La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dalla teoria…alla pratica: un possibile percorso in otto mosse di Pinuccia Dantino Dirigente Servizio Valutazione Processo Legislativo e Politiche regionali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dalla teoria…alla pratica: un possibile percorso in otto mosse di Pinuccia Dantino Dirigente Servizio Valutazione Processo Legislativo e Politiche regionali."— Transcript della presentazione:

1 Dalla teoria…alla pratica: un possibile percorso in otto mosse di Pinuccia Dantino Dirigente Servizio Valutazione Processo Legislativo e Politiche regionali del Consiglio Regionale della Lombardia Firenze, 16 maggio 2008 Corso di perfezionamento sulla qualità della normazione Università degli Studi di Firenze

2 2 1.Superare le resistenze e le difese nei confronti della valutazione Il concetto di valutazione sia soggettivamente che collettivamente suscita ansia Lidea che vi sia un soggetto valutato ed un soggetto valutatore immediatamente induce atteggiamenti difensivi da parte del soggetto che subisce la valutazione

3 3 Questo dato va tenuto presente anche quando parliamo di valutazione delle politiche pubbliche Quando proponiamo ai decisori politici o alle strutture dellesecutivo di produrre informzioni utili a farsi unopinione (talvolta anche ad esprimere giudizi) su azioni pubbliche, con lintento di migliorarle dobbiamo sapere che laccento va posto sullobiettivo finale (e comune) di miglioramento dellazione pubblica Superare le resistenze e le difese nei confronti della valutazione

4 4 Se vogliamo abbassare le difese dei nostri interlocutori è opportuno far leva sullapprendimento che genera lanalisi delle politiche pubbliche Superare le resistenze e le difese nei confronti della valutazione

5 5 2.Costruire una committenza politica che legittimi lattività di valutazione Per avviare unattività di raccolta (o di produzione) di informazioni, per comprendere i processi di attuazione o i risultati di un intervento pubblico, è necessario che un organo politico (una Commissione, lUfficio di Presidenza del Consiglio) legittimi lavvio dellattività

6 6 Questo processo attualmente si attiva su richiesta diretta dei decisori politici o dopo una proposta dei tecnici ai politici (più frequentemente) Lesplicitazione di un input politico per lavvio dellattività delle strutture tecniche è fondamentale per dar forza allattività di analisi e valutazione delle politiche regionali Costruire una committenza politica che legittimi lattività di valutazione

7 7 3.Costruire unalleanza di lavoro con lEsecutivo Le informazioni e i dati necessari per lattività di analisi e valutazione delle politiche regionali, sono (prevalentemente) patrimonio delle strutture tecniche dellEsecutivo incaricate dellattuazione di un determinato intervento

8 8 Trovare modalità adeguate per ottenere, dalle strutture dellEsecutivo, i dati e le informazioni necessarie per la valutazione è quindi un passaggio fondamentale per il successo della nostra attività. Qualche suggerimento dettato dallesperienza: – chiarire il nostro mandato – far leva sul comune interesse a migliorare lazione pubblica – coinvolgerle e responsabilizzarle nellattività (mostrare i report prima della loro pubblicizzazione e raccogliere opinioni e suggerimenti) Costruire unalleanza di lavoro con lEsecutivo

9 9 – citare il loro contributo nei documenti che si elaborano – invitarle ad eventuali iniziative di presentazione dei prodotti realizzati – essere disponibili: siamo noi ad aver bisogno di loro! Costruire unalleanza di lavoro con lEsecutivo

10 10 4.Istituire una struttura interna dedicata alla valutazione Per supportare i processi decisionali, con informazioni sui processi di attuazione ed i risultati delle politiche regionali, quale modello organizzativo? Nel nostro Paese non esistono esperienze o modelli organizzativi cui far riferimento. Le esperienze più consolidate sono, prevalentemente, quelle delle strutture di servizio per le oversight commission statunitensi

11 11 Per avviare lattività di analisi e valutazione in Lombardia abbiamo optato fin dallinizio per una struttura dedicata Lattività di analisi degli interventi promossi con leggi/programmi richiede competenze specifiche e molto tempo da dedicare allattività di progettazione delle analisi, alla loro realizzazione e comunicazione Istituire una struttura interna dedicata alla valutazione

12 12 5.Quali competenze devono possedere gli analisti di politiche pubbliche? Nel nostro Paese non è ancora diffuso lutilizzo di un profilo professionale di analista di politiche pubbliche. In Lombardia è stata deliberata nelle scorse settimane listituzione di questo profilo Ma chi sono e cosa fanno gli analisti di politiche? Nella nostra esperienza sono figure professionali che producono informazioni di qualità per il decision making dei consiglieri regionali

