La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Non seguono più di dieci minuti! Non si concentrano! Si distraggono facilmente! Non hanno capito niente!! Ho spiegato più volte lo stesso argomento!

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Non seguono più di dieci minuti! Non si concentrano! Si distraggono facilmente! Non hanno capito niente!! Ho spiegato più volte lo stesso argomento!"— Transcript della presentazione:

1

2 Non seguono più di dieci minuti! Non si concentrano! Si distraggono facilmente! Non hanno capito niente!! Ho spiegato più volte lo stesso argomento!

3 Fenomeno diffuso nella società di oggi (adulti, bambini ed adolescenti). Si vive in una società di suoni e rumori, di immagini, di messaggi che conduce la maggior parte delle persone a sentire/udire senza ascoltare. Si assumono così atteggiamenti passivi che non consentono di distinguere ciò che è futile da ciò che è invece rilevante. Fenomeno diffuso nella società di oggi (adulti, bambini ed adolescenti). Si vive in una società di suoni e rumori, di immagini, di messaggi che conduce la maggior parte delle persone a sentire/udire senza ascoltare. Si assumono così atteggiamenti passivi che non consentono di distinguere ciò che è futile da ciò che è invece rilevante. Maria 13 maggio 2011

4 Predisposizione ad un ascolto passivo. Predisposizione ad un ascolto passivo. In famiglia le occasioni di dialogo sono ridotte, se non assenti. Quando ci sono, si privilegia il parlato, dando per scontato la capacità di ascolto. Si presume che si sappia ascoltare. Il codice visivo-iconico acquista sempre più unimportanza fondamentale nella comunicazione. Implicazioni nelle modalità di apprendimento. Predisposizione ad un ascolto passivo. Predisposizione ad un ascolto passivo. In famiglia le occasioni di dialogo sono ridotte, se non assenti. Quando ci sono, si privilegia il parlato, dando per scontato la capacità di ascolto. Si presume che si sappia ascoltare. Il codice visivo-iconico acquista sempre più unimportanza fondamentale nella comunicazione. Implicazioni nelle modalità di apprendimento. Maria 13 maggio 2011

5 A scuola non sempre si educa allascolto. Per imparare ad ascoltare occorre insegnare ad ascoltare. Questobiettivo si raggiunge in maniera graduale e progressiva attraverso una pianificazione curricolare che investa il processo formativo dello studente a partire dalla scuola dellinfanzia fino al termine della scuola secondaria di II grado A scuola non sempre si educa allascolto. Per imparare ad ascoltare occorre insegnare ad ascoltare. Questobiettivo si raggiunge in maniera graduale e progressiva attraverso una pianificazione curricolare che investa il processo formativo dello studente a partire dalla scuola dellinfanzia fino al termine della scuola secondaria di II grado Maria 13 maggio 2011

6 Lascolto non è un atto passivo ma costruttivo: chi ascolta non recepisce soltanto messaggi, mette in atto azioni mentali quali la comprensione dei differenti sensi trasmessi ( reali e metaforici), rileva rimandi ed allusioni, opera inferenze, ricerca collegamenti per colmare vuoti logici, interpreta segni visivi e sonori, etc. Investe capacità di comprensione (aspetto cognitivo) Lascolto non è un atto passivo ma costruttivo: chi ascolta non recepisce soltanto messaggi, mette in atto azioni mentali quali la comprensione dei differenti sensi trasmessi ( reali e metaforici), rileva rimandi ed allusioni, opera inferenze, ricerca collegamenti per colmare vuoti logici, interpreta segni visivi e sonori, etc. Investe capacità di comprensione (aspetto cognitivo) Maria 13 maggio 2011

7 Perché i ragazzi non ascoltano? I motivi non sono sempre legati allincapacità psicologica o emotiva di decentrarsi da parte dei ragazzi. Vi sono altri fattori, quali ad esempio. La scarsa attenzione ad una didattica delloralità. Lidentificazione dellascolto con lo stare zitti ad ascoltare chi parla. Perché i ragazzi non ascoltano? I motivi non sono sempre legati allincapacità psicologica o emotiva di decentrarsi da parte dei ragazzi. Vi sono altri fattori, quali ad esempio. La scarsa attenzione ad una didattica delloralità. Lidentificazione dellascolto con lo stare zitti ad ascoltare chi parla. Maria 13 maggio 2011

