008 Giovedì 19 Giugno 2008 Lunedì 23 Giugno 2008 BILANCIO PARTECIPATO

2 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... GESTIONE DEL TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI Strada di Gronda: previsione di un incontro con i tecnici della provincia Messa in sicurezza zona parco giochi davanti al comune ed implementazione giochi bambini Dossi rallentatori su salita via Roma Migliorare servizi igienici centro sportivo

3 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... GESTIONE DEL TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI Limitatore di velocità su via Santarcangiolese, con particolare attenzione di fronte al civico 3034 e di fronte al negozio Despar Potenziare i parcheggi a Camerano Potenziare i parcheggi a Poggio Berni alta in occasione degli eventi turistici-culturali Risistemare i due parcheggi e l'area di accesso al Teatro Aperto Senso unico in via Pontaccio Macello verso via Santarcangiolese

4 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... GESTIONE DEL TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI Messa in sicurezza municipio: è poco sicura la porta del municipio con uscita non a spinta e senza maniglione antipanico L'incrocio in via Ripa Bianca nel punto in cui si intersezione con la via Viale non è regolata da alcuna segnaletica e, vista la scarsa visibilità, si reputa piuttosto pericoloso. Al termine dei lavori del nuovo collettore si potrebbe provvedere a regolamentarlo almeno con i segnali di diritto di precedenza Incrocio via Santarcangiolese: previsione di un cavalcavia o un sottopassaggio

5 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... GESTIONE DEL TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI Creare a Santo Marino e Sant'Andrea due piazze onde creare quei punti di incontro che mancano nelle due frazioni più popolate, (si porta come esempio quanto è stato fatto a Villa Verucchio che ha inaugurato un nuovo punto di aggregazione demolendo e riqualificando aree degradate) In via Ripa Bianca in occasione di cerimonie in un noto agriturismo vige il più comune dei malcostumi: il parcheggio selvaggio su ambo i lati ed addirittura nelle due curve rendendo il tragitto difficoltoso se non impossibile. Si suggerisce di mettere il divieto di sosta su un lato della via

6 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... GESTIONE DEL TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI Piazza Campidelli come punto di ingresso del paese è molto degradata. Togliere e buttare le altalene arrugginite site a un metro dalla scarpata e magari creare qui una terrazza panoramica con parapetto e staccionata che la delimiti. Intersezione via Pontaccio Macello - Santarcangiolese: il lampione sito in mezzo al marciapiede obbliga ad effettuare la svolta a destra in mezzo alla strada (Camerano)Non dare permessi per attività industriali o artigianali nella zona agricola, via Provinciale uso, lato via Fosso Aserbi

7 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... GESTIONE DEL TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI Creazione di una pista ciclabile in via Pontaccio Macello che possa collegare le due piste ciclabili in via Santarcangiolese e in via Provinciale Uso, in modo da creare un percorso Allargamento della via Chiesa Camerano e via Botticelli Potenziamento area parco in via Mimose-Ginestre con realizzazione di luoghi attrezzati (aree gioco polifunzionali e posti a sedere, piazzuole, ecc…), vista anche la crescita del numero dei bambini presenti Rifacimento del marciapiede di via Roma nel tratto che va dalla Celletta Sancisi a via della Resistenza

8 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... GESTIONE DEL TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI Collegare in maniera adeguata la futura pista ciclo- pedonale lungo il fiume Uso al borgo e alla chiesa di Camerano, in modo da divenire raggiungibile senza lattraversamento di via Pontaccio, mentre a lato monte collegarla alla zona Lo Stradone centro abitato con servizi, più vicino a Camerano che permetterebbe di raggiungerla in bicicletta o a piedi più sicura rispetto alla Provinciale Uso (non è la soluzione ai problemi viari di Camerano bensì solo unalternativa) Collegare in maniera adeguata la futura pista ciclo- pedonale lungo il fiume Uso al borgo e alla chiesa di Camerano, in modo da divenire raggiungibile senza lattraversamento di via Pontaccio, mentre a lato monte collegarla alla zona Lo Stradone centro abitato con servizi, più vicino a Camerano che permetterebbe di raggiungerla in bicicletta o a piedi più sicura rispetto alla Provinciale Uso (non è la soluzione ai problemi viari di Camerano bensì solo unalternativa)

