La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CASE DEI SAPERI 2 uno sguardo su Il modello DPSIR per lanalisi delle situazioni complesse Processi e complessità Il framework del DPSIR Lazione consapevole.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CASE DEI SAPERI 2 uno sguardo su Il modello DPSIR per lanalisi delle situazioni complesse Processi e complessità Il framework del DPSIR Lazione consapevole."— Transcript della presentazione:

1 CASE DEI SAPERI 2 uno sguardo su Il modello DPSIR per lanalisi delle situazioni complesse Processi e complessità Il framework del DPSIR Lazione consapevole Ferdinando Riotta BOLOGNA 4 marzo 2011

2 I MODELLI ANALITICI SITUAZIONE INIZIALE strumenti SITUAZIONE FINALE tempo energia regolespazio denaro lavoro GRAFO A LISCA – Kahoru Ishikawa

3

4 I MODELLI ANALITICI STUDIANO SOPRATTUTTO CIÒ CHE AVVIENE IN UN PROCESSO LASCIANDO FUORI CIÒ CHE AVVIENE DOPO E INTORNOAL PROCESSO QUESTO è il campo di azione del D.P.S.I.R.

5 insieme delle conseguenze che lo stato attuale provoca sulle condizioni dellambiente insieme dei valori che raggiungono questi indicatori, nel momento di analisi, fornendo informazioni così sullambiente allo stato attuale FATTORE DI PRESSIONE DETERMINANTE insieme delle azioni che politici e amministratori hanno messo in moto per intervenire a tutela dellambiente è ciò che nellambito di un determinante esercita una pressione sullambiente; riporta indicatori quanti-qualitativi tutto ciò che determina alterazioni dellambiente RISPOSTA IMPATTO STATO

6

7 IL FRAMEWORK DEL DPSIR CON LE DOMANDE A CUI DARE RISPOSTA DETERMINANTI ( attività/azioni/ opere ) PRESSIONISTATOIMPATTIRISPOSTE Che cosa sta succedendo? Perché sta succedendo? Quale elemento critico attira il nostro interesse? Quali indicatori possono dare informazioni sui fattori di pressione? Quali indicatori descrivono meglio lo stato attuale della situazione? Ci sono cambiamenti significativi? Quali sono le risposte?

8 FRAMEWORK CON UNA CHECK LIST DEGLI ELEMENTI RILEVABILI NEL SETTORE AMBIENTALE DETERMINANTIPRESSIONISTATOIMPATTIRISPOSTE ATTIVITAAZIONI/OPERE raccolta caccia e pesca agricoltura residenza uso delle risorse idriche attività estrattive trasporti uso dellenergia industria turismo cantieristica edifici infrastrutture altri manufatti macchinari traffico indotto uso di materiali e sostanze movimenti di terra interventi sui flussi idrici consumi ingombri emissioni scarichi rifiuti presenze umane indotte introduzione di organismi esterni rumore vibrazioni radiazioni non ionizzanti radiazioni ionizzanti aria clima acque superficiali acque sotterranee acque marne suolo sottosuolo assetto idrogeologico flora e vegetazione fauna ecosistemi salute e benessere paesaggio beni culturali assetto territoriale azione sugli elementi ambientali eliminazione riduzione modifica aumento immissione inquinamento disturbo degrado promozione di azioni e tecnologie di interesse ambientale procedure di prevenzione degli impatti azioni di difesa del suolo bonifiche (disinquiname nto) smaltimento rifiuti e sost. pericolose sostegno ad attività ecosostenibili controllo degli impatti sanzioni e pene per danni amb. provocati

9 ASSERZIONI Eventi - oggetti Inquinamento Inquinamento acustico Suono Decibel Strumento di misura …. Come fare per verificare il livello di rumore (stato) dellambiente intorno a noi Misurazione con il fonometro: acqua che scorre 63 battimani 90 palestra 89 sedia 90 campanella 67 squillo cellulare 87 Roberta 90 ASSERZIONIPRINCIPI Lintensità del suono non dipende dalla sua durata La voce può raggiungere livelli sonori molto alti In palestra i suoni distanti si sentono amplificati Il suono si propaga sia nellaria che attraverso i corpi solidi e liquidi TEORIA I danni alludito possono dipendere da suoni prolungato e intensi

10 BENESSERE processi di CAUSA - EFFETTO SOCIALIECONOMICI eventi che si ripetono nel tempo AMBIENTALI eventi che producono effetti, cause di nuovi processi AZIONE - RETROAZIONE IMPATTI

11 ALCUNI ESEMPI Sistema sanitario Divertimento e stili di vita Traffico urbano sviluppare consapevolezza e adattabilità al mondo che cambia ZOOM al fine di Crisi economica e scuola

