La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

APPROFONDIMENTI. Approfondimenti gnoseologici (= relativi al CONOSCERE PER EDUCARE)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "APPROFONDIMENTI. Approfondimenti gnoseologici (= relativi al CONOSCERE PER EDUCARE)"— Transcript della presentazione:

1 APPROFONDIMENTI

2 Approfondimenti gnoseologici (= relativi al CONOSCERE PER EDUCARE)

3 21 febbraio 2005Prof. Carlo Nanni3 multimodalità: con i sensi, intelletto, ragione, intuizione, empatia, azione, operazioni Tra costruttivismo sociale e “dialogo ermeneutico”  interazione sociale: -“orizzontale” : rapporto soggetto alterità -“verticale”: referenza a cultura (storia) valori…verità  ■ conoscenza dei saperi scientifici(criticità,giustificazione,…), ■ conoscenza dei quadri teorici (globalità,unitarietà, universalità, ultimatività), ■ conoscenze per operatività etica, tecnico-espressiva  doxa, episteme, praxis, tecne, poiesis… (Aristotele)  tra opinione, scienza, sapienza, saggezza la conoscenza umana

4 1. Le nuove possibilità offerte dalle neuro scienze  i «neuroni specchio» e la conoscenza per empatia o la rilevanza della «intelligenza emotiva» (D. Goleman), 2. La ricerca teorica può aiutare : Tra razionalità Ideologica/Tecnocratica /e/ Irrazionalità: ( Sperimentalismo, Fideismo, “Sentire” Soggettivistico, relativismo culturale…) = Una Razionalità, una Scientificità,una Tecnologia “a misura d’uomo” (cfr. il dialogo tra “ratio/tecne /et fides”)  Importanza delle Categorie del: - Possibile - Alterità/ Differenza, Pluralismo – Limite/con-fine  Il Ruolo della Retorica = La Ragionevolezza = Oltre il “pensiero unico”  il “pensiero complesso” (E. Morin)/pensiero poliedrico (papa Francesco) = Il pensiero “glocale” (pensare simultaneamente il globale e il locale) e il dialogo interculturale e interreligioso = il «mistero» della persona, non mai e non totalmente conoscibile (scientificamente) = “dilatare la razionalità” (Benedetto XVI)… ma anche dilatare l’INTELLIGENZA della fede

5 - Per il positivismo=verificabilità empirica=>il “fatto” -Per il neopositivismo=logicità procedurale -Per il Tecnologismo = l’efficacia - tradizionalmente=adeguazione tra soggetto conoscente e realtà conosciuta =>prospettiva relazionale sistemica e dinamica: la verità come “esistenziale”=modo tipicamente umano di CERCARE E VOLER ESSERE TRASPARENTE tra soggetto (individuo,gruppo,comunità) e alterità (sé, altri, cose, istituzioni, prodotti,mondo,tempo, Dio,…) nella e tra la storicità e l’apertura alla trascendenza Al fondo: chiarire il concetto di VERITA’

6 trasparenza io altro storia trascendenza Religiosa – confessante Ideale-valoriale Intellettuale-spirituale Socio storica autotrascendenza INDIVIDUO (soma, psiche, spirito) COMUNITA’ POPOLO MASSA Reti relazionali (fisiche e virtuali) Mondi vitali –culturali Processi e tendenze storiche in atto Me Altri Altro/Dio, Animali, cose, oggetti, mondo, cultura, tempo-spazio ideologie tradizioni, i valori

7 ….. Fare la verità …. Adegua il tuo amore all’essere di ciascuna realtà Antonio rosmini

8 Approfondimenti epistemologici (relativi al conoscere «SCIENTIFICO» su e per l’educazione)

9 Filosofia dell’educazione= riflette “su” e “per” l’educazione (riflette l’ educazione = teorizzandola)  disciplina autonoma tra – accanto a le scienze dell’educazione  Dipende da cosa si intende ■ per pedagogia ■ p er e scienze dell’educazione

