La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Economia Applicata all’Ingegneria a.a. 2014-2015 Dott.ssa Lorella Cucit, Ph.D Microeconomia  Introduzione  Teoria del consumatore  Impresa e produzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Economia Applicata all’Ingegneria a.a. 2014-2015 Dott.ssa Lorella Cucit, Ph.D Microeconomia  Introduzione  Teoria del consumatore  Impresa e produzione."— Transcript della presentazione:

1 Economia Applicata all’Ingegneria a.a Dott.ssa Lorella Cucit, Ph.D Microeconomia  Introduzione  Teoria del consumatore  Impresa e produzione  Teoria dei mercati

2  Studia le scelte razionali degli individui in condizioni di scarsità, ed elabora le condizioni che portano all’allocazione efficiente delle risorse passando dalla caratterizzazione degli equilibri di mercato, per giungere all’equilibrio a livello di sistema economico. II PROTAGONISTI La microeconomia LE TEMATICHE

3 Economia Applicata all’Ingegneria a.a Dott.ssa Lorella Cucit, Ph.D Microeconomia  Introduzione  Teoria del consumatore  Impresa e produzione  Teoria dei mercati

4  Il consumatore sceglierà il paniere di beni (composizione di libri e dischi) migliore ossia quello che procura la maggiore soddisfazione all’interno dell’insieme delle possibilità di consumo economicamente ammissibile  L’insieme economicamente ammissibile è delimitato dal vincolo di bilancio Insieme delle possibilità di consumo

5  Utilità: attitudine di un bene a soddisfare un bisogno economico  Legge dell’utilità marginale decrescente: Il grado di utilità varia con la quantità della merce e, in ultima istanza, decresce man mano che la quantità aumenta Utilità Ogni problema economico è riconducibile a un problema di massimizzazione della utilità sotto il vincolo delle risorse scarse disponibili.  utilità totale: utilità ricavata dall’intera quantità consumata di un certo bene  grado di utilità: utilità associata ad una certa dose del bene  utilità marginale: «il grado di utilità dell’ultima unità aggiunta, o la successiva quantità molto piccola, o infinitamente piccola, aggiunta ad una quantità esistente»

6  Il consumatore può scegliere tra i «panieri» che si trovano sotto la retta di bilancio o sulla retta stessa.  Per descrivere il comportamento del consumatore è necessario ordinare i panieri di consumo in base alle sue preferenze:  Ordinamento binario completo  Riflessività  Transitività Preferenze e curve di indifferenza  Curva di indifferenza: l'insieme di tutte le combinazioni di beni che danno al consumatore la stessa utilità totale e che dunque egli reputa indifferenti tra loro.  per beni tra loro in certa misura sostituti sono convesse  Più in alto sono più i panieri sono preferiti.  Non si intersecano  Sono decrescenti  Saggio marginale di sostituzione: misura la quantità del bene 2 che l’individuo è disposto a cedere per avere un’unità in più del bene 1 SMS = - Δx 2 /Δx 1

7  Il consumatore sceglie il paniere preferito tra quelli che può permettersi di acquistare  Il consumatore sceglierà il paniere della retta del bilancio che si trova sulla curva di indifferenza più alta: paniere corrispondente al punto in cui la curva di indifferenza è tangente alla retta di bilancio BB’  Quando il consumatore sceglie il paniere preferito è in equilibrio  In equilibrio l’inclinazione della curva di indifferenza (saggio marginale di sostituzione) è uguale a quella della retta del bilancio La scelta del consumatore

8  Variazioni di reddito, a prezzi relativi costanti, fanno traslare la retta di bilancio  Sentiero di espansione del reddito: retta che unisce tutti i punti di ottimo  Bene superiore: bene la cui domanda aumenta all’aumentare del reddito, a prezzi relativamente costanti  Beni inferiore: bene la cui domanda diminuisce all’aumentare del reddito, a prezzi relativamente costanti Cambiamento della scelta: aumento del reddito

9  Variazioni del rapporto tra i prezzi dei beni fanno ruotare la retta di bilancio intorno ad un punto appartenente alla retta originaria  Se il prezzo del bene 1 diminuisce, la retta BB’ ruota intorno al punto B e diviene più piatta (BB*)  Se il prezzo del bene 1 aumenta, la retta BB’ ruota intorno al punto B verso sinistra (BB’’)  La curva prezzo-consumo è il luogo geometrico dei panieri che risultano ottimi quando il prezzo di un bene varia mentre rimangono costanti i prezzi degli altri beni ed il reddito Cambiamento della scelta: variazione di p 1  L’aumento di p1 ha ridotto la domanda di x 1  L’aumento di p1 ha ridotto anche il consumo di x 2. Come mai?

10 Effetti reddito e sostituzione

11 Curva di domanda

12  Definiamo prezzo di riserva (p d ) il prezzo massimo che il consumatore è disposto a pagare per acquistare una determinata quantità.  Se il prezzo di mercato è p a, il consumatore paga tutte le unità acquistate, tranne l’ultima, meno del loro prezzo di riserva (ci guadagna).  Surplus del consumatore: somma di tutti questi guadagni. Per ogni singola unità venduta è data dalla differenza p d - p a. Può essere calcolato come l’area A colorata del grafico Surplus del consumatore

13 Elasticità al prezzo della domanda

14 L’elasticità lungo una curva di domanda


Scaricare ppt "Economia Applicata all’Ingegneria a.a. 2014-2015 Dott.ssa Lorella Cucit, Ph.D Microeconomia  Introduzione  Teoria del consumatore  Impresa e produzione."

Presentazioni simili


Annunci Google