La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Workshop: La rete CIVINET – Condividere per migliorare Buone pratiche e strategie di mobilità sostenibile Roma, 20 Novembre 2012 CITYPORTO MODENA Riduzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Workshop: La rete CIVINET – Condividere per migliorare Buone pratiche e strategie di mobilità sostenibile Roma, 20 Novembre 2012 CITYPORTO MODENA Riduzione."— Transcript della presentazione:

1 Workshop: La rete CIVINET – Condividere per migliorare Buone pratiche e strategie di mobilità sostenibile Roma, 20 Novembre 2012 CITYPORTO MODENA Riduzione delle emissioni inquinanti attraverso un progetto di logistica urbana per la consegna delle merci nel centro storico di Modena Antonio Nicolini Responsabile progettazione servizi - aMo

2 INTRODUZIONE 2/

3 Il Cityporto è un servizio di logistica urbana per la cosiddetta "last mile delivery" nellarea urbana di Modena attivo dal luglio 2007 Lobiettivo del progetto è la razionalizzazione della distribuzione delle merci in città per ridurre il numero di veicoli circolanti nel centro storico di Modena, con una conseguente diminuzione dellinquinamento Introduzione 3/

4 HUB logistica urbana last mile Corrieri Fornitori Attività commerciali Altro Centro storico di Modena Schema Introduzione NO ECO ECO

5 CARATTERISTICHE DEL PROGETTO 5/

6 Modena è una città con circa abitanti con un centro storico di circa un km 2. Circa 700 attività commerciali (su un totale di in tutta la città) sono nel centro storico. Da un punto di vista delle dimensioni, il sistema commerciale dellintera città è focalizzato su attività commerciali di vicinato: % attività con una superficie fino 250 m % attività con una superficie tra i 250 e i 1500 m % attività commerciali medio-grandi Il centro storico è caratterizzato da: - alta concentrazione di attività commerciali - piccole dimensioni (38,4% delle attività ha una superficie di vendita inferiore a 30 m 2 ); - prevalenza del settore abbigliamento e cura personale (che sono circa il 50% dei negozi del centro). Caratteristiche del progetto Contesto

7 A Modena per laccesso allarea urbana e definito un sistema di passaggi e zone di stop dedicate per i veicoli pesanti (> 60 quintali), laccesso al centro storico è regolamentato con una ZTL controllata elettronicamente con un sistema di varchi in accesso. La ZTL copre circa m 2 e include il 70% del centro storico. Viene consentito ai corrieri e trasportatori laccesso gratuto per carico e scarico tramite il rilascio di appositi permessi in 2 fascie orarie giornaliere, dal 2010 nel periodo invernale possono entrare solo motorizzazioni almeno euro 3. Alcune informazioni di massima (fonte Polizia Municipale): - permessi rilasciati allinizio del progetto : (oltre 250 al giorno); - il 27% dei permessi rilasciati era per la consegna merci (70 al giorno). Caratteristiche del progetto Regolamenti

8 Il progetto ha ricevuto un finanziamento dalla regione Emilia-Romagna del 50% delle risorse che sono state necessarie per l'acquisto di beni funzionali per i servizi (mezzi, attrezzature, sistemi di informazione) per un importo di ,00 Il finanziamento del restante 50% di costi di start up è stato in carico al Comune di Modena Per sostenere la gestione di Cityporto è stato effettuato un accordo tra: Comune di Modena - Provincia - Camera di Commercio - aMo Il coordinamento operativo del progetto fino al 2011 è stato in carico ad aMo, mentre le attività operative di gestione (stoccaggio e distribuzione) erano assegnate a una cooperativa sociale. Dal 2012 la gestione, tranne il coordinamento tecnologico, e stata trasferita alla cooperativa. Dallaprile 2012 il progetto non ha più finanziamenti pubblici in conto gestione. Caratteristiche del progetto Finanziamento e gestione

9 REALIZZAZIONE 9/

10 Realizzazione Nel 2004 è stata effettuata una ricerca sugli attori della distribuzione urbana delle merci. Le principali variabili oggetto di indagine sono state: modalità di consegna: tempo, frequenza, quantità consegnata (per unità logistica, in peso o volume); tipo di consegna (per conto proprio oper conto terzi, fornitore, ecc) tipi di prodotti, se a temperatura controllata, se fragili ecc; eventuali costi del servizio; Sono stati intervistati 421 soggetti tra trasportatori e commercianti. Successivamente è stato redatto un piano triennale di attività. Analisi

11 Le merci sono raccolte nel "punto di transito del Cityporto Il punto di transito si trova in posizione ottimale rispetto al centro della città, su una delle principali strade di accesso alla città, vicina allanello della tangenziale. In Cityporto le merci sono posizionate e organizzate secondo la loro destinazione e consegnate possibilmente in giornata. Realizzazione Operatività

12 Per la distribuzione delle merci, il Cityporto utilizza solo veicoli ecologici - 2 elettrici e 1 metano - che possono accedere in qualsiasi momento al centro storico e alle zone a traffico limitato; per ottimizzare il carico si distribuiscono colli anche nellarea urbana. Vengono utilizzati i documenti di viaggio degli operatori - con cui sono stati sottoscritti specifici contratti commerciali - bolla di accompagnamento della spedizione e distinta di viaggio del corriere. Realizzazione Operatività