10 [Tema A.2.] PEDAGOGIA (E SCIENZE DELL’EDUCAZIONE) 0. Diversi significati lungo la storia  (cfr. etimologia) 1.Qualsiasi riflessione/ricerca relativa all’educazione (non scientifica – scientifica)  (senso largo/generico) 2. Ambito ● culturale (dell’area umanistica)  ● e scientifico (tra le scienze umane)  2.1. disciplina scientifica dell’organizzazione del sapere e dell’intervento educativo  (equivalente a «pedagogia generale») accanto a: - scienze dell’educazione (biologia, antropologia, psicologia, sociologia… dell’educazione) - filosofia dell’educazione (epistemologia/metateoria) - didattica e tecnologie dell’educazione = viste come discipline “contestuali” 2.2. ambito scientifico multidisciplinare/interdisciplinare denominato “scienze dell’educazione NB. due significati di Scienze dell’educazione 1) s. stretto = discipline educative da scienze umane 2) s. largo = sistema multidisciplinare/interdisciplinare Oggi invece si parla anche di scienze della formazione (ma vi includono aspetti/discipline di tipo giuridico, linguistico, economico, comunicativo, ecc. senso stretto/specifico

11 La pedagogia e le sue dimensioni

12 La pedagogia e le discipline contestuali

13 Il sistema delle scienze dell’educazione

14 La cultura pedagogica

15 La CULTURA PEDAGOGICA (2) Un approccio particolare alla realtà Approccio pedagogico alla realtà => lo sguardo educativo - nessuno legge la realtà e i processi storici senza precomprensioni o senza prospettive -l’approccio pedagogico connesso alla vita e crescita personale - (individuale, gruppale, comunitaria) => aiutato dall’ intervento educativo - risalto al culturale e al personale ( prima e più che allo strutturale e all’istituzionale); si dà attenzione al valoriale, al possibile, al positivo (che non al fattuale o all’esistente, al visibile) - l’interesse prassico-operativo della conoscenza: è un “conoscere per educare” (1) Collocazione nell’insieme del patrimonio sociale di cultura ( scientifica, non scientifica, tradizionale e attuale) nell’ambito umanistico - sociale ( = un sottosistema culturale)

16 -un’umanità segnata dalla crescita e dallo sviluppo, da capacità radicali di interiorità e di libertà, di relazionalità e di progettualità (trascendenza); -un’umanità insieme individuo e popolo (antropologia pedagogica) (3) Una visione particolare del mondo e della vita => antropologia e Weltanschauung pedagogica -un mondo in divenire ed un’umanità che interagisce attivamente con esso  dalla (e tra) natura a cultura => storiche forme di civiltà ( = cosmologia ontologia pedagogica)

17 * etici (= per l’intervento educativo) = ascolto, accoglienza, rispetto, apprezzamento, sostegno, orientamento, correlazione, stimolazione, amore, professionalità, managerialità, autorevolezza, saggezza,… (4) Un quadro di VALORI specifico => valori formativi Al centro => crescita delle persone, la buona qualità della vita personale, individuale e sociale, da prevenire, proteggere, promuovere * valori contenutistici = crescita, sviluppo, qualità umana dell’esistenza, promozione umana della vita personale e comunitaria, libertà, comunitarietà… * procedurali formali/procedurali = gradualità, adeguatezza, pertinenza, validità, significatività; specificità, globalità, integrazione; disciplinarità e transversalità; efficienza e produttività; comunicatività e relazionalità; reciprocità e identità…

18 (6) Una MENTALITÀ conoscitivo – operativa che coniuga: *il sentire *il rilevare *l’inquadrare, l’interpretare *il prospettare, il progettare *operazionalizzare l’intervento *monitorare, valutare e verificare la validità, pertinenza, adeguatezza, significatività, efficacia degli interventi (5) Ciò suppone un quadro delle virtù nell’educatore e nell’educando 1. Diano-etiche = della mente - intelligenza, comprensività, razionalità, progettualità, tatto, scienza e sapienza 2. Etiche – cardinali = del comportamento - prudenza-saggezza, giustizia, fortezza, temperanza 3. Etiche – teologali = della relazione - fede, fiducia, affidamento; speranza, disponibilità, apertura; oblatività, filantropia, dedizione, preoccupazione per l’uomo, solidarietà… fraternità  cristianamente = fede,speranza,carità