9 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... GESTIONE DEL TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI Il PTCP non ha portato soluzioni alla viabilità bernese, un P.R.G. o P.S.C. hanno un limite territoriale ed un individualismo difficile da superare. Un piano strutturale intercomunale con Santarcangelo, Verucchio e Torriana che studi una viabilità di vallata potrebbe essere congeniale (Camerano) Fare la pista ciclabile in via Provinciale uso, lato via Fosso Aserbi

10 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... AMBIENTE ED ECOLOGIA Maggiori controlli dell'aria Controllo particelle eternit davanti asilo Peter Pan Potenziamento area parco in via Mimose-Ginestre con realizzazione di luoghi attrezzati (aree gioco polifunzionali e posti a sedere, piazziole, ecc...) Più verde nella zona artigianale di Camerano Maggiore pulizia del Fiume Uso

11 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... AMBIENTE ED ECOLOGIA Diffusione della cultura di rispetto per gli animali (non nocivi) e dellambiente Assunzione da parte del Comune di personale lavorativo per la ripulitura dei fossi delle strade da dispersione rifiuti

12 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COLLETTIVITA Servizio di trasporto pubblico: potenziamento dellofferta – richiesta di orari migliori Attrazione per bambini sullesempio del Ludobus di Savignano, un bus con animatori e giochi che trasforma larea occupata (solitamente una piazzetta) in unarea gioco. Zone che potrebbero ospitare a rotazione levento: Trebbio, Borgo di Camerano, Piazza San Rocco, Piazzetta delle Ginestre a S. Andrea, Molino Sapignoli o il piazzale della chiesa a Santo Marino

13 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COLLETTIVITA Apertura presso il nostro URP di uno sportello sanitario sullesempio di Sogliano, che fornisce servizi di informazione sanitaria evitando ai cittadini di recarsi nelle strutture ospedaliere per le pratiche ove non è necessario limpiego di personale specializzato Comune informa:spazio alle lettere dei cittadini. Domanda e risposta possono essere un arricchimento per tutta la cittadinanza Comune informa:un numero speciale di Comune informa sul bilancio partecipato e le proposte emerse

14 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COLLETTIVITA Una oculata attenzione che sul nostro territorio non vi siano cittadini costretti a vivere a un livello di povertà (e rimediare eventualmente) Introduzione di un salario sociale per eventuali (veri) disoccupati

15 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... SPORT E TEMPO LIBERO Utilizzo anfiteatro come cinema Promozione di un cartellone cinematografico e teatrale di vallata comprendente il nostro teatro aperto con il supercinema e il teatro Pazzini di Verucchio Organizzare un evento sportivo di forte richiamo quale un torneo calcistico o podistico o ciclistico o di altro sport

16 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... SPORT E TEMPO LIBERO Più corsi al centro sportivo (altri sport) Parco adatto a ospitare manifestazioni per famiglie Maggiori iniziative per i più giovani

17 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Nel 2009 la Comunità Montana diventerà "Unione dei Comuni". Le Unioni sono state studiate come una fase di passaggio (10 anni) ad una possibile fusione, iniziamo un percorso assieme agli altri tre comuni della Comunità Montana che preveda la promozione e la conoscenza dei quattro comuni verso i cittadini, al fine di farci sentire cittadini della Valmarecchia. Impostiamo l'Unione dei comuni come un percorso transitorio finalizzato alla trasformazione di questa unione a quattro in un comune unico della Valmarecchia. Vantaggi: taglio agli sprechi, accorpamento dei servizi, gestione pià armonica del territorio, superamento delle individualità comunali attuali che devono fare riflettere. Poggio Berni promotore della trasformazione in Comune Unico

18 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Rivalutare l'idea di proporre il mercato settimanale prevedendo il pagamento del suolo pubblico per la fase iniziale con un importo simbolico (la fase iniziale dovrà avere una durata che permetta al mercato di crescere) Promuovere mercatini di prodotti tipici locali Piazza San Rocco, la Piazzetta di Trebbio e il bel borgo di Camerano sono luogo sapientemente recuperati e meritevoli di ospitare manifestazioni poco invasive che non turbino la tranquillità dei borghi, come gli spettacoli per bambini che al momento si tengono in altre aree, anche private

