La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lo sport e il doping Dottor Claudio Gavioli Dott. Gustavo Savino Dott. Ferdinando Tripi Centro Regionale Antidoping Emilia Romagna.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lo sport e il doping Dottor Claudio Gavioli Dott. Gustavo Savino Dott. Ferdinando Tripi Centro Regionale Antidoping Emilia Romagna."— Transcript della presentazione:

1 Lo sport e il doping Dottor Claudio Gavioli Dott. Gustavo Savino Dott. Ferdinando Tripi Centro Regionale Antidoping Emilia Romagna

2 A lezione di alimentazione A lezione di alimentazione A cura della Dott.ssa Sabrina Severi Nutrizionista S.I.A.N. AUSL di Modena

3 Promuovere la salute: a tavola con forchetta e coltello

4 Chi avrebbe pensato che si possono combattere molte malattie (cancro, diabete, le malattie cardiovascolari..ecc) con la forchetta? Molte persone non lo sanno, ma una delle cose più importanti che tu puoi fare per proteggerti da queste malattie è seguire una dieta salutare a tavola. Cosa mangi e quanto mangi può aiutarti a ridurre i rischi dincorrere in queste malattie.

5 Mangiare bene, essere attivi e mantenere un peso corporeo salutare è il modo migliore per difendersi dalle malattie. Seguire alcune semplici raccomandazioni, condivise dalle più autorevoli associazioni scientifiche del mondo, può aiutarti ad aumentare la sensazione di benessere subito e a mantenere nel tempo un buono stato di salute.

6 Le linee guida integrali le puoi trovare nel sito:

7 Controlla il peso e mantieniti attivo Più cereali, legumi, ortaggi e frutta Grassi: scegli la qualità e limita la quantità Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Il sale meglio poco Bevande alcoliche con moderazione Varia spesso le tue scelte a tavola Consigli speciali per persone speciali La sicurezza dei cibi dipende anche da te Per approfondire: Linee guida per una sana alimentazione italiana

8 La piramide degli alimenti United States Department of Agriculture

9 Variare e combinare tra loro diversi cibi assicura un apporto adeguato di tutti i macro e micronutrienti. Utilizzare gli alimenti che ritroviamo nella piramide alimentare Per approfondire largomento (testo in inglese):

10 La più recente piramide alimentare enfatizza limportanza del movimento per mantenersi in salute.

11 La nuova piramide alimentare

12 Lalimentazione di coloro che praticano sport (atleti) non è sostanzialmente diversa da quella del resto della popolazione, deve semplicemente garantire un maggior apporto energetico in relazione ad un maggior dispendio energetico, in modo da mantenere costante il peso corporeo (nel soggetto normopeso) ALIMENTAZIONE E SPORT

13 A tavola, ogni giorno, anche per chi pratica sport vince la dieta Mediterranea. Dieta Mediterranea è un termine utilizzato per indicare una alimentazione che predilige il consumo abbondante di cereali e derivati, frutta, verdura con molta moderazione grassi animali e zuccheri semplici. Nella pratica già da alcuni decenni ci siamo allontanati da questo stile alimentare I cibi in commercio sono spesso ricchi di grassi e di zuccheri semplici consumati sia a pasto che come fuoripasto.

14 BASSO INTROITO DI GRASSI SATURI E COLESTEROLO BASSO INTROITO DI GRASSI SATURI E COLESTEROLO BUON APPORTO DI MONO E POLI-INSATURI BUON APPORTO DI MONO E POLI-INSATURI BUON APPORTO DI FIBRA, ANTIOSSIDANTI (sali minerali, vitamine) BUON APPORTO DI FIBRA, ANTIOSSIDANTI (sali minerali, vitamine) RIDOTTO CONSUMO DI ZUCCHERI SEMPLICI RIDOTTO CONSUMO DI ZUCCHERI SEMPLICI CONTENUTO APPORTO CALORICO CONTENUTO APPORTO CALORICO CONTENUTO APPORTO DI SALE (utilizzo di erbe aromatiche) CONTENUTO APPORTO DI SALE (utilizzo di erbe aromatiche) QUINDI… PREVENZIONE DI: QUINDI… PREVENZIONE DI: OBESITA OBESITA DIABETE DIABETE IPERTENSIONE IPERTENSIONE ATEROSCLEROSI ATEROSCLEROSI Malattie Cardiovascolari Malattie Cardiovascolari TUMORI... TUMORI... Vantaggi della dieta Mediterranea