19 (8) Una LOGICA OPERATIVA 1.che ha come intenzionalità = nutrire di vita, di cultura, scienza e tecnologia 2.e come stile d’azione = suscitare, mediare, stimolare, promuovere,accompagnare … 3. a partire dal punto accessibile al bene (talenti, risorse soggettive e contestuali) Ausubel 4. creando la “discrepanza ottimale” (Ausubel) 5. ponendo in una dinamica di attuazione che va dal minimo, al concretamente possibile, all’umanamente e universalmente degno, … al mistico (originalità-interiorità - misura personale e reale (7) Una valutazione di fatti, eventi, persone e cose = pedagogica = bada allo sviluppo umano, si fa 1. proattiva ed incoraggiante 2. differenziata e referenziale 3. con funzione diagnostica e prognostica 4 con funzione di rinforzo positivo

20 (9) Seguendo fondamentalmente Tre modelli operativi 1. ingegneristico (analisi, progettazione, attuazione, verifica) = per obiettivi precisi da raggiungere (10) In una prospettiva - di apprendimento/ educazione permanente - di società educante - di responsabilità personale e comunitaria - di un educatore persona/gruppo “schierato» dalla parte della crescita delle persone e della promozione della buona qualità della vita individuale e comunitaria. 3. dell’affrontamento dei problemi (problem solving): evidenziazione del problema, ricerca delle cause, l’ipotesi di intervento, ricerca delle risorse, monitoraggio degli interventi e verifica dei risultati… = per situazioni problematiche comuni di ambiente 2. clinico (analisi, anamnesi e eziologia, diagnosi, prognosi, cura/trattamento, controllo periodico) = per casi e situazioni difficili e specifici

21 ISPIRAZIONE CRISTIANA E DOCENZA nanni.unisal.it

22 1. Fa sentire di essere all’interno di una TRADIZIONE EDUCATIVA con le seguenti caratteristiche: (1) L’ Educazione = “maieutica” e stimolazione della persona (prima e oltre la trasmissione o la formazione di competenze ) -> le persone concrete = punto di partenza, ->la persona = orizzonte di valore (+ che «valori», si vogliono “persone valide”) -> didattica = portare al meglio le possibilità/ i talenti personali Perché: L’educando è persona, fatto ad immagine di Dio, anzi «figlio di Dio» e = modello di vita dei “piccoli” del Regno di Dio

23 (2) = una prospettiva di “umanesimo integrale”, forma e contenuto «ultra-disciplinare» della docenza-  fondata su: l’umanità rapportata all’umanità del Cristo risorto (san Paolo, Ef. 4,1-13)  Cristo uomo nuovo (GS,22)  proiettata verso una “civiltà dell’amore” (Paolo VI),  attuata attraverso : una saggia coniugazione di «fides et ratio», di dialogo… (3) Metodologicamente = istruire la mente per irrobustire il cuore (don Bosco)  fondamentalità dell’educazione “morale” e religiosa = per essere persone coscienti, libere, responsabili, solidali,…aperti a “camminare umilmente con Dio, nello Spirito” (san Paolo, Gal. 5)

24 4)la relazione personale, strategia prima dell’educare, pur nell’apprezzamento/uso per le tecnologie educative “più moderne”  l’educazione “affare di cuore”;  la forza-risorsa educativa della testimonianza “virtuosa” (e competente) personale/comunitaria 5) la comunità educativa scolastica luogo e soggetto primo e ultimo dell’educare: con il PEI, con la didattica, con l’ambiente, con il clima di “famiglia, con gli stage e le iniziative di volontariato e di impegno civile e ecclesiale…  in collaborazione e cooperazione (=alleanza) con le famiglie, le parrocchie, il mondo del lavoro, il sistema della comunicazione sociale, l’organizzazione sociale del divertimento e dello sport

25 2. L’ispirazione cristiana DILATA LA “VISION” ispirativa della funzione docente con una visione del mondo e della vita profondamente “teologale”, oltre l’empirico, lo storico e il sociologico: incentrata sulla rivelazione dell’amore mi­sericordioso di Dio Padre, di cui Cristo è il “volto”, che si vede, e la“parola” che si ascolta; e del rinnovamento umano nello Spirito  la storia= storia di salvezza,  la ricerca della giustizia e della verità piena Essa può fare da fondamento e orizzonte ultimo di senso dell’educazione: anche nella docenza

