La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Di Palo Giorgia II anno scienze dellalimentazione e nutrizione umana I CAPOLAVORI DELLAGRICOLTURA NELLARTE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Di Palo Giorgia II anno scienze dellalimentazione e nutrizione umana I CAPOLAVORI DELLAGRICOLTURA NELLARTE."— Transcript della presentazione:

1 Di Palo Giorgia II anno scienze dellalimentazione e nutrizione umana I CAPOLAVORI DELLAGRICOLTURA NELLARTE

2 Ho scelto per lelaborato questo titolo perchè tutti i dipinti rappresentano cibi semplici,cibi poveri che sono presenti in tutte le tavole. I capolavori li troviamo anche nelle campagne, frutto della stessa storia, della stessa cultura, della stessa geografia. La cultura, lintelligenza, lamore, la determinazione dei nostri contadini hanno creato, nei campi e dai campi, capolavori che sono allaltezza di quelli dei nostri artisti.

3 È questo un dipinto molto importante nella storia dellarte e del gusto italiano; pur non essendo la prima natura morta della pittura italiana, era però il primo soggetto umile e modesto ( un paniere di pomi, uva e foglie di vite) che veniva considerato degno di essere dipinto solo per se stesso. I frutti sono legati alla simbologia cristologica a presagire la Passione di Cristo. Le nature morte erano due: una legata al culto mariano, una legata a Cristo; è rimasta solo questa. Michelangelo Merisi da Caravaggio, olio su tela, conservato a Milano nella Pinacoteca Ambrosiana

4 Il menu del banchetto dispone dun solo piatto unico: ma nutriente e appetitoso. I filologi del gusto dicono trattarsi duna focaccia di farina di mais, uova ed acqua. Infornata e indorata, veniva servita calda; ricoperta di quella crema di formaggio bianco che si nota nelle ciotole daccompagnamento. Per descriverci le bevande, Bruegel compone invece questa splendida natura morta - tutta giocata sui toni dellocra - di caraffe di varie fogge e dimensioni. Il colore trasparente del liquido ci fa certi che si tratti di sidro: la gustosa bevanda di mele fermentate; che era tanta in voga nelle Fiandre. Di Pieter Bruegel il Vecchio (opera conservata al Kunsthistorisches Museum, Vienna)

5 Giuseppe Arcimboldo Musée du Louvre, Parigi Larte di Arcimboldi si trova a cavallo di un momento storico molto particolare: la crisi e la conseguente fine dellumanesimo quindi le sue opere possono essere interpretate secondo due strade differenti. Una prima nella quale luomo non è più centro razionale delluniverso ma è ridotto a cosa; o viceversa è lultima esaltazione delluomo, sintesi di ogni oggetto creato dalla natura. In questo quadro Arcimboldo usa frutti e ortaggi per comporre il profilo di un uomo. Reinterpreta in questo modo la 'natura morta', che veniva sempre rappresentata all'interno di un ambiente domestico.

6 Michelangelo Merisi da Caravaggio, olio su tela, conservato a Londra nel National Gallery Caravaggio unisce simbolismo e realismo in un unico linguaggio. Il pollo con le gambe stecchite è stato interpretato come simbolo della morte, la canestra di frutta, che perde pericolosamente sul bordo del tavolo contiene diversi frutti dipinti magistralmente con le loro imperfezioni. Nella frutta si posso trovare significati teologi: Luva nera indica la morte, luva bianca la resurrezione, le melagrane sono simboli di Cristo. I pomi possono essere intesi come frutti di Grazia o riportare al significato del peccato, infine l'ombra della canestra crea sul tavolo l'immagine del pesce, altro segno cristologico.

7 Vincent Van Gogh conservato al museo Van Gogh di Amsterdam Questo dipinto mostra, all'interno di una povera stanza, alcuni contadini che consumano il pasto serale servendosi da un unico piatto di patate, mentre una di loro sta versando il caffè. Van gogh è molto legato a questo soggetto in quanto si sente come "uno di loro", anche i contadini come lui soffrono ed egli trova ingiusto il fatto che nonostante tutti i loro sforzi ed i loro sacrifici debbano vivere in modo così misero; viene sottolineata la continua fatica fisica di chi ha consumato, giorno dopo giorno, la propria vita nel lavoro dei campi. L'artista è come se volesse esaltare il cibo dei poveri., il quadro, dunque, evoca il lavoro manuale e lascia intendere che quei contadini hanno onestamente meritato di mangiare ciò che mangiano.

8 Natura morta di frutta e vaso di fiori (1630) Bernardo Strozzi, New York collezione privata Questo quadro è un esempio della natura morta barocca genovese: la presenza di figure, concepite in diretto rapporto con gli oggetti inanimati come cacciagione, fiori, frutti, pesci, recipienti. In queste pitture si cerca di affermare la presenza di una vita interiore alle cose, e per questo i frutti vengono spesso sezionati per poterne mostrare linterno.

9 Illustrare laspetto visivo di oggetti privi di vita spinge lartista ad approfondire lindagine della loro essenza interiore: il pittore scopre così una vitalità immobile ma pregnante che ne giustifica, anzi ne esige, la presenza nel mondo degli uomini. Nonostante i suoi quadri di frutta e fiori trovino molti ammiratori, Monet ne ha dipinto soltanto un numero limitato Monet

10 I dipinti di Andrea Bazzu raffigurano immagini semplici, dolci, del nostro vivere quotidiano, ma sono anche cariche di intensità. Anche le nature morte, ci appaiono piene di sentimento, ci danno delle emozioni, si lasciano osservare a lungo e con tranquillità, per assaporarne tutta la poesia che ne viene fuori, riempiendoci di purezza e freschezza il cuore. Questo quadro rientra pienamente nei canoni dettati dal titolo dellelaborato in quanto nel dipinto si notano il pane e il vino che sono considerati due capolavori dellagricoltura. Andrea Bazzu collezione privata

11 Heinrich C., Monet, allegato a "Lespresso", 2001, Gruppo Editoriale L'Espresso Tutti i siti sono stati verificati in data 05/03/2010.


Scaricare ppt "Di Palo Giorgia II anno scienze dellalimentazione e nutrizione umana I CAPOLAVORI DELLAGRICOLTURA NELLARTE."

Presentazioni simili


Annunci Google