19 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Il Parco della Cava rimane un'opera incompiuta: adoperarsi nella creazione di un museo dei fossili, una struttura nella quale far tornare almeno una parte dei fossili Creare un itinerario che possa comprendere Domus di Rimini, Musas, i nostri fossili (anche se trattasi di reperti di altro genere) e gli scavi delle civiltà villanoviane di Verucchio Creare un itinerario dei castelli Malatestiani assieme agli altri comuni della bassa Valmarecchia e magari collegarsi con lo stesso itinerario creato nel Montefeltro

20 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Creare un itinerario dei mulini intercomunale che potrà così trovare nel prossimo nuovo museo dell'arte molinatoria una prestigiosa sede TuttoSantarcangelo, Il Nuovo da Verucchio, Torriana Informa e Comune Informa fonderli in un unico mensile; una sorta di "Gazzetta della Valmarecchia" per conoscere e far conoscere servizi, opportunità, spettacoli, bandi di concorso ed altro ancora (il modello a cui ispirarsi può essere "La Gazzetta del Rubicone)

21 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Intitolare a Rosa Lazzarini la scuola di Camerano (fulcro tra Poggio Berni, Borghi e Santarcangelo: luoghi significativi per Rosa Lazzarini) Intitolare il Centro Sportivo a "Giulio Torroni", un'intitolazione spogliata di qualsiasi significato politico ma dedicato alla persona che si è adoperata per avere i finanziamenti per cui oggi il centro esiste Creazione di un itinerario turistico storico e culturale dell'Uso continuando assieme a Santarcangelo il percorso denominato "I sentieri dell'Uso" che da Bellaria si ferma a San Mauro Pascoli con tabelle esplicative delle bellezze mirabili nella valle

22 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Cartellonistica turistica ai monumenti e ai luoghi più significativi con annesse nozioni storiche Favorire una sinergia di vallata per promuovere il nostro territorio presso la vicina fiera di Rimini. Manifestazioni come Mondonatura o il Meeting possono trovare nella Valmarecchia luoghi più invitanti del riminese Maggiori fondi per attività culturali nuove e innovative

23 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Maggior coinvolgimento delle attività dellAnfiteatro con le aziende di soggiorno del territorio Manifestazioni nellAnfiteatro aventi ad oggetto poesie dialettali Organizzazione di un concorso regionale do commedia dialettale con valutazione del pubblico e di una giuria che decreterà una compagnia vincitrice. Eventi da tenersi raggruppati in un unico weekend che potrebbero divenire una sorta di festival del teatro in versione dialettale

24 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Teatro aperto: a pagamento gli spettacoli di richiamo e gratuiti quelli di minore appeal. Gli introiti dei primi potrebbero contribuire alle spese di gestione, per rendere la struttura sempre più indipendente dal finanziamento pubblico Sinergia del Parco della Cava con la mostra mercato dei fossili di Riccione e Festival del mondo antico Per i Bernesi la festa del patrono è la Fiera di San Martino a Santarcangelo: sarebbe interessante di organizzare una nostra festa del patrono con una combinazione di elementi culturali e commerciali

25 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Inserimento nelle scuole di ulteriori lezioni di educazione morale, civica ed ecologica ai bambini e possibilmente anche a certi adulti. Itinerario turistico Valle dUso coinvolgendo tutti i comuni dalla sorgente alla foce promuovendo le bellezze naturali architettoniche, lenogastronomia puntando ai cicloturisti ma anche ad altri target

26 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Itinerario turistico religioso della Valmarecchia da promuovere alle fiere di Rimini di matrice religiosa ( C.L. Azione Cattolica Meeting) ove promuovere la casa natale del beato Pio Campidelli, la chiesa di Trebbio ecc.. Organizzazione di un concorso di poesie nelle scuole o per ragazzi delle scuole e adulti che potrebbero essere recitate nel teatro aperto.

27 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Fornire alla comunità locale (dalla popolazione più giovane agli anziani) momenti e opportunità di: svago/divertimento formazione approfondimenti su temi di interesse fruizione di spettacoli dal vivo (teatro, cabaret, danza, musica) sia di artisti locali che di compagnie e gruppi di livello nazionale, nonché di rassegne di cinema/documentari.

28 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Creare uno spazio di interesse culturale fruibile anche da un più ampio pubblico provinciale, attraverso la programmazione di attività/eventi di riconosciuta valenza culturale ma che rivestano anche carattere di originalità e novità sia per il contenuto che per la forma in cui sono presentate, così da non proporre fotocopie delle proposte già in essere sul territorio della provincia ma diversificare e arricchire lo sguardo sulla produzione artistica contemporanea.E' auspicabile un calendario di programmazione che comprenda il periodo da metà ottobre a metà aprile circa, così da rendere il lungo arco invernale ricco di attività e proposte da fruire direttamente sul territorio.

