La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I MERCATI ALTERNATIVI DI STRUMENTI FINANZIARI NEL QUADRO DELLA MIFID B OZEN – B OLZANO, 9 FEBBRAIO 2012 F EDERICO V ENTURINI

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I MERCATI ALTERNATIVI DI STRUMENTI FINANZIARI NEL QUADRO DELLA MIFID B OZEN – B OLZANO, 9 FEBBRAIO 2012 F EDERICO V ENTURINI"— Transcript della presentazione:

1 I MERCATI ALTERNATIVI DI STRUMENTI FINANZIARI NEL QUADRO DELLA MIFID B OZEN – B OLZANO, 9 FEBBRAIO 2012 F EDERICO V ENTURINI

2 Introduzione La negoziazione di strumenti finanziari: dalle borse tradizionali alla competizione tra diverse sedi di negoziazione La disciplina europea dalla direttiva ISD alla Mifid - I (in particolare: la definizione di MTF) Dalla Mifid - I alla (proposta) Mifid - II MTF azionari e obbligazionari: specificità La concorrenza tra sedi di negoziazione: MTF azionari e Mercati Regolamentati

3 Introduzione Le PMI e la quotazione: vantaggi e svantaggi Le opportunità per le PMI offerte dagli MTF Cenni alle PMI del territorio della Provincia Autonoma di Bolzano

4 I sistemi alternativi di negoziazione: cenni storici (USA) Linnovazione tecnologica ha consentito lemersione di sistemi di negoziazione di strumenti finanziari alternativi alla borse tradizionali, a partire dagli USA Gli Alternative Trading Systems (ATS) compaiono negli USA allinizio degli anni Novanta del secolo scorso: essi offrono agli investitori servizi propri delle borse (esecuzione di ordini e messa a disposizione di informazioni sui prezzi di acquisto e vendita degli strumenti finanziari) Tra gli ATS, si diffondono rapidamente gli Electronic Communication Networks (ECN), sistemi di scambi gestiti da imprese di investimento, i quali vedono un rapido e significativo sviluppo (nel 1998 la SEC stimò che gestissero il 20% degli ordini su strumenti finanziari quotati sul Nasdaq e il 4% sul NYSE)

5 I sistemi alternativi di negoziazione: cenni storici (USA) Il fenomeno degli ATS è analizzato in un Concept Release della SEC del 1997 Il documento mette in mostra inefficienze sotto il profilo della regolazione: laccesso degli investitori al dettaglio ai mercati alternativi; livello di trasparenza sui prezzi; sorveglianza su fenomeni di frode e manipolazione del mercato; stabilità del mercato in caso di picchi di ordini. Regulation ATS 1998: registrazione degli ATS come borse (Exchanges) o come broker-dealers, a seconda dei volumi di negoziazione sugli strumenti finanziari

6 I sistemi alternativi di negoziazione: cenni storici (UE) In Europa, la materia era disciplinata dalla Direttiva 93/22/CE (Isd) Obbligo di concentrazione degli scambi sui mercati regolamentati, ai sensi dellArt. 14 par. 3 Direttiva Isd Uno Stato membro può richiedere che le transazioni (…) siano eseguite su un mercato regolamentato se soddisfano globalmente i requisiti seguenti: -l'investitore risiede abitualmente o è stabilito in detto Stato membro; -l'impresa d'investimento esegue la transazione tramite uno stabilimento principale o una succursale situati nello Stato membro in questione o nell'ambito della libera prestazione di servizi in tale Stato membro; -la transazione verte su uno strumento negoziato su un mercato regolamentato di detto Stato membro. Alcuni Stati membri (Francia, Spagna, Italia) si avvalsero della facoltà di attuare la regola di concentrazione: in Italia, art. 7 Regolamento Mercati Consob n /1998

7 I sistemi alternativi di negoziazione: cenni storici (UE) Un documento del Fesco (oggi ESMA) analizzava gli Ats nel 2000, osservando che essi erano ancora poco diffusi a livello europeo, risultando concentrati nel Regno Unito (Fesco/00-064c, The Regulation of Alternative Trading Systems in Europe, September 2000) Una prima classificazione degli Ats includeva sia i sistemi bilaterali (oggi «internalizzatori sistematici») che quelli multilaterali (oggi «sistemi multilaterali di negoziazione») Il documento Fesco offriva la base per il successivo dibattito che ha preceduto ladozione della Mifid - I