13 13 La legge regionale 11/2006 si propone di contrastare lo spopolamento e labbandono dei piccoli comuni in grado di svantaggio, attraverso una serie di interventi volti a sostenere le Amministrazioni comunali e i residenti Una delle misure prevede la riduzione di un punto percentuale dellIRAP per quattro anni a partire dal primo anno di costituzione dellimpresa. Lagevolazione è protratta per ulteriori tre anni nel caso il titolare dellimpresa sia una donna o un giovane imprenditore 6.Un caso di studio: lanalisi di attuazione delle politiche di sostegno ai piccoli comuni

14 14 Un caso di studio: lanalisi di attuazione delle politiche di sostegno ai piccoli comuni Sono evidenti le ipotesi sottostanti allintervento: il sostegno alle imprese in fase di start-up può favorire un loro consolidamento Quali risultati ha prodotto lanalisi dellattuazione? Per comprendere i risultati dellintervento abbiamo raccolto, elaborato e commentato i seguenti dati: - n. di nuove imprese avviate annualmente nel periodo osservato (circa 4000 annue) - n. di domande di agevolazione fiscale pervenute negli anni (159)

15 15 Un caso di studio: lanalisi di attuazione delle politiche di sostegno ai piccoli comuni Come si può osservare i dati ci dicono che i comportamenti dei potenziali beneficiari sono andati in controtendenza rispetto a quanto ci si sarebbe aspettato Quali sono le ragioni alla base del comportamento degli attori?

16 16 Un caso di studio: lanalisi di attuazione delle politiche di sostegno ai piccoli comuni Per rispondere a questo quesito abbiamo formulato delle ipotesi interpretative: – Uninadeguata comunicazione della misura ai potenziali beneficiari e, più in generale, ai cittadini – Uninsufficiente durata del periodo di esenzione – Una scarsa significatività del beneficio economico

17 17 Un caso di studio: lanalisi di attuazione delle politiche di sostegno ai piccoli comuni Naturalmente per comprendere un comportamento inatteso ed evidenziato dallanalisi, si dovrebbe attivare unindagine ad hoc presso i beneficiarie e i non beneficiari della misura, per capire le ragioni della loro scelta e la loro opinione sullutilità dellintervento

18 18 Un caso di studio: lanalisi di attuazione delle politiche di sostegno ai piccoli comuni Il caso illustrato ci evidenzia che limplementazione a volte riserva delle sorprese! Nel caso in esame, infatti, lesiguità delle domande sorprende perché leccessivo carico fiscale è spesso evocato sia come causa di sofferenza per le imprese, sia come fattore disincentivante per lapertura di unattività. La realtà ci ha dimostrato che le cose non sono andate così e senza valutazione probabilmente non avremmo avuto elementi per poter, se ritenuto utile, riorientare lintervento

19 19 7.Il ruolo strategico della comunicazione dei risultati della valutazione In tutte le fasi di lavoro (dal disegno di ricerca valutativa fino alla restituzione dei rapporti finali al committente politico) il ruolo di una corretta ed efficace comunicazione è fondamentale! Lattività di comunicazione è un processo continuo sia verso linterno (consiglieri, tecnici del Consiglio) che verso lesterno (strutture di Giunta, stakeholders, cittadini)

20 20 Comunicare in modo efficace, chiaro e sintetico può essere determinante in ogni passaggio dalla negoziazione per lavvio dellanalisi fino alla presentazione del prodotto finale (Note informative, Clausole valutative) Il ruolo strategico della comunicazione dei risultati della valutazione

21 21 8.Qualche avvertenza per chi vuol cominciare Preparare il terreno: la valutazione delle politiche pubbliche non ha ancora un radicamento nellarena politica del nostro Paese Procedere in modo incrementale: partire da temi con un basso potenziale di conflittualità politica

22 22 Ricordarsi che la valutazione è una funzione politica. Le strutture forniscono il supporto informativo ma non si sostituiscono al decisore Non bisogna avere fretta e qualche volta bisogna fermarsi per poi ripartire Qualche avvertenza per chi vuol cominciare


Scaricare ppt "Dalla teoria…alla pratica: un possibile percorso in otto mosse di Pinuccia Dantino Dirigente Servizio Valutazione Processo Legislativo e Politiche regionali."

Presentazioni simili


Annunci Google