29 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Dando per riconfermate le attività già in essere che si andranno probabilmente consolidando – come ad es. Più luce più pace, la ricorrenza dell'8 marzo e altre ivi comprese le attività del gruppo Il Percorso – il calendario delle attività potrebbe così diramarsi dai due nuclei principali (spettacolo/formazione): SPETTACOLO DAL VIVO: teatro: prosa, ricerca, dialettale, cabaret, ragazzi, letture danza: contemporanea musica: classica, cantautori, gruppi mostre: pittura, fotografia... CINEMA: rassegne a tema,documentari LABORATORI/SEMINARI: teatro ragazzi e adulti, danza, musica, video, scrittura creativa,pittura, presentazione libri (incontri con gli autori),seminari/incontri aperti con esperti sulle materie oggetto dei laboratori. Al termine di ogni attività di laboratorio sarebbe auspicabile un saggio/incontro con il pubblico.Il calendario potrebbe prendere avvio con alcune delle proposte espresse, ponendosi l'obiettivo di attuare le varie attività nel lungo periodo.

30 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE La progettazione, programmazione e attuazione degli eventi/attività potrebbe concretizzarsi grazie al contributo e alla collaborazione delle associazioni culturali del territorio, ognuna gestendo l'ambito di competenza e conoscenza, lasciando aperta la possibilità a ulteriori collaborazioni che dovessero rendersi disponibili. Per l'attuazione del programma di cui sopra le associazioni dovrebbero disporre di uno spazio uso ufficio - occupando ad esempio un locale all'interno del Mulino Sapignoli – da adibire a sede operativa e di coordinamento. Sarà cura delle associazioni individuare proposte tra loro diversificate così da offrire più espressioni possibili della vastissima produzione artistica contemporanea. Le proposte dovranno essere inoltre accompagnate da schede illustrative dell'opera degli artisti/compagnie sia con finalità informative per l'amministrazione comunale sia come strumento conoscitivo da inserire nel materiale promozionale (manifesti, brochure, comunicati stampa, sito internet, etc.).

31 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Creare le condizioni perché siano fruibili sul territorio spettacoli/attività che forse la popolazione locale non raggiungerebbe in altri spazi o località è già offrire un bene alla comunità. Questo per dire che la gratuità pone dei limiti alla possibilità di programmare eventi che abbiano carattere di continuità sul lungo periodo e ostacola soprattutto l'accesso a un panorama più vasto di offerte.Non eslcudendo di poter prevedere alcuni eventi a ingresso libero, le formule di ingresso a pagamento potrebbero essere molto flessibili partendo da un minimo di 5 fino a un massimo di 15 a seconda del gruppo/artista ospitato e alle sue richieste di cachet (su cui a volte è possibile contrattare). Si possono poi attivare abbonamenti, riduzioni per bambini, studenti e anziani. E' essenziale che il pubblico faccia propria l'idea che le espressioni artistiche non sono passatempi, anche se piacevoli, ma rappresentano un impegno intellettuale, una ricerca creativa e innovativa quasi sempre condotta con risorse economiche proprie o contributi risibili.

32 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Anche le attività di laboratorio avrebbero ovviamente un costo, che rappresenta da una parte il riconoscimento per chi mette in campo esperienze e saper fare, dall'altra la scelta del'utente di impegnarsi in un progetto, la volontà di investire per sé in un bene non materiale né di consumo. Sia per le proposte di spettacolo dal vivo che per le attività di laboratorio il costo per i fruitori può essere ridotto a fronte di una partecipazione economica da parte dell'amministrazione comunale, partecipazione che si rende anzi indispensabile soprattutto per quanto riguarda lo spettacolo dal vivo.Si rammenta che le Leggi Reg.li 37/94 e 13/99 finanziano le attività di promozione culturale nonché gli interventi strutturali. Poter accedere nel tempo a forme di finanziamento annuale rappresenterebbe la garanzia del consolidamento e sviluppo delle attività.

