La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FARE DI eTWINNING LA PROPRIA PRATICA QUOTIDIANA Marina Marino Liceo Cecioni Livorno A questo indirizzo sono.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FARE DI eTWINNING LA PROPRIA PRATICA QUOTIDIANA Marina Marino Liceo Cecioni Livorno A questo indirizzo sono."— Transcript della presentazione:

1 FARE DI eTWINNING LA PROPRIA PRATICA QUOTIDIANA Marina Marino Liceo Cecioni Livorno A questo indirizzo sono visibili i progetti e molti dei prodotti realizzati ( si tratta di un blog creato per accompagnare l'articolo del "Français Dans Le Monde " di luglio/agosto 2007 )

2 Insegnare/Apprendere con creatività per mezzo delle Tic

3 Per descrivere questa mia esperienza didattica e poterla introdurre, scelgo di citare a memoria un pensiero di Colemann che ha sottolineato come lasciando cadere lansietà e la noia, si arrivi a dimenticare il proprio sé e le emozioni, dinamizzate,e trasformate, diventano possenti strumenti al servizio del processo di apprendimento. Questa riflessione si affianca alla convinzione che il significato del miomestiere dinsegnante sia da ricondursi alla sua etimologia su cui vorrei un attimo fermarmi a riflettere: Insegnare dal latino in-signare, nel senso forte di dare un segno e Pedagogo che dal greco, associa il giovane (pais) allidea di condurre (agein). Nella Grecia antica il Pedagogo era lo schiavo a cui il giovane era affidato e che lo conduceva verso lapprendimento. La nostra epoca attuale, traduce così queste due parole: insegnare è mostrare e pedagogia è accompagnare il giovane verso lapprendimento.E il ragazzo che impara; egli apprende ciò che gli si mostra ed egli apprende se è guidato ed accompagnato nel suo percorso.

4 Questo sforzo, se riesce ad essere quanto più possibile dolce e soprattutto scelto dal discente, diventa realmente produttivo ed efficace. Un percorso dinsegnamento/apprendimento attivo e sorridente,ludico e proficuo…era il mio sogno… Avevo la sensazione soffocante di vivere in una prigione pedagogica, avevo lurgenza, la necessità di cercare nuove strade…ed ho trovato nellazione Etwinning il mio soffio daria liberatorio!

5 Ritengo che le TIC siano ormai indispensabili perché è un dovere delle scuole di oggi quello di formare alluso di strumenti che i giovani si troveranno ad adoperare in un futuro contesto lavorativo sempre più fortemente marcato dalla tecnologia. Da sempre sono stata affascinata dalla scoperta di nuove pratiche didattiche e,nel caso specifico convinta che le TIC debbano diventare uno strumento di utilizzo costante nel processo dinsegnamento- apprendimento. Inoltre una didattica che prenda in considerazione le TIC risulta,di fatto,più efficace e motivante.

6 Sulla base di queste premesse ho cercato dei partenariati eTwinning ed ho avuto la fortuna di incontrare dei colleghi che,come me,hanno il desiderio di confrontare gli alunni con le nostre differenze e somiglianze arricchendoci reciprocamente.

7 Nellambito di una DIDATTICA PER PROGETTI,abbiamo adottato un approccio allargato allAZIONE considerando i discenti come i membri di un gruppo classe allargato e con degli obiettivi PRATICI non solo di tipo linguistico da realizzare in un contesto specifico, utilizzando le TIC in modo creativo.

8 … poter lavorare non solo sullaspetto linguistico ma anche su quello più prettamente culturale fino al punto di svolgere lo stesso programma nello stesso momento. Strumenti utilizzati: Uso costante del laboratorio multimediale con supporto di software specifici Per i contatti tra le due classi. powerpoint per la realizzazione delle presentazioni. wiki su cui gli studenti mettono in linea le loro produzioni che vengono simultaneamente corrette da entrambi gli insegnanti spip in cui gli studenti pubblicano i propri lavori forum comune per comunicare e scambiare materiale Wideboard sulla quale in simultanea vengono svolte attività di lettura, analisi, ascolto, produzione scritta e correzione. Piattaforma elearning Blog Podcast Chat skype Generatore di fumetti…

9

10

11

12

13

14 Esempio di utilizzo di wideboard Foto della lavagna alla fine della lezione del 26/11/05

15

16

17

18 Un dialogo europeo su Petrarca Esempio di realizzazione

19

20

21

22

23 La lingua ed il contesto storico- letterario sono diventate le situazioni evolute e complesse allinterno delle quali ci muoviamo per un PROGETTO FINALE CONCRETO:la prospettiva didattica è stata per così dire ribaltata poiché abbiamo assunto il rischio di centrare il nostro percorso sullAPPRENDIMENTO e non sullinsegnamento,concentrandoci sulla MOTIVAZIONE.

24 Ho,in sostanza,assunto il ruolo di facilitatore,organizzando diversamente gli spazi ambientali,proponendo tematiche e problematiche comuni nelle quali gli alunni stabiliscono ciascuno il PROPRIO PERCORSO INDIVIDUALE,lavorando a coppie e/o a gruppi per poi mettere in comune con i compagni e gli insegnanti.

