La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Nonni al Centro. Il ruolo del Volontariato nella rete dei servizi per anziani. Nonni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Nonni al Centro. Il ruolo del Volontariato nella rete dei servizi per anziani. Nonni."— Transcript della presentazione:

1 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Nonni al Centro. Il ruolo del Volontariato nella rete dei servizi per anziani. Nonni e Volontari. Un progetto di integrazione fra socialità e utilità Maria Pia Bagnato Preferisco pensare a un cerchio quando penso alla vita. Non a un fiume che va verso il mare.

2 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Sintesi 1.Ipotesi 2.Analisi delle risorse: i volontari e lesperienza dei centri 3.La nostra proposta: il Centro La Noce

3 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Ipotesi n Sembra di vedere quasi una rassegnazione da parte di numerosi anziani; come se fossero in attesa più che attori protagonisti della loro vita. n In parte esclusi, in parte auto-esclusi.

4 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato I motivi n Difficoltà di salute n deterioramento cognitivo n diminuita autosufficienza n Psicopatologie n Credenze legate a queste reali, ma non sempre così disastrose, condizioni della terza età: non ce la posso fare da solo…; non sono più in grado di…; a questa età è giusto che mi riposi... vista la mia vita e il duro lavoro… ecc.

5 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato La nostra sfida n vivere rassegnati per limpossibilità di essere protagonisti, con quellatteggiamento di attesa oppure n Vivere ricercando questa nuova identità che si trasforma continuamente nel corso della nostra vita. Divenne capriolo, divenne pesce, divenne uomo e serpente, nuvola e uccello. In ogni forma però era intero, era una coppia, aveva in sé luna e sole, uomo e donna, scorreva come fiume gemello per le terre, stava come stella doppia in cielo. Herman Hesse – Favola damore. Le trasformazioni di Pictor

6 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Nel dettaglio: Credenze disfunzionali Sono vecchio/a e debole Sono vecchio/a e debole Non devo / posso faticare Non devo / posso faticare Se mi affatico mi ammalo Se mi affatico mi ammalo Ho bisogno degli altri Ho bisogno degli altri Non ho scelta e gli altri mi devono aiutare Non ho scelta e gli altri mi devono aiutare perché io sono vecchio/a e debole… perché io sono vecchio/a e debole…

7 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Le teorie sullinvecchiamento: il ciclo di vita Diversi autori hanno prodotto teorie sullinvecchiamento a partire da Freud, Piaget, Jung e altri importanti studiosi e ricercatori. ciclo di vita Un contributo fondamentale è stato dato da Erikson, il quale ha introdotto il concetto di ciclo di vita Ha cioè teorizzato che lintera vita sia contrassegnata dal susseguirsi di stadi psicosociali che non possono considerarsi conclusi in adolescenza o in età adulta.

8 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato La nostra proposta: creare una contro-cultura n n Se è vero che siamo allinterno di un ciclo di vita, e se riconosciamo che ogni età ha una nuova identità da scoprire e da riformulare; n n se è vero che siamo come sempre NOI - per quanto possibile - i protagonisti della nostra vita; n È opportuno che si interrompa il circolo autoalimentato che abbiamo descritto più sopra che è purtroppo parte della nostra cultura.

9 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Il Progetto la Noce Che cosa può mettere a disposizione la Croce Blu di Modena per contribuire a modificare le credenze disfunzionali?

10 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Abbiamo utilizzato la ricerca effettuata nel 1997 perché è un utile punto di partenza per collegare le risorse al progetto della Noce. Brevemente i risultati della ricerca: su un campione di 107 volontari, sono state analizzate alcune variabili indagate nella ricerca, tramite un questionario. Abbiamo predisposto una fotografia di quel campione che riteniamo significativo sul totale dei volontari. I Volontari

11 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Il questionario era composto da una parte per la rilevazione dei dati anagrafici che ci danno questo primo scatto: i volontari sono in maggioranza maschi, studenti, di un età cmpr fra 19 e 30 anni (60%), con titolo di studio SMS e alla 1^ esp di volont. 1/ Chi sono i volontari? Anagrafica

12 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Laltra parte del questionario ci ha permesso di analizzare variabili come la motivazione, la soddisfazione, e più in generale la percezione della qualità, in merito ad alcune attività svolte dai volontari. 2/ Chi sono i volontari? variabili

13 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Le affermazioni valutate dai volontari in una scala di accordo- disaccordo da 1 a 5 sono state raggruppate in 5 fattori attraverso lanalisi fattoriale e poi confrontate con altre variabili. 3/ Chi sono i volontari? Metodologia

14 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato 4/ Chi sono i volontari? Bisogno di relazione / soddisfazione personale Il fattore Bisogno di relazione/ soddisfazione personale correla con la presenza di amici che svolgono attività di volontariato, con la soddisfazione nelle attività prestate ed anche con la qualità delle relazioni allinterno dellassociazione.

