La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GENITORIALITÀ E LAVORO Dalla sfiducia all’aprirsi al cambiamento Roberta Rosin Valentina Cincotto 28 giugno 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GENITORIALITÀ E LAVORO Dalla sfiducia all’aprirsi al cambiamento Roberta Rosin Valentina Cincotto 28 giugno 2013."— Transcript della presentazione:

1 GENITORIALITÀ E LAVORO Dalla sfiducia all’aprirsi al cambiamento Roberta Rosin Valentina Cincotto 28 giugno 2013

2 SFIDUCIA  Esperienza che richiama l’impossibilità ad Aprirsi ed Affidarsi all’Altro.  Esito di chi, in età evolutiva, non ha avuto risposta alle richieste di aiuto espresse Rosin - Cincotto

3 SFIDUCIA Di chi è oggetto di discriminazione:  Di chi mi posso fidare?  Chi mi può aiutare?  A chi mi posso rivolgere? Delle istituzioni:  Mi sento supportata?  I miei superiori mi considerano?  Ha senso ciò che sto facendo? Rosin - Cincotto

4 FIDUCIA/AFFIDARSI  Esperienze che prevedono la possibilità di potersi Lasciare Andare e Farsi…Portare  (es. il bambino tenuto per mano mentre attraversa la strada, chi come passeggero… serenamente si addormenta in macchina, chi sceglie di fare un percorso di terapia… chi ha scelto e voluto frequentare il gruppo di Accompagnamento e Sostegno Ulss 15) Rosin - Cincotto

5 Il Cambiamento è possibile?  Fiducia ed Affidarsi: Esperienze fondamentali nelle Professioni che implicano la relazione d’aiuto  Al cambiamento si potrà arrivare solo se la Fiducia e L’Affidarsi saranno attraversate e vissute pienamente Rosin - Cincotto

6 Ma Noi (operatrici, genitori, istituzione, Rete,etc) abbiamo fiducia? e di chi? Rosin - Cincotto

7 IL PROGETTO o Nasce dalla Fiducia che gli operatori e le operatrici ripongono nell’Azienda e nelle sue potenzialità o Nasce dalla Fiducia che gli operatori e le operatrici ripongono nei loro colleghi, nella Rete dei Servizi, nella possibilità di comunicare e lavorare insieme Rosin - Cincotto

8 Nel dettaglio: 1.Caratteristiche che un’operatrice deve possedere e sviluppare per gestire efficacemente le situazioni discriminatorie 2.Esperienze di Base carenti da far sperimentare a chi è oggetto di discriminazione 3.Gruppo di “Accompagnamento e Sostegno” 4.Criticità emerse Rosin - Cincotto

9 1.Operatrici/Operatori o Portare l’Altro o Condivisione o Cambiare l’Altro o Amore (Continuità) Rosin - Cincotto

10 2. Utenza o Protezione o Essere Visti o Forza o Condivisione o Progettualità Rosin - Cincotto

11 3. Gruppo di Accompagnamento e Sostegno o Sei incontri (due ore ciascuno) o Pre test; post test ( Scheda di Rilevazione Funzionale, Rispoli 2010; Mmpi-3) o Partecipanti: 10 donne o Metodologia: lavoro su EBS Protezione, Essere Viste, Forza, Condivisione, Progettualità o Risultati: Morbidezza/Tenerezza; Assertività (Voce); Forza Calma; Benessere; Condivisione; Progettualità Rosin - Cincotto

12 4. Criticità o Reticenza nell’Aprirsi e nel Condividere ( senso di ingiustizia) o Bisogno di essere spronate o Difficoltà a stare nella Continuità e nel loro Bisogno o Difficoltà a “Fare/Prendere” qualcosa di buono per Sé o Scoraggiamento, senso di solitudine degli operatori e senso di impotenza rispetto al cambiamento o Scarsa comunicazione Rosin - Cincotto


Scaricare ppt "GENITORIALITÀ E LAVORO Dalla sfiducia all’aprirsi al cambiamento Roberta Rosin Valentina Cincotto 28 giugno 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google