12 AZIONE FORMATIVA E DIDATTICA consapevolezza dei flussi uso delle mappe strutturali analisi quantitative descrizione entità del cambiamento variabili di flusso effetti sequenze - loop lavoro di gruppo struttura logica struttura operativa olone approccio plurilivello produzione testi

13 Strategie integrative disimpegno morale conflitto cognitivo

14 Strategie integrative conflitto cognitivo disimpegno morale modelli comportamentali in contrasto con le proprie priorità corto circuito nelle proprie strategie difensive modifica dei comportamenti profondi

15 Strategie integrative disimpegno morale conflitto cognitivo giustificazione morale confronto vantaggioso etichettamento eufemistico distorsione degli effetti deumanizzazione della vittima (società) colpevolizzazione della vittima dislocamento delle responsabilità diffusione della responsabilità

16 MODELLO DPSIR E un modo di descrivere le condizioni dellambiente. Prende il nome dalle iniziali delle sue categorie: DETERMINANTE PRESSIONE STATO IMPATTO RISPOSTA MODELLO DPSIR E un modo di descrivere le condizioni dellambiente. Prende il nome dalle iniziali delle sue categorie: DETERMINANTE PRESSIONE STATO IMPATTO RISPOSTA

17 MODELLO DPSIR E un modo di descrivere le condizioni dellambiente. Prende il nome dalle iniziali delle sue categorie: DETERMINANTE PRESSIONE STATO IMPATTO RISPOSTA CAUSE DETERMINANTI LA PRESSIONE Sono quelle attività realizzate dalluomo (agricoltura, industria, trasporti, turismo, ecc) che hanno come effetto secondario una pressione sullambiente, cioè provocano qualcosa che mette la natura in difficoltà CAUSE DETERMINANTI LA PRESSIONE Sono quelle attività realizzate dalluomo (agricoltura, industria, trasporti, turismo, ecc) che hanno come effetto secondario una pressione sullambiente, cioè provocano qualcosa che mette la natura in difficoltà

18 MODELLO DPSIR E un modo di descrivere le condizioni dellambiente. Prende il nome dalle iniziali delle sue categorie: DETERMINANTE PRESSIONE STATO IMPATTO RISPOSTA FATTORI DI PRESSIONE Sono le cause dei problemi ambientali. Se non vengono controllati possono provocare gravi disastri. Lemissione di gas di scarico dalle automobili, la produzione di rifiuti, la presenza di molta popolazione in spazi ristretti, sono esempi di azioni umane che fanno pressione sullambiente (fattore = colui che fa). CAUSE DETERMINANTI LA PRESSIONE Sono quelle attività realizzate dalluomo (agricoltura, industria, trasporti, turismo, ecc) che hanno come effetto secondario una pressione sullambiente, cioè provocano qualcosa che mette la natura in difficoltà FATTORI DI PRESSIONE Sono le cause dei problemi ambientali. Se non vengono controllati possono provocare gravi disastri. Lemissione di gas di scarico dalle automobili, la produzione di rifiuti, la presenza di molta popolazione in spazi ristretti, sono esempi di azioni umane che fanno pressione sullambiente

19 MODELLO DPSIR E un modo di descrivere le condizioni dellambiente. Prende il nome dalle iniziali delle sue categorie: DETERMINANTE PRESSIONE STATO IMPATTO RISPOSTA FATTORI DI PRESSIONE Sono le cause dei problemi ambientali. Se non vengono controllati possono provocare gravi disastri. Lemissione di gas di scarico dalle automobili, la produzione di rifiuti, la presenza di molta popolazione in spazi ristretti, sono esempi di azioni umane che fanno pressione sullambiente (fattore = colui che fa). CAUSE DETERMINANTI LA PRESSIONE Sono quelle attività realizzate dalluomo (agricoltura, industria, trasporti, turismo, ecc) che hanno come effetto secondario una pressione sullambiente, cioè provocano qualcosa che mette la natura in difficoltà STATO E la descrizione della qualità di acqua, aria, suolo, ecc. (in Italia) in questi anni. Più esattamente lo STATO, è la condizione in cui si trova attualmente lelemento naturale studiato. STATO E la descrizione della qualità di acqua, aria, suolo, ecc. (in Italia) in questi anni. Più esattamente lo STATO, è la condizione in cui si trova attualmente lelemento naturale studiato.

