La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Informare le famiglie: quali messaggi e quali strumenti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2003-2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Informare le famiglie: quali messaggi e quali strumenti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2003-2007."— Transcript della presentazione:

1 Informare le famiglie: quali messaggi e quali strumenti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita

2 Contenuto dellinformazione (corretto, semplice-adeguato, scientificamente valido) Professionalità delloperatore (capacità di comunicare, ascoltare, adeguare i tempi) adesione consapevole

3 Conoscere e comprendere Modificare le false convinzioni Trovare le risposte ai propri dubbi Essere convinti di adottare la decisione migliore Consenso informato

4 informazione adesione consapevole popolazione inf. generali e dati

5 Informazione generale alla popolazione Le istituzioni regionali divulgano attraverso la stampa landamento delle principali malattie prevenibili con le vaccinazioni I servizi curano la divulgazione attraverso la carta dei servizi, i periodici aziendali e/o altra stampa locale di tutte le informazioni relative agli ambu-latori vaccinali, alla frequenza delle malattie infettive, allanda-mento delle campagne vaccinali svolte (es. splenectomizzati) …. Gli operatori curano che le sale dattesa siano un luogo dinformazione

6 informazione adesione consapevole popolazione genitori inf. generali e dati inf. generali Corsi preparto

7 Corso preparto Momento utile per iniziare un percorso comunicativo anche se partecipa solo una minoranza Rientra nelle azioni per leliminazione della rosolia congenita Fa conoscere il personale sanitario che poi si incontrerà nei servizi vaccinali Crea comunicazione tra le varie figure professionali

8 informazione adesione consapevole popolazione genitori inf. generali e dati inf. generali Corsi preparto Libretto informativo

9 Libretto informativo Informazione scritta semplice, comprensibile e aggiornata distribuita con varie modalità (punti nascita, consultori, pediatra…) Informazioni su calendario vaccinale, malattia che si vuole prevenire, composizione del vaccino, controindicazioni ed eventuali effetti collaterali Va fatto pervenire prima dellappuntamento in modo da poter essere letto in tempo Rimane al genitore che lo può consultare in ogni momento Può essere sostituito da altra documentazione purchè redatta secondo gli stessi principi Copie disponibili nellambulatorio vaccinale per la consegna a chi non lavesse ricevuto

10 informazione adesione consapevole popolazione genitori inf. generali e dati inf. generali Corsi preparto Libretto informativo Lettera invito

11 Elemento portante per ladesione alle vaccinazioni Informazioni di base (giorno, ora, luogo, per quali vaccinazioni…) N. di telefono e persona da contattare Materiale informativo aggiuntivo

12 informazione adesione consapevole popolazione genitori inf. generali e dati inf. generali Corsi preparto Libretto informativo Lettera invito Pediatra

13 Il pediatra Ruolo importante nella promozione delle vaccinazioni per il ruolo di fiducia e comunicativo nei confronti della famiglia Partecipa a percorsi formativi comuni e condivide i materiali informativi E coinvolto nelle strategie

14 informazione adesione consapevole popolazione genitori inf. generali e dati inf. generali corsi preparto libretto informativo lettera invito pediatra seduta vaccinale anamnesi

15 Anamnesi Utilizzo di questionario standard Identifica controindicazioni o precauzioni Aiuta a chiarire eventuali controindicazioni vere Fa emergere dubbi o necessità di chiarimenti Aiuta a rassicurare i genitori e a costruire un rapporto di fiducia professionale Lanamnesi deve essere firmata dalloperatore

16 informazione adesione consapevole popolazione genitori inf. generali e dati inf. generali corsi preparto libretto informativo lettera invito pediatra seduta vaccinale anamnesi colloquio

17 Colloquio prevaccinale il calendario vaccinale le malattie verso le quali il vaccino protegge e quali sono le loro principali complicanze i vaccini che possono essere utilizzati lefficacia del vaccino verso le diverse malattie gli eventi avversi che sono stati dimostrati essere correlati alla vaccinazione (dati generali e locali) il vantaggio vaccinale per il singolo bambino e il bilancio rischi (eventi avversi) e benefici (complicanze e gravità della malattia) una esplicita indicazione che le offerte vaccinali sono basate su adeguate conoscenze scientifiche.