15 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato I volontari più critici verso lassociazione (seppure con punteggi alti) sono gli studenti e in generale i vol più giovani; ancora sono più critici verso la formazione i vol con unanzianità di servizio più bassa. Questi dati sono stati confermati dal campione in esame ora, somministrato durante il / Chi sono i volontari? commenti

16 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Quello che è interessante rilevare, ai fini dellincontro di oggi, è che la Croce Blu di Modena ha effettivamente le risorse - in termini emotivi e relazionali - per poter sperimentare il Progetto la Noce. Stiamo ora verificando i dati del 2002 e abbiamo inoltre iniziato il cfr con le associazioni della provincia di Modena. 6/ Chi sono i volontari? Risorse emotive e relazionali

17 17 Cosaltro può mettere a disposizione la Croce Blu per modificare le credenze disfunzionali? CENTRI TERRITORIALI PER LA TERZA ETA

18 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato LORIGINE dei CENTRI per LA TERZA ETA LORIGINE dei CENTRI per LA TERZA ETA n Nascono come proposta di attività ricreative e di animazione per anziani che vivono prevalentemente soli e che necessitano di integrarsi nel tessuto sociale di appartenenza. n La prima esperienza risale al n 4 Centri Territoriali corrispondenti alle 4 circoscrizioni di Modena.

19 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato GLI ENTI PROMOTORI Comune di Modena Assessorato alle Politiche Sociali Croce Blu Modena Croce Blu Modena Associazione Volontari Pubblica Assistenza n ARCI n ASS. SO n AUSER n Caritas Diocesana n Comitato Anziani n UISP

20 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato IL COORDINAMENTO Dal 1997 il coordinamento dei centri territoriali è stato affidato alla cooperativa sociale OLTRE il BLU

21 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato GLI OBIETTIVI DEI CENTRI n Stimolo alla socializzazione e allo scambio intergenerazionale; n creazione di relazioni amicali; n prevenzione della solitudine e dellemarginazione sociale; n utilizzo delle potenzialità residue; n mantenimento dellautonomia;

22 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato a chi si rivolgono? n Persone che hanno compiuto il 65° anno di età n Persone autosufficienti ma con problemi di mobilità e di integrazione sociale

23 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato QUANDO si svolgono? n Si svolgono tre volte allanno ed hanno una durata di 2/3 mesi n Gli incontri hanno una frequenza settimanale variabile, in rapporto al periodo dellanno

24 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Quando ? n PERIODO AUTUNNALE: Ottobre/Dicembre (2 mesi) Ottobre/Dicembre (2 mesi) Tre centri sono aperti un giorno alla settimana, il quarto centro è aperto due giorni alla settimana, poiché è il più numeroso. Giorni di apertura complessivi: 36 n Pausa nel mese di Gennaio

25 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Quando? n PERIODO PRIMAVERILE: Febbraio/Maggio (3 mesi) Tre centri sono aperti una volta alla settimana, il quarto due volte alla settimana. Giorni di apertura complessivi: 62

26 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Quando? n PERIODO ESTIVO: Giugno/ Agosto (2 mesi e mezzo). Data la necessità estiva, tutti e quattro i centri hanno unapertura bisettimanale. Giorni di apertura complessivi: 94 Pausa nel mese di Settembre

27 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Alcuni dati n Partecipano ai Centri in ogni periodo una media di 115 anziani distribuiti nelle quattro sedi n Dalla primavera 2000 allestate 2002 sono stati effettuati trasporti di anziani dalla loro casa ai Centri e ritorno

28 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Le attività n Gioco delle carte n Lettura del giornale n Passeggiate n Attività grafico- pittoriche n Quiz e cruciverba n Ascolto musica n Attività motoria n Tombola

29 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Una nuova proposta: la musicoterapia E iniziata da alcune settimane una nuova attività: il QUIZ MUSICALE, che si inserisce nellambito di un progetto di MUSICOTERAPIA per gli anziani.