26 3. Permette una MOTIVAZIONE PARTICOLARE dell’azione educativa ● = fini civili:«onesti cittadini e buoni cristiani»,  nell’orizzonte della «salvezza degli uomini e del mondo», e della edificazione del Regno di Dio (cfr. I 4 pilastri della pace: libertà, giustizia, verità, amore, …), ●non solo relazione affettiva, filantropica, sociale, ma “agapica” (= “abbiate gli stessi sentimenti di Cristo Gesù..” “la carità di Cristo ci spinge…”) ● volendo bene (= dimensione affettiva), volendo il bene (d. finalistica), volendolo bene (=d. metodologica relazionale), facendolo bene

27 4. Offre una serie di RISORSE PARTICOLARI nell’agire educativo ● oltre l’energia/motivazione personale...e la competenza acquisita(di vita, generale, specifica…)  Si può far ricorso alla grazia di Dio (…”talenti” personali avuti da Dio+ carisma delle congregazioni eductive) ● all’ invocazione e ispirazione dello Spirito Santo nel momento dell’agire ● alla grazia dei sacramenti, liturgia, eucaristia ● alla preghiera (per i giovani, con i giovani, dei giovani) ● al conforto, sostegno della comunità cristiana ● alla coscienza del «bene» fatto (come il servitore del vangelo)

28 5. L’ispirazione cristiana consente di VIVERE in un modo particolare LA PRATICA DOCENTE. … come un modo di realizzare una “vita che profuma di Vangelo”; … dà un più ampio respiro alla categoria pedagogica del “servizio educativo”, rivissuto nella linea del «servizio evangelico» (Mc. 10, 43-45) e dell’ «accoglienza evangelica dei piccoli» (Lc. 9,47) … permette di vivere la comunità educativa, come un modo peculiare di essere Chiesa “sacramento di salvezza per il mondo” e di pensare l’educazione (istruzione, formaz.profess., orientamento, sostegno, tutoria…) = come una forma discreta e dialogante di evangelizzazione …. La relazione educativa viene rivissuta in una superiore relazione creaturale e di figliolanza con Dio, in quanto in Cristo si è tutti, educatori ed educandi, “figli nel Figlio (pur nella differenziazione/asimmetria dei ruoli e delle funzioni) = impegnati a crescere e liberarsi insieme in dignità e pienezza di vita

29 L’esemplarità di Gesù Maestro 1) si fa prossimo 2) accoglie personalmente 3) dialoga (“cosa leggi?”) 4) comprende, non condanna anche se non giustifica 5) stimola la “libertà”personale verso il di più,  secondo i “talenti” di ognuno  e le esigenze del “Regno” (la vocazione-missione): cfr.“non peccare più”, “fa questo e vivrai”, “vendi tutto… “vieni e seguimi”…”lascia le reti …ti farò pescatore di uomini”. 6) Testimonia quanto propone (= il Vangelo dell’amore di Dio per il mondo) «beneficando» e …rischiando!!! 7) «…per loro santifico me stesso»…

30 Sguardo educativo e sguardo di fede

31 Lo Sguardo Educativo Nel Reale: vede - il personale - il possibile - il valore Interessi - Guida della conoscenza La crescita delle persone Centro d’attenzione Riferimento Condizioni d’esercizio Alla base: un mondo in divenire libertà nei determinismi dell’accidentalità costruttività, cultura, civiltà. Lettura non strabica ma comprensiva e fiduciosa Atteggiamento “soffice” Critica e discernimento Consonanza e coinvolgimento Competenza e saggezza Stile conoscitivo *Sentire - Empatia *Vedere - Osservare *Inquadrare - Teorizzare *Prospettare - Progettare *Concretizzare - Operazionalizzare *Monitore - Valutare - Verificare

32 Sguardo Educativo / Sguardo di Fede (1)Autonomia e Reciprocità = due modo distinti e correnti di vedere l’uomo e operare per la sua promozione => razionalità / fede => libertà / grazia. (2) L’Educazione = realtà “laicale” - “penultima” (non fine, ma aiuto per… Incarnazione Critica Profezia Educazione «Pedagogia» Fede «Teologia» (3) Stimolo dell’educazione/pedagogia a incarnare la fede: nella storia nella società nella cultura nel territorio nelle persone in crescita (3) Funzione critico-profetica della fede rispetto a educazione-pedagogia 

33 “Fino alla pienezza dell’umanità del Cristo risorto” “Se non diventerete bambini” “Cieli nuovi e terra nuova” La storia = storia di salvezza L’etica = adeguare l’amore (la carità - agape) all’essere di ciascuna realtà. “Figli nel Figlio” LO SGUARDO DI FEDE Il « MISTERO DELLA EDUCAZIONE» = vivere e crescere nella «comune e diversificata figliolanza» all’interno della «vita e della comunicazione trinitaria»

