La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sviluppo regionale Transdolomites quali opportunità per un trasporto sostenibile in Valle di Fassa Pozzo di Fassa, il 22.10.04 La nuova ferrovia del Brennero.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sviluppo regionale Transdolomites quali opportunità per un trasporto sostenibile in Valle di Fassa Pozzo di Fassa, il 22.10.04 La nuova ferrovia del Brennero."— Transcript della presentazione:

1 Sviluppo regionale Transdolomites quali opportunità per un trasporto sostenibile in Valle di Fassa Pozzo di Fassa, il La nuova ferrovia del Brennero – Lo studio dimpatto ambientale: unanalisi critica Flavio V. Ruffini

2 Sviluppo regionale I valichi più importanti nellarco alpino Arco alpino A Arco alpino B Arco alpino C

3 Sviluppo regionale 20 anni = raddoppio 183,3 144,6 68,2 ca. 92,8 mio. t Trasporto merci – situazione attuale

4 Sviluppo regionale Quelle: Trasporto merci – Brennero

5 Sviluppo regionale Alternativ Szenario 1 Alternativ Szenario 2 Basis Szenario + Federal Office for Spatial Planning, Bern 2004 Mrd. t km Prospettive trasporto merce – Svizzera

6 Sviluppo regionale Prospettive traffico merci – Svizzera

7 Sviluppo regionale Prospettive trasporto privato motorizzato Strada (TPM) Ferrovia (TP) Totale TPM e TP Svizzera Prestazioni di traffico (vkm) +16 % %+30 % %+18 % % Modal Split74 % - 85 %15 % - 26 % Unione Europea Prestazioni di traffico (vkm) +19 % %+26 % - 87 %+24 % %

8 Sviluppo regionale 2002 Trasporto merci – Brennero (38) (67) (29) eco-punti capacità ferrovia attuale Millioni tonellate nette Prognosi 2015 Scenario di minimo / consenso Prognosi 2015 Scenario di minimo / consenso Rotaia Strada Strada + Rotaia crollo ponte - Kufstein Lavori Unterinntal terminati

9 Sviluppo regionale Limiti di capacità – linea esistente Nel 2015 si raggiungerà in ogni caso il limite di capacità della rete ferroviaria attuale, e ciò anche se nei prossimi anni si realizzeranno le ottimizzazioni proposte dagli operatori nel trasporto ferroviario Lautostrada del Brennero, anche in caso di raddoppio del volume di traffico dagli attuali a autoveicoli al giorno e anche considerando i traffici locali, non registrerà colli di bottiglia (allinfuori del periodo di alta stagione per i viaggi)

10 Sviluppo regionale Le interazioni

11 Sviluppo regionale Ferrovia Strade Autostrade marine Ristrutturazione Progettazione nuova e ristrutturazione Le interazioni

12 La linea del Brennero

13 Sviluppo regionale Progetti in TEN-T Lista 1: Progetto-nr. 5: Berlino–Verona–Napoli/Milano–Bologna

14 Sviluppo regionale 1. Linee ferroviaria mista Berlino – Verona – Napoli/Milano – Bologna Vantaggi prospettati: Laumento della capacità e della qualità del servizio attirerà nuovo traffico ferro- viario, riducendo la congestione sulle strade grazie al trasferimento di passeggeri e merci verso la ferrovia. Tutto ciò è molto importante per una regione molto sensibile sotto il profilo ecologico come quella alpina in cui leccessivo traffico stradale causa gravi problemi ambientali. Lista 1: Progetti prioritari da avviare prima del 2010 Progetti prioritari nella rete TEN-T

15 Sviluppo regionale > (…) i rilievi tecnici per il Tunnel del Brennero devono concludersi entro il In seguito una comunione-concessionaria con Partner pubblici-privati potrebbe avviare i lavori per arrivare alla conclusione nella realizzazione del Tunnel circa nel Leconomia del tunnel del Brennero e i relativi collegamenti di accesso, dipende da un fermo impegno dei paesi interessati a promuovere una politica di trasporto favorevole allintermodalità nello spirito della Convenzione Alpina. Lidea di nuove capacità stradali sugli assi competitivi, anche a breve e medio termine, non è compatibile con questo progetto. Programmi finanziari provvisori mostrano, come sia possibile realizzare il tunnel entro la data stabilita, se si contribuisce al suo finanziamento attraverso la tariffazione. Berlino-Verona-Napoli/Milano-Bologna

16 Sviluppo regionale Cofinanziamenti attraverso UE Progettazione: 50 % Realizzazione progetto:30 % (sino ad ora < 10%, proposta 2001 < 20 %) Progetti prioritari nella rete TEN-T Commissione Europea Delibera 1. ottobre 2003

17 Sviluppo regionale Convenzione delle Alpi Protocollo trasporti Art. 7, Abs. 1 (sottoscritto a Lucerna, il ): Nellinteresse della sostenibilità le parti contraenti si impegnano ad attuare una gestione (…) nel contesto di una rete di trasporti integrata, coordinata e transfrontaliera tesa a a)coordinare i vettori, i mezzi e i tipi di trasporto e a favorire lintermodalità; b) sfruttare nel modo migliore i sistemi e le infrastrutture di trasporto esistenti nel territorio alpino, (…), e a imputare a coloro che li causano i costi infrastrutturali ed esterni, differenziandoli a seconda dellimpatto causato; c)incidere (…) a favore del trasferimento dei servizi di trasporto di persone e merci su quel vettore che di volta in volta risulti il più rispettoso dellambiente, nonchè sui sistemi intermodali di trasporto; d) valorizzare e sfruttare i potenziali di riduzione del volume di traffico.