18 Colloquio prevaccinale Utilità di presentazioni standard che garanti- scono sia la completezza della informazione che ladeguatezza della procedura Sollecitare domande e dubbi Documentazione con risposte ai problemi più frequenti Invito a sostare in sala dattesa motivandolo Invito al contatto in caso di qualsiasi dubbio fornendo riferimenti certi

19 Linformazione segue un preciso percorso

20 Prima vaccinazione -Presentazione standard delle vaccinazioni necessarie (calendario nazionale e/o regionale e informazioni chiave) -Consegna eventuale ulteriore materiale informativo (libretto se non già ricevuto, foglietto illustrativo se richiesto, letteratura scientifica….) -Raccolta anamnesi ed individuazione di eventuali controindicazioni o precauzioni -Raccolta consenso verbale al calendario vaccinale -Consegna/illustrazione della scheda informativa sul cosa fare dopo

21 Seconda vaccinazione -Raccolta anamnesi con particolare riguardo agli eventuali effetti collaterali o altre problematiche -Rafforzamento comunicazione e illustrazione prossimo appuntamento -Valutazione della suscettibilità alla rosolia della madre ed eventuale proposta di vaccinazione -Rassicurazione e richiamo alla scheda cosa fare dopo

22 Terza vaccinazione ed MPR -Raccolta anamnesi con particolare riguardo agli eventuali effetti collaterali -Rafforzamento comunicazione sottolineando il raggiungimento dellobiettivo -Informazioni relativamente alla vaccinazione MPR

23 Vaccinazione MPR -Presentazione standard della vaccinazione MPR -Consegna eventuale ulteriore materiale informativo -Raccolta anamnesi ed individuazione di eventuali controindicazioni o precauzioni -Raccolta consenso verbale al calendario vaccinale MPR -Illustrazione eventuali effetti collaterali e invito a riferire al servizio

24 Richiami successivi -Raccolta anamnesi con particolare riguardo agli eventuali effetti collaterali -Rafforzamento comunicazione sottolineando il raggiungimento dellobiettivo -Informazioni relativamente a inviti successivi

25 Altre vaccinazioni -Presentazione della vaccinazione o del ciclo vaccinale -Consegna eventuale materiale informativo -Raccolta anamnesi ed individuazione di eventuali controindicazioni o precauzioni -Raccolta consenso verbale alla vaccinazione o al ciclo vaccinale -Illustrazione eventuali effetti collaterali e invito a riferire al servizio

26 informazione adesione consapevole popolazione genitori inf. generali e dati inf. generali corsi preparto libretto informativo lettera invito pediatra seduta vaccinale anamnesi colloquio cosa fare dopo

27 Scheda standard Cosa fare dopo Illustra gli effetti collaterali comuni e insegna come affrontarli Invita i genitori a segnalare eventuali eventi avversi importanti o inusuali Rende evidente lattenzione del servizio e rende il genitore più tranquillo perché informato

28 informazione adesione consapevole popolazione genitori inf. generali e dati inf. generali corsi preparto libretto informativo lettera invito pediatra seduta vaccinale anamnesi colloquio cosa fare dopo foglietto illustrativo

29 Foglietto illustrativo Elenca tutte le malattie segnalate successivamente alla somministrazione di un vaccino o di un farmaco -La lista tiene conto solo del criterio temporale e non del criterio causale per cui sono presenti eventi non correlati alla vaccinazione o di cui può essere stato scientificamente escluso il nesso di causalità con le vaccinazioni -Il foglietto illustrativo pertanto è uno strumento che non aiuta una corretta comunicazione orientata alla decisione -Consegnato alle persone che ne fanno richiesta deve essere correttamente illustrato per permettere che costituisca un elemento utilmente informativo

30 Rivediamo sempre il nostro modo di operare Adeguiamo i contenuti e le necessità Istruiamo e formiamo adeguatamente ogni nuovo operatore


Scaricare ppt "Informare le famiglie: quali messaggi e quali strumenti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2003-2007."

Presentazioni simili


Annunci Google