La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

+ Politiche educative e inserimento lavorativo: un quadro dinsieme e una ricerca Carlotta Mozzana 17 Febbraio 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "+ Politiche educative e inserimento lavorativo: un quadro dinsieme e una ricerca Carlotta Mozzana 17 Febbraio 2012."— Transcript della presentazione:

1 + Politiche educative e inserimento lavorativo: un quadro dinsieme e una ricerca Carlotta Mozzana 17 Febbraio 2012

2 + Un quadro dinsieme Il sistema delle politiche educative in Italia: spesa pubblica, canali di finanziamento, caratteristiche generali; Il processo di regionalizzazione del sistema educativo; La relazione tra sistema educativo e mercato del lavoro; Focus sulla situazione campana; Esercitazione; Presentazione del caso studio.

3 + Gli attori Diversi livelli di governo con differenti competenze: Livello nazionale: Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca (programmazione, finanziamento, regolazione del sistema, reclutamento personale); Livello regionale: Regione ridefinizione competenze per riforma costituzionale; USR sedi regionali Ministero implementazione politiche nazionali, allocazione fondi; Livello locale: Province, Comuni, scuole responsabilità su strutture e organizzazione.

4 + La riforma costituzionale e le sue conseguenze 2001 Riforma titolo V costituzione 2009 Legge sul federalismo fiscale: Riorganizzazione delle competenze di Stato, Regioni e autorità locali. Ministero compiti di definizione di norme e linee guida generali (livelli essenziali delle prestazioni). Regioni e autorità locali programmazione regionale, gestione e reperimento personale sul territorio. Risultati incerti: attualmente in corso un processo di differenziazione regionale, diversi paradigmi sul territorio con un sistema che va a diverse velocità e produce diversi risultati.

5 + Il sistema di finanziamento Spesa complessiva nel ,901 milioni di euro Circa 82% Stato, il principale finanziatore del sistema (maggior parte delle risorse per stipendi personale); Circa 10% Comuni, responsabili degli edifici scolastici, dellassistenza (ad esempio agli alunni disabili), dei trasporti, dei pasti, etc. Circa 3% Province, che finanziano gli edifici e alcune spese tecniche; Circa 4% Regione, che finanzia servizi locali di assistenza, eroga contributi per le scuole private e per persone in stato di povertà. La spesa è il 4,8% del PIL, ovvero 1,3 punti percentuali in meno rispetto al totale OCSE che è del 6,1% (OECD Education at a Glance, 2011)

6 + Caratteristiche del sistema educativo italiano Il sistema educativo italiano: A partire dalla fine della scuola media, il sistema genera gerarchie tra alunni e tra programmi; È autoreferenziale, pochi legami e contatti con lesterno e col mondo del lavoro; Legami con il territorio deboli e gli studenti difficilmente provano esperienze esterne alla scuola.

7 + Caratteristiche del sistema educativo italiano 1923 Riforma Gentile: posizione preminente dellinsegnante, metodo di insegnamento deduttivo, separazione tra la scuola e il mondo esterno Anni 90: riforme corsi uniformati, programmi prevalentemente teorici (in particolare nei licei) e poco investimento sulle competenze pratiche e tecniche. Orientamento scolastico diventa un processo di esclusione, per cui i meno abili vengono orientati su percorsi meno prestigiosi, indipendentemente da capacità e competenze.

8 + Caratteristiche del sistema educativo italiano Tre sono i percorsi dopo la scuola secondaria di primo grado, strettamente separati: Liceo, in cui i programmi non sono disegnati per preparare gli studenti a specifiche professioni, e non esiste la possibilità di frequentare corsi professionalizzanti; Istituti tecnici, organizzati per introdurre gli alunni al mercato del lavoro e prepararli attraverso corsi specifici. Non dà una certificazione professionale; Formazione professionale, corsi specifici di formazione che portano a qualificazioni tecniche e professionali, con un accesso facilitato al mercato del lavoro.