8 I sistemi alternativi di negoziazione: cenni storici (UE) Il dibattito sulla revisione della ISD, che ha condotto allapprovazione della Direttiva 2004/39/CE (Mifid). Due temi principali: a) concentrazione degli scambi e b) regole di trasparenza a)mantenere o eliminare la regola di concentrazione? Gruppi di interesse contrapposti: Stati membri in cui vigeva la regola di concentrazione vs. altri Stati membri; borse tradizionali vs. imprese di investimento (queste ultime favorevoli alleliminazione della regola di concentrazione, in unottica di possibile concorrenza alle borse)

9 b) trasparenza (informazioni sugli scambi pre- e post- negoziazione): – gli Stati membri favorevoli al mantenimento della regola di concentrazione invocavano argomenti quali la maggiore liquidità degli scambi sui mercati regolamentati – rischio di frammentazione degli scambi in caso di abolizione della regola, con possibili effetti negativi in tema di informazioni sui prezzi – problemi di consolidamento delle informazioni pre e post negoziazione

10 La disciplina della Mifid - I La Mifid-I ha abolito lobbligo di concentrazione e ha disciplinato tre sedi di esecuzione (trading venues): 1. Mercati Regolamentati (MR); 2. Sistemi Multilaterali di Negoziazione (Multilateral Trading Facilities, MTF) 3. Internalizzatori Sistematici (IS) Negoziazioni OTC (in particolare: dark pools)

11 La disciplina della Mifid - I La trasparenza: La Mifid - I pone obblighi di trasparenza pre-negoziazione e post-negoziazione sostanzialmente identici per Mr e Mtf, ma limitati alle negoziazioni azionarie: - Trasparenza pre-negoziazione: i gestori di Mr e di MTF devono rendere pubblici i prezzi correnti di acquisto e di vendita e la profondità degli interessi di negoziazione espressi a tali prezzi pubblicizzati tramite i loro sistemi per le azioni ammesse alla negoziazione su un MR (art. 44 e art. 29 Mifid); - Trasparenza post-negoziazione: i gestori devono rendere pubblici il prezzo, il volume e il momento di esecuzione delle operazioni concluse nellambito dei loro sistemi riguardanti azioni ammesse alla negoziazione in un MR Le regole di dettaglio: Reg. 1287/2006/CE (in particolare: le deroghe agli obblighi di trasparenza pre-negoziale per le operazioni di dimensioni elevate)

12 La definizione di MTF Il Considerando n. 6 della Mifid – I mette in luce le somiglianze tra Mr e Mtf, segnalando lesigenza di definizioni «che siano strettamente allineate, in modo da riflettere il fatto che entrambi esplicano la stessa funzione di negoziazione organizzata» Sotto il profilo normativo, si tratta di piattaforme di negoziazione molto simili tra loro (le rispettive definizioni sono infatti pressochè coincidenti): «sistema multilaterale [...] che consente [consente o facilita, nel caso dei Mr] lincontro – al suo interno e in base alle sue regole non discrezionali – di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari in modo da dare luogo a contratti» (art. 4 par. 1 nn. 14 e 15 Mifid - I)

13 MTF e MR I tratti distintivi degli MTF rispetto ai MR: – lente gestore: soltanto una società di gestione del mercato per i MR; può essere una società di gestione del mercato o unimpresa di investimento per gli MTF (i requisiti di autorizzazione dellente gestore sono diversi, cfr. Titolo II e Titolo III della Mifid; la gestione di MTF è classificata tra i servizi di investimento, cfr. art. 1 TUF) – il riferimento alla admission to trading degli strumenti finanziari vale soltanto per i MR; per gli MTF è prevista soltanto lintroduzione di «regole trasparenti concernenti i criteri per la determinazione degli strumenti finanziari che possono essere negoziati nellambito del loro sistema» (così lart. 14 par. 2 Mifid - I) – Autorizzazione preventiva al Regolamento di un MR da parte dellAutorità di vigilanza; per gli MTF è invece previsto esclusivamente il potere di vigilanza successiva dellautorità

14 La revisione della Mifid - I Documenti CESR e Commissione UE (2010) Ottobre 2011, Proposta di direttiva Mifid – II (+ proposta Regolamento) – accanto a MR/MTF/IS, introduce una nuova sede di esecuzione: Sistemi Organizzati di Negoziazione (OTF) evoluzione sistemi bilaterali (ma non può eseguire gli ordini «in proprio») regole di trasparenza analoghe a MR/MTF reazioni critiche – «Mercati di crescita per le PMI» (considerando 89 e art. 35 proposta Mifid – II) MTF sui quali si negoziano in maggioranza strumenti finanziari emessi da PMI Finalità: visibilità dei mercati per le PMI + applicazione omogenea principi normativi comuni per PMI