13 Un sistema informativo gestisce il tracking delle spedizioni. Il sistema tecnologico è strutturato per ridurre al minimo lo sforzo amministrativo dal personale di magazzino, con l'uso di dispositivi portatili nel transit point e sui mezzi per minimizzare le le possibilità di errore e automatizzare le operazioni. Gli operatori, relativamente alle consegne effettuate per loro conto, ricevono informazione in tempo reale di modifica/anomalie delle condizioni di consegna (merci arrivate nel deposito danneggiate, mancanza di merci rispetto ai documenti accompagnatori, merce danneggiata durante la consegna, merce non accettata, destinatario assente, ecc.). Realizzazione Operatività

14 Le tariffe applicate dipendono principalmente dal peso della merce consegnata. Il prezzo è tipicamente composto da una parte fissa, una parte variabile in funzione del peso e/o del volume, e dei costi aggiuntivi come la distribuzione ai piani, il preavviso telefonico, leventuale contrassegno, ecc.. Il costo della consegna è a carico degli operatori che consegnano la merce a Cityporto, ed è compreso nel prezzo della spedizione pagato da chi invia la merce. Realizzazione Prezzi 0.14per kg trasportato 1,61per collo 8,37per spedizione TARIFFE MEDIE

15 RISULTATI 15/

16 I numeri relativi alle attività svolte da Cityporto di Modena nei primi cinque anni di vita sono: Anno n. spedizioni n. Colli consegna ti Peso totale trasportato (kg) Peso medio di ogni spedizione (kg) Numero medio di colli per spedizione Numero medio spedizioni al giorno ,3081, ,7275, ,4966, ,1581, ,48114,48732 Si stima che il Cityporto intercetta circa il 20% delle merci consegnate da terzi nel centro di Modena Risultati Quantità

17 Nei primi cinque di attività (dal luglio 2007 al luglio 2012) sono stati percorsi dai mezzi di Cityporto circa km con veicoli ecologici. Si stima che di conseguenza non sono stati percorsi, dagli operatori che si sono rivolti a CityPorto, circa km con mezzi non ecologici. La seguente tabella riporta i dati sul minor inquinamento prodotto dalla attivazione del servizio Cityporto. Risultati Benefici ambientali Totale (dal 2007) Per anno CO 2 (t)255 PM10 (kg)500100

18 SVILUPPI 18/

19 Lattività di CityPorto si e stabilizzata nel corso degli anni. Il numero di spedizioni e rimasto costante, con numeri complessivi che non consentivano la copertura dei costi gestionali. La crisi economica non ha permesso le implementazioni previdibili. Quindi si e cercato di ottimizzarne le attività, al fine di massimizzare l'utilizzo delle risorse per migliorare la sotenibilità economica. All inizio del 2011 e stato attivato un nuovo servizio, attraverso un accordo tra il Comune di Modena ed Hera, che ha consentito di creare nuove sinergie organizzative. Il progetto Porta a porta cartone e un servizio di raccolta del cartone inutilizzato dalle attività commerciali del Centro Storico, che prima veniva prelevato dai mezzi della società di gestione dei rifiuti e che ora viene prelevato dai mezzi di CityPorto già presenti nel centro cittadino. I 700 operatori del centro consegnano i cartoni ridotti di volume ai mezzi di CityPorto, che li conferiscono alla piattaforma di smaltimento di Hera. Sviluppi Il progetto Porta a Porta di raccolta cartone

20 CONSIDERAZIONI 20/

21 Il progetto ha ottenuto ottimi risultati in particolare considerando i seguenti aspetti: Non sono state applicate restrizioni allaccesso al centro storico agli operatori, è di fatto gratuito (serve solo un permesso); Per i corrieri ladesione volontaria al Cityporto è stato un passo importante, non facile dal punto di vista dell'organizzazione interna; I risultati in termini di minore inquinamento sono significativi e sono ulteriormente migliorati con lavvio del progetto Porta a Porta. Dopo quasi sei anni di attività Cityporto sembra aver raggiunto la massima capacità operativa con le condizioni attuali (accesso libero nella ZTL). Lampliamento dei vincoli di ingresso al centro, favorirebbe la crescita delle performances di un sistema che ha dimostrato di poter funzionare, migliorando la vita della città storica. Senza lintegrazione con il progetto Porta a Porta probabilmente non ci sarebbero state le condizioni per la sua sostenibilità economica. Considerazioni

22 Workshop: La rete CIVINET – Condividere per migliorare Buone pratiche e strategie di mobilità sostenibile Roma, 20 Novembre 2012 CITYPORTO MODENA Riduzione delle emissioni inquinanti attraverso un progetto di logistica urbana per la consegna delle merci nel centro storico di Modena Grazie per la vostra attenzione Antonio Nicolini Responsabile progettazione servizi – aMo


Scaricare ppt "Workshop: La rete CIVINET – Condividere per migliorare Buone pratiche e strategie di mobilità sostenibile Roma, 20 Novembre 2012 CITYPORTO MODENA Riduzione."

Presentazioni simili


Annunci Google