9 + Caratteristiche del sistema educativo italiano 2010 Riforma della scuola secondaria superiore: riorganizzazione dei cicli, chiusura delle sperimentazioni degli anni90; Istituti tecnici riorganizzati e rinforzati rispetto allasse tecno- scientifico; Formazione professionale concentrata su materie di interesse economico e produttivo; Regione assume controllo dei percorsi IeFP (istruzione e formazione professionale) qualificazione professionale di tre anni o diploma di 4 anni riconosciuto a livello nazionale; Possibilità di rientrare nel sistema scolastico (scuola secondaria o università) anche dalla formazione professionale.

10 + La regionalizzazione del sistema educativo Riforma costituzionale 2001 ridistribuisce competenze e poteri tra Stato e Regioni: Da un modello autoritario multi-governance con attribuzione di nuovi poteri alle Regioni e alle agenzie locali. Nuove funzioni per la Regione divise tra: Educazione" affidata allintegrazione legislativa tra Stato e Regioni; Formazione professionale" affidata interamente alla legislazione regonale salvo i LEP (livelli essenziali delle prestazioni), materia statale.

11 + La regionalizzazione del sistema educativo Management delle risorse sia finanziarie che di personale rimane a livello centrale Processo di decentralizzazione incompleto: potere delle Regioni e del livello locale limitato, permane rilevanza del livello centrale e delle sue ramificazioni locali. PISA 2006 grande varietà risultati nei diversi contesti regionali, consistente differenza nord-sud. Regioni hanno differenti modalità e approcci politici nellorganizzare le competenze che derivano dalla riforma del titolo V della Costituzione.

12 + Legami col mercato del lavoro Accesso allistruzione e alla formazione caratterizzato da forti disuguaglianze; Scarsa integrazione tra politiche educative, sociali e del lavoro; Relazione tra educazione e lavoro caratterizzata da autoreferenzialità; Protezione sociale caratterizzata da familismo e debolezza dei diritti; Politiche del lavoro caratterizzate da dualismo e frammentazione; Giovani soffrono di una sindrome del ritardo nellaccesso al mercato del lavoro e nelluscita dalla famiglia;

13 + Legami col mercato del lavoro Mercato lavoro italiano caratterizzato da prevalenza di piccola-media impresa di carattere famigliare (circa 99% del totale) fatica a esprimere una domanda di formazione specifica. Per circa 50% dei lavoratori in possesso di un diploma, questo non sarebbe stato necessario per la posizione lavorativa attualmente occupata. Il 43% dei giovani tra i 15 e i 35 anni fa un lavoro che non ha niente a che fare con la propria formazione. Paradosso della sovraistruzione: alti livelli di istruzione non garantiscono accesso a posizioni lavorative rilevanti. Accesso al mercato del lavoro guidato più da legami sociali che da certificazioni educative.

14 + Focus: i NEET = Not in Employment, Education or Training Si tratta di giovani (15-29) espulsi da percorsi formativi, di istruzione, e dal mercato del lavoro, in cui spesso non sono ancora entrati.

15 + Focus: i NEET Nel 2009 più di 2 milioni di NEET in Italia: 56,5% donne, 43,5% uomini, 21,2% della popolazione di riferimento. Nel mezzogiorno, questo valore sale al 30%, con delle punte ad esempio su Napoli (37%), Catania (36,4%) e Palermo (36,3%). In Campania il valore medio è 33,5%. A livello nazionale, gli inattivi sono il 65,8%, mentre coloro che sono in cerca di occupazione sono il 34,2%. La forbice tra questi due valori si allarga al sud: in Campania sono rispettivamente 74,6 e 25,4% con ulteriori differenze tra uomini e donne (le inattive sono più dell80%).

16 + Regione Campania Una delle regioni più povere dellEuropa occidentale; abitanti (seconda regione più popolosa dItalia) Nel 2008 ha avuto il Pil più basso dItalia: pro-capite, contro i della Lombardia e i di media Italiana. È una regione che prende parte al Programma Convergenza dellUnione Europea, per le regioni meno sviluppate dellUE 6.9 miliardi di finanziamenti dallUE.

