La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Enti Locali e le EU business opportunities. 2 Larticolo 177 del Trattato dellUnione Europea (UE) enuncia le tre principali aree per la cooperazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Enti Locali e le EU business opportunities. 2 Larticolo 177 del Trattato dellUnione Europea (UE) enuncia le tre principali aree per la cooperazione."— Transcript della presentazione:

1 1 Enti Locali e le EU business opportunities

2 2 Larticolo 177 del Trattato dellUnione Europea (UE) enuncia le tre principali aree per la cooperazione allo sviluppo della Comunità Europea (CE). Queste sono: favorire la crescita economica sostenibile e lo sviluppo sociale; lintegrazione graduale e omogenea dei paesi in via di sviluppo nelleconomia mondiale; e la campagna contro la povertà. Oltre a questi obiettivi generali del trattato, regolamenti e accordi internazionali basati su regioni geografiche determinano gli obiettivi specifici della cooperazione dellUnione Europea e della Comunità Europea quali EDF, Meda, Ala, Tacis, Cards ecc. POLITICA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DELLA COMMISSIONE EUROPEA

3 3 Regolamento per la politica di pre-adesione IPA (Instrument for Pre-Accession) che riguarderà Turchia, Romania, Bulgaria ed i paesi dellovest Balcani. Regolamento per la politica di nuovo vicinato ENPI (European Neighbourood and Partnership Instrument) i paesi confinanti dal Marocco alla Russia (ex Meda e Tacis) La Cooperazione Economica e lo Sviluppo che riguarderà i Paesi precedentemente interessati da ALA e EDF e altri paesi e/o territori tipo larea asiatica del Tacis, Timor, Sud Africa etc. Regolamento per lassistenza macro-finanziaria -trasversale Regolamento Fondo di Stabilità – trasversale Regolamento per lAiuto Umanitario Prospettive post 2007

4 4 Nel novembre del 2000 il Parlamento Europeo e il Consiglio dei Ministri hanno approvato il comunicato della Commissione sulla politica della Comunità Europea per la cooperazione allo sviluppo. Questo espone una nuova linea strategica per la programmazione e la gestione dellassistenza allo sviluppo della Comunità Europea, basata su passate esperienze della Comunità Europea e altri organismi internazionali su programmi e progetti finanziati dai vari Donatori. I principi guida a sostegno di questa politica includono: (i) Possesso da parte dei paesi in via di sviluppo del proprio processo di sviluppo; (ii) Una maggiore attenzione alla dimensione sociale della crescita e dello sviluppo, incluso dare priorità alla riduzione della povertà e ai bisogni dei gruppi vulnerabili (incluso bambini, donne e disabili); e (iii) Una maggiore attenzione ai risultati. NUOVE DIRETTIVE NELLA POLITICA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

5 5 Le sfide principali da affrontare per applicare questi principi sono: adattare le modalità di intervento per promuovere la local ownership e lefficacia degli aiuti ; e porre più attenzione ai programmi e ai progetti finalizzati a ridurre la povertà. Per affrontare queste sfide, la CE sta prestando particolare attenzione a: ottimizzare i mezzi di distribuzione degli aiuti; promuovere luso di programmi di supporto delle Politiche Settoriali (Sector Policy Support Programmes - SPSPs) e luso di finanziamenti al Budget (Budgetary Aid - BA); aumentare la decentralizzazione di responsabilità alle Delegazioni della Comunità Europea; e promuovere larmonizzazione con altri Stati Membri ed altri Donatori. Le implicazioni della decisione della Comunità Europea di accelerare il passaggio verso la disponibilità di una maggior percentuale della sua assistenza allo sviluppo tramite programmi di supporto delle Politiche Settoriali e di finanziamenti al Budget piuttosto che luso di progetti individuali.