25 Il programma svolto e la valutazione sono quindi il frutto di un processo COMUNE, che ci visti svolgere lo stesso programma, in Francia,Belgio ed in Italia, in parallelo,svolgere le stesse verifiche on line,valutare in modo omogeneo e con gli stessi criteri. Abbiamo scelto di utilizzare le Tic per lavorare con creatività, a distanza,( ma la distanza unisce)e creare una vera classe virtuale, un ambiente in cui vivere il nostro sogno pedagogico.

26 Nellottica di lavoro in cui siamo e soprattutto nella prospettiva didattica in cui avanziamo non potevamo, non volevamo fare della valutazione un momento a parte, stonato rispetto allo spirito del nostro lavoro. Volevamo che la valutazione si staccasse dal numero, dallansia, e diventasse, se possibile, ludica anchessa, cercata e non subita dai discenti, vissuta con gioia e desiderata…un sogno? Volevamo che fosse inserita nella nostra didattica, rivolta allazione, e che fosse anchessa concreta, un prodotto di percorso…un altro sogno? Questo ambiente esiste e si chiama: nell'ambito di uno dei miei partenariati, con André Deris, Collège Hannut, Belgio La piattaforma Teachntrust è diventato un quartier generale ( deposito di dossiers, files,forum, annunci, compiti, correzioni on line, scambi di materiali e di aiuto tra i discenti…)poiché essa permette una grande serie di attività didattiche. ° Lezioni on line e off line; ° Scambi alunno-alunno/ alunno-prof; °Correzione ondine degli elaborati dei discenti da parte dei due insegnanti in sincrono ed in asincrono; ° utilizzazione di diversi programmi come: Publisher, PowerPoint, Word, Internet Explorer ou autres navigateurs, Paint, Photoshop Elements, Magnétophone de Windows, mp3,…

27 Ma lentusiasmo fa miracoli pedagogici e sono nati i LUDOPOINTS: siamo fieri di questa nostra creatura ed infatti è un sistema che porta la valutazione nel mondo ludico dellapprendimento pur non perdendo né di rigore né di efficacia. Concetto: Il principio è molto semplice: ogni alunno lavorando sulla piattaforma produce dei punti che sono convertiti in Euro. Un contatore misura gli euro raccolti durante un periodo determinato (alcuni mesi) e la somma totale sarà devoluta in beneficenza per fornire materiale a dei bambini bisognosi. Per ogni periodo determinato quindi il montante raccolto sarà destinato ad un PROGETTO concreto proposto e democraticamente scelto dagli studenti belgi ed italiani nelle spazio LUDOPROJETS La filosofia dei LUDOPOINTS si può riassumere con una frase: I miei voti per fare. Ma dietro tutto questo cè il rigore della misurazione ( di cui gli alunni paiono non accorgersi) che è nel contratto condiviso di come si arriva ad accumulare i punti.

28 Azione Ludopoints Creazione di un articolo di un minimo di 100 parole 1 Creazione di un articolo di 200 parole 2 Larticolo creato contiene al massimo il 2 % di errori di francese (percentuale calcolata in base al numerodelle parole dellarticolo) 2 Larticolo è selezionato come « articolo della settimana » 2 Abbiamo voluto premiare anche loriginalità, la creatività : ecco perché 2 punti sono dati se larticolo è scelto come articolo della settimana. I ludopoints possono essere accumulati. (per ex. : un articolo di 225 parole che comporta 3 errori di francese e che è scelto come articolo della settimana, porterà 6 ludopoints al suo autore) Anche labilità di comprensione ci è parsa trasformabile ed infatti oltre a creare, anche il risolvere charades, enigmi, rebus, indovinelli, problemi e casse tete produce punti:

29 Il progetto primo classificato al Premio eTwinning 2008, è un viaggio attraverso il pianeta adolescenti, accomunati da una francofonia reale o in fase di costruzione. Il progetto coordinato da Marina Marino, docente di lingua francese del Liceo Scientifico F. Cecioni di Livorno, è stato premiato dalla giuria europea perché si tratta di un progetto ricco, nel quale i giovani non solo hanno imparato molto gli uni dagli altri, ma hanno anche espresso le loro opinioni in maniera creativa con una grande varietà di mezzi di comunicazione, fra cui cartoon, blog e (per vedere il blog della classe riguardante lavvenimento, cliccare qui)cliccare qui

30 il nostro progetto: Bucharest : Conférence du 13 au 16 mars 2008 PREMIER PRIX : entre 15 et 19 ans SITO DELLA PROF BELGE: WIKI BLOG (projet année scolaire 2006/2007):

31 eTwinning è... AMICIZIA (cliccare qui per vedere il video di un momento delleTwinning camp 2008 a Vimeiro, Portogallo)

32 eTWINNING è...GIOIA

33 Tecnolologia FUTURO

34 UGUAGLIANZA

35 EUROPA!!!!!

36 Marina Marino Insegnante di FLE Liceo Scientifico F. Cecioni Livorno


Scaricare ppt "FARE DI eTWINNING LA PROPRIA PRATICA QUOTIDIANA Marina Marino Liceo Cecioni Livorno A questo indirizzo sono."

Presentazioni simili


Annunci Google