La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Comitato di Sorveglianza Programma Operativo FONDO SOCIALE EUROPEO 2007/2013 Obiettivo 2 Competitività regionale e Occupazione Regione Emilia-Romagna Informativa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Comitato di Sorveglianza Programma Operativo FONDO SOCIALE EUROPEO 2007/2013 Obiettivo 2 Competitività regionale e Occupazione Regione Emilia-Romagna Informativa."— Transcript della presentazione:

1 Comitato di Sorveglianza Programma Operativo FONDO SOCIALE EUROPEO 2007/2013 Obiettivo 2 Competitività regionale e Occupazione Regione Emilia-Romagna Informativa sul Piano di comunicazione Stato dellarte ed esempi di pubblicità realizzata Bologna, 16 giugno 2009

2 Comunicare i Poli tecnici Piano triennale regionale dellofferta di formazione alta, specialistica e superiore; invito a presentare progetti formativi; invito a presentare candidature per ITS Delibera di GR n. 630 del 5 maggio 2008 Approvazione e finanziamento delle operazioni a valere sul Piano triennale regionale dellofferta di formazione alta, specialistica e superiore, in attuazione della propria Delibera n. 630/2008 – I Provvedimento Delibera di GR n del 28 luglio 2008

3 Comunicare i Poli tecnici Obiettivi Comunicare gli elementi di innovazione di una programmazione pluriennale che senza rinunciare alla dimensione regionale e ai bisogni trasversali dei diversi settori di attività, valorizza le vocazioni territoriali, riconoscendole quali elementi strategici per lo sviluppo e la competitività dellintero sistema economico. Rispondere al diritto di informazione, di trasparenza e di accessibilità, diffondendo la conoscenza di nuova offerta di formazione alta specialistica e superiore costituita - per il da 95 percorsi rivolti a 1500 potenziali destinatari: giovani e adulti, occupati, disoccupati e inoccupati. Comunicare lidentità dei Poli Tecnici oggi intesi come rete di soggetti e di opportunità formative rispondenti a vocazioni territoriali.

4 Comunicare i Poli tecnici Obiettivi Valorizzare lapporto della rete di soggetti - istituti scolastici, organismi di formazione accreditati, imprese e università - per qualificare e innovare lofferta formativa, elemento fondante della programmazione a valere sul Capitale Umano. Promuovere il sapere come principale strumento di crescita individuale e collettiva e sensibilizzare i cittadini, i lavoratori e il sistema economico-produttivo al bisogno di apprendimento e alla formazione lungo tutto larco della vita. Valorizzare il ruolo e lapporto dellUnione europea nellattuazione di politiche regionali e nella creazione di opportunità rivolte ai singoli e alle organizzazioni. Promuovere e valorizzare la cultura tecnica e scientifica.

5 Comunicare i Poli tecnici Target e partner Target Potenziali destinatari delle attività formative: giovani e adulti, occupati, inoccupati e disoccupati Sistema economico e produttivo Partenariato economico-sociale Partner Beneficiari dei finanziamenti: organismi di formazione, istituzioni scolastiche, università e imprese

6 Comunicare i Poli Tecnici La campagna informativa Per raggiungere gli obiettivi prefissati e i target individuati si è avvertita lesigenza di progettare una campagna informativa: Coordinata e uniforme dal punto di vista grafico e redazionale Pluriennale, capillare e fondata su una comunicazione omogenea delle singole opportunità Integrata con la rete di soggetti beneficiari dei finanziamenti. Per evitare la diffusione di materiali di comunicazione diversi tra loro, difficilmente riconducibili ad una programmazione unitaria e regionale, sono stati predisposti format grafici condivisi, è stato offerto un supporto nella predisposizione e personalizzazione dei materiali e una consulenza/supervisione per la redazione dei testi. Integrata rispetto ai preesistenti strumenti e canali di comunicazione e informazione regionali, in particolare il web (con la pubblicazione delle schede dei 95 percorsi formativi) e i servizi informativi (Numero verde)

7 Comunicare i Poli Tecnici Immagine coordinata – Il logo

8 Comunicare i Poli Tecnici Immagine coordinata - Leaflet

9 Comunicare i Poli Tecnici Immagine coordinata – Schede e locandine

10 Comunicare i Poli Tecnici Immagine coordinata - Inserzioni stampa

11 Comunicare i Poli Tecnici Periodo di svolgimento e indicatori di realizzazione Tra settembre e novembre 2008 sono state realizzate: 59 edizioni di schede A4 (stampate dagli organismi gestori e distribuite sul territorio) 37 edizioni di leaflet (stampate dagli organismi gestori e distribuite sul territorio) 56 edizioni di locandine (stampate dagli organismi gestori e affisse in diversi luoghi del territorio) 105 tipologie di inserzioni stampa di diverse dimensioni (ognuna delle quali pubblicate sulla stampa regionale e locale periodicamente nel periodo oggetto della campagna)