30 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Gli obiettivi del progetto musicoterapia n stimolazione mnemonica n stimolazione alla socializzazione n coinvolgimento semplice e diretto della musica n stimolo del tono dellumore grazie allaspetto ludico e musicale dellattività

31 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato n Ore 13,30 attività varie: musicoterapia o altro n Ore 14,30 Tombola n Ore 16,00 saluti e chiusura Gli orari dei centri territoriali n Ore 10,00 accoglienza n Ore 10,30 attività grafico pittoriche e lettura del giornale,ecc. n ore11,30 ginnastica n Ore 12,15 pranzo

32 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Da chi è svolto il servizio? n Animatrice. Ha il compito di coordinare e proporre le varie attività di animazione. n Assistenti di Base. Seguono gli anziani nellambito igienico-sanitario.

33 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato 2/ CHI SVOLGE IL SERVIZIO Volontari e Obiettori di coscienza. Affiancano gli operatori e si occupano del trasporto degli anziani nel tragitto dallabitazione ai Centri

34 34 Dai Centri Territoriali verso il CENTRO DIURNO LA NOCE Nonni e Volontari un progetto di integrazione fra socialità e utilità

35 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Percorso storico n Lesperienza dei primi centri svolti nellestate 1995 ha dimostrato che poteva essere mantenuto nel tempo lappuntamento estivo con i nonni. n Negli anni successivi le richieste aumentavano sia come utenza che come desiderio di aumentare le frequenze durante lanno. Nel tempo si è passati a una programmazione su tutto larco dellanno, suddivisa in diversi momenti. Questa esperienza ci ha stimolato a progettare il Centro Diurno.

36 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato LA NOCE Con entusiasmo inneggiamo un evviva Per la Noce che è quasi finita. Non tutti sanno cosè la Noce, ecco, io vi faccio da portavoce. Si tratta di una nuova costruzione di vari locali, costruita per noi anziani dove sfoggeremo le nostre arti…….. Non mancheranno assistenti e volontari che ci assistono come bravi famigliari. Siamo fortunati noi anziani modenesi, che siamo sotto la protezione del guscio di noce. Un elogio per la Croce Blu, che di tante virtù si è arricchita e dona a noi lunga vita… Prandi Egea Prandi Egea

37 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato OBIETTIVI del Centro Vivere il centro come un luogo di aggregazione e di attività ricreative, ma anche da protagonisti, come cittadini attivi, attori di un cambiamento assieme ai volontari più giovani.

38 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Crediamo che questa combinazione, questa convivenza assieme, possa essere una buona opportunità per sperimentare un progetto di integrazione fra socialità e utilità

39 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato le attività della Noce le attività della Noce Saranno quindi in parte attività ricreative e di socializzazione, integrate ad attività di volontariato. Ecco perché preferisco parlare di un cerchio: ogni uomo, ogni donna deve considerarsi allinterno di questo ciclo sempre in continua evoluzione e cambiamento, in crescita costante. Poi un giorno si interrompe… ma questo momento non appartiene alla vita.

40 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Proseguiremo con le attività che si svolgono nei centri territoriali: lettura dei quotidiani, tombola, gioco delle carte, escursioni, musicoterapia e altre attività

41 Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Siamo partiti da una provocazione, abbiamo fatto una ipotesi e verificato alcune esperienze maturate in qs 7 anni. Abbiamo guardato le risorse. Ora proveremo a sperimentare questo nuovo progetto, e speriamo che, ancora una volta con laiuto di tanti, possa essere una nuova risorsa nella rete sei servizi.

42 Il bimbo ristette lo sguardo era triste e gli occhi guardavano cose mai viste e poi disse al vecchio con voce sognante: mi piaccion le fiabe, raccontane altre… (Francesco Guccini, Il vecchio e il bambino)


Scaricare ppt "Modena 30 novembre 2002www.croceblu.org/noce.htmMaria Pia Bagnato Nonni al Centro. Il ruolo del Volontariato nella rete dei servizi per anziani. Nonni."

Presentazioni simili


Annunci Google