33 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE Cosa ci muove a inoltrare questa proposta? E' un invito a rivolgersi alla contemplazione della bellezza? Non solo.L'arte pone domande. Richiede una partecipazione critica dello spettatore, offre strumenti per leggere con chiarezza la realtà. In un sempre più desolante pensiero unico pubblicitario-mercantile, l'arte resta uno dei pochi campi di confronto sulla sostanza, un codice complesso, da affrontare con rispetto, con disposizione a comprendere e imparare, più che a catturare.La cultura è un campo di ricerca comune da cui nessuno deve restare escluso; in cui ogni pensiero ha uguale valore, in cui si attua attraverso l'arte uno spazio accessibile alla conoscenza, all'approfondimento; in cui si creano stimoli, curiosità, nevrosi di sapere.

34 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE PROBLEMA: Alto tasso di abbandono scolastico BISOGNO E PRIORITA': Offrire formazione e informazione ai giovani e alle donne Recuperare un casolare vecchio o un nuovo agricolo o vecchio mulino, per adibirlo a sede del PROGETTO OLTRE IL DOPOSCUOLA "ti accoglie così come sei" per fare conoscere ai giovani e alle donne agricoltori e operai i valori che portano in sé la cultura e la scuola, per offrire formazione ed informazione ai giovani e alle donne che hanno lasciato la scuola, per sensibilizzare i giovani e le donne al ritorno allo studio ed informarli della possibilità di studio, che esistono sul nostro territorio. Il progetto ha i valori giusti per essere incluso nella PROGRAMMAZIONE del GAL l'Altra Romagna OBIETTIVO 4, per accedere ai contributi disposti per lo sviluppo rurale del PROGRAMMA

35 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE PROBLEMA: Disoccupazione giovanile e delle donne BISOGNO E PRIORITA': Occupazione giovanile e delle donne PROGETTO: Progetto "Terradici" Si tratta di fondare con il patrocinio del Comune di Poggio Berni un consorzio di giovani e donne agricoltori che stanno insieme per crescere attraverso la realizzazione di nuovi progetti che hanno come oggetti: la natura, la cultura, i sapori ed il patrimonio intesi come vita, come risorsa da conservare, valorizzare e migliorare attraverso progetti di qualità della vita innovazione - sviluppo sostenibile del paese di Poggio Berni. - Per migliorare la qualità della vita della nostra gente e del territorio in cui vive - Per fare cultura, diffondere conoscenza e buone prassi - Per migliorare, rinnovare, proteggere e tutelare il nostro patrimonio rurale

36 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... CULTURA E FORMAZIONE - Per fare cultura, diffondere conoscenza e buone prassi - Per migliorare, rinnovare, proteggere e tutelare il nostro patrimonio rurale - Per lanciare la vendita diretta dei prodotti della nostra terra - Per fare conoscere i prodotti enogastronomici di Poggio Berni ed il nostro splendido territorio - Per creare nuovi posti di lavoro per i giovani e per le donne di Poggio Berni L'obiettivo finale è generare nuovi posti di lavoro per i giovani e le donne di Poggio Berni Il progetto ha i valori giusti per essere incluso nella PROGRAMMAZIONE del GAL l'Altra Romagna OBIETTIVO 4, per accedere ai contributi disposti per lo sviluppo rurale del PROGRAMMA

37 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... SEGNALAZIONI E SUGGERIMENTI Incentivi onde favorire lapertura di nuove attività commerciali. Persistono tuttora locali sfitti, esistono spesso bandi indirizzati alla riqualificazione delle attività esistenti ed incentivi alle nuove aperture Tutelare le attività economiche con azioni e segnalazioni agli organi di controllo delle attività che operano in concorrenza sleale (agriturismi senza requisiti, produttori agricoli che vendono frutti tropicali…) Riparazione della pompa della fontana dei ricordi

38 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... SEGNALAZIONI E SUGGERIMENTI Campagna informativa sui servizi del Comune ma soprattutto della Comunità Montana che non sono percepiti come nostri essendo fuori comune L.20/2000. Il metodo usato per avere la Sala Diana può essere congeniale allottenimento di spazi per le associazioni e per il recupero nella proprietà ove possibile del patrimonio storico (Camerano) cassonetti raccolta differenziata più grandi in via Fosso Aserbi

39 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... SEGNALAZIONI E SUGGERIMENTI Ordinanza 218. Liter che il comune seguirebbe in caso di infrazione sembra illegittimo. Lunica comunicazione è un avviso a mezzo posta ordinaria e la frase che cita Il comune provvederà dufficio lede i diritti del singolo violando e manomettendo la proprietà privata su valutazioni soggettive del comune. Proposta di un ulteriore avviso tramite raccomandata (Camerano) Chiudere e asfaltare le buche in via Fosso Aserbi (Camerano) portare linea ADSL