6 6 La qualità del dialogo con paesi partner (governo e rappresentanti della società civile) è la chiave per stabilire una effettiva cooperazione delle politiche di sviluppo e la loro positiva attuazione. Compartecipazione, possesso dei processi di sviluppo da parte delle popolazioni designate e rafforzamento delle capacità istituzionali e amministrative per apportare cambiamenti effettivi, sono principi ampiamente condivisi da tutti i Donatori. Possesso e Partecipazione

7 7 Il 16 maggio 2000 la Commissione ha adottato una ambiziosa riforma per il management dei programmi di co-operazione finanziati attraverso il budget comunitario. Gli obiettivi di questa riforma possono essere sintetizzati in: – una sostanziale riduzione dei tempi necessari per lesecuzione di un progetto (vedi anche sun-set clause del nuovo RF); – aumentare significativamente la qualità ed il senso di responsabilità nella gestione di progetti/programmi; – applicare rigorose procedure finanziarie, tecniche e contrattuali che sono in linea con i migliori standard internazionali per assicurare la gestione corretta, trasparente e responsabile dei progetti; – migliorare impatto e visibilità dei progetti di sviluppo ed aiuto finanziati dalla EC. LA POLITICA DI DECENTRALIZZAZIONE

8 8 Comitologia Programmazione COM/DEL/PB –Documenti di strategia – CSP/RSP- 2006/2013 –Programmi indicativi – PIN/PIR- triennali IdentificazioneCOM/DEL –Analisi delle attività possibili / studio di fattibilità IstruzioneCOM/DEL/SM –Finalizzazione proposte di progetti per finanziamento –Presentazione (per approvazione) dei progetti al Comitato MED allinterno di Piani di Finanziamento Annuali (PFN) FinanziamentoCOM –Decisione di finanziamento adottata dalla Commissione Attuazione contrattuale e finanziaria DEL/(COM)/PB –Finalizzazione e firma Convenzioni di Finanziamento con Paesi beneficiari, –Finalizzazione bandi di gara e attribuzione appalti (Servizi/Lavori/Forniture) –Attuazione + monitoring operativo progetti e programmi ValutazioneCOM/PB –Valutazione (medio-termine, finale o ex-post) progetto o programma –Raccomandazioni strategiche per programmi / progetti futuri COM = Commissione (Bruxelles); DEL = Delegazioni della CE; SM = Stati Membri UE PB= Paesi Beneficiari

9 9 La Commissione gestisce il management dei programmi/progetti finanziati (sempre e solo a DONO) attraverso le seguenti modalità: Centralizzata (HQ o devoluta presso le Delegazioni) Decentralizzata (con controllo ex post o ex ante) Sistemi di management

10 10 La Commissione Europea agisce in nome e per conto dei Paesi e Territori beneficiari. Il management di tutte le procedure di procurement, I pagamenti e la gestione del progetto è seguita direttamente dai Servizi della Commissione in collaborazione con le Autorità beneficiarie. Oggi in pratica usato per lesecuzione dei programmi regionali, interventi tematici orizzontali e/o dove il processo di decentralizzazione non è ancora definito. Il Sistema Centralizzato

11 11 Secondo modalità definite Pese per Paese ed in base alle condizionalità previste allArticolo 164 del Regolamento Finanziario, le Autorità locali gestiscono direttamente il management dei programmi/progetti (attraverso una PMU oppure CFCU/PIU) attraverso uno schema di controllo: Ex-ante (approvazione step by step) Ex-post (verifica finale) Il Sistema Decentralizzato

12 12 le procedure di procurement rispettano le: Rules and Procedures applicable to service, supply and works contracts financed by the General budget of the European Communities in the course of Cooperation with third countries e le Practical Guide to EC external aid contract procedures (PRAG) disponibili al sito: in tutti due i casi:

13 13 ……………

14 14 Nel 1992 la Commissione Europea ha adottato il Project Cycle Management (PCM) come suo principale modello per il management dei progetti (basato sul Logical Framework Approach sviluppato nella seconda metà degli anni 60 dalla US Agency of International Development per migliorare il sistema di pianificazione e valutazione dei progetti). Ultima versione disponibile le Guidelines del marzo 2004 il Project Cycle Managment (PCM)

15 15 ……………

16 16 La politica di cooperazione dell'Unione Europea per l'Africa Collegamenti tra PCM e LFA Project Cycle Management Definisce le diverse fasi di sviluppo di un progetto definendone le attività gestionali e le procedure decisionali. Logframe Approach Una metodologia per pianificare, gestire e valutare programmi e progetti, utilizzando mezzi che promuovono analisi sistematiche, partecipazione dei beneficiari e documentazione strutturata. PCM Le procedure decisionali e il processo di attuazione definiti dallorganizzazione LFA Metodo e mezzi di progetto gestionale