18 Sviluppo regionale Al fine di strutturare la particolare idoneità della ferrovia per soddisfare la domanda di trasporto a lunga distanza e al fine di un migliore sfruttamento della rete ferroviaria per la valorizzazione economica e turistica del territorio alpino, le Parti contraenti, nellambito delle loro competenze, sostengono: Convenzione delle Alpi Protocollo trasporti Trasporto su rotaia e navigazione (Art. 10, Abs. 1) a)il miglioramento dellinfrastruttura ferroviaria tramite la costruzione e lo sviluppo di grandi assi transalpini, inclusi i relativi raccordi e adeguati terminali; b)lulteriore ottimizzazione gestionale e lammodernamento della ferrovia (…); c)i provvedimenti tesi a trasferire sulla rotaia in particolare il trasporto merci a lunga distanza (…); d)i sistemi di trasporto intermodali, nonché lulteriore sviluppo della ferrovia; e)il maggiore utilizzo della ferrovia e la creazione di sinergie (…).

19 Il progetto del Brennero

20 Sviluppo regionale Tratto internazionale Internationaler Streckenabschnitt Fasi prioritarie Prioritäre Abschnitte Linee esistenti Bestehende Strecke Linee AV/AC Hochleistungsstrecke Interconnessione Ponte Gardena Verknüpfung Waidbruck Interconnessione Bolzano Nord (Prato Isarco) Verknüpfung Bozen Nord (Blumau) Fortezza Franzensfest e Bolzano Bozen Bronzolo Branzoll Verona Trento Trient Interconnessione Bronzolo Verknüpfung Branzoll Interconnessioni di Trento Verknüpfungen Trient Interconessione Verona nord Verknüpfung Verona Nord Mezzocorona Rovereto Bologna Innsbruck Milano – Venezia Mailand – Venedig I lotti prioritari

21 Sviluppo regionale Progetti inoltrati I progetti: Galleria di base del Brennero: Report 2002, BBT-EWIV, maggio 2001 Accesso sud: ITALFERR/SWS, su incarico di RFI, Gli studi di impatto ambientale: Galleria di base del Brennero : TAE-ILF, su incarico di BBT-EWIV, Accesso sud in Alto Adige: EURAC, su incarico di RFI, Accesso sud in Trentino e Verona: TECNIC, su incarico di ITALFERR, Procedure di approvazione: Galleria di base del Brennero: procedura sovranazionale (BBT) Accesso sud: procedura in Italia, interregionale

22 Sviluppo regionale Studi sui possibili corridoi della linea ferroviaria del Brennero Fonte: Erich Mier, 1983

23 Sviluppo regionale Profilo longitudinale Monaco - Verona Monaco München Innsbruck Brennero Brenner Fortezza Franzensfeste Ponte Gardena Waidbruck Bolzano Bozen Verona 1000 m 500 m 0 m s.l.m. km NORD SUD SÜD 750m 1370m FORTEZZA FRANZENSFESTE BRENNERO GALLERIA DEL GERMANIA DEUTSCHLAND AUSTRIA ÖSTERREICH ITALIAITALIEN INNSBRUCK 570m 8 Pendenza max. in Linea esistente 1222

24 Sviluppo regionale Corografia generale St. Jakob s.Giacomo MFB STEINACH Stazione multifunzione MFS - Umfahrung INNSBRUCK Posto multifunzione circonvallazione MFS WIESEN / PRATI Posto multifunzione Kematen Caminata Tulfer Tulves Brenner Brennero Sterzing Vipiteno Matrei a.Br. Igls Innsbruck Steinach a.Br. Zufahrtstunnel WOLF Galleria d´accesso WOLF Zufahrtstunnel AHRNTAL Galleria d´accesso AHRNTAL Zufahrtstunnel PFITSCH Galleria d´accesso VIZZE Zwischenangriff MAULS Attacco intermedio MULES Zwischenangriff Franzenensfeste Attacco intermedio Fortezza Mauls Mules Servicetunnel Aicha Galleria di servizio Aica Franzensfeste Fortezza Linea esistente Linea nuova PMF e SMF Collegamento circonvallazione di Innsbruck Galleria daccesso e attacco intermedio