8 Il silenzio è talvolta una difesa al bombardamento di sollecitazioni sonore e visive a cui siamo esposti. Ascoltare con attenzione non serve, quando non si può interagire ( TV, altro) La frequenza di pratiche didattiche che non sempre tengono conto delle difficoltà che chi ascolta incontra per capire. Il silenzio è talvolta una difesa al bombardamento di sollecitazioni sonore e visive a cui siamo esposti. Ascoltare con attenzione non serve, quando non si può interagire ( TV, altro) La frequenza di pratiche didattiche che non sempre tengono conto delle difficoltà che chi ascolta incontra per capire. Maria 13 maggio 2011

9 Linguaggi e contenuti usati a scuola. Linguaggi tecnici /specialistici, contenuti di livello formale elevato, argomenti non motivanti. Rassegnazione ad accettare la spiegazione quotidiana, di cui si comprende ben poco. Ciò induce nei ragazzi labitudine a sentire senza ascoltare a fondo. Linguaggi e contenuti usati a scuola. Linguaggi tecnici /specialistici, contenuti di livello formale elevato, argomenti non motivanti. Rassegnazione ad accettare la spiegazione quotidiana, di cui si comprende ben poco. Ciò induce nei ragazzi labitudine a sentire senza ascoltare a fondo. Maria 13 maggio 2011

10 Centrale è la relazione educativa: dialogica, fatta di scambi reciproci e la didattica di tipo laboratoriale. Liberamente adattato da Sergiacomo, cit. Centrale è la relazione educativa: dialogica, fatta di scambi reciproci e la didattica di tipo laboratoriale. Liberamente adattato da Sergiacomo, cit. Maria 13 maggio 2011

11 Restrizione Quando ascoltiamo operiamo delle restrizioni, ci mettiamo in attesa della parola che segue a quella ascoltata. Questattività mentale coinvolge lambito semantico, sintattico e fonologico. Restrizione Quando ascoltiamo operiamo delle restrizioni, ci mettiamo in attesa della parola che segue a quella ascoltata. Questattività mentale coinvolge lambito semantico, sintattico e fonologico. Maria Piscitelli 13 maggio 2011 Processi mentali dellascolto Riconoscimento Distinzione e identificazione dei simboli sonori. Percezione dei fonemi isolati o delle sillabe che non ci porta necessariamente al riconoscimento e alla comprensione delle parole., a meno che già si conoscano o si sa a cosa si riferiscono. Processi mentali dellascolto

12 Restrizione I giocattoli … e non i giocattoli dove e non i giocattoli dove Vai a.. E non Vai a.. il libro Per.. Perché.. Attesa probabile: interrogativa, tono ascendente. Restrizione I giocattoli … e non i giocattoli dove e non i giocattoli dove Vai a.. E non Vai a.. il libro Per.. Perché.. Attesa probabile: interrogativa, tono ascendente. Maria Piscitelli 13 maggio 2011 Processi mentali dellascolto

13 Comprensione Processo finale, implicato nei momenti precedenti. Si comprende se si sa cogliere il pensiero che le parole veicolano, superando ostacoli di ordine linguistico. Differenza tra capacità linguistiche dellemittente e del ricevente. Comprensione Processo finale, implicato nei momenti precedenti. Si comprende se si sa cogliere il pensiero che le parole veicolano, superando ostacoli di ordine linguistico. Differenza tra capacità linguistiche dellemittente e del ricevente. Maria Piscitelli 13 maggio 2011 Processi mentali dellascolto Organizzazione Ricombinazione delle parole in un discorso, secondo la familiarità delle strutture linguistiche di un enunciato. Collocazione delle parole. Non giocare con la palla in casa. In casa non giocare la palla con. Processi mentali dellascolto

14 Comprensione Chi ascolta deve saper collocare il messaggio nellambito delle proprie conoscenze richiamandole alla memoria per selezionare, anticipare e verificare le notizie che gli vengono date. Dopo aver compreso i contenuti è necessario individuare i punti che nellintenzione di chi parla sono i più importanti, concentrandosi su un numero ristretto di enunciati, quelli essenziali, separandoli dalle altre parti del discorso cha hanno la funzione di collegare o di elaborare e amplificare il tema centrale. ( L. Sergiacomo, Lingua italiana, Guida allascolto, Milano, Mursia, 1994) Comprensione Chi ascolta deve saper collocare il messaggio nellambito delle proprie conoscenze richiamandole alla memoria per selezionare, anticipare e verificare le notizie che gli vengono date. Dopo aver compreso i contenuti è necessario individuare i punti che nellintenzione di chi parla sono i più importanti, concentrandosi su un numero ristretto di enunciati, quelli essenziali, separandoli dalle altre parti del discorso cha hanno la funzione di collegare o di elaborare e amplificare il tema centrale. ( L. Sergiacomo, Lingua italiana, Guida allascolto, Milano, Mursia, 1994) Maria Piscitelli 13 maggio 2011 Processi mentali dellascolto