17 17 Informazioni disponibili sul partenariato euro-mediterraneo e sul programma MEDA Informazioni sul programma MEDA: Informazioni sul processo di Barcellona ( ): /barcelona-5yrs_en.pdf /barcelona-5yrs_en.pdf Informazioni sul partenariato euro-mediterraneo: Pubblicazione bandi / inviti a presentare proposte:

18 18 La Politica Europea di Vicinato A partire dal 2007, lo Strumento Europeo di Vicinato e Partenariato (ENPI) sostituirà il Programma MEDA (e TACIS) e rappresenterà lo strumento finanziario a sostegno della politica europea di vicinato, in favore sia dei PTM che dei paesi dellest europeo non candidati alladesione (ex Unione Sovietica).

19 19 I Programmi di Vicinato per preparare la transizione: Estensione acquis comunitario e riavvicinamento legislativo; Programmi di supporto allimplementazione degli Accordi di Associazione; Attività di gemellaggio (twinning). La Politica Europea di Vicinato

20 20 La Politica Europea di Vicinato I Programmi di cooperazione transfrontaliera: –25 programmi co-finanziati dal FESR a dagli strumenti di aiuto esterno: Phare / CARDS / Tacis / MEDA nel periodo per finanziarie progetti congiunti tra coppie o gruppi di regioni aventi una frontiera comune; -Costruiti sui programmi Interreg come Italia/Adriatico, Italia/Albania, MEDOC, Archimed; –Accordo sui programmi tra Stati Membri e paesi vicini; –Selezione congiunta dei progetti attraverso comitati congiunti.

21 21 Procedure contrattuali finanziate dal budget generale della CE nel quadro delle azioni esterne

22 22 Base Legale - Nuovo Regolamento Finanziario (dal 01/01/2003). - Modalità di esecuzione del Regolamento Finanziario. -Regole e procedure applicabili agli appalti di servizi, di forniture e di lavori finanziati nellambito della cooperazione con i paesi terzi (adottato il 25/03/2003). - Guida pratica alle procedure contrattuali finanziate dal budget generale della CE nellambito delle azioni esterne (dal 01/06/2003). - dal 02/2006 nuova PRAG

23 23 Differenza tra una CALL FOR TENDERS e una CALL FOR PROPOSALS GRANT (sovvenzioni) Erogare fondi Beneficiario %le dei costi Invito x Proposte Grant Agreement Non-profit oggetto proprietà contribuzione finanziaria procedura forma legale PROCUREMENT (appalti di servizi, forniture, lavori) Comprare cose Autorità Contrattante Prezzo concordato Bandi di Gara Contratto For-profit

24 24 Appalti <> Sovvenzioni Appalti = Acquisti (Servizi - Forniture - Lavori) Sovvenzioni = Partecipazione ad un progetto

25 25 Appalti Pubblici < euro Single offer < euro Single offer < euro Single offer 5.000, < euro Competitive Negotiated Procedure 5.000, < euro Competitive Negotiated Procedure > , < euro Local Open Procedure > euro 1. International Open Procedure 2. International Restricted Procedure (exceptional cases) Works > , < euro Local Open Procedure > euro International Open Procedure Supplies in addition the new PRAG has now introduced the: competitive dialogue and dynamic procurement system before utilisation of above procedures, make sure you get the approval from your financial officer at the EC Del > euro, < euro Rule: Competitive Negotiated Procedure Exception: your Framework Contract > euro International Restricted Procedure Services

26 26 Domande di Partecipazione Appalti di Servizi - Permette la SELEZIONE - I criteri di selezione - eleggibilità - capacità finanziaria/economica - qualifica professionale e capacità tecnica - Percorsi e consigli

27 27 La Preparazione dellOfferta Appalti di Servizi - Principio della doppia busta - CV + Documenti comprovanti di supporto - Certificati di esclusività e disponibilità - Definizione esperti chiave (e gli altri esperti) - Offerta finanziaria Adesione ai Termini di Riferimento- Metodologia Budget per spese accessorie

28 28 Il Capitolato di Gara Appalti di Servizi - Informazioni complementari - Criteri dattribuzione - Conformità - Valutazione tecnica (peso 80%) - Interviste (soglia tecnica 80%) - Valutazione finanziaria (peso 20%)