15 Gli MTF: classificazioni Secondo il tipo di strumenti finanziari: azionari v. non azionari (obbligazionari in particolare). – Gli MTF azionari, particolarmente attivi in Europa, si pongono in diretta concorrenza con i MR (lesempio di Chi-X, al secondo posto per quanto riguarda le negoziazioni azionarie) – Gli MTF obbligazionari costituiscono unevoluzione degli scambi fuori dai mercati regolamentati (over the counter). Essi sollevano principalmente un problema di trasparenza degli scambi

16 Gli MTF: classificazioni Secondo le modalità di accesso alle negoziazioni da parte degli investitori: aperti a investitori al dettaglio vs. riservati a investitori istituzionali (esempi: Aim Italia e Mercato Alternativo del Capitale, entrambi organizzati e gestiti da Borsa Italiana s.p.a. -> ma dal integrazione in unico mercato Aim Italia - MAC)

17 MTF azionari vs. MR La concorrenza tra MTF azionari e MR si manifesta in due sensi 1.MTF nei quali si scambiano azioni già ammesse alla negoziazione (MTF di trading) lart. 14 par. 6 Mifid - I stabilisce che per la negoziazione sugli Mtf di azioni già ammesse a un Mr non è richiesto il consenso dellemittente la somiglianza tra MR e MTF è maggiore laddove la funzione di ammissione a quotazione (listing) è attribuita allautorità di vigilanza (es. UK) e non alla società di gestione del mercato (es. Italia) ragioni per sottrarre il listing alle società di gestione: – favore per la concorrenza tra sedi di esecuzione; – scarsi incentivi per le società di gestione di MR di attuare un servizio del quale beneficiano anche gli MTF

18 MTF azionari vs. MR 2.MTF «alternativi» ai MR, sui quali sono negoziate azioni non ammesse alla negoziazione su un MR (MTF di solo listing) – opportunità per emittenti di dimensioni piccole o medie, che possono non essere interessate alla quotazione su un MR in ragione dei costi che ne derivano (v. subito infra); – possono altresì rappresentare la porta dingresso ai mercati per le PMI, in vista di uneventuale futura quotazione su un MR

19 MTF di listing e PMI Il vantaggio degli MTF alternativi sui MR: – Minori requisiti di accesso – Minori costi di compliance durante la permanenza delle negoziazioni – Uscita dal mercato meno onerosa

20 MTF di listing e disciplina delle società quotate su un MR Se la negoziazione sugli MTF presenta minori costi di compliance rispetto ai MR, i primi possono vincere sui secondi nellattrarre le PMI Peraltro, lalleggerimento della disciplina può confliggere con esigenze di tutela degli investitori Gli scandali finanziari di inizio secolo e il conseguente appesantimento dello statuto normativo delle società quotate – in Europa, cfr. le Direttive in tema di abusi di mercato (2003/6/CE), trasparenza societaria (2004/109/CE), Opa (2004/25/CE), revisione contabile (2006/43/CE), norme su amministratori e sindaci di minoranza – obblighi gravosi per le PMI (cfr. il documento della Commissione The review of the operation of Directive 2004/109/EC: emerging issues, Com(2010)243, che analizza i costi affrontati dagli emittenti in fase di prima attuazione delle regole di trasparenza, nonché dei costi ricorrenti, riconoscendo che il rispetto della direttiva può essere gravoso per gli emittenti di piccole e medie dimensioni; v. anche la Direttiva 2010/73/CE in tema di prospetti)

21 MTF di listing e disciplina delle società quotate su un MR In Italia: estensione delle norme sullinformazione societaria (art. 114 Tuf) e sugli abusi di mercato (artt. 180 e 182 TUF) agli «emittenti strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni nei sistemi multilaterali di negoziazione (…) a condizione che lammissione sia stata richiesta o autorizzata dallemittente» (art. 116, comma 2-bis, Tuf). Costi di compliance Obbligo di prospetto per emittenti diffusi

22 MTF di listing e disciplina delle società quotate su un MR Uscita dalle negoziazioni: il Regolamento Aim Italia richiede maggioranze significative, subordinando la revoca su richiesta allapprovazione di non meno del 90% dei voti degli azionisti riuniti in assemblea

23 Lattenzione per le PMI a livello europeo Lattuale definizione di PMI: art. 2, par. 1, lett. f, Direttiva 2003/71/CE (Direttiva Prospetti): «piccole e medie imprese»: società che in base al loro più recente bilancio annuale o consolidato soddisfano almeno due dei tre criteri seguenti: numero medio di dipendenti nel corso dell'esercizio inferiore a 250, totale dello stato patrimoniale non superiore a di EUR e fatturato annuo netto non superiore a di EUR Proposta Mifid – II: «piccola o media impresa»: un'impresa che ha una capitalizzazione di borsa media inferiore a EUR sulla base delle quotazioni di fine anno dei tre precedenti anni civili.