15 ALIMENTAZIONE E SPORT DIETA MEDITERRANEA

16 La dieta Mediterranea assicura un apporto adeguato di nutrienti: carboidrati, grassi e proteine, sali minerali e vitamine. Quindi ogni giorno frutta e verdura, cereali e derivati (riso, pasta, pane)… Ed inoltre alternare i cibi ricchi di proteine: legumi, pesce, latte e derivati, carne, uova. Zuccheri e dolci elaborati solo sporadicamente …grassi con moderazione (per condire e cucinare preferire olio extravergine doliva).

17 E importante mantenere nella dieta abituale un livello relativamente alto nellapporto di carboidrati complessi per sopperire alla prolungata e notevole richiesta energetica durante gli allenamenti o le gare. Una dieta a basso contenuto di carboidrati compromette rapidamente le riserve energetiche necessarie per la performance (allenamento o gara)

18 Diversi studi mettono in evidenza che non è necessario ricorrere ad integrazioni (di proteine, di sali minerali, di sostanze antiossidanti…ecc) quando latleta in buono stato di salute con lalimentazione quotidiana, riesce a mantenere il peso corporeo stabile.

19 Bisogna quindi abbandonare il mito dellintegratore che contiene principi nutritivi e dunque può solo far bene e quello della - sostanza naturale - ed in quanto tale innocua. Nessun farmaco o sostanza dotata di un effetto sullorganismo è totalmente innocua: tutte, oltre a produrre leffetto caratteristico specifico, producono anche un numero più o meno grande di effetti collaterali indesiderati soprattutto se usate senza una particolare motivazione e nel modo sbagliato Tratto da F.Tripi, G. Savino, S.Severi. La nostra salute. Ed. USL Modena, 2003.

20 Può il cibo da solo fornire tutti i nutrienti necessari a mantenere un buono stato di salute ? Un alimentazione varia ed equilibrata, fornisce un apporto bilanciato ed unico che non può essere sostituito prendendo combinazioni di supplementi in pillole !!

21 Ma esistono persone che realmente necessitano di integrazioni ? Ovviamente sotto stretto controllo medico ci sono condizioni in cui luso di un integratore può essere raccomandato.

22 ….nessuna pillola a base di supplementi può riuscire ad imitare il piacere che provoca il cibo, la convivialità e la ritualità ad esso associate. Quindi possiamo concludere che il cibo è il miglior alleato per mantenere un buono stato di salute e praticare sport in sicurezza Tratto da F.Tripi, G. Savino, S.Severi. La nostra salute. Ed. USL Modena, 2003.

23 Un alimentazione varia che comprenda cereali e derivati integrali e 5 porzioni tra frutta e verdura al giorno assicura il giusto apporto di fibra alimentare. Il fabbisogno giornaliero nelladulto è pari a g/die

24 Lalimentazione abituale di chi pratica sport deve essere varia, equilibrata (in quantità e qualità) per raggiungere il massimo della performance fisica, avere un buon recupero e quindi mantenere un buono stato di salute. Prediligere preparazioni semplici, pietanze non elaborate, alimenti di qualità e di stagione.

25 Chi pratica sport deve prestare molta attenzione alla distribuzione dei pasti e degli spuntini durante la giornata. La distribuzione dei pasti nella giornata alimentare dellatleta deve essere calibrata in modo attento (in base al tipo di allenamento, alla durata, allintensità ed allorario in cui viene svolto)

26 La distribuzione dei pasti e degli spuntini durante la giornata deve essere modulata in relazione ai ritmi dellatleta. Per impostare la tabella dietetica personalizzata occorre rivolgersi a personale esperto in fisiologia dello sport e della nutrizione. evitare il fai da te

27 NELLA PRATICA QUOTIDIANA esempi per la Prima Colazione 1.Latte p.scremato, biscotti secchi, frutta di stagione 2. The leggero con limone, fette biscottate e marmellata 3. Latte p.scremato, toast al prosciutto o formaggio, un frutto. 4. Spremuta di frutta fresca, fetta di crostata di frutta 5. Latte p. scremato, pane tostato con miele o marmellata 6. Yogurt con frutta fresca a pezzi e fiocchi di cereali