15 Lascolto non implica soltanto laspetto cognitivo, ma anche altri aspetti di tipo affettivo-relazionale. Decentramento, rispetto ed accettazione dellaltro. Lascolto non implica soltanto laspetto cognitivo, ma anche altri aspetti di tipo affettivo-relazionale. Decentramento, rispetto ed accettazione dellaltro. Maria 13 maggio 2011

16 Aspetti cognitivi Aspetti cognitivi Cogliere le informazioni essenziali Cogliere le informazioni essenziali Compiere inferenze Compiere inferenze Operare specificazioni Operare specificazioni Confrontare e collegare nuove conoscenze con quelle che possiede già Confrontare e collegare nuove conoscenze con quelle che possiede già Classificare Classificare Generalizzare Generalizzare Maria Piscitelli 13 maggio 2011 Aspetti linguistici Focalizzare gli aspetti paralinguistici, il linguaggio dei gesti Focalizzare gli aspetti paralinguistici, il linguaggio dei gesti Rilevare alcuni tratti del codice orale Rilevare alcuni tratti del codice orale Individuare elementi più propriamente linguistici Individuare elementi più propriamente linguistici (lessico, organizzazione sintattica, registri, funzioni, ecc.) (lessico, organizzazione sintattica, registri, funzioni, ecc.) Ricercare espressioni di effetto Ricercare espressioni di effetto Ricostruire produzioni di senso Ricostruire produzioni di senso

17 Maria Piscitelli Imola, 30 marzo 2011 Aspetti relazionali Usare il linguaggio per mantenere la relazione con altri Usare il linguaggio per mantenere la relazione con altri Rispettare il punto di vista altrui Rispettare il punto di vista altrui Cooperare per costruire pezzi di conoscenza Cooperare per costruire pezzi di conoscenza Interagire riprendendo affermazioni di altri Interagire riprendendo affermazioni di altri Intervenire tenendo conto del contenuto linguistico Intervenire tenendo conto del contenuto linguistico Rispettare il proprio turno di intervento Rispettare il proprio turno di intervento

18 Vari sono i modi di ascoltare EgocentricoEmpatico Critico/ valutativo: Liberamente adattato da Sergiacomo, cit. Vari sono i modi di ascoltare EgocentricoEmpatico Critico/ valutativo: Liberamente adattato da Sergiacomo, cit.

19 Da qui discendono i vari tipi di ascolto: Distratto Attento ( pre-ascolto) Finalizzato/selettivo: conoscenza degli scopi per cui si ascolta. Creativo: partecipazione e cooperazione dellallievo per risolvere problemi, arricchire esperienze comunicative. Critico: ascolto consapevole e motivato, conoscenza degli argomenti, valutare gli scopi di chi parla, considerare i diversi punti di vista, etc.. Liberamente adattato da Sergiacomo, cit. Da qui discendono i vari tipi di ascolto: Distratto Attento ( pre-ascolto) Finalizzato/selettivo: conoscenza degli scopi per cui si ascolta. Creativo: partecipazione e cooperazione dellallievo per risolvere problemi, arricchire esperienze comunicative. Critico: ascolto consapevole e motivato, conoscenza degli argomenti, valutare gli scopi di chi parla, considerare i diversi punti di vista, etc.. Liberamente adattato da Sergiacomo, cit.

20 Competenza lessicale/semantica Capacità di riconoscere tutti gli elementi significativi di un testo Le competenze dellascolto Competenza tecnica o fonologica

21 Le competenze dellascolto Competenza pragmatica Saper collocare il messaggio ascoltato entro il suo contesto, riconoscendone gli scopi impliciti ed espliciti Competenza testuale

22 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria Lalunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione, scambi epistolari…) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti, formulati in un registro il più possibile adeguato alla situazione. Comprende testi di tipo diverso in vista di scopi funzionali, di intrattenimento e/o svago, di studio, ne individua il senso globale e/o le informazioni principali, utilizza strategie di lettura funzionali agli scopi.