34 condizioni ATTEGGIAMENTO- L’ “occhio buono del Vangelo e della carità (S. Paolo, 1Cor. 13) METODOLOGIA: condivisione – discernimento critico – profezia (GS nn. 1,4, 11) FONDAMENTO - Centralità dell’Incarnazione = l’uomo= “prima via della Chiesa” Discernimento dei “segni dei tempi” Storicità e pluralismo delle espressioni storiche LA PROFEZIA del “di più” di Dio: 1) l’integralmente umano - 2) oltre le misure umane 3) l’oltre umano (l’escatologico)

35 Approfondimenti etici

36 La “Responsabilità” Educativa 1. Il problema: Crescita Umana, Vita delle persone = Valori – il “Senso” “Affidati” al LIBERO impegno individuale/Sociale RESPONSABILE --- in particolare per Educazione => responsabilità EDUCATIVA 2. Perché problema? 2.1. Valori (= l’umano) tra crisi e innovazione 2.2. Un concetto e una pratica riduttiva di relazione 2.3. Nella crisi delle “Evidenze Etiche” e nella Divaricazione tra: - Etica del “Dovere” del “Piacere” - Etica dei “Principi della “situazione” (Etica dell’Impegno-”Compromesso”) - Etica del Costitutivo Umano(etica della coerenza) Etica delle Conseguenze 2.4. nell’oscuramento dell’idea-valore di GENERAZIONE

37 Per capire la responsabilità educativa 1)Una idea comprensiva e sistematica della relazionalità  in cui il «fatto», ambivalente, richiede la virtù = l ’impegno etico 2) ricomprendere la valenza dell’idea di generazione (biologica del padre e della madre e culturale di tutti)  Una antropologia relazionale (io-altro/ storia trascendenza) 3) La base antropologica/educativa = l’educabilità 4) l’importanza dell’impegno per il valore

38 Tra Principio del Piacere /e/ Principio della Realtà  Principio del Valore Valore = + Il non ancora -> nel Già + L’Oltre -> nel qui + L’ulteriore -> nell’Esistente sogg. e oggettivo + Il di Più -> nel Poco + L’infinito -> nel finito = «un di più» di Umano, di Vita, di Essere, (di Dio) CONCETTO DI VALORE

39 Concetto di VALORE (BENE) A. Il “LUOGO” del valore Umano – Vita – Essere - Dio Altro/i Persona/e Rapporto Interattivo Mondo Società Storia processi storici mondi vitali individuali, di gruppo, collettivi

40 B. Aspetti del Valore (BENE) Trascendenza Soggettività – Relazionalità – Oggettività Storicità NB. Il Valore (BENE) Trans Trans Senso Soggettivo Oggettivo = supera e ci supera

41 VALORI CENTRALI Quadro dei valori formativi

42 * etici (= per l’intervento educativo) = ascolto, accoglienza, rispetto, apprezzamento, sostegno, orientamento, correlazione, stimolazione, amore, professionalità, managerialità, autorevolezza, saggezza,… Un quadro di valori specifico => VALORI FORMATIVI Al centro => crescita delle persone, la buona qualità della vita personale, individuale e sociale, da prevenire, proteggere, promuovere * valori contenutistici = crescita, sviluppo, qualità umana dell’esistenza, promozione umana della vita personale e comunitaria, la libertà, la comunitarietà… * Valri procedurali formali = gradualità, adeguatezza, pertinenza, validità, significatività; specificità, globalità, integrazione; disciplinarità e transversalità; efficienza e produttività; comunicatività e relazionalità; reciprocità e identità…

43 La cultura/le culture

44 CULTURA componenti + o - unitari, pluralistici,organici  ambivalenti ghéos (terra) òikos (casa, habitat) génos (sangue,razza, stirpe) lògos (lingua) mìthos (racconti fondativi) éthos (atteggiamenti vitali di fondo) Téchne = tecnologie e tecniche

45


Scaricare ppt "APPROFONDIMENTI. Approfondimenti gnoseologici (= relativi al CONOSCERE PER EDUCARE)"

Presentazioni simili


Annunci Google