24 Il Rapporto De Marigny e lattenzione per le PMI: cfr. An EU-Listing Small Business Act - Establishing a proportionate regulatory and financial environment for Small and Medium- sized Issuers Listed in Europe (SMILEs) Il Rapporto considera lattuale definizione di PMI inappropriata ai fini della disciplina delle società quotate, sottolineando che i criteri appaiono poco connessi con il mercato e troppo restrittivi in Stati Membri con mercati di dimensioni significative

25 La definizione di SMILEs proposta dal Rapporto De Marigny (Raccomandazione n. 1) distingue il momento della quotazione e le successive negoziazioni: SMILEs= gli emittenti per i quali il transaction value in occasione dellIPO è minore di euro 75 milioni (o la diversa soglia fissata dagli Stati Membri per le società con sede nel territorio); per le società ammesse alle negoziazioni, le società con capitalizzazione di mercato inferiore al 35% della capitalizzazione media di mercato dei MR dello Stato Membro dOrigine.

26 Il Rapporto suggerisce lintroduzione di obblighi proporzionati in tema di prospetto, informazione societaria e finanziaria, governo societario In particolare, il Rapporto suggerisce di mantenere la flessibilità e la capacità di attrazione dei mercati alternativi (exchange- regulated markets), considerati unopportunità per gli SMILEs

27 Gli MTF azionari in Italia: Aim Italia – Mercato Alternativo del Capitale Integrazione AIM-MAC dal (Avviso di Borsa dell8 febbraio 2012) Mercato in «sostanziale continuità» con Aim Italia (con spunti da MAC) A chi si rivolge(va) Aim Italia: l'impresa tipo che potrebbe essere interessata a AIM Italia ha un fatturato che si avvicina ai 90 milioni di euro, con margini operativi del 15%, attiva in settori innovativi o è una impresa al top del proprio settore se questo è tradizionale

28 Fase di ammissione alle negoziazioni in condizioni di esenzione da prospetto (private placement o offerta rivolta a meno di 100 investitori) Accesso investitori retail sul mercato secondario (tutele MiFID)

29 Requisiti di accesso semplificati. Non vi sono: - requisiti dimensionali -storia finanziaria (non sono richiesti gli ultimi tre bilanci certificati) -corporate governance (amministratori indipendenti/ amministratore e sindaco di minoranza)

30 Nella versione originaria del Regolamento Aim Italia non era previsto alcun requisito in termini di flottante; successivamente è stata introdotta la soglia del 10% a pena di esclusione dalle negoziazioni NOMAD e specialista Ad oggi, poco più di 10 società ammesse alle negoziazioni su Aim Italia (confronto con Aim Londra e con MTA)

31 Il Nominated Adviser (NOMAD): impresa di investimento che deve accompagnare lemittente in fase di ammissione e assisterlo nel corso delle negoziazioni (garante verso Borsa Italiana dellappropriatezza dellemittente -> ma v. novità 2012): – in fase di ammissione, guida lemittente nel relativo procedimento (valutazione organizzativa, due diligence, assistenza nella redazione del documento di ammissione; attività semplificate nel nuovo Regolamento AIM-MAC) – durante la permanenza delle negoziazioni, assicura(va) il rispetto degli obblighi nascenti dal Regolamento Aim Italia (oggi: funzione – semplificata - di assistenza e supporto dellemittente nellattività di compliance regolamentare)

32 Quale interesse per le PMI del territorio della provincia? Dati ottenuti nel 2010: Banca dati Top Elaborazione IRE (Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano) su dati Infocamere 57 società di capitali – escluso il settore bancario – con fatturato superiore a 50 milioni (aggiornamento: bilanci al ) Il dato appare sostanzialmente stabile per il successivo biennio (dati IRE) Interesse per un confronto con le PMI per approfondimenti


Scaricare ppt "I MERCATI ALTERNATIVI DI STRUMENTI FINANZIARI NEL QUADRO DELLA MIFID B OZEN – B OLZANO, 9 FEBBRAIO 2012 F EDERICO V ENTURINI"

Presentazioni simili


Annunci Google