23 Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola primaria Ascoltare e parlare Interagire in una conversazione formulando domande e dando risposte pertinenti su argomenti di esperienza diretta. Comprendere largomento e le informazioni principali di discorsi affrontati in classe. Seguire la narrazione di testi ascoltati o letti mostrando di saperne cogliere il senso globale. Raccontare oralmente una storia personale o fantastica rispettando lordine cronologico e/o logico. Comprendere e dare semplici istruzioni su un gioco o un'attività che conosce bene

24 Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta della scuola primaria Ascoltare e parlare Cogliere l'argomento principale dei discorsi altrui. Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando i turni di parola, ponendo domande pertinenti e chiedendo chiarimenti. Cogliere l'argomento principale dei discorsi altrui. Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando i turni di parola, ponendo domande pertinenti e chiedendo chiarimenti. Riferire su esperienze personali organizzando il racconto in modo essenziale e chiaro, rispettando l'ordine cronologico e/o logico e inserendo elementi descrittivi funzionali al racconto. Riferire su esperienze personali organizzando il racconto in modo essenziale e chiaro, rispettando l'ordine cronologico e/o logico e inserendo elementi descrittivi funzionali al racconto. Cogliere in una discussione le posizioni espresse dai compagni ed esprimere la propria opinione su un argomento con un breve intervento preparato in precedenza. Cogliere in una discussione le posizioni espresse dai compagni ed esprimere la propria opinione su un argomento con un breve intervento preparato in precedenza. Comprendere le informazioni essenziali di unesposizione, di istruzioni per lesecuzione di compiti, di messaggi trasmessi dai media (annunci, bollettini...). Comprendere le informazioni essenziali di unesposizione, di istruzioni per lesecuzione di compiti, di messaggi trasmessi dai media (annunci, bollettini...). Organizzare un breve discorso orale su un tema affrontato in classe o una breve esposizione su un argomento di studio utilizzando una scaletta. Organizzare un breve discorso orale su un tema affrontato in classe o una breve esposizione su un argomento di studio utilizzando una scaletta.

25 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado Lalunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo le proprie idee con testi orali e scritti, che siano sempre rispettosi delle idee degli altri. Egli ha maturato la consapevolezza che il dialogo, oltre a essere uno strumento comunicativo, ha anche un grande valore civile e lo utilizza per apprendere informazioni ed elaborare opinioni su problemi riguardanti vari ambiti culturali e sociali. Usa in modo efficace la comunicazione orale e scritta per collaborare con gli altri, per esempio nella realizzazione di giochi, nellelaborazione di progetti e nella valutazione dellefficacia di diverse soluzioni di un problema.

26 Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta della scuola primaria Ascoltare e parlare Riconoscere, all'ascolto, alcuni elementi ritmici e sonori del testo poetico. Intervenire in una conversazione e/o in una discussione rispettando tempi e turni di parola, tenendo conto del destinatario ed eventualmente riformulando il proprio discorso in base alle reazioni altrui. Raccontare oralmente esperienze personali selezionando informazioni significative in base allo scopo, ordinandole in base a un criterio logico- cronologico, esplicitandole in modo chiaro ed esauriente e usando un registro adeguato all'argomento e alla situazione. Riferire oralmente su un argomento di studio esplicitando lo scopo e presentando in modo chiaro largomento: esporre le informazioni secondo un ordine prestabilito e coerente, usare un registro adeguato all'argomento e alla situazione, controllare il lessico specifico, precisando fonti e servendosi eventualmente di materiali di supporto (cartine, tabelle, grafici).

27 Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado Ascoltare e parlare Utilizzare le proprie conoscenze sui tipi di testo da ascoltare mettendo in atto strategie differenziate (ad esempio se si tratta di una relazione, di una conferenza o di una spiegazione cogliere le espressioni che segnalano le diverse parti del testo). Ascoltare testi prodotti e/o letti da altri, in situazioni scolastiche e/o trasmessi dai media, riconoscendone la fonte e individuando: scopo, argomento e informazioni principali, punto di vista dellemittente. Ascoltare testi applicando tecniche di supporto alla comprensione durante lascolto (presa di appunti per seguire lo sviluppo di un discorso utilizzando abbreviazioni, parole-chiave, brevi frasi riassuntive, segni convenzionali) e dopo lascolto (rielaborazione degli appunti presi per riutilizzarli anche a distanza di tempo).


Scaricare ppt "Non seguono più di dieci minuti! Non si concentrano! Si distraggono facilmente! Non hanno capito niente!! Ho spiegato più volte lo stesso argomento!"

Presentazioni simili


Annunci Google