28 Pranzo Esempio A Pasta al pomodoro fresco parmigiano reggiano e olio doliva extravergine verdura fresca di stagione Macedonia di frutta fresca Esempio B Pasta alle verdure saltate in padella Petto di pollo alla griglia con erbette Insalata mista - pane Esempio pasto veloce fuori casa. 2 Panini al prosciutto crudo o con mozzarella Un frutto di stagione

29 SPUNTINO (a metà mattina e/o meta pomeriggio) Esempio 1. Panino con pomodoro e tonno, un frutto Esempio 2. Coppetta di gelato misto, acqua Esempio 3. Fetta di torta, macedonia di frutta, acqua Esempio 4. Succo di frutta, acqua, biscotti secchi Esempio 5. Toast al prosciutto o al formaggio, acqua Esempio 6. Yogurt, fiocchi di cereali, acqua

30 Cena Minestrone con legumi e riso Pesce al forno con verdure Un frutto di stagione Oppure Carne magra alla griglia Verdura mista cotta o cruda Pane comune Macedonia di frutta Cena fuori casa ? Pizza Margherita Verdura - Acqua - Macedonia di frutta

31 ACQUA Lacqua è la bevanda da prediligere anche da chi pratica sport. Tra i cibi la verdura e la frutta sono i più ricchi di acqua, ed inoltre apportano sali minerali e vitamine. BEVANDE E SPORT

32 Intake of sugar-sweetened beverages and weight gain: a systematic review Vasanti S Malic, Matthias B Shulze and Frank B Hu AJCN August Volume 84, number 2 In uno studio scientifico pubblicato recentemente

33 … viene messo in evidenza che il consumo di BEVANDE DOLCI GASSATE (dette anche Soft drink ossia le bevande con zuccheri aggiunti - non nutritive) è aumentato moltissimo

34 Aumento del consumo Aumento dellintake calorico BEVANDE DOLCI GASSATE concorre a determinare

35 Ogni porzione (12 oz) fornisce una quantità pari a gr di zuccheri = 10 cucchiaini di zucchero BEVANDE DOLCI GASSATE

36 Laumento del consumo di bevande dolci concorre a definire laumento della prevalenza del sovrappeso e dellobesità nei bambini e negli adolescenti nel mondo BEVANDE DOLCI GASSATE Le bevande dolci sono consumate in sostituzione allacqua ed al latte, in aggiunta al cibo solido - non in sostituzione !

37 Rischio di diabete Rischio di fratture Rischio di carie dentale BEVANDE DOLCI GASSATE Il consumo di bevande dolci favorisce oltre allaumento di sovrappeso ed obesità nella popolazione

38 Anche uno studio realizzato nel 1998, dal Centro di Medicina dello Sport dellAzienda USL di Modena sui consumi alimentari degli allievi della scuola di Basket di Modena, ha evidenziato che in 5 anni di vita, ogni giovane atleta avrebbe consumato, in media 800 litri di bevande dolci !!!!

39 CONCLUSIONI Il consumo di bevande dolci gassate, e delle bevande alla frutta è aumentato drammaticamente. I giovani consumatori devono essere educati sul consumo di bevande. Il consumo di bevande dolci deve essere sostituito dal consumo di altre bevande come lacqua, il latte parzialmente scremato e solo in piccole quantità da succhi di frutta. From: Intake of sugar-sweetened beverages and weight gain: a systematic review Vasanti S Malic, Matthias B Shulze and Frank B Hu AJCN August Volume 84, number 2

40 E i famosi INTEGRATORI ? Sono realmente utili ? Fanno bene o fanno male alla salute ? E senza dubbio un tema di grande attualità

41 Innanzitutto il concetto di INTEGRAZIONE presuppone una dieta carente o inadeguata, tanto da richiedere una supplementazione a base di sostanze che compensino il deficit nutrizionale. Mai come in questi ultimi decenni, nei Paesi industrializzati, vi è stata abbondanza di cibo; un cibo iperproteico ed ipercalorico che spesso è alla base dellobesità che si sta diffondendo in modo pauroso e preoccupante. Perchè allora la necessità di integratori alimentari ?. S. Garattini, Negri News, 2003 Chi assume integratori dunque ritiene scontato, in assenza di riscontro medico che attesti delle carenze, che la propria alimentazione non sia sufficiente alle richieste dellorganismo.