29 29 Sovvenzioni Procedura locale Procedura internazionale Procedura ristretta (in due fasi) Pubblicazione del bando dinformazione preliminare globale 31/03/N

30 30 Definizione Cosa è una sovvenzione? un pagamento di natura non-commerciale a supporto della esecuzione di una azione per raggiungere un obiettivo fissato dalla EC progetti proposti da un potenziale Beneficiario prevede il solo rimborso dei costi eleggibili seguendo il principio di co-finanziamento (normalmente min. 20%) responsabilità di esecuzione del Beneficiario

31 31 Principi di base programmazionework programme annuale trasparenzapubblicazione Ex-ante & Ex-post parità di trattamento valutazione collettiva non cumulativoun Grant per azione e per Beneficiario non retroattività eccetto quando necessario co-finanziamentoa parte eccezioni No-profitbilancio tra spese ed introiti

32 32 – attenzione e specifico approccio alla ownership, controllo e visibilità – focalizzato a risultati sul lungo termine – disponibilità di staff qualificato –provate relazioni di lavoro con i Partners e altri Donatori –chiarezza nelle procedure di subappalto Cambiamenti richiesti dalla EC per la promozione di progetti di miglior qualità

33 33 La Concept Note deve rispondere ad una serie di domande in 4 sezioni nel massimo di 4 pagine una pagina per sezione (carattere non meno di Arial 10) Il primo documento: la Concept Note

34 34 1. Summary of the action Brief description of the proposed action (and the following questions) 2. Relevance: 2.1How relevant is your proposal to the needs and constraints of the target country(ies) or region? 2.2What are the problems to be resolved and the needs to be met? 2.3Who are the actors involved (final beneficiaries, target groups)? 2.4What are the objectives and expected results? 2.5What is the added value of the action (what adds the action by reference to (central or local) government action and actions implemented by non state actors)? 3. Methodology and Sustainability: 3.1What are the main project activities? 3.2Who will be your main implementing partners, what is the length of your relationship with them and how will they be involved in the project? 3.3How will the project achieve sustainability? 3.4Will it have multiplier effects? 4. Operational capacity and expertise: 4.1What is the experience of your organisation in project management? 4.2What is the experience of your organisation and your partner(s) of the issues to be addressed? Come preparare una Concept Note

35 35 1. Summary of the actionMaximum Score 2. Relevance 2.1 How relevant to the needs and constraints of the target country(ies) or region is the proposal? 2.2 How appropriately are the problems and the needs identified? 2.3 How clearly defined and strategically chosen are those involved (final beneficiaries, target groups) ? 2.4 How relevant is the proposal to the objectives and guiding principles of the call for proposals? 2.5 Does the proposed action have an added value by reference to other interventions? Methodology and Sustainability 3.1 Are the activities proposed appropriate, practical, and consistent with the objectives and expected results? 3.2 Is the partners' level of involvement and participation in the action satisfactory? 3.3 Are the expected results of the action likely to have a sustainable impact on the target groups? Operational capacity and expertise. 4.1 Do the applicant have sufficient experience in project management? 4.2 Do the applicant and partners have sufficient technical expertise? 10 TOTAL SCORE50 (min 30)

36 36 SezioneMaximum Score 1. Financial and operational capacity20 (min 12) 2. Relevance25 (min 16) 3. Methodology25 4. Sustainability15 5. Budget and cost-effectiveness15 Maximum total score100 la griglia di valutazione

37 37 il Comitato di Valutazione - Nominato dallamministrazione aggiudicante - Approvazione ex-ante in caso di decentralizzazione -Composizione : 1 Presidente (non votante) 1 Segretario (non votante) 3/5 Valutatori (votanti) Osservatori/Assessori tecnici

38 38 Dove trovare le informazioni Sito Web EuropeAid

39 39

40 40

41 41

42 42

43 43

44 44 a voi domande?

45 45 Grazie Gian Luca Bombarda


Scaricare ppt "1 Enti Locali e le EU business opportunities. 2 Larticolo 177 del Trattato dellUnione Europea (UE) enuncia le tre principali aree per la cooperazione."

Presentazioni simili


Annunci Google