La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Protocollo di accoglienza e trattamento per donne in situazioni di violenza Dr Giuseppe Marinaro Pronto Soccorso Ulss 15 Camposampiero.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Protocollo di accoglienza e trattamento per donne in situazioni di violenza Dr Giuseppe Marinaro Pronto Soccorso Ulss 15 Camposampiero."— Transcript della presentazione:

1 Il Protocollo di accoglienza e trattamento per donne in situazioni di violenza Dr Giuseppe Marinaro Pronto Soccorso Ulss 15 Camposampiero

2 Incapacità a rapportarsi direttamente Paura di essere coinvolto Mancanza di tempo (vera o presunta) Ignoranza sulla risposta da dare Convinzione dell'inutilita' di questa parte del proprio lavoro Paura di offendere qualora i sospetti non abbiano fondamento TIMORI E LIMITI DEL PERSONALE SANITARIO

3 Accessi Totali nei due Pronti Soccorsi: Casi di riferita violenza: 583 pari a 0,88% Casi di violenza su bambini 6 pari a 1,02% Casi di violenza su donne 154 pari a 26,41 Casi con Prognosi inferiore a 15gg: 130 Casi con Prognosi superiore a 15gg: 24 Donne straniere coinvolte 25 pari al 4,2% Entità del Fenomeno nell' AULSS 15 Dati 2012

4 FASI DELLA PROCEDURA Accettazione Triage Accoglienza in un luogo riservato Visita in Ambulatorio Iter Sanitario Valutazione del potenziale rischio incolumità Attivaazione Rete Chiusura Verbale

5 1) Fase : Accoglienza Triage Operatore Referente: Infermiere

6 Dichiarazioni al Triage Dichiarata Violenza/Aggressione Viene assegnato Codice adeguato e inserita in una Corsia preferenziale (Camposampiero) Viene assegnato codice adeguato e viene segnalato il caso al medico (Cittadella) Non dichiarata Violenza/aggressione Viene assegnato Codice Adeguato e inserita in una Corsia preferenziale (Camposampiero) Viene assegnato Codice adeguato e viene segnalato il caso al medico (Cittadelal) Dichiarata violenza sessuale Assegnazione Codice adeguato e affidamento diretto in Ginecologia Attivazione procedura per la gestione della violenza sessuale

7 COME DEVE AGIRE L'OPERATORE PRIMA DELLA VISITA? SENZA PREGIUDIZI SENZA COMMENTARE L'ACCADUTO SENZA UN ATTEGGIAMENTO INDAGATORIO NON SMINUENDO QUANTO ACCADUTO

8 Come approfondire la situazione? Invitando la donna ad accomodarsi in un luogo più riservato Se la donna accetta l'atteggiamento non frettoloso e disponibile all'ascolto può far istaurare un rapporto di fiducia Se la donna non accetta viene fatta accomodare in Sala d'attesa precisando che può far riferimento al Personale Sanitario qualora ne avesse bisogno

9  Stato emotivo incongruente con la sintomatologia descritta  Difficoltà a spiegare l'accaduto  Presenza di partner troppo protettivo o dispotico  Ripetuti accessi in Pronto Soccorso Anche in questo caso si invita la donna ad accomodarsi in un luogo riservato e in caso di rifiuto attende la visita in Sala d'attesa Se la donna non dichiara la violenza/ aggressione quando sospettarla

10 2) Fase : Accoglienza in luogo riservato L'operatore referente fornisce le sue generalità Ha il compito di rassicurare la donna Fornisce informazioni sull'Iter Sanitario Informa sulle risorse della struttura in merito a situazioni di violenza

11 2) Fase : Accoglienza in luogo riservato L'operatore referente fornisce le sue generalità Ha il compito di rassicurare la donna Fornisce informazioni sull'Iter Sanitario Informa sulle risorse della struttura in merito a situazioni di violenza

12 3) FASE : Visita in Ambulatorio Personale Referente: Medico,Infermiere Obbiettivo: Accoglienza della donna,anamnesi e cure mediche, approfondimento della situazione garantendo la tutela e la privacy, fornire informazioni sulle possibili risorse presenti sul territorio ( Servizi territoriali e Servizi specifici per i casi di violenza), compilare il Referto.

13 Come compilare il referto Attenta raccolta dell'anamnesi,descrivere accuratamente le lesioni riscontrate descrivendo colorazione e eventualmente il differente stadio di processi riparativi. Riportare i sintomi fisici (dolori al collo,torace,addome) e i sintomi psichici (paura,sintomi d'ansia, irrequitezza, paura di conseguenze future. Fornire brevi cenni di carattere legale Se necessario e in accordo con la donna il medico potrà attivare la rete territoriale o direttamente o fornendo il materiale informativo. Se la donna conferma di non aver subito percosse il medico potrà a sua discrezione fornire informazioni sui i servizi offerti o decidere di non approfondire ulteriormente.

14 ITER SANITARIO Nel caso la situazione lo richieda verrà attivato l'iter sanitario adeguato con consulenze specialistiche e accertamenti al fine di accertare lo stato di salute della donna. Fondamentale è il passaggio di informazioni con i colleghi degli altri reparti coinvolti per garantire sempre una buona accoglienza.

15 4) Fase: Valutazione del potenziale rischio di incolumità della donna Considerare i seguenti fattori:  Il maltrattante abusa di alcol e/o droghe  Il maltrattante è a conoscenza che la donna chiede aiuto  La donna ha paura di tornare a casa  Nel tempo è aumentata la frequenza e la gravità delle violenze  Presenza in casa di armi

16 Pericolo di incolumità NO Si invita la donna ad attivare risorse ambientali (parenti o amici) in modo da allontanarsi dal luogo dove ha subito la violenza e si consegna materiale informativo. SI Valutare un eventuale ricovero in Astanteria o altro Reparto per consentire l'attivazione della fase 5 o indicare alla donna luoghi di accoglienza in emergenza

17 5) Fase : Attivazione Rete Referenti 1) Medico e Infermiere 2) Servizio Consultoriale 3) Centro Antiviolenza 4) Numero Unico 1522

18 Come Attivare In condizioni di sicurezza il personale in accordo con la donna potrà contattare direttamente il servizio e fissare un appuntamento In condizioni di rischio si potrà valutare l'attivazione della rete velocemente per allontanare dalla situazione di pericolosità e organizzare un'eventuale accoglienza presso un'altra struttura. In questo caso bisognerà contattare il consultorio e informare l'Assistente Sociale del Comune di riferimento per costruire un progetto di allontanamento.

19 Chiusura Verbale Deve essere compilato in tutte le sue parti potranno essere riportate informazion, in accordo con la donna, relative all'autore e alle circostanze. In base ai referti degli accertamenti eseguiti e alle eventuali consulenze il medico provvederà alla dimissione o al ricovero in base anche all' incolumità della donna. Il medico dovrà accertasi che 1) La donna abbia acquisito e compreso tutte le informazioni 2)Sia stato redatto Referto all'A.G. se necessario 3) Che tutta la Procedura sia stata seguita in modo corretto

20 La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci (Isaac Asimov) GRAZIE PER L'ATTENZIONE


Scaricare ppt "Il Protocollo di accoglienza e trattamento per donne in situazioni di violenza Dr Giuseppe Marinaro Pronto Soccorso Ulss 15 Camposampiero."

Presentazioni simili


Annunci Google