17 + Il mercato del lavoro Tasso di occupazione %, 16.6% sotto la media nazionale ed estremamente sotto il target di Lisbona del 70%. Nel 2009 il tasso di disoccupazione è del 12.9% contro il 7,8 della media italiana. Molto ampia la forbice tra uomini e donne: disoccupazione maschile 11.4% mentre quella femminile è del 16%; disoccupazione giovanile è al 41,9 % contro il 27,8 % (dati Istat 2010). Questo si lega a alti livelli di lavoro sommerso, che nel 2007 era stimato al 17.3%, molto sopra la media nazionale (11.8%).

18 + Istruzione e fenomeno dellabbandono scolastico Nel % dei giovani tra i18 e i 24 possono vantare un diploma di scuola media ma non hanno seguito ulteriori corsi di formazione/istruzione. 66.9% dei giovani tra i 20 e i 24 ha un diploma di scuola secondaria superiore, contro la media italiana del 73%. Nel 2008 gli early school leavers tra i 18 e i 24 anni che non hanno conseguito certificazioni sono il 26,3 % (in Italia 19%). Nel 2007 tasso drop out al primo anno della scuola secondaria superiore è del 14%, con una media nazionale dell11.4%

19 + Quali attori? UE: Programma Convergenza, Politica di coesione europea che mira a supportare le regioni europee con bassi livelli di sviluppo. Finanziamenti di due tipi: ERDF (European regional development fund) si riferisce specificamente alleducazione e allingresso dei giovani nel mercato del lavoro EFS (European Social Fund) sette assi di intervento: Adattabilità, occupazione, inclusione sociale, capitale umano, Trans-nazionalità/Inter-regionalità, assistenza tecnica, capacità istituzionale.

20 + Quali attori? La Regione: non esiste un modello di istruzione e formazione professionale forte, anche per i recenti cambiamenti di giunta. Legge regionale 4/2005: garantisce il pieno diritto allo studio e alla formazione professionale così come al life long learning attraverso: Strumenti di supporto di tipo economico; Specifici progetti che abbiano lobiettivo di prevenire labbandono scolastico precoce.

21 + Il sistema regionale Linee guida regionali per contrastare il fenomeno dellabbandono scolastico e per istituire nuove forme di formazione istituite nel novembre 2006: Supportare il pieno esercizio del diritto allo studio lungo tutta la carriera scolastica; Prevenire e contrastare labbandono scolastico e favorire il rientro a scuola dei giovani che hanno sperimentato percorsi di fallimento scolastico e formativo. Legge regionale14/2009 crea e integra il sistema regionale dei servizi e lagenzia per il lavoro con la scuola. Ha funzione di: Monitorare e implementare le linee guida regionali; Strutturare interventi per sostenere loccupazione femminile, degli stranieri e delle persone disabili; Contrastare disoccupazione ed esclusione sociale; Costruire percorsi di formazione professionale e apprendistato.

22 + Il sistema regionale Nella pratica: Le risorse per la formazione professionale vengono usate impropriamente come sussidi e ammortizzatori sociali in un contesto in cui il mercato del lavoro caratterizzato da alti margini di lavoro sommerso e alte percentuali di disoccupazione. Finanziamenti per i corsi di formazione usati come strumento di clientelismo politico, per distribuire potere tra i diversi gruppi politici di interesse. I fondi europei hanno preso il posto dei finanziamenti statali, che si sono contratti negli anni su questi temi.

23 + Esercitazione Quali misure per affrontare una situazione di questo genere? Costruire un progetto di intervento sociale su questi temi (educazione/ingresso nel mercato del lavoro/contrasto allabbandono scolastico)

24 + Il progetto Trespassing a Napoli Il Progetto Trespassing è stato disegnato e messo in opera dallAssociazione Quartieri Spagnoli a Napoli, associazione che si occupa di sviluppo di comunità in un quartiere caratterizzato da situazione di multideprivazione. Il progetto prevede percorsi personalizzati di avvicinamento alla cultura del lavoro per giovani NEETS attraverso: Counselling individuale e di gruppo; Focus sulla motivazione del ragazzo/a e in generale sulle competenze lavorative; Supporto durante tirocinio in alcune aziende selezionate (principalmente artigiani della zona o della città). Beneficiari: giovani NEET.