25 Sterzing Vipiteno Brixen Bressanone Bozen Bolzano BBT:55 km di cui in Italia 22 km Lotto 1: 21,5 km di cui 260 m viadotto + interconessione Ponte Gardena 3,3 km~ Completamento: 22 km Lotto 2: 14,5 km incluse interconessioni Completamento: 28 km di cui a cielo aperto1,8 km Lunghezza totale in Alto Adige 108 km, 98 % galleria Tracciati in Alto Adige

26 Sviluppo regionale Trento Mezzocorona Rovereto Mori Il tracciato previsto nel Trentino Tracciato respinto dalla Giunta provinciale

27 Sviluppo regionale Le gallerie

28

29 Sviluppo regionale Sviluppo complessivo circa 180 Km Sviluppo lotti funzionali circa 90 Km Velocità di tracciato 250/220 Km/h, Pendenza massima longitudinale in linea 11/13,3 Capacità: 250 treni/giorno nella prima fase funzionale Capacità: 400 treni/giorno a quadruplicamento avvenuto Trazione elettrica: 25 KV ca / 3 KV cc Caratteristiche della linea daccesso sud

30 Sviluppo regionale Smarino - sud Aggregati in calcestruzzo Fornitura da SUD verso NORD Riempimento, terrapieno Deposito finale Classi di materiale [m³] in banco PortaleABCTOTALE [m³] Wiesen Mauls / Fortezza / Aica TOTALE Fonte: GEIE Galleria di base del Brennero SIA Studio di impatto ambientale legge obiettivo 190

31 Sviluppo regionale Tratte Nome Lungh.km Quantità materiale m 3 Quantità di materiale riutilizzabile m 3 Lotto I Totale Quantità di materiale da allocare in deposito m 3 Scaleres 15, Gardena 5, Lotto II Val dEga 10, Gallerie accesso sud – lotti prioritari

32 Sviluppo regionale Costi Galleria di base Brennero Complessivo galleria4.300 Mio. Complessivo galleria4.300 Mio. Accesso sud – solo lotti prioritari: Lotto I Fortezza – Ponte Gardena1.456 mio. Lotto II Circonvallazione di Bolzano 795 mio. Lotto IIIAccesso a Verona 249 mio. ______________________________________________________ Totale per tre lotti mio. IV. Lotto Circonvallazione di Trento mio. Complessivo accesso sud, secondo progettazione preliminare RFI mio. Complessivo accesso sud, secondo progettazione preliminare RFI mio.

33 Considerazioni Può il potenziamento della linea ferroviaria alleggerire il problema del traffico lungo la direttrice del Brennero?

34 Sviluppo regionale Il trasporto pubblico và potenziato Obbiettivo Il trasporto merci deve essere orientato più decisamente sulle rotaie ? Arge Alp 1985

35 Sviluppo regionale Cosa dobbiamo constatare? La crescita del traffico stradale non si è autoregolata – come è stato ipotizzato – al raggiungimento di determinate quantità lungo le assi stradali (vedi Piano di trasporti Arge Alp, 1985) Non avverrà mai – neanche in futuro – un autolimitazione, se non attraverso misure fiscali e normative.

36 Sviluppo regionale Cosa dobbiamo riconoscere il traffico conseguente agli sviluppi politici ed economici in Europa continuerà a crescere; che le attuali reti di trasporto non sono in grado di fare fronte alla crescente richiesta di mobilità per motivi tecnici ed ecologici; che dobbiamo recuperare il ritardo nello sviluppo ferroviario (capacità, velocità ed organizzazione) e di trasformare il sistema ferroviario esistente in un sistema moderno, efficiente ed effettivo; che abbiamo assolutamente bisogno di una verità di costi nei trasporti; Abbiamo bisogno di una politica dei trasporti coerente e sostenibile;

37 Sviluppo regionale Gestione del traffico merci – livelli dazione Politica dei trasporti Fattori socioeconomici Economia dei trasporti e logistica

38 2003: 1,3 milioni mezzi pesanti 2009: mezzi pesanti Trasferimento strada – rotaia 2000: 1,4 milioni mezzi pesanti Obbiettivi quantificabili

39 Sviluppo regionale Strada mezzi p mezzi p. -8 % Quantità merci [t] strada Quantità merci [t] rotaia 8,9 mio.11, 6 mio.+30 % -3%20,6 mio.19,9 mio. Monitoraggio

40 Sviluppo regionale Finanziamento della riforma ferroviaria Indebitamento: ca. 15 % Tassa su petrolio e benzina: ca. 10 % IVA (0,1 %): ca. 20 % Tassa trasporto merci su strada: 55 %

41 Già ieri è stato deciso come sarà il traffico di domani. Oggi dobbiamo impostare gli scambi, per deviare il traffico del dopodomani su binari di maggiore sostenibilità!!!!


Scaricare ppt "Sviluppo regionale Transdolomites quali opportunità per un trasporto sostenibile in Valle di Fassa Pozzo di Fassa, il 22.10.04 La nuova ferrovia del Brennero."

Presentazioni simili


Annunci Google