12 Comunicare i Poli Tecnici Una valutazione della prima annualità in vista della nuova edizione La campagna informativa, oltre a promuovere il sistema di opportunità offerte dal Fse, rispondendo al diritto di informazione, di trasparenza e di accessibilità, e a sensibilizzare i cittadini e i lavoratori e il sistema economico-produttivo al bisogno di apprendimento, ha restituito unimmagine coordinata dei singoli percorsi formativi, riconducibili ad una programmazione regionale unitaria e al ruolo che lUE riveste nello sviluppo regionale. Per lofferta formativa 2009 è prevista una nuova edizione della campagna informativa, progettata secondo le stesse modalità, rafforzata da una head line - giunti alla seconda annualità – capace di interpretare e comunicare con più efficacia, identità, valori e obiettivi del Piano Triennale.

13 Comunicare i Poli Tecnici La tecnica per crescere

14 Spinner Il web della Sovvenzione Globale Tra gli strumenti ideati per comunicare le opportunità offerte dalla SG il web ha un ruolo di primo piano. La progettazione del nuovo portale Spinner 2013 si è conclusa nel settembre 2008 con la messa in linea di uno strumento in grado di rivolgersi ai diversi target e di rispondere a molteplici obiettivi.

15

16 Spinner Il web della Sovvenzione Globale Potenziali beneficiari Un menù informativo illustra attività e servizi della Sovvenzione Globale (azioni in cui si suddivide il programma, bandi e modulistica, esiti delle valutazioni, attività, soggetti, staff, Spinner point, ecc.), è affiancato da unarea più dinamica dedicata a portare in piano e approfondire iniziative regionali, eventi territoriali e ad aggiornare rispetto alle opportunità in corso.

17 Spinner Il web della Sovvenzione Globale Beneficiari Un sito di informazione e di lavoro utile ai beneficiari e ai soggetti del territorio coinvolti nella Programmazione di Spinner 2013 grazie alla quotidiana segnalazione di informazioni, notizie ed opportunità sui temi della ricerca, della creazione dimpresa e del trasferimento tecnologico e grazie a servizi on line, quali la rassegna stampa settimanale dedicata ai temi dellinnovazione. Area riservata amministrativa-gestionale Una sezione amministrativa-gestionale costituita da aree riservate alla gestione e allo scambio di documenti tra alcuni gruppi definiti (Beneficiari, Spinner Point, Amministrazione, Comitato di Coordinamento, ecc.).

18 Piano di comunicazione Stato dellarte Nel corso del 2009 – in attuazione del Piano di Comunicazione – si è proceduto con: limplementazione quotidiana del portale e delle sottosezioni in cui si suddivide; linvio periodico di newsletter digitali; la produzione e distribuzione di materiali informativi cartacei nei diversi punti informativi regionali; la relazione sistematica con i media; il servizio informativo quotidiano telefonico e in presenza (Numero verde e URP regionale).

19 Piano di comunicazione Stato dellarte A tale attività – che possiamo definire ordinaria – si aggiungono alcune azioni ancora in corso di natura specifica: Campagna informativa dei Voucher di conciliazione realizzata - a partire dallesperienza maturata con i Poli tecnici - in collaborazione con i Comuni della Regione che hanno aderito alliniziativa. Progettazione integrata - in collaborazione con la rete regionale degli Europe Direct e con i responsabili della comunicazione del FESR e de FEASR - di attività di comunicazione condivise rivolte a target specifici, quali gli studenti delle scuole.

20 Piano di comunicazione Stato dellarte Lattuazione del Piano di Comunicazione proseguirà nel secondo semestre 2009: tenendo ferme le priorità già individuate in coerenza con gli obiettivi del PO; implementando strumenti e canali già definiti; prestando attenzione specifica alle azioni che verranno attivate per rispondere a livello regionale allattuale crisi economico-produttiva, sia per comunicare le opportunità sia per sottolineare il contributo decisivo che il Fondo Sociale Europeo ha offerto agli Stati Membri per superare le criticità di questa fase e rafforzare limmagine e lidentità dellUE tra i cittadini dellEmilia-Romagna.


Scaricare ppt "Comitato di Sorveglianza Programma Operativo FONDO SOCIALE EUROPEO 2007/2013 Obiettivo 2 Competitività regionale e Occupazione Regione Emilia-Romagna Informativa."

Presentazioni simili


Annunci Google