25 + Caratteristiche del progetto Il target: giovani NEET che vivono in un contesto caratterizzato da criticità sociali, economiche, istituzionali e culturali. Lapproccio generale: chiaramente ispirato e orientato allapproccio delle capacità per quanto riguarda metodi, strumenti e pratiche. Lo scopo: promuovere le capacità delle persone e la loro capacità di scegliere, lavorando sugli ostacoli soggettivi dellincompetenza. Metodi e strumenti: esportabili in altri contesti e con target differenti.

26 + Caratteristiche del progetto LAssociazione promuove progetti che lavorano contemporaneamente su place e people; ha costruito forte rete di fiducia gli interventi che hanno una dimensione locale molto forte e rilevante. Progetto altamente personalizzato, tirocinio sul lavoro, attenzione alle competenze in uso, stretta relazione tra allievo, tutor aziendale e tutor dellAssociazione. Presenza di vincoli nel bando che selezionano i giovani più responsabili e volenterosi mancanza di risorse per i NEET più fragili.

27 + Il progetto in pratica Capability for voice Percorsi personalizzati costruiti sulla base delle richieste dei giovani (e che possono essere cambiati in corso dopera). Voice considerata in tutte le fasi del progetto e considerata come precondizione per lo sviluppo delle capacità. Capability for work Il tirocinio è svolto in ambienti lavorativi non protetti ma sotto la costante supervisione e supporto dei tutor; Il tutor aziendale e il tutor dellassociazione lavorano insieme allallievo durante lintero progetto. Cè un patto educativo condiviso che permette lattivazione dei NEET.

28 + Il progetto in pratica Capability for education: Il tirocinio sul campo dà la possibilità di iniziare percorsi di empowerment; Lavora su competenze trasversali di base, attraverso lutilizzo regolare di strumenti di valutazione altamente strutturati. Lempowerment delle competenze di base riporta I ragazzi allinterno di un processo di apprendimento più generale che a volte li porta a tornare in percorsi educativi di tipo istituzionale (ex. Formazione professionale).

29 + I limiti del contesto di policy Politiche educative scarsamente integrate con politiche sociali e del lavoro. Approccio strettamente settoriale in tutte le aree e a diversi livelli limitate alla conversione degli (scarsi) diritti e risorse in capacità. La personalizzazione è limitata al progetto e non ci sono interventi su altre dimensioni della vita dei giovani. Le risorse sono scarse e settoriali discriminazione degli allievi più deboli.

30 + I limiti del livello locale Lazione è locale ma non situata. Il livello locale da un lato è un punto di forza (per la capacità di ascoltare e raccogliere i bisogni delle persone), ma la mancanza di altri livelli dazione istituzionali segrega lazione dellassociazione nel suo contesto. Limite alla capacità dei ragazzi di aspirare a qualcosa di diverso: tendenza a riprodurre modelli e logiche della propria cultura locale senza cambiarla o criticarla.

31 + I limiti allazione pubblica La mancanza di un attore pubblico stabile che agisca come coordinatore e sponsor del progetto. Lavoro dellAssociazione si struttura secondo logiche emergenziali Il progetto è innovativo e ben costruito ma non può generalizzare i propri metodi e risultati, che rimangono confinati al livello locale. La sua azione è isolata e di corto raggio. Lo Stato è non capacitante e la sua azione imprevedibile e occasionale non cè riconoscimento e promozione di questo genere di progetti.


Scaricare ppt "+ Politiche educative e inserimento lavorativo: un quadro dinsieme e una ricerca Carlotta Mozzana 17 Febbraio 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google