40 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... SEGNALAZIONI E SUGGERIMENTI PROBLEMA: Per aumentare la conoscenza della gestione della Res Publica PRIORITA' E BISOGNO:Formare cittadini giovani e donne competenti per governare la Res Publica per promuovere nuove forme di partecipazione alla politica rivolte a tutti i cittadini della comunità bernese per coinvolgere soprattutto i giovani e donne alla conoscenza della gestione res Publica PROPOSTA: PROGETTO POGGIO FUTURO: insieme per fare storia memoria e radici. si tratta di promuovere la costituzione di una commissione consigliare con il supporto degli Assessorati competenti nel Comune di Poggio Berni, formata da esperti progettisti ideatori promotori e realizzatori di progetti inediti, per il rilancio dello sviluppo rurale integrato del paese di Poggio Berni in tutte le sue attività e vocazioni produttive:

41 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... SEGNALAZIONI E SUGGERIMENTI agricola, zootecnica, turismi (culturale, ambientale, paesaggistico, ciclabile ed enogastronomico), commercio, artigianato ed industria. L'obiettivo finale è rilanciare Poggio Berni.Il progetto ha i valori giusti, per essere incluso nella PROGRAMMAZIONE DEL gal l'Altra romagna OBIETTIVO 4, per accedere ai contributi disposti per lo sviluppo del territorio rurale 2007 – 2013 PROBLEMA:Poggio Berni " la cenerentola" della provincia di Rimini? BISOGNI E PRIORITA': recuperabilità delle risorse a tutti i livelli: provinciale, regionale, nazionale e comunitario, presso i privati e gli enti locali e nazionali PROGETTO:CHANGE MANAGEMENT E' un progetto che la nostra amministrazione dovrebbe mettere in campo, ha come mission

42 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... SEGNALAZIONI E SUGGERIMENTI il perseguimento degli interessi generali, come processo le attività produttive per il cittadino, con una gestione organizzata delle risorse efficiente e senza sprechi, che ha naturalmente come beneficiari i cittadini di Poggio Berni. Vale a dire che il progetto CHANGE MANAGEMENT ha come obiettivi la soddisfazione dei reali bisogni e priorità dei cittadini attraverso una offerta integrata di servizi messi in campo in base ai loro veri bisogni.Il progetto ha i valori giusti, per essere incluso nella PROGRAMMAZIONE DEL gal l'Altra romagna OBIETTIVO 4, per accedere ai contributi disposti per lo sviluppo del territorio rurale del PROGRAMMA

43 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... SEGNALAZIONI E SUGGERIMENTI PROBLEMA: Manca la promozione e la certificazione dei nostri prodotti tipici locali BISOGNI E PRIORITA': Promozione delle nostre tipicità locali a livello locale nazionale e mondiale PROGETTO: MERCATO & MERCATI recupero di una struttura agricola, casolare rustico o vecchio mulino, come sede fissa di vendita diretta al consumatore dei prodotti agricoli, enogastronomici, manifatturieri e artigianali della nostra Comunità. da parte degli agricoltori e produttori dei nostri luoghi e come sede di un sistema inedito di marketing territoriale globale, per la promozione e vendita a livello globale delle nostre tipicità locali, prodotte dalle nostre piccole, medie e grandi imprese e/o aziende agricole e artigianali. Si tratta di lanciare a livello mondiale e proteggerne il marchio dei nostri prodotti tipici legati al territorio e che ne fanno una specifica identità, prodotti di nicchia e di ottima qualità.

44 BILANCIO PARTECIPATO – Primi suggerimenti... SEGNALAZIONI E SUGGERIMENTI Il progetto ha i valori giusti, per essere incluso nella PROGRAMMAZIONE DEL gal l'Altra romagna OBIETTIVO 4, per accedere ai contributi disposti per lo sviluppo del territorio rurale del PROGRAMMA


Scaricare ppt "COMUNE DI POGGIO BERNI Lunedì 16 Giugno 2008 Giovedì 19 Giugno 2008 Lunedì 23 Giugno 2008 BILANCIO PARTECIPATO."

Presentazioni simili


Annunci Google