20 MODELLO DPSIR E un modo di descrivere le condizioni dellambiente. Prende il nome dalle iniziali delle sue categorie: DETERMINANTE PRESSIONE STATO IMPATTO RISPOSTA FATTORI DI PRESSIONE Sono le cause dei problemi ambientali. Se non vengono controllati possono provocare gravi disastri. Lemissione di gas di scarico dalle automobili, la produzione di rifiuti, la presenza di molta popolazione in spazi ristretti, sono esempi di azioni umane che fanno pressione sullambiente (fattore = colui che fa). CAUSE DETERMINANTI LA PRESSIONE Sono quelle attività realizzate dalluomo (agricoltura, industria, trasporti, turismo, ecc) che hanno come effetto secondario una pressione sullambiente, cioè provocano qualcosa che mette la natura in difficoltà IMPATTO PROVOCATO DALLA PRESSIONE Sono le conseguenze prodotte sullambiente dai fattori di pressione. Danni alla salute umana, desertificazione, riduzione della biodiversità, sono alcuni esempi di impatto ambientale. STATO E la descrizione della qualità di acqua, aria, suolo, ecc. (in Italia) in questi anni. Più esattamente lo STATO, è la condizione in cui si trova attualmente lelemento naturale studiato. IMPATTO PROVOCATO DALLA PRESSIONE Sono le conseguenze prodotte sullambiente dai fattori di pressione. Danni alla salute umana, desertificazione, riduzione della biodiversità, sono alcuni esempi di impatto ambientale.

21 MODELLO DPSIR E un modo di descrivere le condizioni dellambiente. Prende il nome dalle iniziali delle sue categorie: DETERMINANTE PRESSIONE STATO IMPATTO RISPOSTA FATTORI DI PRESSIONE Sono le cause dei problemi ambientali. Se non vengono controllati possono provocare gravi disastri. Lemissione di gas di scarico dalle automobili, la produzione di rifiuti, la presenza di molta popolazione in spazi ristretti, sono esempi di azioni umane che fanno pressione sullambiente (fattore = colui che fa). CAUSE DETERMINANTI LA PRESSIONE Sono quelle attività realizzate dalluomo (agricoltura, industria, trasporti, turismo, ecc) che hanno come effetto secondario una pressione sullambiente, cioè provocano qualcosa che mette la natura in difficoltà IMPATTO PROVOCATO DALLA PRESSIONE Sono le conseguenze prodotte sullambiente dai fattori di pressione. Danni alla salute umana, desertificazione, riduzione della biodiversità, sono alcuni esempi di impatto ambientale. STATO E la descrizione della qualità di acqua, aria, suolo, ecc. (in Italia) in questi anni. Più esattamente lo STATO, è la condizione in cui si trova attualmente lelemento naturale studiato. RISPOSTA E linsieme delle azioni avviate da Stato, Regioni, Comuni, ecc, per ridurre la pressione e riparare i danni provocati (riduzione degli impatti). RISPOSTA E linsieme delle azioni avviate da Stato, Regioni, Comuni, ecc, per ridurre la pressione e riparare i danni provocati (riduzione degli impatti).

22 MODELLO DPSIR E un modo di descrivere le condizioni dellambiente. Prende il nome dalle iniziali delle sue categorie: DETERMINANTE PRESSIONE STATO IMPATTO RISPOSTA FATTORI DI PRESSIONE Sono le cause dei problemi ambientali. Se non vengono controllati possono provocare gravi disastri. Lemissione di gas di scarico dalle automobili, la produzione di rifiuti, la presenza di molta popolazione in spazi ristretti, sono esempi di azioni umane che fanno pressione sullambiente (fattore = colui che fa). CAUSE DETERMINANTI LA PRESSIONE Sono quelle attività realizzate dalluomo (agricoltura, industria, trasporti, turismo, ecc) che hanno come effetto secondario una pressione sullambiente, cioè provocano qualcosa che mette la natura in difficoltà IMPATTO PROVOCATO DALLA PRESSIONE Sono le conseguenze prodotte sullambiente dai fattori di pressione. Danni alla salute umana, desertificazione, riduzione della biodiversità, sono alcuni esempi di impatto ambientale. STATO E la descrizione della qualità di acqua, aria, suolo, ecc. in Italia, in questi anni. Più esattamente lo STATO, è la condizione in cui si trova attualmente in Italia lelemento naturale studiato. RISPOSTA E linsieme delle azioni avviate da Stato, Regioni, Comuni, ecc, per ridurre la pressione e riparare i danni provocati (riduzione degli impatti).


Scaricare ppt "CASE DEI SAPERI 2 uno sguardo su Il modello DPSIR per lanalisi delle situazioni complesse Processi e complessità Il framework del DPSIR Lazione consapevole."

Presentazioni simili


Annunci Google