42 Da quanto detto si deduce che la pratica delluso di integratori è soprattutto una moda e che unalimentazione incentrata sul consumo di carboidrati, frutta e verdura contiene una quantità più che soddisfacente di nutrienti.

43 Quando si parla di integratori a cosa ci si riferisce? Fondamentalmente alle seguenti categorie: ERGOGENICI (integratori che dovrebbero produrre energia) tra cui gli integratori proteici (a base di proteine del latte, delluovo, etc.); creatina. PER IL RECUPERO Aminoacidi ramificati, carnitina, Sali minerali.

44 Sullefficacia reale scientificamente provata degli integratori rispetto ad una dieta corretta ci sono seri dubbi, e questo lo abbiamo già visto. E fondamentale però spostare lattenzione su alcuni importanti studi che hanno ipotizzato labuso di integratori come possibile causa di gravi patologie come la SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica) o Morbo di Gherig SOMMANDO QUESTE DUE CONSIDERAZIONI LA RISULTANTE E: NE VALE LA PENA ?

45 SLA (o malattia di Lou Gehrig) GRAVISSIMA MALATTIA DEL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO CHE PRENDE IL NOME DAL GIOCATORE DI BASEBALL AMERICANO PER PRIMO COLPITO NEGLI ANNI 60. Nellarco di 2 anni provoca la perdita della trasmissione dellimpulso motorio con conseguente atrofia dei muscoli e paralisi generalizzata fino al blocco respiratorio e quindi al decesso. Questa malattia che nella popolazione generale ha una incidenza molto bassa, nella categoria dei calciatori assume una rilevanza epidemiologica notevole (30 volte più frequente).

46 Il morbo di Gehrig li colpisce fino a 12 volte di più. Lo studiodi due ricercatori italiani su 24 mila atleti tra il '60 e il '96 Calciatori malati di integratori con un terribile sospetto Nel mirino l'uso elevatissimo degli aminoacidi ramificati Gianluca Signorini, ex capitano del Genoa, deceduto per SLA nel 2002 DECESSI PER SLA

47 In conclusione Con questa relazione necessariamente sintetica abbiamo voluto trasmettervi gli elementi basilari di conoscenza di un fenomeno come il doping purtroppo diffuso e in via di espansione. E evidente che ci sarebbero approfondimenti da studiare, domande a cui rispondere e curiosità da soddisfare. Per questo siamo a disposizione come CENTRO REGIONALE ANTIDOPING della REGIONE EMILIA ROMAGNA, attraverso i nostri servizi di informazione di cui di seguito vi forniamo le coordinate.

48 Una corretta ed approfondita conoscenza dei rischi per la salute è secondo noi alla base della lotta al doping Del resto alcuni secoli fa un tipo che si dilettava a scrivere in versi sosteneva che Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtude e conoscenza… (Dante Alighieri, La Divina Commedia, Inferno)

49

50 Cosè? E una linea dedicata con numero verde (telefonata gratuita da tutta Italia) attraverso la quale si possono avere informazioni sulle sostanze dopanti o sospette tali, sui loro effetti sulla prestazione sportiva, sugli effetti collaterali, sui rischi relativi al loro uso, sulle interazioni con altri farmaci, sostanze, cibi e bevande. E possibile avere informazioni anche su integratori e prodotti di erboristeria, sui farmaci in generale relativamente al loro impiego, alle indicazioni duso ed alla loro eventuale pericolosità nella pratica sportiva. Quando funziona ? La linea è attiva dal 18 marzo 2002 ed è a disposizione degli utenti tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 12:00 alle ore 14:00, le risposte ai quesiti vengono fornite al momento della telefonata oppure via fax o via entro 24 ore dalla formulazione della domanda. Chi Risponde ? In linea rispondono i MEDICI delle Scuole di Specializzazione in Tossicologia Medica e Farmacologia Clinica della Facoltà di Medicina dellUniversità degli Studi di Modena. TELEFONO PULITO

51


Scaricare ppt "Lo sport e il doping Dottor Claudio Gavioli Dott. Gustavo Savino Dott. Ferdinando Tripi Centro Regionale Antidoping Emilia Romagna."

Presentazioni simili


Annunci Google